Ospedale di Osimo

 
3.3 (1)
Scrivi Recensione

Giudizio dei pazienti

Voto ospedale
 
3.3 (1)
Voto reparti
 
4.4 (16)
Indirizzo
Via Leopardi 5, Osimo (AN)
L'Ospedale SS. Benvenuto e Rocco è situato in Via Leopardi 5 ad Osimo in provincia di Ancona e rappresenta uno dei 3 Presidi Ospedalieri che compongono l'Azienda Sanitaria Unica Regionale (ASUR) n.7 di Ancona. La struttura svolge la propria attività all'interno delle unità operative di Chirurgia Generale, Medicina Generale, Gastroenterologia ed endoscopia digestiva, Urologia, Pneumologia, Ostetricia e Ginecologia, Anestesia e Rianimazione e Pediatria, garantendo inoltre i seguenti servizi: Diagnostica per immagini, Assistenza riabilitativa. Attualmente è in corso il processo di integrazione tra l’Ospedale della Montagnola dell’INRCA di Ancona e l’Ospedale di Osimo, al fine di creare il massimo di sinergie, a partire dalle risorse e dalle competenze. Tra i vantaggi, saranno offerte corsie preferenziali ai pazienti di ciascuno dei due Ospedali per l’utilizzo delle tecnologie disponibili rispettivamente nelle due strutture.





Recensioni dei pazienti

1 recensioni

Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
4.0  (1)
Assistenza 
 
2.0  (1)
Pulizia 
 
4.0  (1)
Servizi 
 
3.0  (1)
Voti (il più alto è il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
12 Marzo, 2016
Pellicciari Giannina
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Modo poco consono alla dimissione della paziente

Righi Bianca, mia madre, di anni 102, è stata portata al pronto soccorso di Osimo (su segnalazione delle infermiere della Fondazione Recanatesi, dove è ospite). E' stata dimessa in condizioni critiche dopo appena 1 giorno di pronto soccorso. All'atto della dimissione, il medico di pronto soccorso dr. Curto Rita ha detto che poteva essere seguita presso la Fondazione Recanatesi, dove si trovava come ospite, quando l'infermeria del centro si è subito allarmata viste le condizioni della paziente. La mattina del 5/1/2016 è stata cominciata, in pronto soccorso, la terapia con Tazocin 1f x2 ev per 7 giorni. Fortunatamente, io presente di pomeriggio, al centro Recanatesi mi sono preoccupata della somministrazione serale di questo farmaco che, però, l'ospedale, all'uscita, non me ne ha dato neanche una scatola e l'indomani era il 6 gennaio, giorno festivo. Il medico di base non era rintracciabile, la cura doveva essere somministrata e continuata. Non vi dico quanta ansia per trovare una farmacia che mi desse questo farmaco (anche poco usato) e le peripezie che ho fatto per andarci ben due volte da un farmacista compiacente e aprendo per me la farmacia nel giorno festivo successivo perché, la sera prima, non aveva tutte le scatole. Non è stato per me piacevole questo trattamento. Lo segnalo solo ora perché essendo da sola a gestire mia madre che ora (nonostante la sua età) sta bene, non avevo il tempo per segnalare questa bruttissima vicenda capitatami.
Pellicciari Giannina (figlia)

Patologia trattata
Dispnea con tendenza alla desaturazione.
Trovi utile questa opinione? 




Altri contenuti interessanti su QSalute