Ginecologia Ospedale San Benedetto del Tronto

Ginecologia Ospedale San Benedetto del Tronto

 
3.3 (9)
3384  
Scrivi Recensione
Il reparto di Ginecologia e Ostetricia dell'Ospedale Civile Madonna del Soccorso di San Benedetto del Tronto in provincia di Ascoli Piceno, situato in Via Luciano Manara 7, ha come Direttore il Dott. Andrea Chiari. Il reparto, ubicato al quinto piano del presidio, svolge la seguente principale attività: Chirurgia ginecologica oncologica, Laparoscopia e isteroscopia-resettoscopia, Chirurgia ginecologica ed ostetrica, Parto fisiologico, Parto indolore, Travaglio e parto in acqua, Assistenza in alcuni casi di gravidanza a rischio. Ambulatorialmente esegue visite ed ecografie di ginecologia ed ostetricia. Fanno parte dell'equipe dell'unità operativa i dirigenti medici Dott.ssa Cagnetti Mariella, Dott. Cameli Pierluigi, Dott.ssa Chiarelli Anna, Dott. Martinelli Domenico, Dott.ssa Sabatini Nunzia, Dott.ssa Sciarra Elisa, Dott.ssa Papi Agnese.


Recensioni dei pazienti

9 recensioni

 
(3)
 
(1)
 
(2)
 
(3)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
3.3
 
3.1  (9)
 
3.7  (9)
 
3.7  (9)
 
2.6  (9)
Recensioni più utili
Voti (il più alto è il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Ospedali
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
01 Agosto, 2015
monia
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Ringraziamenti

Ho partorito all'ospedale di San Benedetto del Tronto a febbraio 2015. Sono stati tutti molto bravi e disponibili, dottori ed ostetriche; grazie a loro l'allattamento un successo.
Un ringraziamento speciale alla mia dottoressa ed all'ostetrica che mi ha assistita.

Patologia trattata
Parto naturale.
Trovi utile questa opinione? 



27 Febbraio, 2015
Stella
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Parto

Premetto che ho 21 anni, la data del mio ciclo non era sicura perché l'arrivo di un bimbo non era programmato. Dalla 40esima settimana ho iniziato a fare i tracciati, il liquido era anche troppo per essere alla 40esima settimana, a detta di qualche ginecologo. Il bambino stava bene, ma a 41+4 hanno deciso di indurmi il parto. Era il 26 dicembre 2014, arrivo in reparto alle 7.00 come mi avevano detto di fare, verso le 8.30 vengo ricevuta dalla ginecologa che mi dice che un'induzione può durare 30 minuti come può durare una settimana, quindi mi dice "sai che sei entrata oggi, ma non sai quando uscirai!"- Si fa uno stick ogni 6 ore per un massimo di 3 stick! Belle parole per una donna incinta -.-"! Vabbè, sta di fatto che mi fanno il primo stick alle ore 9.00 di mattina, dopo mezz'ora iniziano le Contrazioni. Regolari ogni cinque minuti. Alle 15:30 mi fanno il secondo stick e iniziano contrazioni regolari ogni minuto. Poi di punto in bianco le contrazioni non avevano cause e quindi decidono di farmi uno spasmex. Alle nove di sera dovevano farmi il terzo stick, ma il ginecologo appena arrivato dice di aspettare due ore ancora. Alle 23.00 arriva una donna che in ventisei minuti si dilata completamente e partorisce naturalmente.. Io ho avuto un momento di sconforto, ma con me c'era solo il mio compagno che non sapeva come tranquillizzarmi. Le ostetriche passavano dicendomi devi farti male, mentre io chiedevo disperatamente aiuto. Erano passate più di tre ore ma ancora non mi avevano fatto nessuno sticker. La mattina verso le 5.30 arriva il dottore e dice all'ostetrica, "ci siamo scordati di fare lo stick a questa ragazza", poi si riprende e dice "eh abbiamo avuto da fare!". Le contrazioni nel frattempo continuavano ogni minuto. Appena fatto, erano le 6.00 e alle 7.00 è cambiato il turno. A questo punto le contrazioni sono tornate senza pause e quindi decidono verso le 9.00 di farmi altri 2 Spasmex e io lì chiedo l'epidurale, ma subito mi viene detto che devo pagare € 950. Alla nostra risposta che non era un problema, ne sorge subito un altro, visto che avrei dovuto fare un colloquio alla 32sima settimana che nessuno mi aveva mai detto di fare. Alle ore 9:30 dopo 25 ore di contrazioni regolari, 6 ore di vomito e solo 2 centimetri di dilatazione, chiedo di farmi un taglio cesareo. Ero stremata. Da quando ho chiesto il taglio Cesareo, la ginecologa è scomparsa e diceva che non poteva venire; poi veniva due minuti, mi faceva la visita e scompariva ancora dicendomi di aspettare ancora mezz'ora. Nel frattempo continuavano queste contrazioni senza pause e dal dolore io continuavo a vomitare a ogni contrazione. Per far arrivare la dottoressa ho dovuto alzare un lettino della sala travaglio con una mano. Arrivata la dottoressa, sulle carte che mi ha fatto firmare per il taglio Cesareo, ha scritto che il taglio veniva fatto per paura del parto???? paura del parto? Dopo 26 ore di contrazioni? Sta di fatto che mio figlio è nato il 27 dicembre alle ore le 11:17 con taglio cesareo. Dopo quest'esperienza sicuramente, anche essendo sambenedettese, al prossimo figlio preferirò andare a partorire in Ancona o comunque non a San Benedetto.

Patologia trattata
Parto.
Trovi utile questa opinione? 
03 Novembre, 2013
Tania Paolantonio
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ginecologia e ostetricia

Ho avuto un parto fantastico grazie alle ostetriche che mi sono state vicino anche nell'allattamento... (la pediatra invece l'ho odiata tanto..).
Grazie ancora alla mia ginecologa e alle ostetriche che mi hanno aiutato tantissimo!


Patologia trattata
Parto naturale.

Trovi utile questa opinione? 
21 Gennaio, 2013
vanessa
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Esperienza negativa

Se avessi avuto la possibilità di leggere commenti negativi, non sarei venuta qui a partorire. Sono stata indotta al parto allo scadere della 40° settimana, costretta a partorire con cesareo per mia richiesta dato che sanguinavo da tutte le parti e nessuno faceva niente. Non solo, nessuno aveva notato che mio figlio aveva 2 giri di cordone, sono praticamente stata insultata perchè avevo richiesto il cesareo e dalle ostetriche perchè non avevo latte..
Il parto deve essere vissuto in armonia e in maniera naturale, non averne invece un cattivo ricordo per poi vivere male la maternità.

Patologia trattata
Parto cesareo.
Trovi utile questa opinione? 
10 Giugno, 2012
francesca
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

ottimo reparto

salve, mi chiamo francesca e ho partorito la mia prima bambina presso l'ospedale di san benedetto del tronto. volevo rendere pubblica la mia fantastica esperienza del parto; consiglio a tutte le donne di rivolgersi presso questa struttura. Le ostetriche sono disponibili, dolci, umane e senza dubbio delle vere professioniste; hanno saputo capirmi e sostenermi nei momenti di maggiore difficoltà, sapendo sempre consigliarmi la cosa giusta. Per quanto riguarda i medici, posso solo dire (anche perchè con me ci sono state sempre le ostetriche) che spero ritrovino la passione che li ha spinti a fare questo lavoro. Il personale infermieristico è stato cortese.
Ad ogni modo conserverò un bellissimo ricordo dell'esperienza vissuta; un grazie infinito alle ostetriche.

Patologia trattata
assistenza al parto.
Trovi utile questa opinione? 
20 Mag, 2012
Silvia
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Parto umanizzato il più possibile

Il reparto a livello strutturale è carente, ma vista l'età dello stabile non c'è da meravigliarsi, i bagni sono 1 mq. ed è difficile rigirarsi, soprattutto se si ha il pancione; la pulizia pecca un pò in quanto ho visto le donne addette a ciò abbassare la tavoletta e tirare l'acqua (alla fine credo sia poco visto che perdiamo liquidi ecc...).
Comunque torniamo al personale di ginecologia ed ostetricia, vorrei specificare che sarebbe il caso dividere il reparto di ostetricia e ginecologia da quello di Pediatria, visto che in Ginecologia ed Ostetricia il "paziente" non è il bambino, anche se si dorme in quel reparto.
Io sono andata presso la struttura sanbenedettese poichè presso quella ascolana, alla mia richiesta di avere un parto più umanizzato, mi era stato detto che i protocolli aziendali prevedevano altro e che sarebbe stato quantomeno educato o attenermi ai loro protocolli, o cambiare struttura...
tanto fatto, mi recai a San Benedetto per informarmi sui loro protocolli aziendali, visto che l'antifona sembrava essere non che l'azienda dovesse rispettare i genitori, ma pareva più come scegliere un ristorante.. lì si mangia il pesce, e la carne no, quindi se vuoi la carne... vai altrove. Mi hanno accolto subito con molta disponibilità, ho trovato subito fealing con le ostetriche, tra tutte l'Ostetrica Tania (senza levar nulla alle altre), mi sono sentita capita, rispettata, come se mi fosse ridato il "comando" di qualcosa di magico che mi apparteneva. Non hanno desistito ad accogliere le mie richieste come il taglio del cordone posticipato; ho accolto mio figlio sul ventre nudo e lui si è abituato fisiologicamente al respiro, durante il travaglio mi hanno aiutato in tutti i modi non solo a livello fisico (respira così, mettiti così), ma anche a livello umano (carezze e frasi rassicuranti e di carica psicologica). Insomma, consiglierei di partorire in questa struttura a tutte le persone che conosco; l'unico ostacolo è la pediatria... ove sono un pò troppo scrupolosi a mio modestissimo parere... Il mio bimbo, per tutti i prelievi da tallone fatti (ma anche al bambino di chi era in camera con me... che casualità nascono tanti bambini con ittero a San Benedetto), a distanza di un mese dalla nascita ha i talloni completamente spellati... Loro dicono che sono necessari, ma ad Ascoli dicevano che il cordone doveva essere assolutamente tagliato immediatamente (pareva altrimenti essere la fine del mondo..), invece nella struttura sanbenedettese pareva normale lasciarlo al posto suo. Insomma, il necessario "talvolta" pare essere dettato non da una linea giuda comune, bensì da scuole di pensiero differenti da azienda ad azienda.

Patologia trattata
Parto vaginale indotto.
Trovi utile questa opinione? 
06 Aprile, 2012
mirko
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

ostetricia ginecologia

mia moglie è stata ricoverata 6 giorni per un parto naturale indotto, siamo usciti tardi per causa di incompetenze varie, neanche un elettrocardiogramma al bambino sanno fare.. e per colpa di questo siamo rimasti in ospedale tanti giorni. Le infermiere sono state antipatiche in una maniera assurda, i dottori, tranne il nostro ginecologo ed altri, non mi hanno convinto, le ostetriche pensano di essere presidenti della repubblica e le o.s.s. hanno smanie di onnipotenza, oltre ad una gran maleducazione. Un reparto del genere dovrebbe stare nelle mani di personale buono, dolce e cortese, non così maleducato! Comunque ci sono 2/3 infermiere brave e competenti, anche straniere.





Patologia trattata
gravidanza e parto.
Trovi utile questa opinione? 
27 Luglio, 2011
silvia
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

ottimo reparto

Il reparto di Ginecologia e Ostetricia dell'Ospedale Civile Madonna del Soccorso di San Benedetto del Tronto è un reparto che funziona benissimo, io mi ci sto trovando davvero bene e secondo me è una delle migliori strutture di tutto l'ospedale. Ottimo sotto ogni aspetto.

Patologia trattata
gravidanza.
Trovi utile questa opinione? 
21 Marzo, 2011
jeanette
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
1.0

ospedale civile san benedetto del tronto

Fortunatamente è andato tutto bene, anche perchè quella notte era di turno il mio ginecologo, ma la prima volta avevo forti contrazioni e sono stata rimandata a casa; poi mi volevano rimandare a casa anche la seconda volta, ma il mio ginecologo vedendo forti contrazioni mi induce il parto. Inutili però i tentativi, occorre fare il cesareo.
Come assistenza medica buona ma alcune infermiere veramente no comment..: avevo vomitato per le contrazioni "odio mi fa schifo".. mia madre ha dovuto raccogliere.
INFINE MI SI STACCA LA FLEBO, TUTTO SANGUE, "LO SA POTEVA MORIRE DISSANGUATA".. ALLORA MI FANNO IL LAVAGGIO DELLE VENE CON ACQUA FISIOLOGICA E AL TERZO GIORNO MI DIMETTONO PER MANCANZA DI LETTI.. E IO FACEVO FATICA PERFINO A CAMMINARE DURANTE UNA MEDICAZIONE..

Patologia trattata
parto.
Trovi utile questa opinione?