Oncologia Molinette

 
3.6 (4)
4532  
Scrivi Recensione
Reparto
Il reparto di Oncologia medica 1 dell'Ospedale Universitario Molinette San Giovanni Battista di Torino, situato in corso Bramante 88/90, ha come Direttore responsabile il Dott. Libero Ciuffreda (suppl.). Il reparto, inserito all'interno del Dipartimento di Oncologia, si occupa principalmente di neoplasie, comprese quelle non effettuabili tramite servizio di Day Hospital, di terapie ad alte dosi delle patologie tumorali di tipo solido e di urgenze oncologiche senza attesa. L'unità operativa esegue inoltre trattamenti con farmaci sperimentali previsti da trials nazionali ed internazionali, nonchè terapie per il controllo degli effetti collaterali della chemio-radioterapia. I pazienti afferiscono al Day hospital previa valutazione da parte dei medici della S.C. di Oncologia Medica 1. Fanno parte dell'equipe i dirigenti medici Buffoni Lucio, Chiappino Isabella, Fanchini Laura, Schena Marina.


Recensioni dei pazienti

4 recensioni

Voto medio 
 
3.6
Competenza 
 
3.3  (4)
Assistenza 
 
3.3  (4)
Pulizia 
 
4.0  (4)
Servizi 
 
3.8  (4)
Voti (il più alto è il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
24 Gennaio, 2017
Antonella
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Esperienza molto negativa

Abbiamo portato mia mamma in p.s. alle Molinette il 27 settembre su consiglio del medico colonscopista (dove si era recata perchè risultavano dagli esami sangue nelle feci e anemia), perchè con la colonscopia non trovava nulla, ma sospettava qualcosa di serio. Al p.s., dopo molta riluttanza, finalmente le fanno una t.a.c., che evidenzia un tumore al rene sinistro all'ultimo stadio con numerose metastasi ossee e numerosi linfonodi. L'urologo che la visita e esamina la t.a.c., dà l'indicazione precisa e per iscritto alla nefrectomia totale, solo palliativa e non curativa, ma utile per ritardare il proliferare velocissimo delle cellule cancerose e le metastasi, e soprattutto utile per non farla morire fra "dolori atroci" - parole dell'urologo (che la iscrive in lista d'attesa per l'intervento, previa biopsia). Viene ricoverata però in oncologia 1 e affidata alle cure della Dott.ssa Chiappino, che da subito si dimostra freddissima, totalmente priva di empatia ed avara di spiegazioni. Dice di essere contraria alla nefrectomia, consiglia invece i farmaci antiangiogenetici (che ho poi saputo dopo, impiegano mesi per dimostrare se hanno fatto effetto o no) e inizia un percorso di perdita di tempo preziosissimo per la mia mamma, fra la profonda disorganizzazione di tutto il sistema: ricoverata per 10 giorni per fare una biopsia e una seduta di radioterapia alla colonna vertebrale perchè le metastasi stanno per comprimere il midollo; ci dicono che basta così, la radioterapia è una e basta! Dimessa dall'ospedale, dovrà aspettare fino al 27 ottobre per essere rivista dalla Dott.ssa Chiappino, che continua a negare l'utilità della nefrectomia, continua a proporre antiangiogenetici, bifosfonati, che però richiedono inutili e faticosissime visite al centro universitario dentistico di Via Nizza, dove, peraltro, un paziente oncologico viene considerato con lo stesso metro di giudizio di una persona in perfetta forma fisica, e quindi aspetta mesi per un'estrazione dentale necessaria per poter prendere i bifosfonati. La dott.ssa Chiappino insiste così tanto per evitare la nefrectomia, che alla fine la mia mamma cede (con molti dubbi) e accetta di iniziare la terapia antiangiogenetica con appuntamento il 4 novembre; però il 31 ottobre, dato che i dolori ossei sono aumentati, viene nuovamente ricoverata e la dott.ssa Chiappino le dice che il protocollo prevede che il paziente non debba essere ricoverato per poter iniziare gli antiangiogenetici; così io e la mia mamma insistiamo perchè la dimettano per poter iniziare la cura. Viene dimessa alle 19.00 del 3 novembre per dover essere presente nuovamente nello stesso ospedale alle ore 08.00 del 4 novembre; la mattina del 4 novembre a casa, sfinita, si sbilancia e si rompe un braccio, ma vuole ugualmente iniziare la terapia e quindi la porto alle Molinette ma... la Dott.ssa Chiappino in presenza di frattura rifiuta di iniziare la cura sempre per ragioni di protocollo. Non racconto la quantità di consulenze mediche ordinate dalla Dott.ssa Chiappino e dal reparto di oncologia 1 che si sono susseguite nel mese, perchè mi dilungherei troppo. La mia mamma ha smesso di vivere il 23 novembre... fra dolori atroci, come aveva pronosticato l'urologo che l'aveva visitata il 27 settembre. In questo lasso di tempo alla mia mamma è stata concessa una sola TAC... già, perchè nel terzo ricovero avvenuto nel pomeriggio del 4 novembre, dopo la frattura al braccio, nel reparto di Medicina Interna 6 un medico (di cui non ricordo il nome) mi dice testuali parole: potrei farle un'altra TAC, ma a cosa serve? potrei farle un'altra radioterapia, ma dove gliela faccio? Alla domanda che tutti i parenti fanno in queste situazioni e cioè "quanto tempo le rimane?" ci hanno sempre risposto dai 6 mesi a 1 anno.. Ma come dicevo prima, la mia mamma è mancata molto molto prima. Perchè? L'unica cosa di cui sono sicura è che ci abbiano buttato fumo negli occhi con tutte quelle consulenze (sembra che un oncologo non sappia cos'è un cuore e un cardiologo non sappia cos'è una colonna vertebrale, ogni medico conosce solo il suo piccolo organo per il quale è specializzato!?!) che significano molti giorni di attesa che un paziente oncologico non si può permettere. L'unico medico corretto professionalmente e intellettualmente in questa vicenda è stato l'urologo del reparto del Prof. Brea. So che la mia mamma non si poteva salvare, ma l'Ospedale non ha fatto niente per farla vivere anche solo un giorno in più, e questo secondo me è orribile. Ci rimangono la professionalità e l'umanità con cui la mia mamma è stata assistita nei suoi ultimi giorni, a casa sua, dello staff dell'Associazione Il Faro, persone meravigliose, oserei dire angeliche....

Patologia trattata
Carcinoma renale sx a cellule chiare.
Trovi utile questa opinione? 



30 Marzo, 2016
Cristina
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

E' necessario essere umani...

Mia madre è stata presa in cura nel Reparto di Oncologia del Dott. Ciuffreda dal Febbraio 2015 per una metastasi al fegato, dopo essere stata operata per un tumore al pancreas.
Da subito è stata seguita dalla Dott.ssa Spadi e il primo impatto è stato accogliente e professionale, ma poi la Dottoressa è andata in maternità e da allora non abbiamo più avuto la possibilità di avere un riferimento fisso. A ogni visita prima della seduta chemioterapica i dottori sono cambiati di volta in volta. Nonostante la professionalità e la cordialità degli infermieri, durante il percorso della malattia e della cura l’impressione è stata quella di essere in balia di dottori che si susseguivano, attenendosi a procedure senza fornire spiegazioni sulla progressione della malattia e della cura.
Quando si ha a che fare con una malattia di cui si conosce di per sè la gravità, ci si affida, e mia madre ha sempre combattuto e si è sempre adeguata alle poche spiegazioni fornite.
Tra i medici, la persona con cui abbiamo avuto la possibilità di vedere con più costanza c’è la Dott.ssa Satolli.
A ottobre era abbastanza evidente che le cure non stessero sortendo l’effetto desiderato. Verso la metà del mese ci siamo presentati come di consueto alla visita programmata settimanalmente, ma per l’ennesima volta hanno cercato di indirizzarci a una dottoressa mai vista prima. A quel punto abbiamo richiesto di poter aver un colloquio con il medico che aveva seguito mia madre con un pò più di assiduità rispetto agli altri, e così siamo riusciti ad essere ricevuti dalla Dott.ssa Satolli.
Beh, io quel colloquio non potrò mai dimenticarlo. Sono rimasta sconcertata dall’indisponenza della Dottoressa che ha liquidato mia madre con testuali parole “Signora, la malattia è peggiorata e non possiamo continuare con le cure... lei è peggiorata!”. Io e la mia famiglia potevamo essere al corrente che la malattia di mia madre fosse difficile da curare e non mi aspetto che i medici facciano miracoli, e non discuto sulle competenze mediche della dottoressa, ma non mi aspetto che possano annunciare una condanna a morte a mia madre con l’aria di chi le sta rubando tempo.
Quello che voglio sottolineare è che mia madre ha affrontato la malattia con una grande dignità e soprattutto lei non aveva mai perso la speranza, fino a quando è riuscita a togliergliela un medico. Questo mi è sembrato assurdo, grave e ingiusto, ma credo sia giusto ricordare che tra le competenze di un medico ci sia la capacità di sapersi rapportare in maniera umana con il paziente.

Patologia trattata
Tumore pancreas. metastasi epatiche.
Trovi utile questa opinione? 
02 Luglio, 2015
Bruna Miele
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Reparto stupendo

Sono stata in cura due settimane presso il reparto del professor Ciuffreda. Sono tutti molto professionali, dall'equipe medica agli studenti che praticano lo stage, sempre un sorriso, una parola di conforto. Mi sono sentita coccolata, curata, seguita... Continuate così.

Patologia trattata
Tumore al polmone e noduli al cervelletto e ghiandola surrenale.
Trovi utile questa opinione? 



13 Luglio, 2010
giovanni
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

grande oncologo

il dottor Ciuffreda, oltre ad essere un grande medico, è un grande uomo di un'umanità impressionante. il nostro è ancora un grande problema da risolvere, ma la sua abnegazione, il suo impegno, il suo grande cuore ci dà un coraggio che noi non pensavamo di trovare. in questi casi quando entri in quei reparti perdi tutto, ma lui con il suo sorriso con le sue parole con la sua intelligenza ci ha fatto trovare la speranza di una futura guarigione. io sono lo zio dell'ammalato che lui sta curando e personalmente non l'ho ancora conosciuto, ma i genitori ne dicono un bene enorme e rassicura anche noi. Mi piacerebbe conoscerla per dirle GRAZIE di cuore, fossero tutti come lei la malattia ci peserebbe meno. grazie di esistere. uno zio

Patologia trattata
tumore ai polmoni.
Trovi utile questa opinione? 

Altri contenuti interessanti su QSalute