Ortopedia per Chirurgia Ginocchio Cardarelli

Ortopedia per Chirurgia Ginocchio Cardarelli

 
3.3 (8)
Scrivi Recensione
Il reparto di Ortopedia 2 dell'Ospedale Di Rilievo Nazionale Antonio Cardarelli‎ di Napoli, situato in via Cardarelli Antonio 9, ha come Direttore il Dott. Gaetano Romano. Il reparto utilizza le più avanzate tecnologie nel trattamento delle fratture degli arti ed uno dei settori di maggiore interesse è la cura dell'artrosi delle grandi articolazioni, tramite la chirurgia protesica dell'anca e del ginocchio. Afferiscono alla struttura l'Ambulatorio di Ortopedia generale (trattamento lesioni meniscali e patologia legamentosa ginocchio), l'Ambulatorio di Chirurgia della spalla (ricostruzione cuffia dei rotatori, artroscopia spalla, trattamento lussazione spalla e sindrome da conflitto spall), l'Ambulatorio di Chirurgia della mano, l'Ambulatorio di Chirurgia dell'anca e delle riprotesizzazioni, l'Ambulatorio di Chirurgia del piede (trattamento piede piatto, correzione alluce valgo e dita a martello) ed il Servizio di Medicina dello Sport. Fanno parte dell'equipe medica dell'unità operativa i dottori Mario Chiantera, Luigi Corrado, Cosimo Russo, Lorenzo Baiano, Luciano Cremona, Francesco D'Alessandro, Bruno Di Maggio, Tommaso Gallotta, Vincenzo Galluzzi, Lorena Lambertini, Pasquale Lubrano Di Ricco, Patrizia Monteleone, Domenico Musella, Concetta Proto, Francesco Robiony, Francesco Salvi, Lucia Setaro, Fabrizio Troisi, Giuseppe Trotta, Maria Rosaria Vacatello.


Recensioni dei pazienti

8 recensioni

 
(3)
 
(2)
3 stelle
 
(0)
 
(2)
 
(1)
Voto medio 
 
3.3
 
3.6  (8)
 
3.3  (8)
 
3.0  (8)
 
3.3  (8)
Recensioni più utili
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie Dott. Trotta

Mia mamma sfortunatamente circa un mese e mezzo fa ha subìto la frattura scomposta dell'omero. Nella sfortuna, abbiamo avuto una sorta di fortuna in quanto, una volta arrivati al pronto soccorso dell'ospedale Cardarelli, dopo aver fatto le varie analisi siamo stati visitati dal dott. Trotta, che fa parte del reparto di ortopedia dell'ospedale, il quale è stato capace di far guarire mia mamma senza farla operare, cosa che risultava inevitabile a seguito della diagnosi di frattura scomposta. Io ringrazio tantissimo il dottor Trotta che con la sua professionalità, con una immobilizzazione dell'arto interessato fatta a regola d'arte e, successivamente, monitorando il braccio con altre visite periodiche, dopo circa 45 giorni riesce a mettere a posto il braccio di mamma.

Patologia trattata
Frattura scomposta omero dx.
Trovi utile questa opinione? 



Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

AL DOTT. GIUSEPPE TROTTA

E' con immenso piacere che scrivo questa recensione al dottor GIUSEPPE TROTTA della II ortopedia dell'ospedale Cardarelli di Napoli.
Non so se riuscirò a fargli arrivare tutta la gratitudine e l'ammirazione che ho nei suoi confronti. Mi ritengo davvero fortunata e sono felice che il caso sia passato a lui.
E' un dottore speciale... speciale perchè racchiude in sè tutte le qualità che un medico dovrebbe avere. Non è da tutti trattare i propri pazienti con tanta dedizione, professionalità e umanità.
Io credo che la competenza medica serva a poco se ad essa non si accosta l'attenzione psicologica che il degente ha bisogno.
Ringrazio il dottor Trotta perchè, nonostante i pareri non sempre positivi degli altri medici e dei referti, è stato l'UNICO a non farmi perdere la speranza e a farmi credere nelle sue convinzioni. Alla fine ha avuto ragione lui. E se ripercorro tutta la vicenda dall'inizio mi vien da pensare, che gli incontri non sono mai casuali ma ci si incontra sempre per una ragione.
Una cosa volevo dirla anche ad "alcuni" degli infermieri dello stesso reparto: non guardate questa professione come un lavoro ma più come una "missione". Dall'altra parte ci sono persone debilitate e impaurite. Un sorriso non costa nulla ma vale molto... più che altro può arricchire chi lo riceve ma di certo non impoverisce chi lo dà!

Patologia trattata
Frattura omero con paresi n.radiale.
Trovi utile questa opinione? 
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Pessima esperienza

Mio padre è stato ricoverato nel 2002 per un intervento di protesi al ginocchio. E' stato un incubo che non auguro al peggiore dei miei nemici! Infezione contratta in sala operatoria, poi ricoverato in ospedale dal maggio 2002 ad agosto 2002, con i medici che si scaricavano tra di loro la palla, andandosene in vacanza a turno e fregandosene altamente di mio padre, cosi come di tanti altri degenti che avevano contratto infezione da trapianto! Abbandonato nel letto, se chiedevo informazioni sul da farsi mi rispondevano in maniera molto seccata, quasi facendomi una concessione; a mio padre hanno poi somministrato antibiotici per quattro, cinque mesi, ben sapendo che questi antibiotici non sarebbero mai arrivati all'osso, che è poco vascolarizzato.
Ospedale sporchissimo, con urina di pazienti sui pavimenti.
Soluzione = ho ricoverato mio padre alla Columbus di Roma dove, ad ottobre del 2002, gli è stata espiantata la protesi infetta e, dopo opportuna terapia, è stata impiantata una nuova protesi nel maggio 2003.

Patologia trattata
Protesi ginocchio.
Trovi utile questa opinione? 



Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
4.0

Pronto soccorso ortopedico: grazie dr. Gallotta

AL DOTT. TOMMASO GALLOTTA

GRAZIE INFINITE PER LA SUA COMPRENSIONE E LA SUA GRANDE UMANITA'..
GRAZIE PER ESSERE STATO PRESENTE IN QUEL MOMENTO, PER ME COSI' DIFFICILE E DI GRANDE SOFFERENZA, MI CREDA... HO APPREZZATO TANTO IL SUO GESTO, INASPETTATO E GRADITO. LEI HA UN GRANDE DONO... LEGGE NEL CUORE DELLE PERSONE ED IO NON LA DIMENTICHERO' NELLE MIE PREGHIERE. GRAZIE.
CHIUNQUE DOVESSE LEGGERE QUESTO MESSAGGIO E' PREGATO DI FARLO RECAPITARE AL DOTTORE. GRAZIE

Patologia trattata
Ortopedico traumatologica.
Trovi utile questa opinione? 
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
5.0

Dott. Trotta Giuseppe- pronto soccorso ortopedico

Ringrazio il Dott. Giuseppe Trotta del reparto di Ortopedia ospedale A. Cardarelli di Napoli per la sua competenza e per la sua grande umanita', che mostra ogni giorno al Pronto soccorso verso i pazienti e le loro famiglie.
Personalmente descrivo il Dottore come un vero "Angelo in camice bianco".
Grazie di vero cuore.. Spero che questo mio messaggio arrivi al Dottore...

Patologia trattata
Frattura del polso destro
Trovi utile questa opinione? 
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

ringrazio dott. Trotta

Salve, io volevo soltanto ringraziare l'ospedale cardarelli per la loro competenza perche' mi hanno salvato una gamba da una brutta sindrome compartimentale ma, soprattutto, ci tenevo a ringraziare il Dott. Giuseppe Trotta per il suo tempestivo intervento alle 5 e 25 di notte che si accorse subito della cosa grave che mi colpi', fece subito correre i dottori, gli anestesisti e tutta l'equipe per l'intervento d'urgenza... se non era per la sua competenza e il suo cuore generoso, io adesso non avevo una gamba: bastavano solo 2 ore di tempo perse e la gamba moriva. ma grazie al dott. Trotta la gamba e ancora attaccata al ginocchio.. poi un'altra cosa: quando mi operarono il dott. Trotta volle assistere all'operazione; per questo lo ringrazio di tutto e gli auguro tutto il bene di questo mondo.
poi volevo ringraziare il dottore che mi opero',, non sono stato mai capace di incontrarlo e di guardarlo negli occhi e di ringraziarlo, so solo che si chiamava FERRARA ed era un chirurgo vascolare (poi non so se sbaglio..).
Volevo ringraziare anche il Dott. Lorenzo Baiano per l'operazione al piede, dato che ha fatto di tutto per raddrizzarlo del tutto, e per la sua disponibilita'. E un grazie anche al chirurgo plastico che se non erro si chiama D'Angelo: grazie per il lavoro che ha svolto.
GRAZIE A QUESTI QUATTRO EROI CHE MI HANNO SALVATO LA GAMBA... GRAZIE!

Patologia trattata
sindrome compartimentale arto inferiore.
frattura lussazione del 5 metatarso e frattura del calcagno.
Trovi utile questa opinione? 
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

post-operazione menisco e cartilagine

verso il la fine di novembre prenoto per farmi operare al menisco. mi consigliano di farmi 1 scintigrafia cardiaca, però dicono che loro non la fanno, devo farla altrove a pagamento e se non ce la facevo entro il 15 dicembre l'intervento si sarebbe spostato a gennaio. vado a gennaio a prenotarmi e mi dicono che le operazioni in artroscopia sono sospese perche il chirurgo ha avuto un incidente. passa qualche mese, il ginocchio era sempre dolorante e mi prenotano il 23 marzo 2011. mi operano, io chiedo chi mi ha operato e sono vaghi.. comunque faccio la terapia da loro prescritta, vado a controllo e il medico guarda, senza esagerare, giusto 2 SECONDI e mi dà un'altra terapia di 7 giorni e basta. oggi 07 06 2011 il ginocchio mi fa ancora male e così mi reco in ospedale, richiedo la cartella clinica, vedo che a operarmi è stato il dott. Cosimo Russo (lo stesso che mi visitò nel centro medico a Melito di Napoli, ove mi disse che dovevo operarmi, ma non operava lui perchè lui non operava in artroscopia). vado allora nuovamente in reparto, aspetto il dottore, gli dico che il ginocchio mi fa ancora male e non poco, lui risponde che devo andare a farmi visitare in ambulatorio e io gli dico che gia ero stato l'altra volta e come si era svolta la visita; lui mi risponde praticamente con una battuta di ciglia.
ditemi voi cosa debbo fare e come comportarmi. grazie

Patologia trattata
menisco e cartilagine
Trovi utile questa opinione? 
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

esperienza personale

sono nato nel 1974 con piedi torti congeniti bilaterali. in cura da sempre con il papa' dell'ortopedia prof. dott. eugenio jannelli, che stimo moltissimo e per il quale ho accettato tutte le cattiverie che ho vissuto per 30 anni in quel reparto!!! ora necessito di un altro intervento per migliorare il mio lungo percorso ad una vita piu' normale possibile e mi sono dovuto rivolgere a roma, dove ho trovato degli angeli chiamati infermieri e dei dottori che mi hanno accolto come un essere umano, non come al caldarelli!!! quegli stessi medici ora sono ancora li... spero solo che dal posto dove si trova ora il mio grande prof. jannelli non guardi ciò che per decenni gli e' stato nascosto..... Consiglio di cambiare struttura, basta un'ora di treno e sarete curati da pazienti e non da malati da scartare...

Patologia trattata
piede torto congenito bilaterale
Trovi utile questa opinione? 


Altri contenuti interessanti su QSalute