Cardiologia Arcispedale S.Anna

 
4.3 (1)
2320  
Scrivi Recensione
Il reparto di Cardiologia e UTIC dell'Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara Arcispedale S.Anna, situato a Cona in via Aldo Moro 8, ha come Direttore responsabile il Prof. Roberto Ferrari. Il reparto si occupa della diagnosi e della terapia delle malattie cardiovascolari attraverso diverse attività variamente articolate: Unità di Terapia Intensiva Cardiologia (UTIC), area di Degenza Cardiologia, Day Hospital Cardiologico per riabilitazione post-intervento cardiochirurgico e sostituzione di Pace-Maker, Laboratorio di Elettrofisiologia per procedure in campo aritmologico, Ambulatorio di Cardiologia, Ambulatorio di controllo pace-maker, Ambulatorio di miocardioscintigrafia in collaborazione con la Medicina Nucleare. Presso l'Ambulatorio di Cardiologia è possibile eseguire visite cardiologihe + ECG, Test da sforzo, ECG Holter 24 ore, Ecocardiografia mono-bidimensionale, ecostress, ecocolordoppler, eco-TEE. Equipe medcia di reparto: Dr. Ansani Lucia, Dr. Arcozzi Chiara, Dr. Battaglia Renato Salvatore, Dr. Bertini Matteo, Dr. Ceconi Claudio, Dr. Campo Gianluca Calogero, Dr. Casadei Francesca, Dr. Ferrari Fabrizio, Dr. Fucili Alessandro, Dr. Guardigli Gabriele, Dr. Laterza Anna, Dr. Mele Donato, Dr. Tebaldi Matteo, Dr. Tumscitz Carlo.


Recensioni dei pazienti

1 recensioni

Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
4.0  (1)
Assistenza 
 
5.0  (1)
Pulizia 
 
4.0  (1)
Servizi 
 
4.0  (1)
Voti (il più alto è il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
03 Dicembre, 2016
Cinzia Rebecchi
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Colloquio con medici

Voglio segnalare l'impossibilità di parlare con i medici. Danno appuntamenti ai quali non si presentano. "È andato a casa" questa è la risposta che viene data dal personale dopo minuti di attesa, davanti all'ambulatorio. Possibile si possa solo parlare con gli specializzandi? Non per sminuire il loro lavoro o la loro competenza, ma se un famigliare vuole parlare con il medico che segue una persona di famiglia, possibile non abbia il diritto di chiedere chiarimenti sulla patologia di cui è affetto? E possibile che il medico non abbia il dovere di interloquire con i parenti più stretti?

Patologia trattata
Cardiaca. Possibile infezione.
Trovi utile questa opinione? 




Altri contenuti interessanti su QSalute