Ospedale Humanitas Gavazzeni di Bergamo

 
3.5 (44)
Scrivi Recensione

Giudizio dei pazienti

Voto ospedale
 
3.5 (44)
Voto reparti
 
4.5 (48)
Indirizzo
Via Mauro Gavazzeni 21, Bergamo
Telefono
035 4204300 - 035 4204500
L'Ospedale Clinica Humanitas Gavazzeni è una struttura privata situata a Bergamo in Via Mauro Gavazzeni 21. Si tratta di un ospedale polispecialistico accreditato con il Servizio Sanitario Nazionale per le attività ambulatoriali e di ricovero. Il complesso ospedaliero sorge su una superficie di oltre 24.000 mq. dedicati alle attività di ricovero e cura, circondati da circa 30.000 mq. di parco secolare. È formato dall’edificio storico principale, dal corpo di servizi e le degenze ristrutturate nel 2003, dal Pronto Soccorso e dall’antica e prestigiosa Villa Elios. Con gli inizi del 2010, Humanitas Gavazzeni potrà inoltre contare su un ulteriore ampliamento architettonico, che aggiungerà nuovi servizi ambulatoriali e di degenza. La struttura è articolata nei seguenti dipartimenti: Dipartimento Cardio Vascolare, Dipartimento chirurgico, Dipartimento Urologico, Area Neurolocomotoria, Dea (dipartimento emergenza), Riabilitazione specialistica, Oncologia, Medicina interna.


Recensioni dei pazienti

44 recensioni

 
(21)
 
(1)
 
(10)
 
(9)
 
(3)
Voto medio 
 
3.5
 
3.6  (44)
 
3.1  (44)
 
4.0  (44)
 
3.4  (44)
Recensioni più utili
Voti (il più alto è il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
01 Giugno, 2017
Silvia
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Intervento con Tecnica STARR

La degenza in ospedale la reputo troppo breve; il personale ausiliario è scortese, forse perché in affanno lavorativo. In due giorni non è mai stato pulito il servizio igienico. Carente la presa in carico post operatoria del paziente.

Patologia trattata
Prolasso rettale e rettocele.
Trovi utile questa opinione? 



25 Aprile, 2017
Lucci Angela
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

INTERVENTO SIMULTANEO PROTESI ANCA E GINOCCHIO

Dopo molti mesi di dolore al ginocchio sinistro e all'anca destra, che mi causava notti insonni e mi costringeva ad usare un bastone per camminare nonostante le numerose terapie effettuate, ho contattato il Dott. Michele Massaro. Durante la visita ho chiesto al Dottore quale arto doveva essere operato per primo. Il dottore mi ha proposto di operare entrambi gli arti con un unico intervento, chiarendo tutti i miei dubbi con serietà e professionalità. Il 7 febbraio 2017 sono stata operata all'Ospedale Humanitas di Bergamo. Mi sono state impiantate, con il sistema mininvasivo per la prima volta in Italia, tre protesi contemporaneamente : la protesi all'anca destra e due protesi al ginocchio sinistro (la protesi monocompartimentale mediale e la femoro-rotulea). Dopo qualche giorno dall'intervento camminavo da sola con le stampelle e ho iniziato la terapia per 12 giorni presso il reparto di fisioterapia dell'ospedale. Sono passati quasi 3 mesi dall'intervento, ho ritrovato la mia autonomia e ho ripreso la mia vita abituale guidando anche la macchina per tratti brevi. Ringrazio di cuore il Dott. Massaro, che mi ha sostenuto umanamente e professionalmente in questa prova ed è stato sempre disponibile a qualsiasi richiesta e che ha mantenuto quanto promesso nella prima visita. Ringrazio tutto il personale dei reparti di Ortopedia e di Riabilitazione dell'ospedale Humanitas di Bergamo per la professionalità e umanità dimostrate nei miei confronti.

Patologia trattata
Artrosi al ginocchio sinistro e all'anca destra.
Trovi utile questa opinione? 
20 Aprile, 2017
Raffaele
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Protesi monocompartimentale ginocchio

Un grandissimo ringraziamento all'Humanitas e al Dott. Massaro. Sono stato operato per una protesi monocompartimentale al ginocchio. Il Dott. Massaro è estremamente preparato, efficiente, comprensivo e paziente. Consiglio vivamente questo dottore, che non finiremo mai di ringraziare per aver risolto con semplicità un grande problema. Grande medico e grande persona!

Patologia trattata
Protesi monocompartimentale ginocchio.
Trovi utile questa opinione? 



12 Aprile, 2017
Susanna
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
5.0

Soddisfatta

Tre giorni di ricovero per ablazione eseguita dal dr. Lupo e la sua equipe: non posso che elogiare tutto il personale e ovviamente i medici per le premure, la professionalità e la disponibilità. Una eccellenza italiana!

Patologia trattata
Ablazione cardiaca.
Trovi utile questa opinione? 
03 Aprile, 2017
Mara Ongaro
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Lobectomia polmonare

Ho avuto mia mamma ricoverata per un intervento di chirurgia toracica. Il giorno di ingresso mia mamma (e non solo lei) è stata fatta cambiare nel bagno della sala d'attesa in piedi e portata in sala operatoria in modo molto sbrigativo dall'infermiera - e davanti a tutti senza un minimo di privacy. Davanti alla mia richiesta del posto letto, mi viene detto che non erano disponibili. Ho atteso 3 ore e, nonostante le mie domande dove mettere le cose di mamma, ricevevo risposte scocciate. Alle 13.00 il chirurgo mi comunica il buon esito dell'intervento, comunicandomi che entro 30-60 minuti mia mamma sarebbe stata portata in camera. Alle 16.00, solo dopo diverse rimostranze al capo sala, si decidono a portarla in camera. Nei giorni di degenza tutto il personale di assistenza, infermiere e personale a supporto, si sono sempre dimostrati scocciati, con risposte strafottenti oppure scaricando su altri certi interventi con attese infinite. L'unica fuori dal coro l'infermiera del dolore grande, persona di una umanità incredibile. Grazie e brava. Ho visto una paziente lasciata per oltre 24 ore in disagi infiniti dove nessuno interveniva e solo dopo che il marito ha fatto intervenire un medico fermato nel corridoio, sono stati presi provvedimenti.
Spiace solo che l'unità è di eccellenza e grande è la professionalità dei medici che ci lavorano, ma il non controllo del personale di assistenza ne lede l'immagine.
Ringrazio immensamente il prof. Bortolotti e la dott.ssa Rizzardi. Unici ed insostituibili, a cui sarò sempre grata.

Patologia trattata
Tumore polmonare.
Trovi utile questa opinione? 
06 Marzo, 2017
Paola
Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
4.0

Assistenza infermieristica

Congiunta ricoverata per breve periodo in Medicina: dottoresse gentili e competenti.
Personale infermieristico al 50% scortese e altezzoso. Le dottoresse in Infermieristica dovrebbero sapere che, date per scontate competenza e professionalità (?), gli aspetti relazionali e di empatia costituiscono un elemento indispensabile dell'assistenza, Vergognoso usare il potere del ruolo con soggetti fragili. Mancano inoltre semplici elementi di buona educazione: qualcuno non saluta e non risponde ai saluti. Mantenere le distanze migliora la qualità dell'assistenza?

Patologia trattata
Internistica.
Trovi utile questa opinione? 
29 Gennaio, 2017
Laura Finardi
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Cardiochirurgia eccellente

Ad ottobre mio padre è stato ricoverato ed operato di sostituzione della valvola aortica. Siamo stati molto soddisfatti dell'accoglienza, attenzione, professionalità dei dottori e del personale infermieristico. Un grazie di cuore al dottor Girometta, al dottor Piti, alle dottoresse (di cui, mi dispiace, non ricordo il nome) e a tutto il personale.

Patologia trattata
Cardiaca.
Trovi utile questa opinione? 
26 Dicembre, 2016
ALESSANDRO conte
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

ARTRODESI CIRCONFERENZIALE L3-S1 CON XLIF

Voglio porgere i migliori auguri per buone feste e prossimo 2017 a tutti i componenti dell'equipe del Dott. Musso e tutto il reparto di ortopedia della colonna con immensi ringraziamenti. Sono stato operato il 23 giugno 2016 dal dr. Sinigaglia e dal dr. Sterlinghetti. Il giorno dopo ero in piedi e 5 giorni dopo in aereo per Bari, dove sono un vigile urbano che non poteva fare più di 50 mt. a piedi per poi sedersi.. Invece dopo 60 giorni dall'intervento ero completamente ristabilito, non ho assunto più alcun farmaco e a 90 giorni ho ripreso a lavorare.
Quindi il dott. Musso, dopo aver visionato radiografie in ortostasi, mi ha ordinato di riprendere la mia normale vita (piscina, sollevamento pesi, camminate ecc.).
L'assistenza ospedaliera è stata eccellente ed io devo sempre ringraziare L'HUMANITAS di Gavazzeni con tutti i suoi componenti.
Sono a disposizione di tutti per eventuali domande.
Alessandro Conte

Patologia trattata
DISCOPATIA DEGENERATIVA MULTIPLA CON CIFOSI LOMBARE.
Trovi utile questa opinione? 
18 Dicembre, 2016
nicola pasculli di Bitonto(ba)
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Intervento protesi per gonartrosi

Dopo quasi due mesi dall'intervento di protesi monocompartimentale mediale ad entrambe le ginocchia e dopo appena 15 giorni di riabilitazione, con l'aiuto delle stampelle ho ripreso a camminare senza alcun problema, le mie ginocchia sono come nuove. Ringrazio immensamente il dott. Michele Massaro per la cura e le attenzioni rivoltami e per la passione e professionalità nel suo lavoro. Colgo la giusta occasione per porgergli i miei auguri di Buon Natale e Felice anno nuovo.

Patologia trattata
Gonartrosi primaria ginocchia.
Trovi utile questa opinione? 
09 Novembre, 2016
filomena putignani
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Ringrazio il dott. Massaro

Dopo mesi di dolori al ginocchio, di notti insonni, di inattività e di terapie che non sortivano alcun effetto, sono approdata, a seguito di consiglio di amici, allo studio del dott. Massaro. Al primo impatto appare persona schiva, di poche parole, quasi eccessivamente seria... poi visita, tocca, chiede ed io comincio ad intravedere la sua competenza. Durante la visita chiarisce i miei dubbi, spiega, dimostra e colgo la passione per il suo lavoro. Accetto così l'idea di un intervento e mi affido alle sue cure. Ho avuto modo perciò di apprezzare pienamente la sua professionalità mista ad una buona dose di comprensione, umanità ed ironia. Dopo un mese dall'intervento (protesi monocompartimentale), passati i dolori e le notti insonni, sono qui a ringraziarlo per avermi ridato la gioia di camminare.

Patologia trattata
Gonartrosi ginocchio sinistro.
Trovi utile questa opinione? 
24 Ottobre, 2016
Antonella
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Decesso in neurochirurgia

Mia madre è stata sottoposta ad un intervento alla colonna. Il dott. Fusco aveva programmato di inserire delle viti e limitarsi nell'intervento, in quanto la mamma aveva 76 anni. Ma la mamma venne sottoposta ad un intervento molto più pesante, poiché i neurochirurghi del 17 giugno cambiarono la diagnosi.
La mamma uscì dalla sala operatoria irriconoscibile poiché presentava un volto gonfio e deformato.
La mamma fu più volte operata per resettare la ferita, con il risultato di una frattura al sacro.
La mamma finì in coma senza che alcun medico dell'unità neurochirurgica intervenisse, nonostante l'allerta del personale infermieristico. Fu ricoverata in terapia intensiva, dove venne intubata per una polmonite (mi fecero fare l'aerosol alla mamma per il mal di gola in neurochirurgia), dialisi, sondino gastrico e intestinale per denutrimento.
La mamma era entrata sana, a detta dei medici di terapia intensiva. Il decesso avvenne il 6 settembre.

Patologia trattata
Chirurgia della colonna.
Trovi utile questa opinione? 
12 Ottobre, 2016
Claudia Garrone
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Intervento alla schiena

Mia madre è stata operata alla schiena a fine settembre 2016. Le hanno tolto viti e cage che le avevano inserito in un'altra clinica 5 anni fa e riposizionato cage e viti per stabilizzare la colonna. L'intervento per ora sembra riuscito, ma la permanenza alla clinica Humanitas Gavazzeni è stata deludente. Innanzitutto l'intervento, già programmato da un paio di settimane, è stato spostato di due giorni per mancanza di strumenti necessari all'operazione chirurgica, quando si era già lì, comportando un dispendio di tempo ed economico per i familiari che l'assistevano. In secondo luogo non è mai stata ricoverata nel reparto di competenza, ma in un altro reparto in cui il medico appariva una volta al giorno e in caso di urgenza doveva essere cercato e non era sempre disponibile. Infine è stata dimessa in maniera frettolosa, tanto che quando siamo rientrati a casa (a 250 km di distanza da Bergamo) dopo 4 giorni siamo dovuti andare in pronto soccorso della nostra città per avere un aiuto terapeutico e far fronte ai dolori lancinanti post operatori. La lettera di dimissioni è stata scritta a mano dopo ore di attesa perchè il computer non funzionava. Lo strumento per misurarle quotidianamente la pressione non funzionava, ma veniva comunque utilizzato riportando valori non corretti.

Patologia trattata
Stenosi lombo-sacrale.
Trovi utile questa opinione? 
04 Ottobre, 2016
LORETTA GHEZZI
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Cardiologia - dott. Pitì Antonino

SONO LA FIGLIA DEL SIG. GHEZZI GIULIO. MIO PAPA' è STATO RICOVERATO IL MESE DI LUGLIO E POI A META' SETTEMBRE PER METTERE DEGLI STENT. RINGRAZIO TUTTI I DOTTORI, IN PARTICOLARE IL DOTTOR PITI' PER LA DISPONIBILITA' E PER LA DEDIZIONE AL SUO LAVORO. GRAZIE DOTTORE.

Patologia trattata
Stenosi arteria carotidea (luglio);
stenosi coronarica (settembre).
Trovi utile questa opinione? 
14 Settembre, 2016
Maria Sgobba
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

GRAZIE DOTT. MICHELE MASSARO

Grazie, un sentito grazie all’eccellente dott. Michele Massaro, da cui sono stata operata il 5 Aprile 2016 presso l’Humanitas Gavazzeni di Bergamo.
Soffrivo di dolori costanti al ginocchio sinistro per gonartrosi primaria; prima di conoscere il Dott. Massaro, non avevo alcuna intenzione di sottopormi ad una qualsiasi forma di intervento, preferendo piuttosto palliativi quali le infiltrazioni. Mi è bastato essere visitata dal dottore per cambiare idea e per decidere di affidarmi a lui.
Il mio non è stato un intervento dei più semplici, infatti ha dovuto applicarmi una protesi bicompartimentale (comparto mediale e comparto femoro-rotuleo). Tutto è andato bene. La sera stessa dell’intervento il dottore è venuto a visitarmi per verificare le mie condizioni e per rassicurarmi sul buon esito dell’operazione. Il giorno dopo l’intervento ero già in piedi e deambulavo per i corridoi dell’ospedale. Tutto ciò che mi aveva preannunciato nella prima ed unica visita prima dell’intervento si è verificato ‘ad litteram’.
Tutta la mia stima e riconoscenza va ad un chirurgo che prima di tutto è una persona dal lato umano straordinario, paziente, sempre disponibile, e che ha dimostrato tanta serietà, competenza e professionalità. A lui va il mio più sentito e profondo ringraziamento e l’augurio di una carriera sempre più luminosa.
I miei ringraziamenti vanno anche all'equipe medica, agli infermieri ed agli operatori socio-sanitari del reparto di ortopedia che mi hanno assistito egregiamente nel decorso ospedaliero.
Degno di encomio tutto il personale del reparto di riabilitazione e fisioterapia che mi ha seguito con scrupolosa attenzione nel post operatorio fino alle dimissioni (11 giorni dopo l’intervento); un particolare abbraccio alla “mia” fisioterapista Evelin.
Infine, un sentito grazie al Sig. Nicola con cui ho seguito un percorso di riabilitazione nella mia città.

Maria Sgobba (Bari)

Patologia trattata
GONARTROSI PRIMARIA BICOMPARTIMENTALE (COMPARTO MEDIALE E COMPARTO FEMORO-ROTULEO)- GINOCCHIO SINISTRO.
Trovi utile questa opinione? 
31 Agosto, 2016
Nicola
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

GRAZIE DOTT. MASSARO

Sono Nicola Novielli, lo scorso aprile il mio ginocchio si è bloccato e di corsa al pronto soccorso di Bari dove (dopo RX e Tac) mi hanno riscontrato una gonartrosi sinistra dovuta alla mia conformazione fisica e ai vari traumi; lì mi hanno immobilizzato l'arto. Dopo diversi consulenti e varie terapie vane, non riuscivo più a stendere la gamba e il muscolo era atrofizzato; comunque nessuno mi sapeva dare una soluzione a breve termine (mi è stato detto: "la soluzione è la protesi totale ma sei troppo giovane"). Quindi a 38 anni avrei dovuto rinunciare alla qualità della mia vita (sport, famiglia, lavoro, eccetera) in attesa dell'età giusta per la protesi. Ma poi come ci sarei arrivato??! Non mi sono arreso e ho conosciuto il mitico dottor Massaro, il quale applicava protesi meno invasive. Già dal primo consulto, con la sua terapia, ho avuto subito sollievo, ma l'intervento sarebbe stata la soluzione. Lo scorso 26 luglio mi sono sottoposto all'intervento di protesi monocompartimentale presso la clinica Gavazzeni di Bergamo, durante tutto l'iter il dott. Massaro mi ha seguito rispondendo a tutti i miei dubbi e preoccupazioni. Il giorno seguente ero in piedi e dopo 3 settimane in grado di camminare senza stampelle. Ringrazio di cuore il dott. Massaro non solo per la sua estrema competenza e professionalità, ma anche per la sua umanità, disponibilità e pazienza (dato che l'ho disturbato anche durante e sue vacanze). Sono infinitamente grato al dottor Massaro per avermi dato la possibilità di tornare a fare il mio lavoro, il papà e il marito. Grazie anche a tutta l'équipe per avermi supportato ma soprattutto sopportato.

Patologia trattata
Gonartrosi.
Trovi utile questa opinione? 
08 Luglio, 2016
Giovanna
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Assistenza pessima

Nulla da dire sui medici, che sono sembrati competenti, ma personale infermieristico per la maggioranza scortese, anche nei confronti di pazienti educati e non "rompiscatole", veramente sbrigativo e poco attento alle problematiche (reali) dei degenti, spesso risponde alle chiamate con molto ritardo, anche quando non occupato con altri malati. Infermieri che la mattina si occupano dell'igiene dei degenti non autosufficienti, si chiudono nelle stanze dei malati di cui dovrebbero occuparsi rimanendovi a chiacchierare fra di loro, accendendo il televisore e facendo passare i canali per ascoltare musica, senza chiedere ai pazienti ricoverati nella stanza se ciò possa dar loro fastidio.
Poca comunicazione coi medici: un paziente denutrito da operare la mattina e che avrebbe dovuto soltanto saltare la colazione, è stato, per sbaglio, lasciato senza cibo dal mezzogiorno del giorno precedente!

Patologia trattata
Internistica (medicina).
Trovi utile questa opinione? 
02 Giugno, 2016
Antonella
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ambulatorio di Otorinolaringoiatria

Mi sono sottoposta qualche giorno fa a una visita otorinolaringoiatrica prenotata sul web. Devo ringraziare la dott.ssa Annalisa Pianese per la professionalità e gentilezza mostrate, la visita è stata molto accurata, comprensiva di lavaggio all'orecchio in questione ed ulteriori accertamenti. Mi ritengo soddisfatta.
Inoltre tempi di attesa sono stati rispettati e ho avuto anche la possibilità del parcheggio gratuito!
Che dire? Grazie!

Patologia trattata
Problemi di ovattamento all'orecchio, naso chiuso, raucedine etc..
Trovi utile questa opinione? 
09 Mag, 2016
Carla rimondi
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Intervento cardiochirurgico. Gratitudine

In un momento di improvvisa difficoltà, sono stata assistita da personale estremamente competente, gentilissimo e mai pago di essermi di aiuto. Un ringraziamento particolare al dottor Agnino e a tutto il suo staff, al personale del reparto degenza B2 e B3 e della terapia intensiva.

Patologia trattata
Ricostruzione di una valvola ed eliminazione di una cisterna pericardica.
Trovi utile questa opinione? 
13 Aprile, 2016
giulio
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
2.0

Colica renale

3 volte al pronto soccorso in una settimana per forti dolori (coliche renali), alla terza visita, chiamato l'urologo, si decide per inserimento di stent uretrale. Dopo 1 o 2 trattamenti per i calcoli (bombardamento), dolori molto acuti e 25 giorni di stent, prima chiedo chiarimenti, poi prenoto visita privata in altra struttura, ove in DUE giorni sistemo tutto (anno 2010).

Patologia trattata
Calcolosi renale.
Trovi utile questa opinione? 
11 Marzo, 2016
netti maria giovanna
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie a tutti

Sono Maria Giovanna Netti di Putignano (BA), ho 62 anni.
Soffrivo da circa 2 anni di un dolore lancinante al ginocchio destro.
Non voglio accusare nessuno della mancata risoluzione del caso; ma devo ringraziare la bravissima dott.ssa Angela Tria per avermi suggerito un incontro con l'ortopedico dott. Michele Massaro.
Devo dire che, avendo diagnosticato una gonartrosi, mi disse che sarebbe intervenuto con il sistema PMG. Accettai con estrema convinzione e il 12 Gennaio scorso mi sono operata presso la clinica Humanitas Gavazzeni di Bergamo, dove lo stesso esercita la sua professione. Devo dire francamente che finalmente è stato eliminato quel fastidioso problema che mi dannava l'anima.
Perciò un sentito ringraziamento va al dott. Michele Massaro per la sua professionalità e anche al simpatico dott. Francesco Verde, nonchè a tutta l'equipe medico-infermieristica della suddetta onorata clinica per l'abnegazione al lavoro e la cortese attenzione verso i pazienti.
VOTO: 9.

Patologia trattata
Gonartrosi.
Trovi utile questa opinione? 
30 Dicembre, 2015
Stefano
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Pronto soccorso e visita ortopedica

Dopo tre ore di attesa entriamo in ambulatorio:
Un dottore poneva domande e faceva delle supposizioni;
un dottore (ortopedico) non parlava e scriveva al PC (da notare che le "diagnosi" dei due erano diverse...).
Un altro (erano in tre) restava seduto sulla scrivania con i piedi sulla sedia, muto.
Mia madre NON E' STATA VISITATA, lasciata in piedi aggrappata a me dal dolore,
La documentazione non è stata nemmeno vista (è rimasta all'accettazione dall'infermiera).
Invitati a leggere le 2 righe scritte sull'impegnativa del medico curante con le patologie e le terapie in atto, rispondono in coro: "non leggiamo la documentazione perchè altrimenti finiamo a Natale".
Risultato: l'antidolorifico prescritto, date le patologie e le terapie già in atto, non può essere assunto.
Intanto verranno rimborsati per un intervento di pronto soccorso e una visita ortopedica in cui si dice che: le fanno male i piedi (e meno di 5 minuti per tutto).
Per completezza: in accettazione le hanno applicato anche l'ossimetro.

Patologia trattata
Poliartralgia.
Trovi utile questa opinione? 
08 Ottobre, 2015
GIUSEPPE ADDUCI
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

GRAZIE

Scrivo questa recensione appena ritornato a casa. Sono un ragazzo di 19 anni e, nonostante la giovane età, i problemi di salute non mancano. Soffro di "cardiomiopatia ipertrofica" e nonostante i controlli annuali e la cura in atto, il mio medico ha voluto che mi recassi in clinica per esami più approfonditi. Sono arrivato lì martedì mattina ore 11:00 per farmi ricoverare, in sala di attesa c'era un sacco di gente e sinceramente mi chiedevo chissà quanto tempo ci vorrà qui oggi per farmi assegnare posto letto e stanza!! Ma mi sbagliavo perchè nell'arco di pochi minuti mi hanno fatto tutta l'accettazione di ricovero e mandato in reparto. Giunto in reparto, un'aria di familiarità e cortesia è giunta ai miei occhi.. sembrava ci conoscessimo già tanto tempo con l'infermiera che mi ha accolto. Essa, bravissima e velocissima, mi fece prelievo, elettrocardiogramma e impianto dell'apparecchio di monitoraggio del cuore. Finita questa prima fase, verso le ore 13.00 circa non avevo la stanza ma attendevo pazientemente, anche perchè so il lavoro che c'è da fare in un ospedale. Mentre aspettavo, sempre pazientemente, giunge a me un'altra infermiera che con un bel sorriso mi dice di poter lasciare le mie valige nel luogo sicuro da lei indicatomi, dandomi il buono pasto per il pranzo. Tornato dal pranzo, il posto letto mi attendeva e mi sono sistemato. Nel corso della degenza mai e dico mai ho visto il corridoio in mancanza di personale e ogni momento necessario gli infermieri e i medici erano in stanza per rassicurarsi che tutto andava bene. Durante i controlli tutto il personale medico è stato all'altezza del proprio incarico e ad ogni mia domanda la risposta era sempre cauta e gentile. Con felicità dico che tutti gli esami sono andati a buon fine e infatti dopo 48 ore sono a casa.. ma non con mamma e papà, ma a 550 km. da loro per motivi di studio. Con ciò concludo questa recensione ringraziando tutti i medici che mi hanno visitato, gli infermieri, e tutta la clinica HUMANITAS GAVEZZENI di Bergamo; ma un grazie particolare lo rivolgo al mio dottore, Alfonso Agnino: senza di lui non avrei mai scoperto il mio piccolo problema. Ancora grazie e in bocca al lupo, continuate così e sarete più grandi che mai.
Un abbraccio, Giuseppe

Patologia trattata
Cardiomiopatia ipertrofica.
Trovi utile questa opinione? 
21 Aprile, 2015
laura
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
2.0

Accettazione decisamente non adatta

Mi sono recata presso la clinica per effettuare una visita e:
1. Non mi è stato detto di recarmi 40 minuti prima
2. C'erano 7 persone in coda e un solo sportello aperto
3. Ho chiesto se si poteva avvisare del mio ritardo il medico e mi è stato detto al banco informazioni di "non preoccuparmi"
4. Non ho potuto effettuare la visita perché il medico doveva andare.

Non ce l'ho con il medico, anzi, ma non credo sia possibile una cosí brutta gestione delle accettazioni sia per la poca disponibilità di sportelli aperti, sia, in secondo luogo, per l'inefficiente gestione del servizio informazioni!
Sicuramente io ero in ritardo (nonostante non fossi stata avvisata), ma davanti alla mia richiesta di informare il medico del ritardo è stato mostrato totale menefreghismo... alla faccia del servizio informazioni!

Patologia trattata
Visita specialistica.
Trovi utile questa opinione? 
21 Aprile, 2015
Romeo Giorgio
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Operazione a cuore aperto

Nel 2005 sono stato operato al Policlinico di Palermo. Secondo il giudizio dell'allora primario tutto era andato bene. Oggi nel 2015 ho avuto problemi alla mitralica mal funzionante; recatomi al Policlinico di Palermo il professore che mi ha operato, a suo tempo, conoscendo il mio grave problema, mi ha riferito che era inoperabile. Così mi recavo in altra struttura dove mi riferivano la stessa cosa, pertanto dovevo attendere a poco a poco il giorno fatale. Il mio cardiologo di fiducia non si dava pace e per puro caso ha conosciuto il dott. Onorato della Gavazzeni. Il professionista palermitano ha parlato del mio caso ed il dr. Onorato ha voluto conoscermi e, dopo avere esaminato tutta la mia documentazione, mi ha organizzato il ricovero alla Gavazzeni. Dopo tutti gli accertamenti di rito, mi ha comunicato che il suo autorevole intervento non sarebbe stato efficace, così mi ha presentato altro Grande Professionista, il Dr. Esposito Giampiero, il quale è stato molto esplicito riferendo che se volevo poteva intervenire a cuore aperto, mettendomi al corrente di tutti i problemi a cui potevo andare incontro. Il dr. Esposito con la sua Grande Professionalità ed umanità e gentilezza.. mi ha ridato la vita. GRANDE PROFESSIONISTA.

Prima non conoscevo la struttura, oggi sono fiero di averla conosciuta, perche' ho notato la gentilezza e la cordialità di tutti i vostri operatori. Dall'inserviente al Primario. In riabilitazione sono stato seguito da una grande professionista, la dr.ssa Orlando- ed équipe. Tutti gentili e sempre con il sorriso sulle labbra, valori che per un ammalato di grave entità si aggiungono alle medicine.

Patologia trattata
Ricostruzione della valvola mitralica.
Trovi utile questa opinione? 
19 Marzo, 2015
Elisa
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Pronto soccorso per aritmia

Dopo aver letto tante cose negative, vorrei dire la mia.
Io mi sono trovata benissimo.
A breve verrò chiamata per un piccolo intervento e mi sento tranquilla.

Patologia trattata
Tachicardia Parossistica Sopraventricolare (TPSV).
Punti di forza
Personale medico.
Punti deboli
Pulizia dei bagni in pronto soccorso.
Trovi utile questa opinione? 
15 Marzo, 2015
Luca
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Pronto Soccorso

Sono andato al pronto soccorso (ore 9.00) perchè mi ero rotto un dito della mano. Dopo mezz'ora di attesa per l'accettazione, altra attesa di un'ora e mezza per il mio turno (e sono già le 11.00), mi fanno la radiografia e mi dicono: "scendi al piano terra, segui la linea arancione e vai in sala d'attesa". Ci vado, e in quella sala ci son rimasto per ben 6 ore...
Verso le 14.00 inizio a chiedere in giro "dove è l'ortopedico?" e mi dicono i più gentili: "non è qui, è in un'altra sala" ma io bello è che non potevo uscire neanche per mangiare... Messo in una sala con altra gente ad aspettare, aspettare.. ASSURDO!! Alle 15.30 mi sono arrabbiato dicendo che sarei uscito e avrei chiamato i carabinieri... Allora mi dicono che posso andar al bar a mangiar qualcosa... Morale della favola, alle 18.00 l'ortopedico mi dice in 2 secondi che ho il dito fratturato e va via, la fasciatura me la fa un'altra persona... Alle 18.30 finalmente a casa... Una storia che ha dell'assurdo... Non avrei mai pensato che fosse possibile una cosa del genere..

Patologia trattata
Frattura dito mano.
Trovi utile questa opinione? 
22 Febbraio, 2015
simona
Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Carcinoma ovarico

Io invece non consiglio a nessuno un ricovero presso questa clinica. A marzo 2014 mia mamma è stata operata per un carcinoma ovarico, l'intervento purtroppo è andato male, un punto di sutura non chiuso correttamente ha provocato una setticemia, della quale siamo stati informati solo dopo 2 settimane dal nostro medico di base, non dal personale medico della Gavazzeni, che ha sempre accampato un sacco di scuse per non ammettere colpe ed errori. La mamma è stata messa 2 volte in terapia intensiva e dopo 38 giorni di agonia è morta, non per il tumore, ma per errori di cui nessuno si e' mai neppure scusato. Il primario per 38 giorni non ha fatto che ripetere "tutto bene, tutto bene" ed intanto mia mamma si consumava nell'indifferenza di tanta "scienza". Ho la cartella clinica e quando avro' la forza di reagire a questa morte assurda, vedrò come agire.

Patologia trattata
Carcinoma ovarico.
Trovi utile questa opinione? 
15 Febbraio, 2015
Nicoletta
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Aspetta, aspetta e spera...

Sto aspettando da circa un mese che mio papà venga ricoverato (85 anni) per intervento al piede per infezione seguita a precedente amputazione, avvenuta nella stessa clinica, a dicembre 2014. Dall'inizio del nuovo anno (con ambulanza) porto mio papà per le medicazioni settimanali presso la clinica e mi sento dire dai medici che l'intervento potrebbe avvenire la settimana successiva, sempre successiva.... Finalmente mercoledì 11-02 veniamo chiamati per il pre- ricovero e successivamente, giovedì 12, veniamo contattati per la data dell'intervento (fissata per martedì 17 febbraio). Che sollievo pensiamo. Giusto il tempo di sperare che tutto vada per il meglio quando... il giorno dopo, venerdì 13 febbraio, contrordine: l'intervento viene rimandato a data da destinarsi. Delusione e ulteriore ansia dettata dalla paura che, più tempo passa, più tempo servirà per mettere in piedi un signore di quell'età, fermo ormai da tre mesi in un letto. Allora richiamo la clinica, il reparto, l'accettazione, ma il telefono è sempre occupato e io resto con tutti i miei pensieri e le mie ansie....
Questi sono i fatti. Arrivederci.

Patologia trattata
Piede diabetico.
Punti deboli
Servizio prenotazione e contatti con clinica.
Trovi utile questa opinione? 
11 Settembre, 2014
Sara Ferrari
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Pronto Soccorso.. né pronto né soccorso

Portato in ambulanza in seguito a pestaggio subito da più persone, mio marito ha ricevuto le suture per le ferite riportate, ma nessun tipo di controllo per le botte prese (nonostante previa segnalazione dei carabinieri di calci ricevuti lungo tutto il corpo, testa inclusa e messa in evidenza dagli stessi). Torniamo il pomeriggio seguente per vomito, diarrea e dolori lancinanti al ventre. La prima reazione è stata stenderlo per un'ora e mezza su un lettino, senza alcun tipo di intervento medico e nemmeno una bacinella per vomitare; entrata io dentro il pronto soccorso, a furia di sentire le imprecazioni di mio marito, sento l'infermiera che si lamenta perché: "Che schifo! Ha sporcato tutto il lettino! Si vede che gli piace rotolarsi nella sua merda!"
Non ha ricevuto nessun tipo di visita o controllo; dopo 3 ore di attesa e molta insistenza hanno optato almeno per dei raggi; nel frattempo gli hanno dato un antidolorifico senza stomaco protettore, il che ha aggravato ulteriormente vomito e dolori allo stomaco. Alla fine mi sono dovuta rivolgere ad un'infermiera amica di famiglia.
A parte la profonda incompetenza, mi pare che in questa clinica manchino persino le basi della buona educazione!!!

Patologia trattata
Percosse da pestaggio.
Trovi utile questa opinione? 
21 Agosto, 2014
rachele
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Impressione negativa

Oggi mi sono recata per una visita ginecologica appuntamento alle 16.30: io arrivo alle 16.35 ed il medico era andato via... Prima volta nella clinica e anche ultima.. Di solito mi hanno insegnato che c' è un sempre un margine per i ritardatari, ci sono rimasta male come anche la segretaria, che non sapeva nemmeno che fosse andato via...
Il bello è quando ho pagato il parcheggio interno 1 euro perché avevo oltrepassato di 1 minuto la sosta consentita per una visita che non avevo fatto, l'ho anche detto al parcheggiatore, ma a lui non importava..
PRIMA IMPRESSIONE NEGATIVA.

Patologia trattata
Visita ginecologica (non fatta).
Trovi utile questa opinione? 
01 Mag, 2014
Tania Monia Salvi
Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Pronto Soccorso

In due giorni (27 e 28 aprile 2014) mi sono presentata in P.S. Per dolori lancinanti al fianco.
Il 27 sera mi fanno triage alle 19:24; vengo valutata (non visitata) intorno alle 21:00 dalla dottoressa di turno che, senza informarsi delle mie condizioni clinico-sanitarie, mi rifila una flebo con tre dosi di antidolorifico e, forse presa dal rimorso, mi sottopone a test delle urine... Intorno alle 22:00, nonostante fossi stata chiara sul fatto che i dolori persistevano, venivo dimessa con dolore lombare in infezione delle vie urinarie... Pago 25 euro e me ne vado...
Il giorno seguente mi ripresento alle 13:11 per lo stesso problema. Almeno il triage è stato fatto un po' più approfonditamente...
Dopo un'ora di attesa chiedo di andare in bagno e mi fanno lo stick per le urine.
Vengo Rivalutata verso le 14:00 e, dopo una sommaria visita, mi vengono fatti gli esami del sangue e mi viene iniettata una prima dose di antidolorifico. Dopo 90 minuti la dottoressa mi chiede come va ed alla mia risposta mi fa stendere sul lettino e via, nuova dose di flebo con antidolorifici vari...
Dopo dieci minuti torna dicendo che secondo lei soffrivo di lombalgia.
Dimenticavo: prima di iniettarmi i vari farmaci non si sono neppure curati di informarsi di una eventuale gravidanza in corso; secondo me questa è stata una mancanza grave, tanto quanto la negligenza del personale medico.
Pago altri 25 euro e me ne vado incavolata nera...
Quando il mio medico ha visionato le carte, mi ha chiesto l'ecografia (ma non mi è stata fatta!!!) perché dai sintomi il mio problema è una colica renale!!! Uguale no?
In sostanza: ho passato circa 5 ore di agonia a sorbirmi i discorsi del cavolo di medici ed infermieri, con tanto di canzoncine ben auguranti (quelle che si cantano durante i funerali, per intenderci).

Patologia trattata
Per i medici della clinica lombalgia; per il mio medico calcolosi renale.
Trovi utile questa opinione? 
08 Aprile, 2014
A
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
2.0

CHIRURGIA DELLA COLONNA - DELUSIONE

Sono stata operata l'anno scorso per una spondilolistesi di II-III grado (ho anche una discreta scoliosi ma mai presa in considerazione) in questa struttura, perchè qui lavora uno dei neurochirurghi più rinomati di Bergamo.

Appena terminato l'intervento, mi dicono che è andato tutto bene, purtroppo la vertebra scivolata è stata riposizionata solo per metà, però dovrei avere grossi miglioramenti.

A parte il fatto che durante la mia degenza (10 giorni) ho avuto vari disguidi - per esempio un letto non automatico per una persona bloccata a letto ben 5 giorni!!! dato che mi dava fastidio chiamare l'infermiera ogni ora per farmi cambiare posizione dello schienale, sopportavo il dolore alla schiena... ma questo è un dettaglio... la cosa che mi ha lasciata più allibita è che un giorno (ancora bloccata a letto) mi tolgono il catetere, ho ancora la flebo, dopo qualche ora che non riesco a urinare, mi sento scoppiare, sto veramente male allora sono il campanello, non arriva nessuno, chiedo a mia madre di chiamare un infermiere, perchè sto impazzendo!! ma sorpresa, sorpresa.. in reparto non c'è nessun infermiere!!! son tutti in pausa!!!! dopo circa un'ora di attesa e dopo altri interminabili attimi di attesa per cercare di convincere l'infermiera (che non mi crede) che sto scoppiando, mi rimettono il catetere!!! e infatti riempio metà sacca!

Alle dimissioni nessuno mi da' indicazioni, non so che fare! Allora mi tocca andare IO a cercare il medico per avere alcune delucidazioni (in modo moooolto sbrigativo) sul da farsi durante la convalescenza.

Fiosioterapia??? abbandonata a me stessa.. non ho capito quando e cosa fare!!! il risultato è stato che ho sbagliato tutto...

Ma questo è ancora niente... a Settembre, dopo il 3° controllo (A PAGAMENTO, VOLUTO DA ME, 200€ A VOLTA nonostante le mie poche entrate economiche, A ogni controllo mi sento trattata come una specie di ipocondriaca) con il medico che mi ha operata... gli comunico per l'ennesima volta che non sto bene, e che nell'esito radiologico c'è scritto che c'è qualcosa che non va... visionata la lastra, la risposta?? "Impossibile, si è sbagliato il radiologo! qui non c'è niente che non va".

Passano i mesi, sto sempre meno bene. Allora a Marzo 2014 decido di fare un altro consulto a Milano... e cosa scopro?? che i ferri sono rotti da Settembre (visibili nella famosa lastra) e nè chirurgo nè fisiatra (quest'ultimo lavora in un'altra struttura) se ne sono accorti!!!!

La conseguenza è ovvia, 6 mesi con i ferri rotti facendo palestra hanno aggravato ancor più la situazione, e ora sono disperata, non so più dove andare e cosa fare!!!

IN CONCLUSIONE, UNA DELUSIONE UNICA.

Patologia trattata
SPONDILOLISTESI - CHIRURGIA DELLA COLONNA.
Punti deboli
TOTALE SUPERFICIALITA' DAI REPARTI (ABBANDONO TOTALE DOPO L'INTERVENTO); CUP (LE OPERATRICI DEL CUPS SONO ASSURDAMENTE SCORTESI E LENTE), PER NON PUNTUALIZZARE TUTTO CIò CHE MI HA DELUSA...
Trovi utile questa opinione? 
08 Aprile, 2014
Roberto
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ottima esperienza

Sono stato ricoverato in cardiologia il 05/04/13 per un intervento di valvuloplastica aortica e sostituzione del primo tratto di aorta ascendente con protesi artificiale. Rispetto ad altri pazienti con me ricoverati che avevano subìto un intervento urgente, nel mio caso ho scelto quale operazione eseguire (sono di Genova, al San Martino mi avrebbero sostituito la valvola con protesi meccanica senza pensarci su), dove essere operato (altri ospedali/cliniche in Italia eseguono questa operazione, ma il Gavazzeni era quello che mi ispirava di più) e anche quando essere operato. L'intervento (eseguito da primario Prof. Esposito, coadiuvato dal Dott. Bichi) è perfettamente riuscito, il decorso post-operatorio è stato tranquillo e senza problemi di sorta. Avendo scelto di eseguire la terapia riabilitativa (cosa che mi sento di consigliare di cuore a chi si trovasse nella stessa situazione) nella stessa struttura, ho passato altre due settimane (in totale il ricovero è stato di 23 giorni) al II piano del padiglione B; qui ho trovato competenza e simpatia da parte di OSS, infermieri, fisioterapisti e dottori. L'unico elemento di disturbo è dato dall'allarme della telemetria con cui ogni paziente viene monitorato 24/24h, che giorno e notte fa sentire la sua fastidiosa e continua presenza. Capisco la necessità, ma in considerazione del fatto che il sonno disturbato è una mezza malattia, consiglierei a chi di dovere di prendere provvedimenti.
Inoltre, la politica di permettere ai parenti la permanenza nella stanza senza particolari limitazioni, se da un lato può (probabilmente) far piacere al paziente, può determinare talvolta stress nei confronti del paziente compagno di stanza. Ma direi che questo dovrebbe rientrare nel buon senso delle persone in visita.
Comunque, la mia esperienza nel reparto di cardiologia è stata ottima e mi sento di consigliare questa struttura.

Patologia trattata
Aorta bicuspide con stenosi dell'aorta ascendente.
Punti di forza
Pulizia, cortesia, competenza, disponibilità, cibo.
Punti deboli
Reparto B2: sonno disturbato dall'allarme della telemetria.
Trovi utile questa opinione? 
25 Marzo, 2014
kia
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

ORTOPEDIA - CHIRURGIA ALLA SPALLA

Intervento d'urgenza per trauma acromion-claveare (rottura traumatica di 3 dei 4 legamenti della clavicola). Tempi brevissimi, un solo consulto, in quanto ritenuta operazione urgente. Nulla da eccepire sulla pulizia e sul personale paramedico, cortese e molto disponibile. Pessima valutazione invece per i medici: la cicatrice ha formato dei cheloidi che si potevano evitare, la mobilità è ridotta e, nelle fasi post-operatorie, non ho ricevuto ALCUN TIPO DI ASSISTENZA o informazione. Sin dal giorno delle dimissioni non mi sono state fornite informazioni sull'esigenza di fare fisioterapia, sui tempi di recupero, su cosa era possibile o non possibile fare.. le visite di controllo sono state fatte sempre da chirurghi diversi, per una durata massima di 5 minuti, senza fare nulla più di guardare le lastre e dire "che era tutto a posto". Risultato: a 32 anni ho ancora la spalla fuori posto, dolori articolari e una "bella" cicatrice. Sconsiglio il reparto di ortopedia-chirurgia!!

Patologia trattata
Trauma acromio-claveare spalla dx.
Punti di forza
personale OSA- paramedico; pulizia.
Punti deboli
rapporto umano, chiarezza, qualità dell'intervento e della gestione del post operatorio.
Trovi utile questa opinione? 
21 Novembre, 2013
Silvia
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
3.0

In mancanza di altro....

Non mi sono trovata bene, medici arroganti e scortesi. Nessuna informazione sull'intervento o su quando sarei stata dimessa; tutto molto "alla buona" insomma. Non metto in dubbio le loro capacità come chirurghi, ma credo non bastino.

Patologia trattata
Encondroma con innesto osseo.
Trovi utile questa opinione? 
02 Ottobre, 2013
Amedeo Zerbini
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Dieci anni fa era tutta un'altra cosa

Sono profondamente indignato per il diverso trattamento riservato ai clienti privati rispetto ai clienti pubblici. Al di là di un aspetto "elegante" per non dire "signorile", la gente viene trattata male non tanto dal personale medico, quanto dalle segretarie dei diversi reparti.
Presso la struttura sono stati effettuati i seguenti interventi/trattamenti:
- Al sottoscritto: intervento privato a pagamento per la creazione di quattro bypass aortocoronarici (2002). Nulla da eccepire.
Intervento d'urgenza per inserimento di pace-maker (2004) a seguito di blocco atrio-ventricolare di 3° grado permanente e successivo follow-up. Nell'insieme rapporti scadenti e insoddisfacenti.

- Alla moglie: intervento privato a pagamento per amputazione del retto e creazione di colostomia a causa di adenocarcinoma al retto in stadio avanzato. Nulla da eccepire.
Trattamento chemioterapico successivo a carico Asl. Assolutamente insoddisfacente con susseguente decesso della paziente per riconoscimento ritardato (due anni) di metastasi al cervello.

Patologia trattata
Impianto 4 bypass aortocoronarici;
Blocco atrio-ventricolare di 3° grado permanente (con inserimento di pace-maker).

Adenocarcinoma al retto in stadio avanzato;
Trattamento chemioterapico successivo a carico Asl.
Punti di forza
Aspetto esteriore.
Punti deboli
Organizzazione interna e assistenza effettiva ai non paganti.
Trovi utile questa opinione? 
22 Settembre, 2013
Paolo
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Tanta presunzione.....

Ho avuto mio fratello che è stato operato di recente di resezione endoscopica di neoplasia della vescica. Non ho avuto una impressione positiva per la presunzione di un medico, dr. Lembo, che, alla domanda per quale motivo non usasse un metodo moderno per la ricerca delle neoplasie vescicali occulte, mi ha risposto che lui non ha bisogno di questi marchingegni. Ora, io capisco che essendo anziano avrà la sua esperienza... ma quanta presunzione e... arroganza!

Patologia trattata
Tumore della vescica.
Punti di forza
Pulizia.
Punti deboli
Rapporti con pazienti.
Trovi utile questa opinione? 
16 Agosto, 2013
federica maeran
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Chirurgia toracica: fortemente consigliata

Mio padre, già paziente oncologico per adenocarcinoma polmonare, ha subìto un reintervento per medesima patologia -a due anni di distanza dal primo- presso la clinica Humanitas Gavazzeni.
Da segnalare competenza, professionalità e grande disponibilità del chirurgo toracico, il Dr. Bortolotti, oltre che di tutto lo staff medico che ha seguito il caso durante la degenza.
Molto efficace e solerte tutta l'equipe di infermieri, oss e fkt.
Servizio ineccepibile, grande attenzione e sensibilità da un punto di vista umano.

Patologia trattata
Adenocarcinoma polmonare.
Punti di forza
Efficienza, professionalità e competenza di tutto lo staff medico oltre che del personale infermieristico, oss e fkt.
Punti deboli
Nessuno.
Trovi utile questa opinione? 
30 Mag, 2013
Aldo D'Addante
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

CARDIOLOGIA: ESPERIENZA PRETTAMENTE NEGATIVA

Sono un cardiopatico di 64 anni, ricoverato nel Reparto Cardiologia della Struttura Sanitaria di "ECCELLENZA" lombarda, per un banale intervento di "ablazione transcatetere con R.F.", per risolvere un problema diagnosticato dal proprio medico di fiducia presso cui privatamente sono stato controllato attentamente con ECG e visita specialistica, come un "FLUTTER ATRIALE TIPICO" in soggetto con avvenuto pregresso IMA nel 1998.
Mi sono presentato fresco e riposato, con annessa valigetta con biancheria, per il classico breve soggiorno nella rinomata Clinica cittadina, a metà del mese di maggio 2013, senza alcun dolore o fastidio, ad eccezione del solito dolore di Angor da sforzo che mi affligge a seguito del vecchio infarto risolto da 15 anni.
Il giorno successivo al mio arrivo, dopo i numerosi ed accurati accertamenti clinici di routine, venivo sottoposto da mio Cardiologo alla c.d. "ablazione transcatetere" per eliminazione mediante "bruciatura" delle cellule malate, che alteravano da qualche tempo il mio battito cardiaco con una seria "BRADICARDIA".
Dopo essere stato sedato con anestesia locale, venivo sottoposto per oltre mezz'ora all'intervento sanitario, quando il Cardiologo operante mi si rivolgeva verbalmente, mentre mi trovavo sdraiato sul lettino operatorio in uno stato di stordimento e di prostrazione psicologica dovuta alla mera angoscia, comunicandomi in termini medici che non poteva più procedere all'intervento per intervenute complicanze cliniche nella mia Fibrillazione atriale, che si era aggravata per meri motivi clinici non meglio determinati. Alle mie rimostranze e alla accesa delusione per l'esito interrotto dell'intervento di routine, il Sanitario mi faceva effettuare dal personale paramedico una Cardioversione elettrica in anestesia totale, per darmi il c.d. "contentino" come giustificazione dell'avvenuto e non previsto insuccesso in campo sanitario, pur essendo a conoscenza che nel mese di gennaio 2013 la stessa procedura di CVE (effettuata presso altra struttura sanitaria) aveva dato esito negativo. Lo stesso esito negativo della scorsa volta, veniva accertato dai medici il giorno dopo attraverso i vari ECG e Holter effettuati nel Reparto.
Dopo la mia marcata delusione e lo stato di shock e di depressione avvenuto per l'interruzione dell'intervento di ablazione cardiaca, lo stesso Sanitario, durante la stessa giornata, mi comunicava che dopo aver vagliato e studiato la mia situazione clinica, l'unica possible soluzione per eliminare il modesto disturbo causato non dal c.d. FLUTTER atriale tipico, bensì dalla accertata presenza della più grave F.A., era l'installazione di un PACEMAKER.
Alla brusca comunicazione del Cardiologo, da me non prevista e mai proposta durante le svariate visite specialistiche effettuate, io rispondevo in preda al panico e alla disperazione, che rinunciavo all'impianto del P.M. per motivi personali e di lavoro, il quale non mi permetteva di poter svolgere appieno la mia professione, per la parziale invalidità dettata dal portare nel torace un impianto di P.M.
Dopodichè, nell'arco delle stesse 48 ore di permanenza nello stesso Nosocomio, psicologicamente alterato per l'imprevista notizia, ero entrato nella Clinica Gavazzeni per eliminare una modesta alterazione del rallentamento del battito cardiaco e sono uscito angosciato, deluso, ammaccato sulla schiena e una gamba per una brusca caduta sul pavimento (io peso ben 97 kg.), dovuta alla presenza del borotalco versato involontariamente sul pavimento da parte di una infermiera (che poteva causarmi delle notevoli lesioni ossee) ed irritato e deluso, nonchè abbruttito per la reiterata presenza nella camera di metri 5x4 di parenti ed amici del mio vicino di letto, che per 48 ore mi hanno tenuto sveglio per 16 ore al giorno con il continuo parlare a alta voce, impedendomi di dormire, riposare o leggere e svilendo la mia riservatezza e privacy, mentre era in condizioni fisiche menomate e non abbigliato per sostenere la presenza di estranei. Mi fermo qui ed è meglio, e mi scuso per il mio prolisso commento al mio ULTIMO soggiorno presso l'ECCELLENZA della Sanità Lombarda.

Patologia trattata
FLUTTER ATRIALE TIPICO - FIBRILLAZIONE ATRIALE.
Punti di forza
Centralità della struttura sanitaria nella città orobica, sede moderna e razionale, con ristorazione, bar e giornali, servizi igienici presenti ovunque, eleganza del personale impiegatizio e paramedico.
Ambiente tranquillo e vegetazione arborea curata e razionale, ampi e attrezzati parcheggi interni per i sanitari e per il personale del nosocomio.
Punti deboli
Scarsità di parcheggi pubblici per pazienti e visitatori degli stessi, presenza assidua e costante di parcheggiatori abusivi che reclamano con impeto l'obolo per l'acquisto di articoli di bigiotteria.
Caos del traffico nella località della Clinica per la presenza di istituti scolastici superiori e di migliaia di studenti in transito nelle ore di punta nel centro cittadino.
Trovi utile questa opinione? 
13 Gennaio, 2012
nadia
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
3.0

Poca attenzione al malato

ho avuto varie occasioni di servirmi della clinica gavazzeni, non per me ma per tre componenti della mia famiglia.
La prima è stata mia mamma che ha dovuto aspettare un mese e forse più per l'intervento al seno perchè "l'anestesista era in ferie". A fronte di una TAC dove si evidenziavano lesioni al fegato non sono intervenuti subito, ma hanno continuato ad attendere il rientro del medico in ferie.
Il secondo caso è stata mia figlia, che si è sottoposta ad un intervento di palloncino endogastrico. Da parte della struttura non c'è mai stato alcun interessamento sul decorso, tant'è che il palloncino era sparito da solo. Dopo quindici giorni dal ricovero, per togliere questo palloncino ormai fantasma, mia figlia ha ricevuto una telefonata in cui le si fissava la data di ricovero per l'asportazione dello stesso. Non dimentichiamo poi che durante la fase di preparazione all'intervento sono andati persi gli esami e la documentazione relativa all'incontro con lo psicologo.
L'ultimo caso è quello di mio papà. Gli è stato detto di presentarsi alle 7 del mattino a digiuno, gli hanno assegnato la camera alle due del pomeriggio facendolo stare seduto sulle sedie della sala d'aspetto tutta la mattina (mio papà aveva 77 anni). Non pensate sia più logico far rimanere in sala d'aspetto chi viene dimesso ma deve aspettare che lo vengano a prendere? Dopo l'intervento (tumore al polmone) lamentava dolori insopportabili. Conoscendolo e sapendo che non era un tipo piagnucoloso- piuttosto soffre in silenzio- l'ho fatto presente ai medici che mi hanno risposto "ma non dovete nemmeno coccolarlo come un bambino": secondo voi è una risposta da medico?

Patologia trattata
tumore al seno
palloncino endogastrico
tumore polmone
Punti deboli
assistenza, attenzione al malato, superficialità, cura dei reperti del malato.
Trovi utile questa opinione? 
20 Novembre, 2011
FRIGE' GIAN FRANCO
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

CARDIOLOGIA UTIC DOTT. BONOMI

SOLO DOPO SEI MESI DALL'INTERVENTO IN OGGETTO, MI SONO FINALMENTE DECISO A SCRIVERE POCHE RIGHE PER COMPLIMENTARMI CON LA VOSTRA STRUTTURA.
UN PARTICOLARE RINGRAZIAMENTO A TUTTO IL REPARTO DI CARDIOCHIRURGIA E DELLA TERAPIA INTENSIVA PER L'OTTIMO LAVORO SVOLTO; PECCATO PER LA RIABILITAZIONE PERCHE' NON SONO RIMASTO DA VOI E DA LI' PER ME SONO SORTI ALCUNI PROBLEMI PER ALCUNE COMPLICAZIONI CHE AVEVO AVUTO DURANTE L'INTERVENTO MA, GRAZIE AL TEMPESTIVO INTERVENTO DEL DOTT. BONOMI FELICE, SONO STATI RISOLTI. INFATTI A 4 MESI DALL'INTERVENTO HO INIZIATO A LAVORARE.
ANCORA GRAZIE A TUTTI, SALUTI FRANCO E NATALINA.

Patologia trattata
PLASTICA VALVOLARE MITRALICA.
Punti di forza
PROFESSIONALITA' E ORGANIZZAZIONE.
Punti deboli
NON HO AVUTO MODO DI RISCONTRARNE.
Trovi utile questa opinione? 
30 Marzo, 2011
Franca
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Cardiochirurgia: esperienza positiva

Sono entrata alla Gavazzeni per un reintervento alla aorta ascendente, precedentemente operata a Cisanello (Pisa). L'intervento è stato complicato e, a cose fatte, il sanguinamento non si arrestava. All'una di notte sono stata portata di nuovo in sala operatoria, di nuovo CEC e poi con un patch al pericardio si è risolto il problema.
inutile stare a parlare del dopo, lungo ed anche faticoso: ma alla riabilitazione hanno fatto miracoli. Eccomi qua ancora in questo mondo: grazie!

Patologia trattata
Aorta ascendente, valvola aortica.
Punti di forza
ottima équipe di cardiochirurghi, anestesisti e assistenti.
Ottima assistenza in terapia intensiva.
eccellente il reparto di riabilitazione.
Punti deboli
Non ne ho riscontrati.
Trovi utile questa opinione? 
14 Dicembre, 2010
Giorgio
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Pronto Soccorso: esperienza negativa

Circa un mese fa mi sono presentato alla Gavazzeni con dolori alla pancia fortissimi verso l'1.00 di notte. Il pronto soccorso era deserto e il medico che mi ha ricevuto ha iniziato a lamentarsi per l'ora tarda a cui mi ero presentato. Visto che era sabato sera e solo perchè ero vestito bene, questa persona invece di essermi utile ha iniziato a prendermi in giro perchè era sabato sera e non ero a divertirmi e che potevo venire il giorno dopo.
Adesso a distanza di un mese sono stato operato all'intestino d'urgenza all'ospedale Riuniti di Bergamo alle 4.00 di notte.. Posso dire ben altro servizio. L'intestino stava andando in necrosi e il chirurgo di turno, il dottor Campanati, è stato provvidenziale.
Posso dire che mi sono stati eseguiti tantissimi esami per capire questa difficile diagnosi, mentre alla Humanitas Gavazzeni nemmeno uno! Per fortuna adesso sono ancora vivo e potrò avere la scelta di non mettere più piede in quell'ospedale..
Poi magari non è tutto così l'ospedale, ma i medici di quella sera sono stati di una superficialità incommentabile.

Patologia trattata
Occlusione all'intestino, briglia intestinale.
Punti di forza
Pronto soccorso senza attesa
Punti deboli
Personale inadeguato (nessun tipo di esame effettuato nonostante i dolori fortissimi; diagnosi sbagliata).
Poca assistenza nel seguire il paziente e frettolosità.
Trovi utile questa opinione? 
05 Febbraio, 2010
Donadoni Anna Maria
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

la parola ai pazienti

Sicuramente dopo esperienze negative in altri ospedali di Bergamo e provincia, mi sento di consigliare Humanitas a miei conoscenti e/o amici. La mia breve esperienza presso la struttura non mi ha lasciata traumatizzata o delusa (forse perchè il mio problema era risolvibile? Non so!).

Patologia trattata
chiusura FOP
Punti di forza
Rapporto umano con i pazienti. Informazione e trasparenza in merito alla patologia dipendono dal singolo medico. In generale comunque può essere indicato come punto di forza rispetto ad altre stutture ospedaliere. Inoltre, per quanto riguarda sempre la organizzazione degli ambulatori di cardio II, risulta molto soddisfacente il fatto di poter avere sempre un medico di riferimento per gli eventuali controlli successivi all'intervento.

Punti deboli
Accettazione. Troppo lunghi i tempi di attesa.
Trovi utile questa opinione? 

Altri contenuti interessanti su QSalute