Ortopedia 1 Policlinico Bari

 
4.1 (37)
3565  
Scrivi Recensione

Ospedali

Reparto
Il reparto di Ortopedia e traumatologia I dell'Ospedale Policlinico di Bari, situato in Piazza Giulio Cesare 11, ha come Direttore AD INTERIM il Prof. Biagio Moretti (direttore della Ortopedia e Traumatologia II). Il reparto, ubicato all'interno del Padiglione 6, si occupa principalmente di Lesioni ossee (Fratture, Lussazioni), Lesioni muscolo-tendinee, Deformità congenite del rachide e degli arti, Neoplasie muscolo - scheletriche, Patologie del rachide (Scoliosi, Cifosi, Ernie discali, Instabilità vertebrali), Lesioni capsulo-legamentose del ginocchio, della spalla e della tibiotarsica, Osteiti acute e croniche, Artrosi anca e ginocchio, Alluce valgo. Il reparto eroga le proprie prestazioni in regime di ricovero, di Day Hospital Day Surgery ed ambulatoriale. Fanno parte dell'equipe dell'unità operativa i dirigenti medici Dott. A. Piazzolla, dott. C. Mori, dott. L. Moretti, dott. A. Panella, Dott.ssa S. De Giorgi, Dott. F. Piccolomo, Dott. N. Capocasale, Dott. G. Solarino.


Recensione Utenti

Opinioni inserite: 37

Voto medio 
 
4.1
Competenza 
 
4.7  (37)
Assistenza 
 
4.3  (37)
Pulizia 
 
3.7  (37)
Servizi 
 
3.8  (37)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
  • Competenza
  • Assistenza
  • Pulizia
  • Servizi
Commenti
Ospedali
 sì
 no
Desidero ringraziare il dott. Andrea Piazzolla, dirigente medico responsabile della chirurgia vertebrale della Clinica Ortopedica Univesitaria del Policlinico di Bari, diretta dal prof. Biagio Moretti, e il dott. Marella, medico anestesista, per l'eccellente esito dell'intervento subìto alla colonna vertebrale eseguito con altissima professionalità.
Questo per portare a conoscenza tutti coloro che hanno patologie della colonna vertebrale, un centro di alta professionalità sia per lo staff medico che per quello tecnico ed infermieristico a cui affidarsi con grande fiducia e serenità.
Grazie di cuore.
Con affetto,
Concetta Clemente e famiglia
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da Concetta Clemente 29 Luglio, 2014

Grazie per l'insperato miracolo

Desidero ringraziare il dott. Andrea Piazzolla, dirigente medico responsabile della chirurgia vertebrale della Clinica Ortopedica Univesitaria del Policlinico di Bari, diretta dal prof. Biagio Moretti, e il dott. Marella, medico anestesista, per l'eccellente esito dell'intervento subìto alla colonna vertebrale eseguito con altissima professionalità.
Questo per portare a conoscenza tutti coloro che hanno patologie della colonna vertebrale, un centro di alta professionalità sia per lo staff medico che per quello tecnico ed infermieristico a cui affidarsi con grande fiducia e serenità.
Grazie di cuore.
Con affetto,
Concetta Clemente e famiglia

Patologia trattata
Scoliosi.
Trovi utile questa opinione? 
Ciao, mi chiamo Ylenia, ho quasi 15 anni e sono di Taranto. All'etá di 11 anni mi é stata diagnosticata la scoliosi. Mi sono rivolta a diversi medici tarantini, ma che dire...a partire dall'ortopedico, fisiatra e tecnico ortopedico, non hanno capito assolutamente niente... anzi, hanno solo fatto in modo che la mia curva si aggravasse del doppio. Grazie a un nostro conoscente, Francesco Solito, che aveva già operato la figlia Arianna al Policlinico di Bari, ci siamo rivolti al grande Dott. Piazzolla, specializzato in chirurgia vertebrale e responsabile del centro scoliosi di Bari,che subito ci ha detto che era inevitabile l'intervento, infatti il 30 giugno sono stata operata. Il mio è stato un intervento abbastanza complesso, visto la grave curva che avevo...ma il mio angelo, con il massimo delle sue capacità e competenze, è riuscito a ridare un bell'aspetto alla mia colonna vertebrale. Giorno 7 luglio,sono tornata a casa..ringrazio tutta l'equipe dell'ortopedia, cominciando dal direttore: Dott. Biagio Moretti, la caposala: la precisissima Catia, tutti i medici, gli infermieri, gli ausiliari, gli anestesisti dotati di una sensibilitá unica, Dott. Marella e Dott.ssa Di Pierro che riusciva a leggere nei miei occhi,un grazie alla fisioterapista e all'addetta alla mensa, la signora Maria..che portato da lei il pranzo e la cena, sembravano anche più buoni. Un grazie di vero cuore al Dott. Carlucci e alla Dott.ssa Garofalo, perché per la loro dolcezza mi sono rimasti nel cuore. Grazie, grazie a tutti.. che, anche se per poco tempo, vi siete presi cura di me; non mi sono mai sentita ammalata.. anzi, ogni giorno passava tra risate e chiacchierate. Ma un grazie speciale lo devo al Dott. Piazzolla, un medico dotato di tanta pazienza, dolcezza.....ma anche caparbietá e tanta bravura. Dopo quest'esperienza, posso dire che in Puglia..ma anche in tutt'Italia, il Dott. Andrea Piazzolla è il numero 1 ;)
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0
Opinione inserita da Ylenia 22 Luglio, 2014

Grazie al grande Dott. Andrea Piazzolla

Ciao, mi chiamo Ylenia, ho quasi 15 anni e sono di Taranto. All'etá di 11 anni mi é stata diagnosticata la scoliosi. Mi sono rivolta a diversi medici tarantini, ma che dire...a partire dall'ortopedico, fisiatra e tecnico ortopedico, non hanno capito assolutamente niente... anzi, hanno solo fatto in modo che la mia curva si aggravasse del doppio. Grazie a un nostro conoscente, Francesco Solito, che aveva già operato la figlia Arianna al Policlinico di Bari, ci siamo rivolti al grande Dott. Piazzolla, specializzato in chirurgia vertebrale e responsabile del centro scoliosi di Bari,che subito ci ha detto che era inevitabile l'intervento, infatti il 30 giugno sono stata operata. Il mio è stato un intervento abbastanza complesso, visto la grave curva che avevo...ma il mio angelo, con il massimo delle sue capacità e competenze, è riuscito a ridare un bell'aspetto alla mia colonna vertebrale. Giorno 7 luglio,sono tornata a casa..ringrazio tutta l'equipe dell'ortopedia, cominciando dal direttore: Dott. Biagio Moretti, la caposala: la precisissima Catia, tutti i medici, gli infermieri, gli ausiliari, gli anestesisti dotati di una sensibilitá unica, Dott. Marella e Dott.ssa Di Pierro che riusciva a leggere nei miei occhi,un grazie alla fisioterapista e all'addetta alla mensa, la signora Maria..che portato da lei il pranzo e la cena, sembravano anche più buoni. Un grazie di vero cuore al Dott. Carlucci e alla Dott.ssa Garofalo, perché per la loro dolcezza mi sono rimasti nel cuore. Grazie, grazie a tutti.. che, anche se per poco tempo, vi siete presi cura di me; non mi sono mai sentita ammalata.. anzi, ogni giorno passava tra risate e chiacchierate. Ma un grazie speciale lo devo al Dott. Piazzolla, un medico dotato di tanta pazienza, dolcezza.....ma anche caparbietá e tanta bravura. Dopo quest'esperienza, posso dire che in Puglia..ma anche in tutt'Italia, il Dott. Andrea Piazzolla è il numero 1 ;)

Patologia trattata
Scoliosi.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Pochi giorni fa ho subìto un intervento di stabilizzazione della colonna, con una nuova tecnica di chirurgia mini-invasiva. Sono quindi ha dire un grande e mai abbastanza, Grazie al Dottor Andrea Piazzolla per la Professionalità, l’Esaustività e l’Umanità con la quale mi ha resa partecipe di tutte le fasi dell’intervento, dal quale ero a dir poco spaventata. Un grazie lo rivolgo anche alla sua équipe, ed in particolare al dottor Ninì Marella e al Dottor Stefano Carlucci. Ricordo ancor quando il giorno dopo l’intervento il Dottor Piazzolla e il Dottor Carlucci sono entrati in stanza e mi hanno messa “in piedi”… un’immensa emozione… dà immortalare con una foto (che però per l’emozione non ho fatto), ma l’immagine sarà sempre vivida nella mia memoria! Una bellissima équipe…di cui il Policlinico di Bari, il reparto di ortopedia e traumatologia I deve andare Fiero! Grazie… Grazie… Grazie!!!
Lucrezia Corsano
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0
Opinione inserita da Lucrezia Corsano 19 Luglio, 2014

Instabilità vertebrale

Pochi giorni fa ho subìto un intervento di stabilizzazione della colonna, con una nuova tecnica di chirurgia mini-invasiva. Sono quindi ha dire un grande e mai abbastanza, Grazie al Dottor Andrea Piazzolla per la Professionalità, l’Esaustività e l’Umanità con la quale mi ha resa partecipe di tutte le fasi dell’intervento, dal quale ero a dir poco spaventata. Un grazie lo rivolgo anche alla sua équipe, ed in particolare al dottor Ninì Marella e al Dottor Stefano Carlucci. Ricordo ancor quando il giorno dopo l’intervento il Dottor Piazzolla e il Dottor Carlucci sono entrati in stanza e mi hanno messa “in piedi”… un’immensa emozione… dà immortalare con una foto (che però per l’emozione non ho fatto), ma l’immagine sarà sempre vivida nella mia memoria! Una bellissima équipe…di cui il Policlinico di Bari, il reparto di ortopedia e traumatologia I deve andare Fiero! Grazie… Grazie… Grazie!!!
Lucrezia Corsano

Patologia trattata
Instabilità vertebrale.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Sono Anna Pasqua ed ho 18 anni... a poco più di un mese dal mio intervento sono fiera del mio percorso e orgogliosa del dottor Piazzola, il dottor Carlucci, il dottor Marella, la dottoressa Di Pierro e tutto il personale infermieristico, che mi hanno assistito e sostenuto in ogni momento della mia permanenza in ospedale! Mi hanno diagnosticato una scoliosi un anno fa circa, all'epoca non provavo nessun dolore e fastidio! La notizia mi lasciò turbata...cominciai a vedere tutto più nero nel momento in cui mi dissero che l'unica soluzione nel mio caso era l'intervento. Ero spaventata al sol pensiero di "andare sotto i ferri" ...ma coscienziosa decisi di farlo e di mettermi in lista! Di mezzo c'era la mia salute in primis e con il tempo sarebbe gravato pure l'aspetto estetico. Fui chiamata per il prericovero a fine gennaio, in una decina di giorni feci vari analisi. Il mio intervento fu fissato al 26 maggio e un mese prima cominciai con le autotrasfusioni. Ricordo ancora la mia paura prima di entrare in sala, ma la forza di affrontare il post-operatorio e l'operazione stessa era data dal fatto che tutto stava passando e finendo, ero fiera di me perché avevo già vinto alcune mie paure, ne stavo vincendo un'altra! Una volta fatto l'intervento i giorni passano senza accorgersene... i dolori vanno via via diminuendo e pian piano tutto ritorna alla normalità! Con grande forza morale dopo 15 giorni dall'intervento ho ripreso a uscire con i miei amici, a fare servizi e ora comincio ad andare anche al mare, cautelando ovviamente la cicatrice! È un'esperienza che ti cambia e fortifica, è un intervento delicato ma possibile grazie alle competenze del dottore e i suoi assistenti! Grazie :)
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
3.0
Opinione inserita da anna pasqua 03 Luglio, 2014

Un grazie particolare al dottor Piazzolla

Sono Anna Pasqua ed ho 18 anni... a poco più di un mese dal mio intervento sono fiera del mio percorso e orgogliosa del dottor Piazzola, il dottor Carlucci, il dottor Marella, la dottoressa Di Pierro e tutto il personale infermieristico, che mi hanno assistito e sostenuto in ogni momento della mia permanenza in ospedale! Mi hanno diagnosticato una scoliosi un anno fa circa, all'epoca non provavo nessun dolore e fastidio! La notizia mi lasciò turbata...cominciai a vedere tutto più nero nel momento in cui mi dissero che l'unica soluzione nel mio caso era l'intervento. Ero spaventata al sol pensiero di "andare sotto i ferri" ...ma coscienziosa decisi di farlo e di mettermi in lista! Di mezzo c'era la mia salute in primis e con il tempo sarebbe gravato pure l'aspetto estetico. Fui chiamata per il prericovero a fine gennaio, in una decina di giorni feci vari analisi. Il mio intervento fu fissato al 26 maggio e un mese prima cominciai con le autotrasfusioni. Ricordo ancora la mia paura prima di entrare in sala, ma la forza di affrontare il post-operatorio e l'operazione stessa era data dal fatto che tutto stava passando e finendo, ero fiera di me perché avevo già vinto alcune mie paure, ne stavo vincendo un'altra! Una volta fatto l'intervento i giorni passano senza accorgersene... i dolori vanno via via diminuendo e pian piano tutto ritorna alla normalità! Con grande forza morale dopo 15 giorni dall'intervento ho ripreso a uscire con i miei amici, a fare servizi e ora comincio ad andare anche al mare, cautelando ovviamente la cicatrice! È un'esperienza che ti cambia e fortifica, è un intervento delicato ma possibile grazie alle competenze del dottore e i suoi assistenti! Grazie :)

Patologia trattata
Scoliosi idiopatica S italica.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Ringraziamo di vero cuore il Prof. Salarino per la competenza, la professionalità e l'impegno profuso quotidianamente verso il paziente.
Famiglia Moro - Ostuni
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0
Opinione inserita da MORO GRAZIO TOMMASO 03 Giugno, 2014

Prof. Giuseppe Solarino

Ringraziamo di vero cuore il Prof. Salarino per la competenza, la professionalità e l'impegno profuso quotidianamente verso il paziente.
Famiglia Moro - Ostuni

Patologia trattata
Protesi dell'anca.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Un grazie particolare lo rivolgo al mitico Dottore che ho nominato nel titolo di questa recensione. Purtroppo nel 2012 ho avuto un incidente, e sono stato ricoverato al Miulli con una frattura scomposta dell'omero destro. Sono stato sottoposto ad un intervento chirurgico nel quale mi allineavano l'osso e applicavano una protesi in titanio con ben 6 viti a sostegno. Dopo alcuni mesi il braccio rimase bloccato, e mi rivolsi al Dott. Piazzolla e lui mi consigli; ad un anno e qualche mese, come da lui richiesto e consigliato, mi sono fatto operare per la rimozione proprio dalle sue mani. Adesso sto meglio, mi sto riprendendo, ho pochi dolori e il braccio riesco a muoverlo discretamente. Ringrazio il dottore per avermi supportato ed aiutato nel trattamento di questa protesi. Grazie dottore, sei grande!!!
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0
Opinione inserita da Davide 23 Mag, 2014

Recensione per il Dott. Andrea Piazzolla

Un grazie particolare lo rivolgo al mitico Dottore che ho nominato nel titolo di questa recensione. Purtroppo nel 2012 ho avuto un incidente, e sono stato ricoverato al Miulli con una frattura scomposta dell'omero destro. Sono stato sottoposto ad un intervento chirurgico nel quale mi allineavano l'osso e applicavano una protesi in titanio con ben 6 viti a sostegno. Dopo alcuni mesi il braccio rimase bloccato, e mi rivolsi al Dott. Piazzolla e lui mi consigli; ad un anno e qualche mese, come da lui richiesto e consigliato, mi sono fatto operare per la rimozione proprio dalle sue mani. Adesso sto meglio, mi sto riprendendo, ho pochi dolori e il braccio riesco a muoverlo discretamente. Ringrazio il dottore per avermi supportato ed aiutato nel trattamento di questa protesi. Grazie dottore, sei grande!!!

Patologia trattata
Protesi omero dx.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
A nome mio e delle mie due figlie ringrazio Lei per l'assistenza che, assiduamente, professionalmente e soprattutto umanamente, ha prestato durante i miei due interventi chirurgici alle ginocchia, risolti con ottimi risultati e in breve tempo.
Vorrei ringraziarLa ancora per tutto quello che ha fatto.
Voglia Gradire miei più cordiali saluti.
Stragapede Giovanna
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da Giovanna Stragapede 05 Mag, 2014

Veramente soddisfatta del Prof. Giuseppe Solarino

A nome mio e delle mie due figlie ringrazio Lei per l'assistenza che, assiduamente, professionalmente e soprattutto umanamente, ha prestato durante i miei due interventi chirurgici alle ginocchia, risolti con ottimi risultati e in breve tempo.
Vorrei ringraziarLa ancora per tutto quello che ha fatto.
Voglia Gradire miei più cordiali saluti.
Stragapede Giovanna

Patologia trattata
Protesi ginocchio destro e sinistro.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Ciao a tutti, sono Gabriella e ho 40 anni; dirvi che sono rimasta senza parole per l'intervento di scoliosi, al quale mi sono sottoposta il 27/01/2014 eseguito dal dott. Piazzolla è davvero dir poco...non ci sono parole per il risultato sorprendente ottenuto. Il dott. Piazzolla ha fatto un gran lavoro sulla mia scoliosi e lo ringrazio di vero cuore per la sua simpatia, umanità e serenità che infonde in chi lo incontra. Sin dall'età di 9 anni ho dovuto convivere con questa brutta patologia, ho portato tanti gessi e corsetti; con i miei genitori, abbiamo girato un pò l'italia per trovare dei medici bravi e validi, ma purtroppo senza risultati. Infine non soddisfatti siamo addirittura andati a Lyon, lì dove mi hanno fatto un ultimo gesso all'età di 18 anni. Finalmente la mia scoliosi si ferma a 50°, il medico mi assicura una vita tranquilla e che l'intervento chirurgico lo si prenderà in esame solo quando la mia scoliosi avrà raggiunto i 70°....che dirvi...
Purtroppo con l'età i dolori sono aumentati, e da maggio 2013 ho iniziato a documentarmi su dove fare l'intervento chirurgico. Pensavo Milano, Bologna, Torino...ma poi consultando proprio questo sito, ho letto del Dott. Piazzolla, mi hanno colpito molto le recensioni, tutte positive su quest'uomo che effettivamente veniva descritto come umano, simpatico e bravo. Ho voluto rendermene conto di persona, e posso garantirvi che tutto quanto è scritto è verità. Il mio intervento, per via dell'età ormai adulta, e dei tanti gessi portati da piccola, (9-17 anni) purtroppo non mi hanno aiutata, anzi, hanno ostacolato il risultato dell'intervento, in quanto molto rigida a livello osseo, ma nonostante la rigidità, il Dott. Piazzolla è riuscito a fare un lavoro a dir poco eccezionale.. Da 78°a 18° dopo l'intervento. Una correzione che non mi aspettavo assolutamente, tutto è andato per il meglio. A distanza di due mesi e mezzo dall'operazione, sto bene e ho ripreso a fare tutto, all'infuori dello sport, perchè devo aspettare settembre. Perciò mi rivolgo a tutti coloro che hanno tanta paura, di farsi forza e coraggio, perchè l'intervento è l'unica strada per poter stare meglio, magari non arrivare come me, a 40 anni, per affrontare questo tipo di intervento, che fatto in età adolescente, sarebbe molto più semplice, non dico una passeggiata ma quasi.
Un grazie ancora di cuore al Dottor Piazzolla e a tutti gli infermieri.
Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0
Opinione inserita da Gabriella Santacesaria 14 Aprile, 2014

SENZA PAROLE... Un grazie al Dott. Piazzolla

Ciao a tutti, sono Gabriella e ho 40 anni; dirvi che sono rimasta senza parole per l'intervento di scoliosi, al quale mi sono sottoposta il 27/01/2014 eseguito dal dott. Piazzolla è davvero dir poco...non ci sono parole per il risultato sorprendente ottenuto. Il dott. Piazzolla ha fatto un gran lavoro sulla mia scoliosi e lo ringrazio di vero cuore per la sua simpatia, umanità e serenità che infonde in chi lo incontra. Sin dall'età di 9 anni ho dovuto convivere con questa brutta patologia, ho portato tanti gessi e corsetti; con i miei genitori, abbiamo girato un pò l'italia per trovare dei medici bravi e validi, ma purtroppo senza risultati. Infine non soddisfatti siamo addirittura andati a Lyon, lì dove mi hanno fatto un ultimo gesso all'età di 18 anni. Finalmente la mia scoliosi si ferma a 50°, il medico mi assicura una vita tranquilla e che l'intervento chirurgico lo si prenderà in esame solo quando la mia scoliosi avrà raggiunto i 70°....che dirvi...
Purtroppo con l'età i dolori sono aumentati, e da maggio 2013 ho iniziato a documentarmi su dove fare l'intervento chirurgico. Pensavo Milano, Bologna, Torino...ma poi consultando proprio questo sito, ho letto del Dott. Piazzolla, mi hanno colpito molto le recensioni, tutte positive su quest'uomo che effettivamente veniva descritto come umano, simpatico e bravo. Ho voluto rendermene conto di persona, e posso garantirvi che tutto quanto è scritto è verità. Il mio intervento, per via dell'età ormai adulta, e dei tanti gessi portati da piccola, (9-17 anni) purtroppo non mi hanno aiutata, anzi, hanno ostacolato il risultato dell'intervento, in quanto molto rigida a livello osseo, ma nonostante la rigidità, il Dott. Piazzolla è riuscito a fare un lavoro a dir poco eccezionale.. Da 78°a 18° dopo l'intervento. Una correzione che non mi aspettavo assolutamente, tutto è andato per il meglio. A distanza di due mesi e mezzo dall'operazione, sto bene e ho ripreso a fare tutto, all'infuori dello sport, perchè devo aspettare settembre. Perciò mi rivolgo a tutti coloro che hanno tanta paura, di farsi forza e coraggio, perchè l'intervento è l'unica strada per poter stare meglio, magari non arrivare come me, a 40 anni, per affrontare questo tipo di intervento, che fatto in età adolescente, sarebbe molto più semplice, non dico una passeggiata ma quasi.
Un grazie ancora di cuore al Dottor Piazzolla e a tutti gli infermieri.

Patologia trattata
Scoliosi idiopatica.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Salve a tutti! Mi chiamo Sara, ho 14 anni e da più di tre convivo con il busto ortopedico. La storia della mia scoliosi è abbastanza lunga e complicata, sintetizzerò dicendo che tutto è iniziato a Marzo del 2010 quando, in vista del campionato di pallavolo, mi sono recata assieme alla mia squadra alla Medicina Sportiva di Bari per alcuni controlli. Qui un medico ha notato qualcosa che non andava nella mia spina dorsale e ci ha consigliato una visita ortopedica. E così eccomi qualche mese dopo assieme ai miei genitori nell'ambulatorio del caro Dott. Piazzolla. Che dire? All'improvviso mi è stato detto che la mia era una scoliosi di ben 48° per la zona toracica e 36° per quella lombare. "Sara, sei con un piede in sala operatoria" mi disse il dottore. La soluzione? Busto gessato. Ora immaginate in quale situazione io, bambina di poco meno di 11 anni, fui catapultata. Questa "sentenza" era un po' amara e difficile da digerire, tanto che per avere un consulto in più ci siamo recati per ben due volte al rinomato ospedale Rizzoli di Bologna per un consulto prima da uno dei tanti ortopedici e poi direttamente dal primario. La situazione qui è stata completamente sottovalutata: addirittura l'intervento chirurgico ci è stato descritto come un qualcosa a puro fine estetico, "Solo nel caso", dicevano loro, "che a vent'anni ti veda la schiena storta a ti vada di operarti". Per non parlare dei numerosi esami che ci sono stati richiesti, TAC e tanto altro che ci è sembrato esagerato dato che la cura che mi era stata prescritta dai medici di Bologna prevedeva solo di indossare un semplice busto ortopedico da tenere una decina d'ore al giorno. La sera stessa della visita siamo stati spediti da un'officina a Bologna. Insomma, ci è sembrato di essere stati catapultati in una specie di buisness-ortopedico al solo scopo di lucro! Alla fine, durante il viaggio di ritorno da Bologna, ho scelto personalmente di indossare il busto gessato. Anch'io, ripeto a solo 11 anni, mi ero accorta della troppa leggerezza e superficialità con cui il mio problema era stato trattato. E così, dopo un'attesa più o meno lunga, sono andata in ospedale per il primo dei tre busti gessati che ho indossato. Ora non sto a descrivervi il procedimento, una specie di tortura! Ricordo quanto piangevo, ma i medici mi consolavano e mi facevano forza mentre mi costruivano quella specie di armatura gessata. Ho trascorso circa un paio di giorni in ospedale per ogni busto che ho fatto. I medici sono stati tutti molto bravi e gentili, dal Dott. Piazzolla, alla Dott.ssa D'amato (che mi ha assistita nell'arduo compito di imparare a infilare la maglietta sotto il busto), la Dott.ssa De Giorgi per non parlare dei radiologi e degli infermieri, alcuni molto simpatici e che riconosco ancora tra i corridoi dell'ospedale quando vi torno per i controlli. Ma in ospedale ho conosciuto anche tante ragazze e ragazzi che hanno affrontato l'intervento e con cui ho avuto la possibilità di confrontarmi, facendoci forza tra compagni di avventura-sventura. Ai tre busti gessati sono seguiti un busto lionese, un'armatura vera e propria, e due busti cheneau che ho tenuto e tengo tutt'ora per 23 ore su 24.
Gli inizi con il busto sono davvero tragici: ci si sente frantumare le costole, non ci si può piegare e si è molto limitati nei movimenti. Per non parlare di quante cose il busto impedisce di fare nella vita quotidiana: ballare, piegarsi semplicemente, per non parlare di quando arriva l'estate! In questa stagione vi do un consiglio: tenete tante magliette di ricambio a portata di mano e voi mamme preparatevi a fare una montagna di lavatrici!
In più è molto importante tenere il busto l'esatto numero di ore che ci viene prescritto. Certo può capitare una volta ogni tanto a tutti di "sgarrare" ma l'importante è che questo non accada sempre, altrimenti tutti i nostri sforzi sarebbero inutili!
Ammetto che tante volte ho pensato anch'io di mollare tutto e finire poi all'intervento, pensavo che almeno così mi sarei risparmiata anni di busto ma lo ammetto, adesso sono contenta di non averlo fatto e sono sicura che non lo farei mai.
Per il busto sono stata chiamata "Gig robot d'acciaio", "La mummia", "L'imbustata", "Frankenstein-girl" e non potete immaginare quanto questo mi desse ai nervi i primi tempi. Adesso però ho imparato a riderci su anch'io, anzi con il busto mi sento più a mio agio! Ho dovuto sopportare un bel po', ma se non l'avessi fatto qualche settimana fa non avrei ricevuto dal Dott. Piazzolla la bella notizia che mi ha migliorato la giornata, (anzi che dire la giornata, il mese, l'anno!)ovvero che la mia scogliosi di 48° toracica e 36° lombare adesso è di 22° e 8°! Insomma, un bel traguardo che mi ha salvato dall'operazione! Adesso mi toccano ancora due anni di busto, ma cosa saranno mai in confronto al resto che ho passato?
Per concludere, a chi magari è capitato su questo forum per avere un'idea di cosa fare, di che strada intraprendere, io vi consiglio di cuore di scegliere quella del busto. Forse è quella più scomoda e fastidiosa ma almeno, se seguita seriamente, vi risparmia di arrivare a un intervento che vi porta a una giornata intera in sala operatoria per inserire un corpo estraneo nella vostra schiena. E non finisce lì! In più i tempi di attesa sono alquanto lunghi: mi è capitato di conoscere una ragazza che doveva operarsi quando ho fatto il primo busto gessato e di rincontrarla quaranta giorni dopo, solo allora la stavano operando, quindi vi lascio immaginare...
Scusate se mi sono dilungata parecchio, ma volevo essere sicura di dirvi tutto ciò che c'era di indispensabile. Se comunque avete altri dubbi, domande, questa è la mia e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. (lo so, non è il massimo come e-mail, ma ci si arrangia).
Spero di esservi stata d'aiuto o per lo meno che vi abbia aiutato a capire che non siete i soli a vivere il "dramma" del busto ortopedico. AUGURO A TUTTI BUONA FORTUNA CON LA VOSTRA SCOLIOSI O QUALSIASI ALTRO PROBLEMA, VEDRETE CHE CON UN PO' D'IMPEGNO CE LA FAREMO!
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da Sara 04 Aprile, 2014

La mia storia

Salve a tutti! Mi chiamo Sara, ho 14 anni e da più di tre convivo con il busto ortopedico. La storia della mia scoliosi è abbastanza lunga e complicata, sintetizzerò dicendo che tutto è iniziato a Marzo del 2010 quando, in vista del campionato di pallavolo, mi sono recata assieme alla mia squadra alla Medicina Sportiva di Bari per alcuni controlli. Qui un medico ha notato qualcosa che non andava nella mia spina dorsale e ci ha consigliato una visita ortopedica. E così eccomi qualche mese dopo assieme ai miei genitori nell'ambulatorio del caro Dott. Piazzolla. Che dire? All'improvviso mi è stato detto che la mia era una scoliosi di ben 48° per la zona toracica e 36° per quella lombare. "Sara, sei con un piede in sala operatoria" mi disse il dottore. La soluzione? Busto gessato. Ora immaginate in quale situazione io, bambina di poco meno di 11 anni, fui catapultata. Questa "sentenza" era un po' amara e difficile da digerire, tanto che per avere un consulto in più ci siamo recati per ben due volte al rinomato ospedale Rizzoli di Bologna per un consulto prima da uno dei tanti ortopedici e poi direttamente dal primario. La situazione qui è stata completamente sottovalutata: addirittura l'intervento chirurgico ci è stato descritto come un qualcosa a puro fine estetico, "Solo nel caso", dicevano loro, "che a vent'anni ti veda la schiena storta a ti vada di operarti". Per non parlare dei numerosi esami che ci sono stati richiesti, TAC e tanto altro che ci è sembrato esagerato dato che la cura che mi era stata prescritta dai medici di Bologna prevedeva solo di indossare un semplice busto ortopedico da tenere una decina d'ore al giorno. La sera stessa della visita siamo stati spediti da un'officina a Bologna. Insomma, ci è sembrato di essere stati catapultati in una specie di buisness-ortopedico al solo scopo di lucro! Alla fine, durante il viaggio di ritorno da Bologna, ho scelto personalmente di indossare il busto gessato. Anch'io, ripeto a solo 11 anni, mi ero accorta della troppa leggerezza e superficialità con cui il mio problema era stato trattato. E così, dopo un'attesa più o meno lunga, sono andata in ospedale per il primo dei tre busti gessati che ho indossato. Ora non sto a descrivervi il procedimento, una specie di tortura! Ricordo quanto piangevo, ma i medici mi consolavano e mi facevano forza mentre mi costruivano quella specie di armatura gessata. Ho trascorso circa un paio di giorni in ospedale per ogni busto che ho fatto. I medici sono stati tutti molto bravi e gentili, dal Dott. Piazzolla, alla Dott.ssa D'amato (che mi ha assistita nell'arduo compito di imparare a infilare la maglietta sotto il busto), la Dott.ssa De Giorgi per non parlare dei radiologi e degli infermieri, alcuni molto simpatici e che riconosco ancora tra i corridoi dell'ospedale quando vi torno per i controlli. Ma in ospedale ho conosciuto anche tante ragazze e ragazzi che hanno affrontato l'intervento e con cui ho avuto la possibilità di confrontarmi, facendoci forza tra compagni di avventura-sventura. Ai tre busti gessati sono seguiti un busto lionese, un'armatura vera e propria, e due busti cheneau che ho tenuto e tengo tutt'ora per 23 ore su 24.
Gli inizi con il busto sono davvero tragici: ci si sente frantumare le costole, non ci si può piegare e si è molto limitati nei movimenti. Per non parlare di quante cose il busto impedisce di fare nella vita quotidiana: ballare, piegarsi semplicemente, per non parlare di quando arriva l'estate! In questa stagione vi do un consiglio: tenete tante magliette di ricambio a portata di mano e voi mamme preparatevi a fare una montagna di lavatrici!
In più è molto importante tenere il busto l'esatto numero di ore che ci viene prescritto. Certo può capitare una volta ogni tanto a tutti di "sgarrare" ma l'importante è che questo non accada sempre, altrimenti tutti i nostri sforzi sarebbero inutili!
Ammetto che tante volte ho pensato anch'io di mollare tutto e finire poi all'intervento, pensavo che almeno così mi sarei risparmiata anni di busto ma lo ammetto, adesso sono contenta di non averlo fatto e sono sicura che non lo farei mai.
Per il busto sono stata chiamata "Gig robot d'acciaio", "La mummia", "L'imbustata", "Frankenstein-girl" e non potete immaginare quanto questo mi desse ai nervi i primi tempi. Adesso però ho imparato a riderci su anch'io, anzi con il busto mi sento più a mio agio! Ho dovuto sopportare un bel po', ma se non l'avessi fatto qualche settimana fa non avrei ricevuto dal Dott. Piazzolla la bella notizia che mi ha migliorato la giornata, (anzi che dire la giornata, il mese, l'anno!)ovvero che la mia scogliosi di 48° toracica e 36° lombare adesso è di 22° e 8°! Insomma, un bel traguardo che mi ha salvato dall'operazione! Adesso mi toccano ancora due anni di busto, ma cosa saranno mai in confronto al resto che ho passato?
Per concludere, a chi magari è capitato su questo forum per avere un'idea di cosa fare, di che strada intraprendere, io vi consiglio di cuore di scegliere quella del busto. Forse è quella più scomoda e fastidiosa ma almeno, se seguita seriamente, vi risparmia di arrivare a un intervento che vi porta a una giornata intera in sala operatoria per inserire un corpo estraneo nella vostra schiena. E non finisce lì! In più i tempi di attesa sono alquanto lunghi: mi è capitato di conoscere una ragazza che doveva operarsi quando ho fatto il primo busto gessato e di rincontrarla quaranta giorni dopo, solo allora la stavano operando, quindi vi lascio immaginare...
Scusate se mi sono dilungata parecchio, ma volevo essere sicura di dirvi tutto ciò che c'era di indispensabile. Se comunque avete altri dubbi, domande, questa è la mia e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. (lo so, non è il massimo come e-mail, ma ci si arrangia).
Spero di esservi stata d'aiuto o per lo meno che vi abbia aiutato a capire che non siete i soli a vivere il "dramma" del busto ortopedico. AUGURO A TUTTI BUONA FORTUNA CON LA VOSTRA SCOLIOSI O QUALSIASI ALTRO PROBLEMA, VEDRETE CHE CON UN PO' D'IMPEGNO CE LA FAREMO!

Patologia trattata
Scoliosi toracica e lombare.
Consiglieresti questo reparto?
no
Trovi utile questa opinione? 
Il ragazzo in questione ha 12 anni, una scoliosi dorso-lombare di 45 gradi. Il primo specialista a Maglie ha spiegato il da farsi, ma non se la sentiva di procedere. Il secondo specialista a Bari, dottor Piazzolla, è stato un angelo durante la visita, ha chiesto una valutazione cardiologica avendo avuto il bambino un intervento a 17 giorni per coartazione aortica. Viene fatta la visita con il cardiologo, il quale da il consenso al busto gessato consigliato dal dottor Piazzolla, questo busto avrebbe sprigionato un calore di circa 45 gradi durante l'esecuzione della manovra. E qui iniziano i problemi. Viene mandato un fax al dottor Piazzolla della visita cardiologica, lui ci contatta dicendo che non basta, voleva una dichiarazione del cardiologo che assumeva lui la responsabilità del forte calore che avrebbe sprigionato il gesso, che da 45 gradi poteva arrivare a 60. Io mi chiedo come si possa dire un cosa del genere... Premetto che la manovra doveva essere eseguita in data 28 febbraio, ma era già slittata con scuse riguardanti il gessista ed il materiale per il gesso; pare che nel policlinico di bari queste sedute vengano svolte 1 volta al mese (cavolo quanto lavorano..!) la data era 1 aprile. In seguito ad una telefonata con il dottor Piazzolla, che sembrava molto seccato per questa certificazione, ci scoraggia dicendo che se il bambino avesse avuto qualche problema al cuore durante la manovra, lui non si assumeva nessuna responsabilità. Giudicate voi se questa è responsabilità. I genitori in questione sono disoccupati e fino ad ora hanno pagato 3 visite per non risolvere niente, anzi, sono distrutti ed il bambino spaventato. La prossima visita a San Severo CON UN ALTRO SPECIALISTA ORTOPEDICO PRIVATAMENTE è fissata per sabato. Speriamo che sia quello giusto. Questo lavora al nord, e che iddio ce la mandi buona. Se avete esperienza in merito, potete contattarmi alla mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. (anche lei dottor Piazzolla, magari chiariamo dei particolari; io sono la zia del bambino e lavoro da 27 anni in strutture ospedaliere del nord).
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
1.0
Opinione inserita da giusy strafella 27 Febbraio, 2014

Umano durante la visita privata, ma poi...

Il ragazzo in questione ha 12 anni, una scoliosi dorso-lombare di 45 gradi. Il primo specialista a Maglie ha spiegato il da farsi, ma non se la sentiva di procedere. Il secondo specialista a Bari, dottor Piazzolla, è stato un angelo durante la visita, ha chiesto una valutazione cardiologica avendo avuto il bambino un intervento a 17 giorni per coartazione aortica. Viene fatta la visita con il cardiologo, il quale da il consenso al busto gessato consigliato dal dottor Piazzolla, questo busto avrebbe sprigionato un calore di circa 45 gradi durante l'esecuzione della manovra. E qui iniziano i problemi. Viene mandato un fax al dottor Piazzolla della visita cardiologica, lui ci contatta dicendo che non basta, voleva una dichiarazione del cardiologo che assumeva lui la responsabilità del forte calore che avrebbe sprigionato il gesso, che da 45 gradi poteva arrivare a 60. Io mi chiedo come si possa dire un cosa del genere... Premetto che la manovra doveva essere eseguita in data 28 febbraio, ma era già slittata con scuse riguardanti il gessista ed il materiale per il gesso; pare che nel policlinico di bari queste sedute vengano svolte 1 volta al mese (cavolo quanto lavorano..!) la data era 1 aprile. In seguito ad una telefonata con il dottor Piazzolla, che sembrava molto seccato per questa certificazione, ci scoraggia dicendo che se il bambino avesse avuto qualche problema al cuore durante la manovra, lui non si assumeva nessuna responsabilità. Giudicate voi se questa è responsabilità. I genitori in questione sono disoccupati e fino ad ora hanno pagato 3 visite per non risolvere niente, anzi, sono distrutti ed il bambino spaventato. La prossima visita a San Severo CON UN ALTRO SPECIALISTA ORTOPEDICO PRIVATAMENTE è fissata per sabato. Speriamo che sia quello giusto. Questo lavora al nord, e che iddio ce la mandi buona. Se avete esperienza in merito, potete contattarmi alla mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. (anche lei dottor Piazzolla, magari chiariamo dei particolari; io sono la zia del bambino e lavoro da 27 anni in strutture ospedaliere del nord).

Patologia trattata
Scoliosi dorso lombare.
Consiglieresti questo reparto?
no
Trovi utile questa opinione? 
Non so se il Dottore sia bravo sulle scoliosi dei bambini, che ho visto trattare maggiormente, ma per altre patologie del rachide personalmente l'ho trovato poco preparato. A parere di altri specialisti da me consultati successivamente, visto che lui non ha saputo darmi una valida diagnosi, è stato molto superficiale.... Ma si sa, ogni specialista si "specializza" su alcune patologie e su altre è meglio che consigli il collega adatto. Purtroppo però non tutti sono capaci di mettere da parte il proprio ego.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0
Opinione inserita da Michele 26 Febbraio, 2014

Dalle recensioni speravo meglio...

Non so se il Dottore sia bravo sulle scoliosi dei bambini, che ho visto trattare maggiormente, ma per altre patologie del rachide personalmente l'ho trovato poco preparato. A parere di altri specialisti da me consultati successivamente, visto che lui non ha saputo darmi una valida diagnosi, è stato molto superficiale.... Ma si sa, ogni specialista si "specializza" su alcune patologie e su altre è meglio che consigli il collega adatto. Purtroppo però non tutti sono capaci di mettere da parte il proprio ego.

Patologia trattata
Ernie discali.
Consiglieresti questo reparto?
no
Trovi utile questa opinione? 
Mi chiamo Antonella e ho 16 anni, il 2 dicembre ho affrontato il mio primo intervento, un intervento complesso volto a correggere la mia scoliosi dorso lombare di 40° e 51°. Sono scesa in sala operatoria alle 7:30, ero un po’ agitata ma non eccessivamente, perché i medici con i loro sorrisi e la loro simpatia sono riusciti sin da subito a tranquillizzarmi. Con me, in sala, c’erano l’anestesista Marella, un uomo eccezionale, gentilissimo e sempre disponibile e il dottor Mori, anche lui molto bravo.  Al risveglio, ho pensato: “Ora inizia una nuova vita” e poi ho visto il dottor Piazzolla, sorridente come sempre. Sono uscita dalla sala operatoria alle 21:00 e tutti i medici hanno esclamato: “Brava, brava, brava Antonella!”, io incredula continuavo a sorridere, perché mi sembrava di vivere in un sogno. L'intervento dura un bel pò ma considerate che la fase della preparazione e l'attesa sono un pò lunghette. Le prime settimane, lo ammetto, non sono state facili, ci si sente molto deboli ma poi pian piano le forze ritornano e ogni giorno che passa ci si sente meglio. La sensazione che ho provato, è stata come quella di "sentirsi in gabbia". Dopo tre giorni dall’intervento, mercoledì per l’esattezza, ho iniziato a camminare sorreggendomi al dottor Piazzolla, che nei giorni successivi mi sollecitava a camminare un po’ nel corridoio. Ad una settimana esatta dall'operazione ero di nuovo a casa. Anche qui, le mie sensazioni sono state un pò spiacevoli, non riuscivo a rimanere per molto tempo seduta, volevo rimanere distesa a letto, mi sentivo "tirare", ogni tanto mi bruciava l'anca e mi è capitato di avere una specie di "scatto" con la gamba destra. State tranquilli, è tutto normale (la situazione dura giusto le prime settimane).  Se proprio devo dirla tutta, ho perso solo due settimane di scuola. Ora sono trascorsi due mesi e riesco a piegarmi e non avverto più quei dolori, certo, non posso ancora sollevare pesi, ma penso che tra qualche mese potrò farlo.. E' tutto sopportabile (e se lo dico io, ci dovete credere). La fase più lunga è stata proprio quella degli accertamenti, più che l'intervento in sè per sè, durati due settimane piene. Ricordate che la buona riuscita dell'intervento è più importante di qualsiasi altra cosa. La paura di affrontare un intervento era tanta, avevamo pensato persino di rinunciarci, ma se è necessario bisogna farlo e andare in Francia o a Bologna, non serve se la soluzione è già vicino casa. Le competenze professionali ci sono, il dott. Piazzolla è un medico davvero valente. L'unica cosa negativa è stato il tempo di attesa per effettuare alcuni esami e alcuni aspetti della struttura e della sua tenuta, non propriamente eccelsi, ma il settore pubblico funziona così. In fin dei conti, posso solo che essere FELICE, IN PRIMIS per l'intervento e poi anche per il trattamento in generale. P.s.: Ci sono dei dottori molto carini ;)
Personalmente prima dell'operazione desideravo parlare con qualcuno che avesse già vissuto quest'esperienza, quindi sono ben contenta di ricevere magari le vostre domande se ne avete bisogno. Questa è la mia mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da Antonella Carbone 11 Febbraio, 2014

Intervento di scoliosi

Mi chiamo Antonella e ho 16 anni, il 2 dicembre ho affrontato il mio primo intervento, un intervento complesso volto a correggere la mia scoliosi dorso lombare di 40° e 51°. Sono scesa in sala operatoria alle 7:30, ero un po’ agitata ma non eccessivamente, perché i medici con i loro sorrisi e la loro simpatia sono riusciti sin da subito a tranquillizzarmi. Con me, in sala, c’erano l’anestesista Marella, un uomo eccezionale, gentilissimo e sempre disponibile e il dottor Mori, anche lui molto bravo.  Al risveglio, ho pensato: “Ora inizia una nuova vita” e poi ho visto il dottor Piazzolla, sorridente come sempre. Sono uscita dalla sala operatoria alle 21:00 e tutti i medici hanno esclamato: “Brava, brava, brava Antonella!”, io incredula continuavo a sorridere, perché mi sembrava di vivere in un sogno. L'intervento dura un bel pò ma considerate che la fase della preparazione e l'attesa sono un pò lunghette. Le prime settimane, lo ammetto, non sono state facili, ci si sente molto deboli ma poi pian piano le forze ritornano e ogni giorno che passa ci si sente meglio. La sensazione che ho provato, è stata come quella di "sentirsi in gabbia". Dopo tre giorni dall’intervento, mercoledì per l’esattezza, ho iniziato a camminare sorreggendomi al dottor Piazzolla, che nei giorni successivi mi sollecitava a camminare un po’ nel corridoio. Ad una settimana esatta dall'operazione ero di nuovo a casa. Anche qui, le mie sensazioni sono state un pò spiacevoli, non riuscivo a rimanere per molto tempo seduta, volevo rimanere distesa a letto, mi sentivo "tirare", ogni tanto mi bruciava l'anca e mi è capitato di avere una specie di "scatto" con la gamba destra. State tranquilli, è tutto normale (la situazione dura giusto le prime settimane).  Se proprio devo dirla tutta, ho perso solo due settimane di scuola. Ora sono trascorsi due mesi e riesco a piegarmi e non avverto più quei dolori, certo, non posso ancora sollevare pesi, ma penso che tra qualche mese potrò farlo.. E' tutto sopportabile (e se lo dico io, ci dovete credere). La fase più lunga è stata proprio quella degli accertamenti, più che l'intervento in sè per sè, durati due settimane piene. Ricordate che la buona riuscita dell'intervento è più importante di qualsiasi altra cosa. La paura di affrontare un intervento era tanta, avevamo pensato persino di rinunciarci, ma se è necessario bisogna farlo e andare in Francia o a Bologna, non serve se la soluzione è già vicino casa. Le competenze professionali ci sono, il dott. Piazzolla è un medico davvero valente. L'unica cosa negativa è stato il tempo di attesa per effettuare alcuni esami e alcuni aspetti della struttura e della sua tenuta, non propriamente eccelsi, ma il settore pubblico funziona così. In fin dei conti, posso solo che essere FELICE, IN PRIMIS per l'intervento e poi anche per il trattamento in generale. P.s.: Ci sono dei dottori molto carini ;)
Personalmente prima dell'operazione desideravo parlare con qualcuno che avesse già vissuto quest'esperienza, quindi sono ben contenta di ricevere magari le vostre domande se ne avete bisogno. Questa è la mia mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Patologia trattata
Scoliosi.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Tutto iniziò quando avevo 8 anni e mi diagnosticarono una scoliosi non molto grave e la iniziai a curare con il busto, ottenendo buoni risultati. Successivamente, all’età di circa 15 anni, non ho più rispettato la cura che mi era stata assegnata, perché non capivo realmente le conseguenze che ne sarebbero derivate.
All’età di 17 anni ho incontrato sul mio cammino il dott. Piazzolla, una persona molto gentile e disponibile, e soprattutto esaustiva. Io avevo una scoliosi idiopatica doppia di 51° e nel 2010 ho subito un intervento chirurgico e la mia scoliosi è stata ridotta a 12°/5°. Oltre al dott. Piazzolla, vorrei ringraziare tutto il personale che li sta accanto, dottori, infermieri, fisioterapisti, anestesisti e tutti gli altri che collaborano al buon funzionamento del reparto. Sono stati tutti molto gentili. Posso dire che è una soddisfazione avere nella nostra Puglia un servizio ottimo, oltre ad un medico eccezionale.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da Romina 09 Febbraio, 2014

Un ringraziamento speciale al dottor Piazzolla

Tutto iniziò quando avevo 8 anni e mi diagnosticarono una scoliosi non molto grave e la iniziai a curare con il busto, ottenendo buoni risultati. Successivamente, all’età di circa 15 anni, non ho più rispettato la cura che mi era stata assegnata, perché non capivo realmente le conseguenze che ne sarebbero derivate.
All’età di 17 anni ho incontrato sul mio cammino il dott. Piazzolla, una persona molto gentile e disponibile, e soprattutto esaustiva. Io avevo una scoliosi idiopatica doppia di 51° e nel 2010 ho subito un intervento chirurgico e la mia scoliosi è stata ridotta a 12°/5°. Oltre al dott. Piazzolla, vorrei ringraziare tutto il personale che li sta accanto, dottori, infermieri, fisioterapisti, anestesisti e tutti gli altri che collaborano al buon funzionamento del reparto. Sono stati tutti molto gentili. Posso dire che è una soddisfazione avere nella nostra Puglia un servizio ottimo, oltre ad un medico eccezionale.

Patologia trattata
Scoliosi trattata chirurgicamente.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Innanzitutto mi presento, mi chiamo Martina Duggento ho 13 anni e vivo a Manduria (TA). Tutto è iniziato a settembre 2012, quando ho fatto il solito controllo dalla pediatra. Quel giorno mi sentivo che qualcosa sarebbe andata male... e così è stato!
Quando ti senti dire che hai una forma di scoliosi molto grave e che devi subire uns operazione, ti cade il mondo addosso... Confesso che, prima di incontrare il mio caro Dott. Piazzolla, la paura era tanta.
Perchè diciamocelo, chi non avrebbe paura di una operazione così delicata a cui dovresti sottoporti per sconfiggere un "MOSTRO".. un "mostro" che fa una paura enorme? Chi avrebbe il coraggio di dire "io voglio fare l'operazione"? Chi sarebbe così coraggioso? Di certo non io!
Ma poi ho incontrato un uomo che nella mia vita sta significando molto, un uomo che prima di essere un grande chirurgo è un uomo dalla parola semplice, che ti fa sembrare la cosa più grave che ci possa essere in una cosa da sconfiggere in sole poche parole! Quest'uomo si chiama Andrea Piazzolla! La persona che forze in questo momento mi capisce più di chiunque altra. La mia prima impressione è stata ottima ...!
La mia scoliosi era di 42°... Un po' troppi per "scampare" dal pericolo dell'intervento... pero' il mio dottore preferito, di cui mi fido ciecamente, disse che avrebbe provato con il busto. Io in quegli attimi avrei preferito andare all'operazione ma poi, elencati i pericoli, ho preferito metterlo. Ma non metterlo quando mi pare e piace, ma 23 ore su 24, che sarebbe sempre! Non vi nascondo che è stato dolorosissimo abituarmi ad un corpo estraneo sul mio.. ma poi vi posso assicurare che continuerete la vostra vita come se niente fosse. Certo, vi limita i movimenti, ma non nel mio caso: ci crederete oppure no, ma io, mentre sto in camera ad ascoltare i miei pezzi preferiti, inizio a ballare come se non portassi il busto, come se fossi libera da ogni costrizione che mette il busto! Sta a voi poi costringere la mente nel dire che con il busto sei immobile! Ho solo 13 anni ed ho ancora 3-4 anni da "scontare" e quindi mettere il busto, ma vi posso assicurare che in nove mesi sono migliorata di 12°.. Sì, adesso ho 30°! Certo è stato uno sforzo enorme, ma so che più avanti andrò, più la scoliosi diminuirà.. e tutto questo lo devo al mio caro dottore, che con le sue parole mi invoglia e, nello stesso tempo, mi "ORDINA" a mettere il busto.
Grazie di cuore dottore.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da Martina 04 Febbraio, 2014

La mia storia

Innanzitutto mi presento, mi chiamo Martina Duggento ho 13 anni e vivo a Manduria (TA). Tutto è iniziato a settembre 2012, quando ho fatto il solito controllo dalla pediatra. Quel giorno mi sentivo che qualcosa sarebbe andata male... e così è stato!
Quando ti senti dire che hai una forma di scoliosi molto grave e che devi subire uns operazione, ti cade il mondo addosso... Confesso che, prima di incontrare il mio caro Dott. Piazzolla, la paura era tanta.
Perchè diciamocelo, chi non avrebbe paura di una operazione così delicata a cui dovresti sottoporti per sconfiggere un "MOSTRO".. un "mostro" che fa una paura enorme? Chi avrebbe il coraggio di dire "io voglio fare l'operazione"? Chi sarebbe così coraggioso? Di certo non io!
Ma poi ho incontrato un uomo che nella mia vita sta significando molto, un uomo che prima di essere un grande chirurgo è un uomo dalla parola semplice, che ti fa sembrare la cosa più grave che ci possa essere in una cosa da sconfiggere in sole poche parole! Quest'uomo si chiama Andrea Piazzolla! La persona che forze in questo momento mi capisce più di chiunque altra. La mia prima impressione è stata ottima ...!
La mia scoliosi era di 42°... Un po' troppi per "scampare" dal pericolo dell'intervento... pero' il mio dottore preferito, di cui mi fido ciecamente, disse che avrebbe provato con il busto. Io in quegli attimi avrei preferito andare all'operazione ma poi, elencati i pericoli, ho preferito metterlo. Ma non metterlo quando mi pare e piace, ma 23 ore su 24, che sarebbe sempre! Non vi nascondo che è stato dolorosissimo abituarmi ad un corpo estraneo sul mio.. ma poi vi posso assicurare che continuerete la vostra vita come se niente fosse. Certo, vi limita i movimenti, ma non nel mio caso: ci crederete oppure no, ma io, mentre sto in camera ad ascoltare i miei pezzi preferiti, inizio a ballare come se non portassi il busto, come se fossi libera da ogni costrizione che mette il busto! Sta a voi poi costringere la mente nel dire che con il busto sei immobile! Ho solo 13 anni ed ho ancora 3-4 anni da "scontare" e quindi mettere il busto, ma vi posso assicurare che in nove mesi sono migliorata di 12°.. Sì, adesso ho 30°! Certo è stato uno sforzo enorme, ma so che più avanti andrò, più la scoliosi diminuirà.. e tutto questo lo devo al mio caro dottore, che con le sue parole mi invoglia e, nello stesso tempo, mi "ORDINA" a mettere il busto.
Grazie di cuore dottore.

Patologia trattata
Grave scoliosi ad S italica.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
La storia e' quella di una bambina di 10 anni con un problema di scoliosi idiopatica altamente evolutiva, che aveva consultato due medici ortopedici che consigliavano il primo l'intervento, il secondo un busto ortopedico. Con una scoliosi di circa 40 gradi, grazie a Dio e quasi per caso, abbiamo conosciuto il magnifico prof. Piazzolla Andrea, che con la sua assoluta competenza in materia ci consigliava di fare un primo busto gessato, a cui sarebbe seguito un secondo per scongiurare il rischio operazione. Ebbene, dopo l'applicazione del primo busto gessato, la scoliosi e' diminuita da 40 a 28 gradi. Adesso siamo attendendo il 25 febbraio per togliere il primo e mettere il secondo busto, che manterra' per altri 45 giorni nella speranza di abbassare ancora i gradi di scoliosi. Il prof. Piazzolla e' un grande uomo e un grande medico, sempre disponibile e paziente, ha sempre risposto con competenza a tutte le nostre domande. Ricorderemo sempre la frase che profferì dopo la prima visita a Bari fatta a mia figlia "Avete fiducia in me...??". Ebbene questa fiducia e' stata ampiamente ripagata dal prof. Piazzolla. Speriamo di poterlo nuovamente ringraziare per aver riportato i gradi di scoliosi di mia figlia a livelli normali. Grazie al prof. Piazzolla e a tutto il suo staff medico. Nonostante il disagio di fare Lecce - Bari, siamo contenti di aver conosciuto uns eccellenza medica anche nel nostro sud. Speriamo di ringraziarvi nuovamente per aver riportato la scoliosi di mia figlia a livelli "normali".
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0
Opinione inserita da maria 04 Febbraio, 2014

UN GRANDE GRAZIE AL PROF. PIAZZOLLA

La storia e' quella di una bambina di 10 anni con un problema di scoliosi idiopatica altamente evolutiva, che aveva consultato due medici ortopedici che consigliavano il primo l'intervento, il secondo un busto ortopedico. Con una scoliosi di circa 40 gradi, grazie a Dio e quasi per caso, abbiamo conosciuto il magnifico prof. Piazzolla Andrea, che con la sua assoluta competenza in materia ci consigliava di fare un primo busto gessato, a cui sarebbe seguito un secondo per scongiurare il rischio operazione. Ebbene, dopo l'applicazione del primo busto gessato, la scoliosi e' diminuita da 40 a 28 gradi. Adesso siamo attendendo il 25 febbraio per togliere il primo e mettere il secondo busto, che manterra' per altri 45 giorni nella speranza di abbassare ancora i gradi di scoliosi. Il prof. Piazzolla e' un grande uomo e un grande medico, sempre disponibile e paziente, ha sempre risposto con competenza a tutte le nostre domande. Ricorderemo sempre la frase che profferì dopo la prima visita a Bari fatta a mia figlia "Avete fiducia in me...??". Ebbene questa fiducia e' stata ampiamente ripagata dal prof. Piazzolla. Speriamo di poterlo nuovamente ringraziare per aver riportato i gradi di scoliosi di mia figlia a livelli normali. Grazie al prof. Piazzolla e a tutto il suo staff medico. Nonostante il disagio di fare Lecce - Bari, siamo contenti di aver conosciuto uns eccellenza medica anche nel nostro sud. Speriamo di ringraziarvi nuovamente per aver riportato la scoliosi di mia figlia a livelli "normali".

Patologia trattata
Scoliosi idiopatica.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Mi chiamo Vito Stefano e volevo ringraziare di vero cuore il Dott. Piazzolla Andrea, medico eccellente della colonna vertebrale del reparto di Ortopedia e traumatologia I dell'Ospedale Policlinico di Bari.
Operato in data 30 agosto 2014 per rimozione di strumenti di sintesi in zona lombare l5-s1, l'intervento è riuscito con successo.
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0
Opinione inserita da Vito 04 Febbraio, 2014

Dott. Piazzolla Andrea un vero specialista

Mi chiamo Vito Stefano e volevo ringraziare di vero cuore il Dott. Piazzolla Andrea, medico eccellente della colonna vertebrale del reparto di Ortopedia e traumatologia I dell'Ospedale Policlinico di Bari.
Operato in data 30 agosto 2014 per rimozione di strumenti di sintesi in zona lombare l5-s1, l'intervento è riuscito con successo.

Patologia trattata
Scoliosi.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Quando ero più piccola soffrivo di una grave scoliosi, portavo il busto dall'età di 8 anni e non migliorava molto.. anzi, per niente proprio. Quando un giorno mi portarono al policlinico di Bari, dove mi spiegarono che nella mia situazione dovevo essere operata; premetto che sono andata anche a pagamento dal prof. De Giorgi, che è stato bravissimo (lavorava sempre lì nel policlinico) e mi ha spiegato tutto, nonostante la mia piccola età. Sono stati bravissimi, un'operazione straordinaria. Finalmente mi levarono un grosso peso per me. Grazie a loro la mia schiena sta benissimo e io compresa. E pensare che la gente non ci crede che sono stata operata, la cicatrice manco si vede. SIETE TUTTI BRAVISSIMI ed ora io posso fare qualsiasi attività :) Tutto per davvero :)
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da valentina 04 Febbraio, 2014

La mia storia :-)

Quando ero più piccola soffrivo di una grave scoliosi, portavo il busto dall'età di 8 anni e non migliorava molto.. anzi, per niente proprio. Quando un giorno mi portarono al policlinico di Bari, dove mi spiegarono che nella mia situazione dovevo essere operata; premetto che sono andata anche a pagamento dal prof. De Giorgi, che è stato bravissimo (lavorava sempre lì nel policlinico) e mi ha spiegato tutto, nonostante la mia piccola età. Sono stati bravissimi, un'operazione straordinaria. Finalmente mi levarono un grosso peso per me. Grazie a loro la mia schiena sta benissimo e io compresa. E pensare che la gente non ci crede che sono stata operata, la cicatrice manco si vede. SIETE TUTTI BRAVISSIMI ed ora io posso fare qualsiasi attività :) Tutto per davvero :)

Patologia trattata
Scoliosi doppia.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
2 busti gessati, 3 busti ortopedici in plastica, ginnastica correttiva tre volte a settimana per 2 anni, ma ora la mia scoliosi è passata da 43° a 3°....
ABBIAMO VINTO!!!
Un Grazie al dott. Piazzolla ed a tutta l'equipe del Centro Scoliosi del Policlinico di Bari.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0
Opinione inserita da martina 04 Febbraio, 2014

Liberata

2 busti gessati, 3 busti ortopedici in plastica, ginnastica correttiva tre volte a settimana per 2 anni, ma ora la mia scoliosi è passata da 43° a 3°....
ABBIAMO VINTO!!!
Un Grazie al dott. Piazzolla ed a tutta l'equipe del Centro Scoliosi del Policlinico di Bari.

Patologia trattata
Scoliosi idiopatica evolutiva.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Caro Prof. Dott. Giuseppe Solarino, sono felicemente sbalordito per le mie condizioni dopo l’intervento!
Grazie a lei ho ripreso a camminare normalmente, una normalità che non conoscevo più da tempo! Col senno di poi, se mi trovassi nelle condizioni in cui ero, rifarei l’intervento in totale tranquillità. Ovviamente farò in modo di non ritrovarmi nella stessa situazione in cui ero. In sintesi, mi sento guarito e ne sono contento.
Di ciò la ringrazio la ringrazio di cuore e la saluto caramente.
PS: colgo l’occasione per AUGURARLE BUON ANNO.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da Galasso Giacomo 02 Gennaio, 2014

Operazione riuscita

Caro Prof. Dott. Giuseppe Solarino, sono felicemente sbalordito per le mie condizioni dopo l’intervento!
Grazie a lei ho ripreso a camminare normalmente, una normalità che non conoscevo più da tempo! Col senno di poi, se mi trovassi nelle condizioni in cui ero, rifarei l’intervento in totale tranquillità. Ovviamente farò in modo di non ritrovarmi nella stessa situazione in cui ero. In sintesi, mi sento guarito e ne sono contento.
Di ciò la ringrazio la ringrazio di cuore e la saluto caramente.
PS: colgo l’occasione per AUGURARLE BUON ANNO.

Patologia trattata
Protesi all'anca.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Mi chiamo Patrizia, ho un bimbo di soli 6 anni di nome DODO! All'età di 2 anni e mezzo, grazie ad un day hospital, la dott.ssa Rana di Molfetta notò qualcosa che non andava alla schiena di mio figlio e mi consigliò una visita da un ortopedico! E' da quel momento che è iniziato tutto e, dopo diversi controlli ad ottobre del 2012, il dott. Piazzolla mi confermò che il mio bimbo doveva operarsi, la sua ERA una malformazione congenita con emispondi. Dovevano intervenire per forza, per la sua salute. A febbraio del 2013 ci siamo ricoverati per tutti gli accertamenti che precedono l'intervento, ed è li in quel reparto di ortopedia 1 del Policlinico di Bari che ho conosciuto una famiglia, gli infermieri, i dottori, TUTTI molto bravi con noi; ed è così che i primi 21 giorni sono passati senza pesare tanto ad un bimbo di soli 6 anni!! Dopo questo pre-ricovero, a giugno il dott. Piazzolla mi spiegò nei minimi dettagli l'intervento che entro dicembre avrebbe dovuto subire Dodo; mi fidai subito di Lui, le spiegazioni i minimi dettagli, tutte le domande di una mamma trovavano risposta e, nonostante le mie 1000 paure, Lui trovava sempre una parola per tranquillizzarmi: ANDRà TUTTO BENE MI DICEVA, ma ho bisogno di un aiuto perché questo intervento ha bisogno di un altro dottore. Il suo consiglio era il dott. Massimo Balsano di Vicenza, ma scegli tu mi disse! Ho voluto fidarmi, come fin dall'inizio. A novembre la chiamata per l'intervento, eravamo pronti perché sarebbe finito un incubo che ormai da tre anni faceva parte delle nostre giornate. L'8 novembre il ricovero, il 13 l'intervento. Una settimana passata in fretta tra domande, paura, lacrime che riuscivano a calmare, rassicurandomi, solo gli infermieri i medici e soprattutto il dott. Marella, un anestesista troppo buono che è stato vicino a Dodo ed a me ogni volta che ne avevamo bisogno. Ed ecco che arriva il 13 novembre, velocemente! Siamo scesi alle 7.30, c'era il dott. Marella e la dott.ssa MariaTeresa, anche lei bravissima e dolcissima con il mio bimbo; alle 9.00 è arrivato in sala operatoria assieme al dott. Piazzolla, Massimo Balsano: SIGNORA STIA TRANQUILLA FAREMO TUTTO QUELLO CHE C'è DA FARE, OTTIMANENTE!! NON SI PREOCCUPI!! Sembrava che si fosse fermato il tempo, mio figlio era lì dentro ed io fuori in ansia, nonostante ci fosse sempre qualcuno che usciva ad aggiornarmi, PREGANDO affinché tutto andasse bene e alle 16.00 i Dottori soddisfatti aprono quella porta, con un sorriso stampato in faccia dicendomi: è ANDATO TUTTO BENE CORRI AD ABBRACCIARE TUO FIGLIO, STA CHIEDENDO DI TE!! Intervento riuscito ottimamente, che ha previsto la stabilizzazione della colonna con delle viti e delle piccole barre, la rimozione della vertebra malformata e la sostituzione di questa con un osso sintetico, tutto questo grazie a loro, grazie al loro lavoro, all'esperienza, alla competenza e al cuore che mettono nelle cose! GRAZIE GRAZIE 1000 VOLTE MA NON BASTEREBBERO! è passato un mese, oggi esattamente e mio figlio sta bene, più forte di prima e con una grande forza di andare avanti!! GRAZIE DOTT. MASSIMO BALSANO, GRAZIE E CHE DIO POSSA GUIDARTI SEMPRE, E UN GRAZIE GRANDISSIMO VA A TE, ANDREA PIAZZOLLA CHE SEI STATO SEMPRE ACCANTO A MIO FIGLIO CHE L'HAI SEGUITO IN QUESTO TEMPO, A TE CHE LO CONTROLLAVI IN QUALSIASI MOMENTO DOPO L'INTERVENTO PER ASSICURARTI CHE TUTTO FOSSE SOTTO CONTROLLO, GRAZIE DI CUORE IL MIO BIMBO STA BENE E QUESTO è IL MIO Più BEL REGALO DI NATALE CHE DUE PERSONE SPECIALI MI HANNO FATTO, GRAZIE!! E ANCHE A VOI dott.ssa MARELLA, MARIATERESA,I MEDICI, GLI INFERMIERI UN GRAZIE GRANDE QUANTO è GRANDE IL VOSTRO CUORE!! IO NON VI DIMENTICHERò MAI E VE NE SARò GRATA PER SEMPRE!!
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
4.0
Opinione inserita da Patrizia 13 Dicembre, 2013

DUE MEDICI ECCELLENTI

Mi chiamo Patrizia, ho un bimbo di soli 6 anni di nome DODO! All'età di 2 anni e mezzo, grazie ad un day hospital, la dott.ssa Rana di Molfetta notò qualcosa che non andava alla schiena di mio figlio e mi consigliò una visita da un ortopedico! E' da quel momento che è iniziato tutto e, dopo diversi controlli ad ottobre del 2012, il dott. Piazzolla mi confermò che il mio bimbo doveva operarsi, la sua ERA una malformazione congenita con emispondi. Dovevano intervenire per forza, per la sua salute. A febbraio del 2013 ci siamo ricoverati per tutti gli accertamenti che precedono l'intervento, ed è li in quel reparto di ortopedia 1 del Policlinico di Bari che ho conosciuto una famiglia, gli infermieri, i dottori, TUTTI molto bravi con noi; ed è così che i primi 21 giorni sono passati senza pesare tanto ad un bimbo di soli 6 anni!! Dopo questo pre-ricovero, a giugno il dott. Piazzolla mi spiegò nei minimi dettagli l'intervento che entro dicembre avrebbe dovuto subire Dodo; mi fidai subito di Lui, le spiegazioni i minimi dettagli, tutte le domande di una mamma trovavano risposta e, nonostante le mie 1000 paure, Lui trovava sempre una parola per tranquillizzarmi: ANDRà TUTTO BENE MI DICEVA, ma ho bisogno di un aiuto perché questo intervento ha bisogno di un altro dottore. Il suo consiglio era il dott. Massimo Balsano di Vicenza, ma scegli tu mi disse! Ho voluto fidarmi, come fin dall'inizio. A novembre la chiamata per l'intervento, eravamo pronti perché sarebbe finito un incubo che ormai da tre anni faceva parte delle nostre giornate. L'8 novembre il ricovero, il 13 l'intervento. Una settimana passata in fretta tra domande, paura, lacrime che riuscivano a calmare, rassicurandomi, solo gli infermieri i medici e soprattutto il dott. Marella, un anestesista troppo buono che è stato vicino a Dodo ed a me ogni volta che ne avevamo bisogno. Ed ecco che arriva il 13 novembre, velocemente! Siamo scesi alle 7.30, c'era il dott. Marella e la dott.ssa MariaTeresa, anche lei bravissima e dolcissima con il mio bimbo; alle 9.00 è arrivato in sala operatoria assieme al dott. Piazzolla, Massimo Balsano: SIGNORA STIA TRANQUILLA FAREMO TUTTO QUELLO CHE C'è DA FARE, OTTIMANENTE!! NON SI PREOCCUPI!! Sembrava che si fosse fermato il tempo, mio figlio era lì dentro ed io fuori in ansia, nonostante ci fosse sempre qualcuno che usciva ad aggiornarmi, PREGANDO affinché tutto andasse bene e alle 16.00 i Dottori soddisfatti aprono quella porta, con un sorriso stampato in faccia dicendomi: è ANDATO TUTTO BENE CORRI AD ABBRACCIARE TUO FIGLIO, STA CHIEDENDO DI TE!! Intervento riuscito ottimamente, che ha previsto la stabilizzazione della colonna con delle viti e delle piccole barre, la rimozione della vertebra malformata e la sostituzione di questa con un osso sintetico, tutto questo grazie a loro, grazie al loro lavoro, all'esperienza, alla competenza e al cuore che mettono nelle cose! GRAZIE GRAZIE 1000 VOLTE MA NON BASTEREBBERO! è passato un mese, oggi esattamente e mio figlio sta bene, più forte di prima e con una grande forza di andare avanti!! GRAZIE DOTT. MASSIMO BALSANO, GRAZIE E CHE DIO POSSA GUIDARTI SEMPRE, E UN GRAZIE GRANDISSIMO VA A TE, ANDREA PIAZZOLLA CHE SEI STATO SEMPRE ACCANTO A MIO FIGLIO CHE L'HAI SEGUITO IN QUESTO TEMPO, A TE CHE LO CONTROLLAVI IN QUALSIASI MOMENTO DOPO L'INTERVENTO PER ASSICURARTI CHE TUTTO FOSSE SOTTO CONTROLLO, GRAZIE DI CUORE IL MIO BIMBO STA BENE E QUESTO è IL MIO Più BEL REGALO DI NATALE CHE DUE PERSONE SPECIALI MI HANNO FATTO, GRAZIE!! E ANCHE A VOI dott.ssa MARELLA, MARIATERESA,I MEDICI, GLI INFERMIERI UN GRAZIE GRANDE QUANTO è GRANDE IL VOSTRO CUORE!! IO NON VI DIMENTICHERò MAI E VE NE SARò GRATA PER SEMPRE!!

Patologia trattata
SCOLIOSI CONGENITA CON EMISPONDI.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Il mio è un racconto semplice, che parla di un uomo semplice, il Dott. Andrea Piazzolla. Già... un uomo prima ancora di essere un grande chirurgo ortopedico...
Quando mia madre arrivò in reparto eravamo consapevoli che la situazione fosse grave, insomma... avevamo intuito la possibilità che la sua scoliosi, unita ad alcuni errori tecnico valutativi commessi in precedenza da altri medici, avrebbero potuto condannare questa anziana donna di 73 anni all'immobilità..
E fu proprio il primo colloquio avuto con il Dott. Piazzolla che mi fece subito capire lo stato delle cose.. la loro complessità.. con poche ma semplici parole, senza girare troppo intorno con termini incomprensibili, egli mi assicurò che avrebbe fatto il possibile per ridare a mia madre una vita normale, quantomeno dignitosa....
E così è stato. Dopo l'intervento e venti giorni successivi di immobilizzazione a letto, mia madre è tornata da Bari, dove doveva solo eseguire l'asportazione dei punti di sutura, in piedi....: perfettamente in piedi.
Certo, adesso il recupero sarà laborioso e complicato, ma quando ti viene offerta la possibilità di ritornare a vivere.. qualsiasi sacrificio è ben accetto.
Non ci sono parole che possano rendere la giusta ricompensa al Dott. Piazzolla.... ma per quello che ho conosciuto di lui, e credo di non sbagliarmi, credo che la sua più grande ricompensa sia stata mettere in piedi mia madre...
Grazie di cuore Andrea, da Gianni Rosito e da tutta la sua famiglia.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
4.0
Opinione inserita da Gianni Rosito 10 Ottobre, 2013

Un racconto semplice

Il mio è un racconto semplice, che parla di un uomo semplice, il Dott. Andrea Piazzolla. Già... un uomo prima ancora di essere un grande chirurgo ortopedico...
Quando mia madre arrivò in reparto eravamo consapevoli che la situazione fosse grave, insomma... avevamo intuito la possibilità che la sua scoliosi, unita ad alcuni errori tecnico valutativi commessi in precedenza da altri medici, avrebbero potuto condannare questa anziana donna di 73 anni all'immobilità..
E fu proprio il primo colloquio avuto con il Dott. Piazzolla che mi fece subito capire lo stato delle cose.. la loro complessità.. con poche ma semplici parole, senza girare troppo intorno con termini incomprensibili, egli mi assicurò che avrebbe fatto il possibile per ridare a mia madre una vita normale, quantomeno dignitosa....
E così è stato. Dopo l'intervento e venti giorni successivi di immobilizzazione a letto, mia madre è tornata da Bari, dove doveva solo eseguire l'asportazione dei punti di sutura, in piedi....: perfettamente in piedi.
Certo, adesso il recupero sarà laborioso e complicato, ma quando ti viene offerta la possibilità di ritornare a vivere.. qualsiasi sacrificio è ben accetto.
Non ci sono parole che possano rendere la giusta ricompensa al Dott. Piazzolla.... ma per quello che ho conosciuto di lui, e credo di non sbagliarmi, credo che la sua più grande ricompensa sia stata mettere in piedi mia madre...
Grazie di cuore Andrea, da Gianni Rosito e da tutta la sua famiglia.

Patologia trattata
Scoliosi grave.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Mi chiamo Riccardo e volevo lasciare il mio commento su questo reparto. Sono stato operato il 26/7/2013 in modo magistrale dal Prof. Giuseppe Solarino di protesi totale all'anca destra. Posso dire che in fase di visita, presso l'ambulatorio dello stesso reparto, il prof. Solarino mi ha rassicurato sulla qualità dei materiali usati e sulla professionalità dell'intervento. Devo dire che è stato così. Dopo 4 giorni potevo camminare con divieto di carico e dopo 40 giorni cammino con una stampella, per toglierla a 60 giorni dall'intervento. E pensare che mi stavo organizzando per andare in qualche struttura del Nord Italia, con tutti i problemi che questo comporta. Ho risolto tutto stando a 3 Km. da casa. Peccato per la struttura, che ha i suoi anni e la politica, che dovrebbe uscire dalla gestione di questa eccellenza.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0
Opinione inserita da Riccardo 11 Settembre, 2013

Un grazie prof. Giuseppe Solarino

Mi chiamo Riccardo e volevo lasciare il mio commento su questo reparto. Sono stato operato il 26/7/2013 in modo magistrale dal Prof. Giuseppe Solarino di protesi totale all'anca destra. Posso dire che in fase di visita, presso l'ambulatorio dello stesso reparto, il prof. Solarino mi ha rassicurato sulla qualità dei materiali usati e sulla professionalità dell'intervento. Devo dire che è stato così. Dopo 4 giorni potevo camminare con divieto di carico e dopo 40 giorni cammino con una stampella, per toglierla a 60 giorni dall'intervento. E pensare che mi stavo organizzando per andare in qualche struttura del Nord Italia, con tutti i problemi che questo comporta. Ho risolto tutto stando a 3 Km. da casa. Peccato per la struttura, che ha i suoi anni e la politica, che dovrebbe uscire dalla gestione di questa eccellenza.

Patologia trattata
Protesi totale anca dx.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Sono Luciana, ho 41 anni e per quasi 10 anni ho sofferto di continue lombosciatalgie a causa di ernie discali L4-L5. Per anni mi sono sottoposta a tutti i metodi alternativi che la medicina metteva a disposizione, come infiltrazioni di chemiodiscolisi, ossigeno-ozono agopuntura, infiltrazioni di cortisone e chi più ne ha più ne metta, senza però ottenere risultati positivi, anzi, compromettendo sempre di più la salute della mia colonna vertebrale. Fortunatamente, dopo tanto cercare, ho incontrato il grande dott. Piazzolla, la mia luce in fondo al tunnel. Una settimana fa sono stata sottoposta ad intervento chirurgico di decompressione e discectomia L4-L5. Inutile parlare della paura e, soprattutto, di una ennesima delusione, ma non è stato cosi. Due giorni dopo l'intervento ero già in piedi e tutta la sintomatologia dolorosa era sparita. La mia gamba sinistra, che quasi la sentivo di legno, è tornata normale, permettendomi di camminare finalmente bene. Io non smetterò mai di ringraziare il dott. Piazzolla per tutto ciò che ha fatto per me, restituendomi una vita più tranquilla e serena. Ma con lui vorrei tanto ringraziare il grande Prof. Moretti per essersi interessato di me sostenendomi ed aiutandomi, il prof. Solarino e tutta l'equipe medica con laureandi, a cui auguro un grande futuro, al personale infermieristico, che lavora tanto, ma tanto veramente... Ringrazio tutti di vero cuore, ma soprattutto te, giovane e caro dott. Piazzolla, che Dio ti guidi sempre nel tuo grande lavoro... E grazie per tutte le volte che vi siete avvicinati al mio letto con quel gran sorriso che vi contraddistingue. Un grazie anche all'anestesista e a tutti in sala operatoria. GRAZIE DI VERO CUORE.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da luciana 30 Agosto, 2013

Dr. Piazzolla un grande uomo,un grande medico

Sono Luciana, ho 41 anni e per quasi 10 anni ho sofferto di continue lombosciatalgie a causa di ernie discali L4-L5. Per anni mi sono sottoposta a tutti i metodi alternativi che la medicina metteva a disposizione, come infiltrazioni di chemiodiscolisi, ossigeno-ozono agopuntura, infiltrazioni di cortisone e chi più ne ha più ne metta, senza però ottenere risultati positivi, anzi, compromettendo sempre di più la salute della mia colonna vertebrale. Fortunatamente, dopo tanto cercare, ho incontrato il grande dott. Piazzolla, la mia luce in fondo al tunnel. Una settimana fa sono stata sottoposta ad intervento chirurgico di decompressione e discectomia L4-L5. Inutile parlare della paura e, soprattutto, di una ennesima delusione, ma non è stato cosi. Due giorni dopo l'intervento ero già in piedi e tutta la sintomatologia dolorosa era sparita. La mia gamba sinistra, che quasi la sentivo di legno, è tornata normale, permettendomi di camminare finalmente bene. Io non smetterò mai di ringraziare il dott. Piazzolla per tutto ciò che ha fatto per me, restituendomi una vita più tranquilla e serena. Ma con lui vorrei tanto ringraziare il grande Prof. Moretti per essersi interessato di me sostenendomi ed aiutandomi, il prof. Solarino e tutta l'equipe medica con laureandi, a cui auguro un grande futuro, al personale infermieristico, che lavora tanto, ma tanto veramente... Ringrazio tutti di vero cuore, ma soprattutto te, giovane e caro dott. Piazzolla, che Dio ti guidi sempre nel tuo grande lavoro... E grazie per tutte le volte che vi siete avvicinati al mio letto con quel gran sorriso che vi contraddistingue. Un grazie anche all'anestesista e a tutti in sala operatoria. GRAZIE DI VERO CUORE.

Patologia trattata
Lombosciatalgia con ernia migrata L4.- L5.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Mi chiamo Rita, ho 17 anni è vivo a Bari. Mi sono accorta che qualcosa nella mia schiena non andava; così, parlando con mia madre, decidemmo di consultare alcuni ortopedici, che ci dissero che avevo la scoliosi di 60 gradi. Mi fecero indossare un busto ingessato che ho portato per un po' di tempo. Dopo aver fatto i raggi, il risultato era sempre quello. Così un giorno, parlando con l'amica di mia madre, ci disse di consultare un altro ortopedico, A. Piazzolla. Passato un po' di tempo, siamo andati nel suo studio e ci fece una bella visita. Controllando i raggi ci disse che dovevo affrontare un intervento chirurgico, quindi vengo messa in lista per fare degli accertamenti. Dopo 6 mesi vengo chiamata, e sono stata ben 15 giorni per il pre-ricovero. Finalmente il 17 giugno è arrivato il giorno in cui feci l'intervento chirurgico. Scesi in sala operatoria alle 7:30, l'intervento iniziò alle 10.00 e terminò alle 18:30. Sono entrata convinta e ne sono uscita soddisfatta. Il dottore comunicò ai miei genitori che era andato tutto bene e dopo qualche minuto fece vedere le 2 lastre di come era la colonna dopo l'intervento, rispetto alla situazione precedente.
Ringrazio tanto il dott. A. Piazzolla e l'anestesista, il dott. Marella Nini, perchè è grazie a loro se io ora sto bene. Ringrazio ancora il dott. A. Piazzolla che tutt'ora mi sta ancora vicino =)
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0
Opinione inserita da Rita 18 Luglio, 2013

Ringrazio il dott. Andrea Piazzolla

Mi chiamo Rita, ho 17 anni è vivo a Bari. Mi sono accorta che qualcosa nella mia schiena non andava; così, parlando con mia madre, decidemmo di consultare alcuni ortopedici, che ci dissero che avevo la scoliosi di 60 gradi. Mi fecero indossare un busto ingessato che ho portato per un po' di tempo. Dopo aver fatto i raggi, il risultato era sempre quello. Così un giorno, parlando con l'amica di mia madre, ci disse di consultare un altro ortopedico, A. Piazzolla. Passato un po' di tempo, siamo andati nel suo studio e ci fece una bella visita. Controllando i raggi ci disse che dovevo affrontare un intervento chirurgico, quindi vengo messa in lista per fare degli accertamenti. Dopo 6 mesi vengo chiamata, e sono stata ben 15 giorni per il pre-ricovero. Finalmente il 17 giugno è arrivato il giorno in cui feci l'intervento chirurgico. Scesi in sala operatoria alle 7:30, l'intervento iniziò alle 10.00 e terminò alle 18:30. Sono entrata convinta e ne sono uscita soddisfatta. Il dottore comunicò ai miei genitori che era andato tutto bene e dopo qualche minuto fece vedere le 2 lastre di come era la colonna dopo l'intervento, rispetto alla situazione precedente.
Ringrazio tanto il dott. A. Piazzolla e l'anestesista, il dott. Marella Nini, perchè è grazie a loro se io ora sto bene. Ringrazio ancora il dott. A. Piazzolla che tutt'ora mi sta ancora vicino =)

Patologia trattata
Scoliosi.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Mi chiamo Aurora, ho 14 anni e l'anno scorso mia madre si é accorta che avevo qualcosa che non andava alla schiena. Fui visitata dal dott. Andrea Piazzolla, che vedendo le mie lastre decise di operarmi perché avevo una scoliosi idiopatica di 60 gradi. Mi ricoverai al Policlinico nel reparto di ortopedia 1 per degli accertamenti che precedono l'intervento e dopo fui dimessa. A maggio di quest'anno inizio a fare le prime donazioni di sangue, che mi serviranno durante l'intervento, e il 24 giugno vengo operata. Scendo in sala operatoria alle 7.30, dove ad attendermi c'é una bravissima anestesista di nome Mariateresa che mi tranquillizza perché io sono agitatissima, dopodiché io mi addormento e l'intervento inizia verso le ore 10:00 e termina alle 18:30. Il dott. Piazzolla comunica ai miei genitori che é andato tutto bene e mostra le due lastre di come era prima la colonna e invece di come é adesso; loro restano emozionati nel vedere che era dritta. Con me in sala operatoria c'era anche il dottore Stefano Carlucci, bravo e molto gentile nel confortarmi e ascoltarmi. Vorrei ringraziare anche la dottoressa Viola Montemurro, che mi ha ascoltata e mi é stata vicina. Ringrazio anche la caposala e tutti gli infermieri.
Ringrazio ancora il dott. Piazzolla, che mi é stato molto vicino e mi ha trattato come una figlia, non la dimenticherò mai e continueró a fare i controlli con lui.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0
Opinione inserita da aurora 15 Luglio, 2013

Un ringraziamento al dott. Piazzolla

Mi chiamo Aurora, ho 14 anni e l'anno scorso mia madre si é accorta che avevo qualcosa che non andava alla schiena. Fui visitata dal dott. Andrea Piazzolla, che vedendo le mie lastre decise di operarmi perché avevo una scoliosi idiopatica di 60 gradi. Mi ricoverai al Policlinico nel reparto di ortopedia 1 per degli accertamenti che precedono l'intervento e dopo fui dimessa. A maggio di quest'anno inizio a fare le prime donazioni di sangue, che mi serviranno durante l'intervento, e il 24 giugno vengo operata. Scendo in sala operatoria alle 7.30, dove ad attendermi c'é una bravissima anestesista di nome Mariateresa che mi tranquillizza perché io sono agitatissima, dopodiché io mi addormento e l'intervento inizia verso le ore 10:00 e termina alle 18:30. Il dott. Piazzolla comunica ai miei genitori che é andato tutto bene e mostra le due lastre di come era prima la colonna e invece di come é adesso; loro restano emozionati nel vedere che era dritta. Con me in sala operatoria c'era anche il dottore Stefano Carlucci, bravo e molto gentile nel confortarmi e ascoltarmi. Vorrei ringraziare anche la dottoressa Viola Montemurro, che mi ha ascoltata e mi é stata vicina. Ringrazio anche la caposala e tutti gli infermieri.
Ringrazio ancora il dott. Piazzolla, che mi é stato molto vicino e mi ha trattato come una figlia, non la dimenticherò mai e continueró a fare i controlli con lui.

Patologia trattata
Scoliosi idiopatica.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Mia figlia Rita ha 15 anni ed è affetta sin dalla nascita da tetraparesi spastica ed epilessia. A novembre 2011 le viene diagnosticata una scoliosi neuromuscolare di 50 gradi che peggiora, sino ad arrivare a maggio 2013 ad 85 gradi o forse più. Dopo, lo ammetto, mille incertezze a far operare mia figlia al Policlinico di Bari, mi affido, vista l'urgenza in quanto Rita iniziava ad avere difficoltà respiratorie, all'ortopedico dott. PIAZZOLLA Andrea e all'anestesista dott. MARELLA Ninni, i quali il 10 giugno 2013, con un intervento chirurgico RIUSCITISSIMO, hanno fatto rinascere la mia bambina, che ora è dritta come una "CANNA DI BAMBù". Oggi, a soli 10 giorni dall'intervento, è a casa e può finalmente respirare una NUOVA VITA! Questo commento vuole essere una testimonianza che l'Unità Operativa di Ortopedia e Traumatologia I del Policlinico di Bari FUNZIONA ALLA GRANDE, con medici, assistenti e personale tutto di altissima professionalità, dei quali possiamo e dobbiamo vantarci. Se solo la Regione Puglia facesse lo stesso, saremmo a CAVALLO!
Ancora grazie al dott. PIAZZOLLA, al dott. MARELLA e a tutti i medici presenti nel reparto della Clinica I per il loro costante intervento di assistenza medica. Un ringraziamento alla organizzazione, non facile, della Caposala Sig.ra MONDELLI Catia, alla professionalità infermieristica, ai tecnici di radiologia, alla disponibilità degli ausiliari e alla efficienza del personale addetto alla pulizia e ristorazione. GRAZIE e BUON LAVORO!
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
3.0
Opinione inserita da dominique 20 Giugno, 2013

ORTOPEDIA DI BARI "ECCELLENZA DEL SUD ITALIA"

Mia figlia Rita ha 15 anni ed è affetta sin dalla nascita da tetraparesi spastica ed epilessia. A novembre 2011 le viene diagnosticata una scoliosi neuromuscolare di 50 gradi che peggiora, sino ad arrivare a maggio 2013 ad 85 gradi o forse più. Dopo, lo ammetto, mille incertezze a far operare mia figlia al Policlinico di Bari, mi affido, vista l'urgenza in quanto Rita iniziava ad avere difficoltà respiratorie, all'ortopedico dott. PIAZZOLLA Andrea e all'anestesista dott. MARELLA Ninni, i quali il 10 giugno 2013, con un intervento chirurgico RIUSCITISSIMO, hanno fatto rinascere la mia bambina, che ora è dritta come una "CANNA DI BAMBù". Oggi, a soli 10 giorni dall'intervento, è a casa e può finalmente respirare una NUOVA VITA! Questo commento vuole essere una testimonianza che l'Unità Operativa di Ortopedia e Traumatologia I del Policlinico di Bari FUNZIONA ALLA GRANDE, con medici, assistenti e personale tutto di altissima professionalità, dei quali possiamo e dobbiamo vantarci. Se solo la Regione Puglia facesse lo stesso, saremmo a CAVALLO!
Ancora grazie al dott. PIAZZOLLA, al dott. MARELLA e a tutti i medici presenti nel reparto della Clinica I per il loro costante intervento di assistenza medica. Un ringraziamento alla organizzazione, non facile, della Caposala Sig.ra MONDELLI Catia, alla professionalità infermieristica, ai tecnici di radiologia, alla disponibilità degli ausiliari e alla efficienza del personale addetto alla pulizia e ristorazione. GRAZIE e BUON LAVORO!

Patologia trattata
SCOLIOSI NEUROMUSCOLARE.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Sono una ragazza di 14 anni; vivo in una città vicino Bari. La mia storia è un po’ come tutte le altre raccontate in questo sito. Un giorno mia madre si accorse che avevo un problema alla schiena, inizialmente consultammo un ortopedico, che ci disse che si trattava di “scoliosi” e ci consigliò di rivolgerci al Professore Giuseppe De Giorgi (l'anno scorso), Primario della I clinica Ortopedica al Policlinico di Bari (a novembre è andato il pensione). Il prof. De Giorgi spiegò a me e ai miei genitori le cure per risolvere questo problema. Insomma, si arrivò alla conclusione che si doveva procedere chirurgicamente. Il 14/04/12 mi chiamano per fare degli accertamenti prima dell’intervento. Sono stata ricoverata in quel reparto ben 17 giorni, il 30/04/12 sono stata dimessa e lo stesso giorno ho fatto la prima autotrasfusione (consiste nel prelevarti una sacca di sangue una volta ogni settimana per 4 settimane).
L’intervento chirurgico viene previsto per il 28 maggio (2012). Così il 24 maggio mi ricovero in ospedale, in modo che si possano fare gli ultimi accertamenti prima dell’intervento. Il giorno prima ero molto impaurita, ma, mi fece tranquillizzare il mitico Prof. De Giorgi; ricordo che mi strinse la mano e mi fece un occhiolino. Il 28 maggio scesi in sala operatoria alle 7.30, l’operazione si concluse alle 19.00, De Giorgi tranquillizzò i miei genitori e disse che era andato tutto bene. Uscii da quella sala alle 20.00, non so dopo quanto tempo ripresi conoscenza.
Ora, a distanza di un anno, sento che ne è valsa la pena: sono più alta, bella, più dritta e senza quel "gibbo" che si notava quando mettevo una maglia stretta! Ringrazio tutti i medici, gli infermieri e la Caposala della I clinica Ortopedica del Policlinico di Bari ma, soprattutto, il Professore De Giorgi per la sua professionalità ed esperienza.
Ringrazio anche il Dott. Piazzolla, che mi segue tutt’ora nei controlli periodici.
GRAZIE PROFESSOR DE GIORGI!

Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
4.0
Opinione inserita da Lily 30 Mag, 2013

Grazie Professore Giuseppe De Giorgi!

Sono una ragazza di 14 anni; vivo in una città vicino Bari. La mia storia è un po’ come tutte le altre raccontate in questo sito. Un giorno mia madre si accorse che avevo un problema alla schiena, inizialmente consultammo un ortopedico, che ci disse che si trattava di “scoliosi” e ci consigliò di rivolgerci al Professore Giuseppe De Giorgi (l'anno scorso), Primario della I clinica Ortopedica al Policlinico di Bari (a novembre è andato il pensione). Il prof. De Giorgi spiegò a me e ai miei genitori le cure per risolvere questo problema. Insomma, si arrivò alla conclusione che si doveva procedere chirurgicamente. Il 14/04/12 mi chiamano per fare degli accertamenti prima dell’intervento. Sono stata ricoverata in quel reparto ben 17 giorni, il 30/04/12 sono stata dimessa e lo stesso giorno ho fatto la prima autotrasfusione (consiste nel prelevarti una sacca di sangue una volta ogni settimana per 4 settimane).
L’intervento chirurgico viene previsto per il 28 maggio (2012). Così il 24 maggio mi ricovero in ospedale, in modo che si possano fare gli ultimi accertamenti prima dell’intervento. Il giorno prima ero molto impaurita, ma, mi fece tranquillizzare il mitico Prof. De Giorgi; ricordo che mi strinse la mano e mi fece un occhiolino. Il 28 maggio scesi in sala operatoria alle 7.30, l’operazione si concluse alle 19.00, De Giorgi tranquillizzò i miei genitori e disse che era andato tutto bene. Uscii da quella sala alle 20.00, non so dopo quanto tempo ripresi conoscenza.
Ora, a distanza di un anno, sento che ne è valsa la pena: sono più alta, bella, più dritta e senza quel "gibbo" che si notava quando mettevo una maglia stretta! Ringrazio tutti i medici, gli infermieri e la Caposala della I clinica Ortopedica del Policlinico di Bari ma, soprattutto, il Professore De Giorgi per la sua professionalità ed esperienza.
Ringrazio anche il Dott. Piazzolla, che mi segue tutt’ora nei controlli periodici.
GRAZIE PROFESSOR DE GIORGI!

Patologia trattata
Scoliosi.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Mi chiamo Desy, ho 14 anni e vivo in un paesino in provincia di Matera. Un giorno mia madre si accorse che avevo un problema alla schiena e quindi mi fece fare una visita ortopedica; purtroppo, subito dopo la visita, il dottore avvisò i miei genitori che dovevo affrontare un intervento. All'inizio non ci credevamo ma poi.. ci siamo fatti mettere in lista. A marzo arrivò una chiamata e in quello stesso giorno ho dovuto ricoverarmi per fare degli accertamenti prima dell'intervento. Sono stata degente 10 giorni e poi mi hanno dimessa e dopo qualche giorno ho dovuto donare il sangue 1 volta ogni settimana.. Il 05413 mi hanno chiamata: dovevo ricoverarmi perchè 3 giorni dopo mi avrebbero operata. Avevo una paura pazzesca, anzi, se avessi potuto sarei scappata, ma per fortuna c'era la dott.ssa Teresa e gli infermieri che riuscirono a calmarmi. Il giorno 08413 alle 7:30 sono scesa in una sala ove c'erano dei dottori ad aspettarmi che mi hanno moto tranquillizzata; l'intervento è iniziato alle 10:00 e sono uscita alle 21:30. Ieri è passato un mese dall'operazione e a dir la verità non mi sembra vero.. Oggi sono felicissima ed il merito è solamente del dott. Andrea Piazzolla, è stato sempre disponibile e soprattutto ha sempre affrontato i problemi con una umanità straordinaria. Ringrazio tutti i medici, soprattutto il dott. Andrea Piazzolla e il dott. Stefano Carlucci, perchè sono stati sempre presenti. Ringrazio inoltre tutti gli infermieri e la caposala..
GRAZIE DI CUORE A TUTTI.
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da Desy Panio 09 Mag, 2013

Grazie al dr. Piazzolla oggi ho una schiena nuova

Mi chiamo Desy, ho 14 anni e vivo in un paesino in provincia di Matera. Un giorno mia madre si accorse che avevo un problema alla schiena e quindi mi fece fare una visita ortopedica; purtroppo, subito dopo la visita, il dottore avvisò i miei genitori che dovevo affrontare un intervento. All'inizio non ci credevamo ma poi.. ci siamo fatti mettere in lista. A marzo arrivò una chiamata e in quello stesso giorno ho dovuto ricoverarmi per fare degli accertamenti prima dell'intervento. Sono stata degente 10 giorni e poi mi hanno dimessa e dopo qualche giorno ho dovuto donare il sangue 1 volta ogni settimana.. Il 05413 mi hanno chiamata: dovevo ricoverarmi perchè 3 giorni dopo mi avrebbero operata. Avevo una paura pazzesca, anzi, se avessi potuto sarei scappata, ma per fortuna c'era la dott.ssa Teresa e gli infermieri che riuscirono a calmarmi. Il giorno 08413 alle 7:30 sono scesa in una sala ove c'erano dei dottori ad aspettarmi che mi hanno moto tranquillizzata; l'intervento è iniziato alle 10:00 e sono uscita alle 21:30. Ieri è passato un mese dall'operazione e a dir la verità non mi sembra vero.. Oggi sono felicissima ed il merito è solamente del dott. Andrea Piazzolla, è stato sempre disponibile e soprattutto ha sempre affrontato i problemi con una umanità straordinaria. Ringrazio tutti i medici, soprattutto il dott. Andrea Piazzolla e il dott. Stefano Carlucci, perchè sono stati sempre presenti. Ringrazio inoltre tutti gli infermieri e la caposala..
GRAZIE DI CUORE A TUTTI.

Patologia trattata
Scoliosi e cifosi.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
CIAO, MI CHIAMO ANNA, HO 15 ANNI E VIVO A BARI. QUALCHE MESE FA MI SONO ACCORTA CHE QUALCOSA NELLA MIA SCHIENA NON ANDAVA E COSì MI SONO DECISA AD AFFRONTARE IL PROBLEMA RIVOLGENDOMI AD UNO SPECIALISTA. RICORDO CHE DOPO AVER VISTO LE MIE LASTRE, HA ESORDITO DICENDO.:" Sì Sì, BISOGNA PROPRIO OPERARE...". IO ED I MIEI GENITORI NON POTEVAMO CREDERE CHE PROPRIO A ME POTESSE ACCADERE, AFFRONTARE UN INTERVENTO COSì INVASIVO, CONSIDERANDO I MOLTEPLICI RISCHI CHE L'OPERAZIONE PRESENTAVA. NONOSTANTE I TANTI DUBBI E LA PAURA, ACCETTIAMO L'INTERVENTO E VENGO MESSA IN LISTA. A MARZO UNA VOCINA DOLCE CHIAMA IL MIO PAPà, COMUNICANDOGLI CHE IN QUELLO STESSO GIORNO AVREI DOVUTO RICOVERARMI IN ORTOPEDIA AL POLICLINICO PER EFFETTUARE TUTTI GLI ACCERTAMENTI CHE PRECEDONO L'INTERVENTO. NEL POMERIGGIO CI RECHIAMO IN OSPEDALE, DOVE AD ACCOGLIERCI C'è LA DOTTORESSA TERESA; DI LEI NON CONOSCO IL COGNOME PERCHè DAL PRIMO GIORNO MI DICE DI CHIAMARLA PER NOME. LEI è DOLCE E AFFETTUOSA COME UNA MAMMA E RIESCE A METTERMI A MIO AGIO. PASSANO DIECI GIORNI E VENGO DIMESSA E QUALCHE SETTIMANA DOPO DONO IL SANGUE CHE MI SERVIRà DURANTE L'INTERVENTO. FINAMENTE è ARRIVATO IL GIORNO 15 APRILE 2013, QUESTA è LA DATA CHE CAMBIERà LA MIA VITA, CHE MI RENDERà DIVERSA, PIù BELLA, PIù ALTA E SOPRATTUTTO DRITTA. ECCO, VEDO SPUNTARE IN FONDO AL CORRIDORIO UN SIGNORE DISTINTO VESTITO DI VERDE, è LUI IL MIO ANGELO, SI CHIAMA ANDREA PIAZZOLLA ED è LUI CHE CAMBIERà LA MIA VITA. SONO SUL TAVOLO OPERATORIO E MENTRE MI ADDORMENTANO PENSO "MA CHI ME LO HA FATTO FARE?". ECCO, L'INTERVENTO HA INIZIO, SONO LE 1O.00. TANTI MEDICI LAVORANO INSIEME, TRA LORO C'è ANCHE UN SIMPATICO DOTTORE, IL DOTT. CARLUCCI. LE ORE PASSANO E FINALMENTE SI è GIUNTI AL TERMINE, SONO LE 17.30. IL DOTT. PIAZZOLLA COMUNICA AI MIEI GENITORI CHE TUTTO è ANDATO PER IL MEGLIO. SONO LE 19.00 E NON MI SONO ANCORA SVEGLIATA E TUTTI SONO IN AGITAZIONE, VORREBBERO VEDERMI SFILARE IN QUEL LUNGO CORRIDOIO CHE MI RIPORTERà TRA LORO. ECCO SONO LE 20.30, SONO FUORI E SVEGLIA. TUTTO è ANDATO BENE, NESSUNA COMPLICAZIOE. OGGI 23 APRILE 2013 SONO ANCORA DOLORANTE, MA CAMMINO DRITTA COME NON MAI. SO CHE LA RIPRESA SARà LUNGA, MA IO CE LA FARò.
GRAZIE A TUTTI I MEDICI, AGLI INFERMIERI E ALLA CAPOSALA, CHE VUOLE APPARIRE TANTO CATTIVA ANCHE SE NON LO è..
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da anna pastore 23 Aprile, 2013

FORSE UN ANGELO è...

CIAO, MI CHIAMO ANNA, HO 15 ANNI E VIVO A BARI. QUALCHE MESE FA MI SONO ACCORTA CHE QUALCOSA NELLA MIA SCHIENA NON ANDAVA E COSì MI SONO DECISA AD AFFRONTARE IL PROBLEMA RIVOLGENDOMI AD UNO SPECIALISTA. RICORDO CHE DOPO AVER VISTO LE MIE LASTRE, HA ESORDITO DICENDO.:" Sì Sì, BISOGNA PROPRIO OPERARE...". IO ED I MIEI GENITORI NON POTEVAMO CREDERE CHE PROPRIO A ME POTESSE ACCADERE, AFFRONTARE UN INTERVENTO COSì INVASIVO, CONSIDERANDO I MOLTEPLICI RISCHI CHE L'OPERAZIONE PRESENTAVA. NONOSTANTE I TANTI DUBBI E LA PAURA, ACCETTIAMO L'INTERVENTO E VENGO MESSA IN LISTA. A MARZO UNA VOCINA DOLCE CHIAMA IL MIO PAPà, COMUNICANDOGLI CHE IN QUELLO STESSO GIORNO AVREI DOVUTO RICOVERARMI IN ORTOPEDIA AL POLICLINICO PER EFFETTUARE TUTTI GLI ACCERTAMENTI CHE PRECEDONO L'INTERVENTO. NEL POMERIGGIO CI RECHIAMO IN OSPEDALE, DOVE AD ACCOGLIERCI C'è LA DOTTORESSA TERESA; DI LEI NON CONOSCO IL COGNOME PERCHè DAL PRIMO GIORNO MI DICE DI CHIAMARLA PER NOME. LEI è DOLCE E AFFETTUOSA COME UNA MAMMA E RIESCE A METTERMI A MIO AGIO. PASSANO DIECI GIORNI E VENGO DIMESSA E QUALCHE SETTIMANA DOPO DONO IL SANGUE CHE MI SERVIRà DURANTE L'INTERVENTO. FINAMENTE è ARRIVATO IL GIORNO 15 APRILE 2013, QUESTA è LA DATA CHE CAMBIERà LA MIA VITA, CHE MI RENDERà DIVERSA, PIù BELLA, PIù ALTA E SOPRATTUTTO DRITTA. ECCO, VEDO SPUNTARE IN FONDO AL CORRIDORIO UN SIGNORE DISTINTO VESTITO DI VERDE, è LUI IL MIO ANGELO, SI CHIAMA ANDREA PIAZZOLLA ED è LUI CHE CAMBIERà LA MIA VITA. SONO SUL TAVOLO OPERATORIO E MENTRE MI ADDORMENTANO PENSO "MA CHI ME LO HA FATTO FARE?". ECCO, L'INTERVENTO HA INIZIO, SONO LE 1O.00. TANTI MEDICI LAVORANO INSIEME, TRA LORO C'è ANCHE UN SIMPATICO DOTTORE, IL DOTT. CARLUCCI. LE ORE PASSANO E FINALMENTE SI è GIUNTI AL TERMINE, SONO LE 17.30. IL DOTT. PIAZZOLLA COMUNICA AI MIEI GENITORI CHE TUTTO è ANDATO PER IL MEGLIO. SONO LE 19.00 E NON MI SONO ANCORA SVEGLIATA E TUTTI SONO IN AGITAZIONE, VORREBBERO VEDERMI SFILARE IN QUEL LUNGO CORRIDOIO CHE MI RIPORTERà TRA LORO. ECCO SONO LE 20.30, SONO FUORI E SVEGLIA. TUTTO è ANDATO BENE, NESSUNA COMPLICAZIOE. OGGI 23 APRILE 2013 SONO ANCORA DOLORANTE, MA CAMMINO DRITTA COME NON MAI. SO CHE LA RIPRESA SARà LUNGA, MA IO CE LA FARò.
GRAZIE A TUTTI I MEDICI, AGLI INFERMIERI E ALLA CAPOSALA, CHE VUOLE APPARIRE TANTO CATTIVA ANCHE SE NON LO è..

Patologia trattata
SCOLIOSI.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Ciao, mi chiamo Ylenia e sono nata nel 1996. Leggo su questo sito le opinioni di quanti sono stati operati di scoliosi al Policlinico di Bari...
La mia esperienza è diversa... poiché sono tra quei fortunati che hanno evitato l'intervento...
Nel 2009 il dott. Piazzolla mi diagnosticò una scoliosi di 40 gradi; con calma, semplicità e professionalitá mi spiegò cosa dovevamo fare per cercare di non arrivare alla chirurgia. Mi ricordo che siamo stati nel suo ambulatorio quasi 1 ora....
Tre settimane dopo mi faceva ricoverare in ospedale per farmi un busto gessato.
Due mesi dopo, nuovo ricovero per fare il secondo busto gessato.
Dopo ulteriori due mesi, passavo al busto ortopedico.
In questi primi mesi ho pianto tanto e vedevo tutto nero, ma il dott. Piazzolla, quando i miei genitori lo informavano di questo, diceva sempre "non ti preoccupare, quando pensi di non farcela, chiama me". È sempre stato disponibile, di mattina come di sera o di notte (una volta lo abbiamo chiamato alle due di notte perchè il busto mi aveva fatto venire un tremendo dolore al fianco), in settimana o nei weekend.
Mercoledì scorso il dottor Piazzolla mi ha detto che posso definitivamente togliere il busto: ho solo 12 gradi di scoliosi, quindi intervento scongiurato... un successo!!!
Grazie dottore.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
3.0
Opinione inserita da Ylenia 20 Aprile, 2013

Non solo chirurgia per la scoliosi

Ciao, mi chiamo Ylenia e sono nata nel 1996. Leggo su questo sito le opinioni di quanti sono stati operati di scoliosi al Policlinico di Bari...
La mia esperienza è diversa... poiché sono tra quei fortunati che hanno evitato l'intervento...
Nel 2009 il dott. Piazzolla mi diagnosticò una scoliosi di 40 gradi; con calma, semplicità e professionalitá mi spiegò cosa dovevamo fare per cercare di non arrivare alla chirurgia. Mi ricordo che siamo stati nel suo ambulatorio quasi 1 ora....
Tre settimane dopo mi faceva ricoverare in ospedale per farmi un busto gessato.
Due mesi dopo, nuovo ricovero per fare il secondo busto gessato.
Dopo ulteriori due mesi, passavo al busto ortopedico.
In questi primi mesi ho pianto tanto e vedevo tutto nero, ma il dott. Piazzolla, quando i miei genitori lo informavano di questo, diceva sempre "non ti preoccupare, quando pensi di non farcela, chiama me". È sempre stato disponibile, di mattina come di sera o di notte (una volta lo abbiamo chiamato alle due di notte perchè il busto mi aveva fatto venire un tremendo dolore al fianco), in settimana o nei weekend.
Mercoledì scorso il dottor Piazzolla mi ha detto che posso definitivamente togliere il busto: ho solo 12 gradi di scoliosi, quindi intervento scongiurato... un successo!!!
Grazie dottore.

Patologia trattata
Scoliosi.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Mi chiamo Valentina. Per ben 9 anni ho saputo di avere la scoliosi, ho incominciato a consultare quasi tutti gli ortopedici di Bari ma non mi davano speranza di niente. Fino a quando non mi sono decisa di ritornare al Policlinico e confrontare nuovamente l'ortopedico di turno. E così ho avuto modo di conoscere il dott. Andrea Piazzolla, che mi ha detto cosa si poteva fare per risolvere questa cosa. Ed era l'intervento perché, se non lo facevo, con il passare degli anni poteva peggiorare. Allora mi sono decisa ad incominciare a prepararmi all'intervento. E poi è arrivato il giorno ed io mi sono affidata al dott. Piazzolla al 100%, perché sapevo che sarebbe andato bene tutto. Ed oggi, a 1 mese giusto dall'intervento, non ci credo ancora di essermi sottoposta all'operazione, perché riesco a muovermi con tutta facilità. Il dott. Piazzolla è sempre disponibile a tutto ed è una persona molto generosa. Vorrei ringraziare inoltre tutti coloro che hanno collaborato con lui, cioè altri dottori, infermieri eccetera. Grazie.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da pasqua valentina amoruso 18 Marzo, 2013

dott. Piazzolla

Mi chiamo Valentina. Per ben 9 anni ho saputo di avere la scoliosi, ho incominciato a consultare quasi tutti gli ortopedici di Bari ma non mi davano speranza di niente. Fino a quando non mi sono decisa di ritornare al Policlinico e confrontare nuovamente l'ortopedico di turno. E così ho avuto modo di conoscere il dott. Andrea Piazzolla, che mi ha detto cosa si poteva fare per risolvere questa cosa. Ed era l'intervento perché, se non lo facevo, con il passare degli anni poteva peggiorare. Allora mi sono decisa ad incominciare a prepararmi all'intervento. E poi è arrivato il giorno ed io mi sono affidata al dott. Piazzolla al 100%, perché sapevo che sarebbe andato bene tutto. Ed oggi, a 1 mese giusto dall'intervento, non ci credo ancora di essermi sottoposta all'operazione, perché riesco a muovermi con tutta facilità. Il dott. Piazzolla è sempre disponibile a tutto ed è una persona molto generosa. Vorrei ringraziare inoltre tutti coloro che hanno collaborato con lui, cioè altri dottori, infermieri eccetera. Grazie.

Patologia trattata
Scoliosi.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Mi chiamo Antonio e sono Calabrese, ho sofferto per anni di dolori alla schiena insopportabili fino ad arrivare addirittura a scosse capaci di farmi ritrovare a terra senza accorgermene. Dopo tante visite mi sono ritrovato faccia a faccia con questo medico, il dott. Piazzolla: una umanità mai vista, una professionalità fuori dal normale, un medico che diventa subito un amico. Decido così di affidare a Lui tutti i miei problemi. Il 14/01/13 con le mie 1000 paure sono stato operato con successo. Grazie di vero cuore dott. Piazzolla, grazie per la sua professionalità, la sua presenza sempre, la dolcezza nello spiegare le cose, grazie per il suo costante supporto dato a me e a tutti coloro che mi erano vicino. Con immensa stima, Antonio.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da Antonio De Fazio 22 Gennaio, 2013

Ringraziamento al dott. A. Piazzolla

Mi chiamo Antonio e sono Calabrese, ho sofferto per anni di dolori alla schiena insopportabili fino ad arrivare addirittura a scosse capaci di farmi ritrovare a terra senza accorgermene. Dopo tante visite mi sono ritrovato faccia a faccia con questo medico, il dott. Piazzolla: una umanità mai vista, una professionalità fuori dal normale, un medico che diventa subito un amico. Decido così di affidare a Lui tutti i miei problemi. Il 14/01/13 con le mie 1000 paure sono stato operato con successo. Grazie di vero cuore dott. Piazzolla, grazie per la sua professionalità, la sua presenza sempre, la dolcezza nello spiegare le cose, grazie per il suo costante supporto dato a me e a tutti coloro che mi erano vicino. Con immensa stima, Antonio.

Patologia trattata
Instabilità plurisegmentaria grave.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Mi chiamo Noemi, ho 14 anni e vorrei parlarvi dell'esperienza che ho vissuto.
Stavo curando una scoliosi da due anni con l'uso del busto, ma i risultati erano scarsi. Così il mio caro dott. Piazzolla ha iniziato a prospettarmi l'intervento come discorso risolutivo. Con i miei 14 anni mi sono trovata di fronte ad un problema più grande di me. Sino ad allora avevo solo sentito parlare di malasanità e quindi pensavo come sarebbe stato bello incontrare un chirurgo amico che prendesse a cuore il mio caso, come se fossi sua figlia, un anestesista tenero ed affettuoso, caposala e infermieri disponibili e attenti alle varie esigenze. Tutto questo sognavo, ma non avrei mai immaginato di riscontrarlo davvero nella realtà. Altro che malasanità, io sento il dovere (oltre che il piacere) di esprimere un elogio al reparto di ortopedia 1. Il 12 novembre 2012 sono stata operata alla colonna vertebrale, intervento perfettamente riuscito, lo dimostrano le mie lastre. Ho visto la commozione dell'èquipe per il mio rapido recupero. Permettetemi di ringraziare infinitamente il mio angelo custode che risponde al nome del dott. Piazzolla Andrea, lui che tutto quello che mi ha detto si è realizzato, lui che ha combattuto con le lungaggini istituzionali nelle programmazioni, pur di non venir meno ad una promessa fattami, per una lastra, piuttosto che per una TAC o addirittura la data di uscita. Continuerò a fare i controlli con lei dottore, ma quando un giorno questi finiranno, sappia che io non la dimenticherò mai e il mio senso di gratitudine verso di lei esisterà per sempre. Mi ritengo fortunata perchè da un'esperienza negativa, ne ho tratto un insegnamento positivo, l'incontro con un medico chirurgo non solo professionalmente preparato, ma anche umanamente sensibile e disponibile.
... perchè come diceva Padre Pio: "Il risultato in medicina si ottiene offrendo al paziente da una parte le medicine e dall'altra un sorriso rassicurante".
Lo scopo di questa mia testimonianza è quello di incoraggiare chi si trova nella mia stessa condizione ad avere fiducia nelle strutture del sud, ma specialmente in determinati medici che fanno questo lavoro non solo per mestiere, ma soprattutto per passione e amore verso il prossimo... ed è proprio questo che fa la differenza. Grazie dott. Piazzolla.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
4.0
Opinione inserita da Noemi 03 Gennaio, 2013

Un elogio al Dott. Piazzolla

Mi chiamo Noemi, ho 14 anni e vorrei parlarvi dell'esperienza che ho vissuto.
Stavo curando una scoliosi da due anni con l'uso del busto, ma i risultati erano scarsi. Così il mio caro dott. Piazzolla ha iniziato a prospettarmi l'intervento come discorso risolutivo. Con i miei 14 anni mi sono trovata di fronte ad un problema più grande di me. Sino ad allora avevo solo sentito parlare di malasanità e quindi pensavo come sarebbe stato bello incontrare un chirurgo amico che prendesse a cuore il mio caso, come se fossi sua figlia, un anestesista tenero ed affettuoso, caposala e infermieri disponibili e attenti alle varie esigenze. Tutto questo sognavo, ma non avrei mai immaginato di riscontrarlo davvero nella realtà. Altro che malasanità, io sento il dovere (oltre che il piacere) di esprimere un elogio al reparto di ortopedia 1. Il 12 novembre 2012 sono stata operata alla colonna vertebrale, intervento perfettamente riuscito, lo dimostrano le mie lastre. Ho visto la commozione dell'èquipe per il mio rapido recupero. Permettetemi di ringraziare infinitamente il mio angelo custode che risponde al nome del dott. Piazzolla Andrea, lui che tutto quello che mi ha detto si è realizzato, lui che ha combattuto con le lungaggini istituzionali nelle programmazioni, pur di non venir meno ad una promessa fattami, per una lastra, piuttosto che per una TAC o addirittura la data di uscita. Continuerò a fare i controlli con lei dottore, ma quando un giorno questi finiranno, sappia che io non la dimenticherò mai e il mio senso di gratitudine verso di lei esisterà per sempre. Mi ritengo fortunata perchè da un'esperienza negativa, ne ho tratto un insegnamento positivo, l'incontro con un medico chirurgo non solo professionalmente preparato, ma anche umanamente sensibile e disponibile.
... perchè come diceva Padre Pio: "Il risultato in medicina si ottiene offrendo al paziente da una parte le medicine e dall'altra un sorriso rassicurante".
Lo scopo di questa mia testimonianza è quello di incoraggiare chi si trova nella mia stessa condizione ad avere fiducia nelle strutture del sud, ma specialmente in determinati medici che fanno questo lavoro non solo per mestiere, ma soprattutto per passione e amore verso il prossimo... ed è proprio questo che fa la differenza. Grazie dott. Piazzolla.

Patologia trattata
Scoliosi.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Il 6 agosto 2012 il dott. Piazzolla mi ha operato alla colonna vertebrale per una scoliosi di 60 gradi... Dico solo che tre giorni dopo ero già in piedi... Grazie a tutti per la vostra competenza e professionalità.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0
Opinione inserita da campanella vlania 21 Ottobre, 2012

Operata per scoliosi dal dott. Piazzolla

Il 6 agosto 2012 il dott. Piazzolla mi ha operato alla colonna vertebrale per una scoliosi di 60 gradi... Dico solo che tre giorni dopo ero già in piedi... Grazie a tutti per la vostra competenza e professionalità.

Patologia trattata
Scoliosi.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
SONO STATO TRASPORTATO D'URGENZA IN QUESTO REPARTO QUANDO LA GAMBA ERA GIA' IN CANCRENA. NON SI ERANO NEANCHE ACCORTI CHE PRIMA DI METTERMI LA GAMBA IN TRAZIONE DOVEVANO CURARMI L'INFEZIONE GIA' IN ATTO. SONO STATO SALVATO AL SAN PAOLO CON L'IPERBARICA. SENZA TRALASCIARE I DOLORI LANCINANTI CHE HO DOVUTO SOPPORTARE E LA TOTALE MANCANZA DI RISPETTO DELLA ALLORA CAPOSALA, CHE RIFIUTAVA A VOLTE PERSINO DI FARE ENTRARE IN CAMERA I MIEI FAMILIARI E DI SOMMINISTRARMI GLI ANTIDOLORIFICI. UN'ALTRA INFERMIERA MI SBAGLIO' ANCHE A PRENDERE UNA VENA. SCUSATE SE E' POCO......
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0
Opinione inserita da gianni 22 Marzo, 2012

incidente motociclistico

SONO STATO TRASPORTATO D'URGENZA IN QUESTO REPARTO QUANDO LA GAMBA ERA GIA' IN CANCRENA. NON SI ERANO NEANCHE ACCORTI CHE PRIMA DI METTERMI LA GAMBA IN TRAZIONE DOVEVANO CURARMI L'INFEZIONE GIA' IN ATTO. SONO STATO SALVATO AL SAN PAOLO CON L'IPERBARICA. SENZA TRALASCIARE I DOLORI LANCINANTI CHE HO DOVUTO SOPPORTARE E LA TOTALE MANCANZA DI RISPETTO DELLA ALLORA CAPOSALA, CHE RIFIUTAVA A VOLTE PERSINO DI FARE ENTRARE IN CAMERA I MIEI FAMILIARI E DI SOMMINISTRARMI GLI ANTIDOLORIFICI. UN'ALTRA INFERMIERA MI SBAGLIO' ANCHE A PRENDERE UNA VENA. SCUSATE SE E' POCO......

Patologia trattata
FRATTURA BIFOCALE SCOMPOSTA CON SINDROME COMPARTIMENTALE GAMBA SX.
Consiglieresti questo reparto?
no
Trovi utile questa opinione? 
Dopo un incidente in moto, sono stato ricoverato in questo reparto per frattura scomposta della clavicola sinistra e fratture allo costole. Mi hanno consigliato di inserire un filo Kirshner per ricomporre la clavicola. Ho subito accettato, stimolato anche dalla grande competenza dimostrata dai medici. A dir il vero ho sofferto più durante la riabilitazione fisioterapica, presso un centro privato, che non in ospedale. Sono totalmente soddisfatto del trattamento ricevuto. Se non avessi soggiornato con altri pazienti nella stessa stanza, potrei dire di essere stato in una clinica privata.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da Agostino 31 Mag, 2011

Incidente in moto

Dopo un incidente in moto, sono stato ricoverato in questo reparto per frattura scomposta della clavicola sinistra e fratture allo costole. Mi hanno consigliato di inserire un filo Kirshner per ricomporre la clavicola. Ho subito accettato, stimolato anche dalla grande competenza dimostrata dai medici. A dir il vero ho sofferto più durante la riabilitazione fisioterapica, presso un centro privato, che non in ospedale. Sono totalmente soddisfatto del trattamento ricevuto. Se non avessi soggiornato con altri pazienti nella stessa stanza, potrei dire di essere stato in una clinica privata.

Patologia trattata
Frattura scomposta della clavicola sx e fratture allo costole
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
A causa di un incidente stradale avevo riportato la frattura della prima vertebra lombare. Trasportato presso un ospedale di provincia, mi era stato detto di restare a letto per 2 mesi. Mi sono quindi rivolto al dott. Andrea Piazzolla, riferimento dell'Ambulatorio di chirurgia vertebrale e del centro scoliosi della Prima clinica ortopedica del policlinico di Bari... sono stato ricoverato e 5 giorni dopo opeato con una tecnica innovativa che grazie a 6 piccolissimi taglietti di 2-3 cm mi ha permesso di rimettermi in piedi il giorno dopo e andare a casa senza nessun problema... dopo 5 giorni ho ripreso il mio lavoro senza nessun problma... CONSIGLIO A TUTTI COLORO CHE HANNO UN PROBLEMA ALLA COLONNA VERTEBRALE DI RIVOLGERSI A QUESTO CENTRO.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0
Opinione inserita da Nicola G 20 Settembre, 2010

Il top per la chirurgia vertebrale

A causa di un incidente stradale avevo riportato la frattura della prima vertebra lombare. Trasportato presso un ospedale di provincia, mi era stato detto di restare a letto per 2 mesi. Mi sono quindi rivolto al dott. Andrea Piazzolla, riferimento dell'Ambulatorio di chirurgia vertebrale e del centro scoliosi della Prima clinica ortopedica del policlinico di Bari... sono stato ricoverato e 5 giorni dopo opeato con una tecnica innovativa che grazie a 6 piccolissimi taglietti di 2-3 cm mi ha permesso di rimettermi in piedi il giorno dopo e andare a casa senza nessun problema... dopo 5 giorni ho ripreso il mio lavoro senza nessun problma... CONSIGLIO A TUTTI COLORO CHE HANNO UN PROBLEMA ALLA COLONNA VERTEBRALE DI RIVOLGERSI A QUESTO CENTRO.

Patologia trattata
Frttura vertebrale di L1
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione?