Oncologia Arcispedale S.Anna

 
3.5 (3)
2993  
Scrivi Recensione
Reparto
Il reparto di Oncologia clinica dell'Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara Arcispedale S.Anna, situato a Cona in via Aldo Moro 8, ha come Direttore responsabile il Dott. Frassoldati Antonio. Il reparto si occupa in regime di ricovero di pazienti affetti da patologie oncologiche che necessitano di ricovero per problematiche diagnostico- terapeutiche complesse. Il reparto eroga le proprie prestazioni anche in regime di Day Hospital ed ambulatoriale. Presso il Day Hospital esegue trattamenti di chemioterapia sistemica, endocavitaria, intravescicale, di ormonoterapia, terapie di supporto (in particolare terapia antalgica, terapia nutrizionale enterale e parenterale), manovre interventive (toracentesi, paracentesi, agoaspirati, biopsie ecoguidate). Fanno parte dell'equipe medica dell'unità operativa i dottori Donatella Donati, Germana Gilli, Monica Indelli, Marina Marzola, Erico Piva, Alessandra Santini, Daniela Scapoli, Benedetta Urbini.


Recensioni dei pazienti

3 recensioni

Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
3.3  (3)
Assistenza 
 
3.7  (3)
Pulizia 
 
3.7  (3)
Servizi 
 
3.3  (3)
Voti (il più alto è il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
02 Ottobre, 2015
Lililiana Rudan
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grande ringraziamento alla Dott.ssa Monica Indelli

Sono ancora in vita grazie a loro.
Questo è un omaggio che scrivo per la mia oncologa M.I., che oggi mia ha annunciato che si ritira dalla sua professione per motivi personali.
Una grande professionista, molto riservata ma dentro di lei c'è un grande cuore ed una grinta fantastica che trasmette ai suoi pazienti. Chi soffre di questa malattia, ha bisogno di una "mano di ferro in un guanto di velluto" che lo sostenga e sproni nello stesso momento. Una grande dottoressa, che rimarrà per sempre nel mio cuore e nel mio pensiero.
La ringrazio di tutto quello che ha fato per me ed le auguro tanta forza interiore per questi momenti e tanta serenità nell'accettare le cose che verranno.
Un grande, grande abbraccio per tutta la vita da oggi in poi dal mio cuore per Lei!

Ringrazio di cuore tutto lo staff perchè sonno straordinari, pieni di vera umanita' e gentilezza. Fanno un lavoro devastante fisicamente ed anche psicologicamente, ma lo regalano con naturalezza, calore, sorrisi e molta grinta.
Ringrazio tutti.

Patologia trattata
Cancro mammario aggressivo, metastatico da quasi 3 anni.
Trovi utile questa opinione? 



11 Mag, 2015
Erica
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Tumore al rene avanzato

Un grazie a tutti i dottori dell'equipe dell'oncologia degenze di Cona. Io ho avuto il mio compagno con un tumore al rene. Nel giugno 2011 abbiamo riscontrato un tumore alla t4 alla t7, abbiamo fatto una visita dal dottore Cavallo in neurochirurgia e dopo una settimana è stato operato dal dott. Maida. Solo poi abbiamo scoperto che il tutto era partito dai reni con metastasi diffuse. Dopo sei mesi in carrozzina, è ritornato a camminare con le stampelle.
Nel settembre 2011 ci siamo trovati nel day hospital oncologico, piccolino ma allo stesso tempo con personale molto cordiale.
A Maggio del 2012 l'unica cosa negativa è che si sono dimenticati di dire che si erano trasferiti a Cona.. Poi tutto bene fino alla seconda settimana di ottobre del 2014, quando il tumore è ritornato alla spina dorsale. Allora si è ripresa la carrozzina e quando il dott. Rocchi lo ha visitato, lo ha ricoverato in oncologia. Infermieri molto gentili e pure anche qualche dottore.
Ci avevano dato una speranza di operazione, ma poi subito negata. Dimesso il paziente, i dottori avevano fatto richiesta di dispositivi come il letto con materasso antidecubito e sollevatore (non dico quanti giri mi sono fatta per averli, pannolini che poi nemmeno sono arrivati.. Per fortuna avevo gli infermieri dell'Ado che venivano a casa per darmi una mano).
Poi il mio compagno si è lasciato morire..
Devo comunque ringraziare tantissimo il dott. Rocchi, che ci ha aiutato molto fino all'ultimo giorno. Grazie di cuore.

Patologia trattata
Tumore del rene.
Trovi utile questa opinione? 
21 Ottobre, 2014
sergio
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Esperienza di circa 5 anni fa

La patologia di mia madre era a senso unico e non scriverò dei risultati, ma di COME lei sia arrivata a fine vita; la situazione di cui riferisco è di circa 5 anni fa, quando l'Ospedale S. Anna era in corso Giovecca; spero che vi sia un miglioramento sia nella professionalità e nella organizzazione.
Inizialmente il cancro fu operato asportando porzioni importanti di pancreas e tubo digerente, e qui il Prof. Pansini Giancarlo dimostrò di essere chirurgo di grande capacità, per lui nutro stima profonda, la sua parte l'ha fatta e bene.
Nella cura oncologica successiva trovammo una situazione ben diversa, riassumendo: passivo rispetto di protocolli terapeutici vetusti e seguente somministrazione di molecole sorpassate (allo IEO di Milano sono già alla seconda generazione successiva con risultati ben diversi); posologie inadeguate allo stato generale del paziente, soprattutto quando iniziò il declino per metastasi a livello linfatico; diversi errori nella programmazione delle sedute di perfusione (slittamenti, assenza di personale, casi più importanti) con inutili e dolorosi viaggi da/per il reparto; poca umanità da parte della dr.ssa che la ebbe in cura e molta incapacità a seguire con coerenza e partecipazione il caso; chiaro orientamento a limitare le spese del reparto in termini di numero di perfusioni (poche e massicce) in spregio della salute del paziente; inadeguatezza del reparto per numero di posti in day-hospital e di capacità del personale rispetto il numero di pazienti; assenza di informazioni relative ai servizi per pazienti affetti da incapacità di deambulazione (trasporto con veicoli e personale appositamente addestrato); assenza di informazioni relative la disponibilità di personale medico e paramedico per i controlli presso l'abitazione; assenza di informazioni relative la possibilità di percepire aiuti economici dall'Inps per l'assistenza- accompagnamento; le info per questi punti li trovai io su internet poichè neanche il medico di base ci informò.
E' inaccettabile.

Patologia trattata
Cancro al pancreas.
Trovi utile questa opinione? 




Altri contenuti interessanti su QSalute