Gastroenterologia Ospedale Varese

Gastroenterologia Ospedale Varese

 
4.2 (3)
3699  
Scrivi Recensione
Il reparto di Gastroenterologia ed endoscopia digestiva dell'Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese, situato in Viale Borri 57, ha come Responsabile il Dott. Sergio Segato. Il reparto si occupa delle malattie dell'apparato digerente, del pancreas, fegato e vie biliari, ponendo particolare attenzione ai pazienti affetti da Colite Ulcerosa e Malattia di Crohn. E' inoltre svolta attività di endoscopia diagnostica e terapeutica. Fanno parte dell'equipe medica il dott. Marco Parravicini, il Dott. Claudio C. Cortelezzi (responsabile Ambulatorio delle malattie infiammatorie cronico-intestinali) ed il Dott. G. Gianquinto.


Recensioni dei pazienti

3 recensioni

Voto medio 
 
4.2
Competenza 
 
3.7  (3)
Assistenza 
 
4.0  (3)
Pulizia 
 
4.3  (3)
Servizi 
 
4.7  (3)
Voti (il più alto è il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
12 Agosto, 2017
carlo tusini
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Celiachia

Diagnosi di celiachia nel 2010, a 41 anni. Da quel momento il reparto di gastroenterologia è stato il mio unico punto di riferimento per trattare, monitorare ed imparare a convivere con suddetta patologia. Sin dal principio ho avuto il piacere di conoscere tanti dottori e medici che mi hanno sempre dimostrato altissima competenza ed estrema pazienza. Il dott. Sergio Segato, il dott. Montanari e la dott.ssa Sara Bonecco, a cui devo la mia assoluta gratitudine nell'aver individuato un mucocele appendicolare che mi è stato rimosso pochi giorni fa. La dottoressa ha il grande merito di essere riuscita ad intuirne la presenza e tramite gli esami diagnostici di individuarlo.

Patologia trattata
Mucocele appendicolare.
Trovi utile questa opinione? 



15 Dicembre, 2016
crivelli emanuela
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
4.0

Esperienza negativa

Sarà stato un caso il mio, e spero vivamente che non accada mai più, ma nell'ottobre 2013 avevo dei fortissimi dolori alla pancia e dopo essere entrata in pronto soccorso trasportata dall'ambulanza, mi ritrovavo a fare degli accertamenti nel reparto di gastroenterologia. Il Dott. Cortelezzi mi faceva delle domande di routine e mi visitava, dopo questo brevissimo e superficiale approfondimento, mi diceva senza mezzi termini se non mi vergognassi di avere disturbato un tale professionista per un banale mal di pancia e facendomi notare che ero la dodicesima persona che quella mattina arrivava dal pronto soccorso.. Sono rimasta mortificata e poi grazie ad un medico decisamente più scrupoloso, e molto ma molto più professionale, e soprattutto modesto, venivo operata con urgenza per un blocco intestinale e appendice in peritonite!

Patologia trattata
Vomito e dolori addominali.
Trovi utile questa opinione? 
11 Dicembre, 2012
Simona
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Angeli in camice verde

Sono una ragazza siciliana e sono stata per nove anni male. Ho girato 1000 medici, fatto 1000 analisi, 1000 controlli ma ho incontrato soltanto medici poco competenti. Mi hanno curata per il morbo Crohn che non era e sono finita in ospedale per intossicazione da farmaco (più di là che di qua..); mi hanno poi curata per celiachia, così hanno cambiato tutte le mie abitudini ma non era questo il problema; mi hanno quindi curata per allergie alimentari e tolto latte e derivati, pomodoro, uova eccetera, ma io continuavo a stare male. Poi ho incontrato medici che mi hanno allargato le braccia in segno di resa non sapendo più cosa farmi e come curarmi. Inoltre ho incontrato un dottore che, pur sapendo che un determinato farmaco mi bloccava il ciclo mestruale, mi ha detto di continuare a prenderlo che era meglio stare senza ciclo che mantenere i sintomi che avevo. Alla fine non dormivo più, non mangiavo più, non bevevo più, non sapevo se avrei visto il tramonto e, se sì, non sapevo se avrei rivisto il sorgere del sole, la testa ormai era in tilt con mille pensieri negativi. Sono andata proprio fuori di testa, ripetevo di essere vittima di mala sanità, imprecavo contro tutti i medici.. ma alla fine sono partita. I miei zii mi avevano detto che a Varese c'era un dottore bravo così, sfiduciata ma non avendo alternative, sono andata a Varese ed è li che ho incontrato il mio angelo che si chiama Sergio Segato. Lui, con la sua bravura e la sua meravigliosa equipe, mi ha ridato la vita. Al dottor Segato va il merito di avermi saputo ascoltare, ha avuto pazienza con me, mi ha tenuta in considerazione e ha capito che non stavo scherzavo ma che stavo male sul serio. Mi ha curata come solo un medico che fa questa professione per devozione e non soltanto per i soldi. Magari il mondo fosse pieno di medici come lui. Il suo reparto funziona a meraviglia. Cortesia, pulizia, ordine, rispetto, pazienza, umiltà ma, soprattutto, umanità, contraddistinguono questo reparto dai medici, agli infermieri a tutti gli inservienti. Ripeto, mi hanno dato la voglia di vivere, mi hanno ridato la gioia, il sorriso che avevo perso. Non sapete quanto li abbia ringraziati ma mi sembra sempre troppo poco. Grazie di vero cuore!

Patologia trattata
Sospetto morbo di Crohn.
Trovi utile questa opinione? 




Altri contenuti interessanti su QSalute