Pneumologia Santissima Trinità Nuovo

 
2.0 (1)
11  
Scrivi Recensione
Il reparto di Pneumologia dell'Ospedale Santissima Trinità di Cagliari, situato in via Is Mirrionis 92, ha come Responsabile il Dott. Cesare Severino. Il reparto, dotato di 36 posti letto di degenza e 2 per il day hospital, tratta le principali patologie polmonari e al suo interno è anche presente una sezione di Terapia Semintensiva respiratoria per il trattamento delle gravi Insufficienze Respiratorie di varia origine. Si pratica il Day Hospital diagnostico e terapeutico. Prestazioni diagnostiche erogate: Fibrobroncoscopia, Toracentesi e posizionamento drenaggio toracico, Ossigenoterapia, Saturimetria, Ventilazione meccanica non invasiva, Test di Funzionalità Respiratoria (a breve), Polisonnografia (a breve).


Recensioni dei pazienti

1 recensioni

Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
2.0  (1)
Assistenza 
 
1.0  (1)
Pulizia 
 
4.0  (1)
Servizi 
 
1.0  (1)
Voti (il più alto è il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
07 Dicembre, 2017
Cecilia Pusceddu
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

PNEUMOLOGIA

Avrei tanto da dire sulla mia permanenza all'Ospedale SS. Trinità, reparto di pneumologia, in quanto assistevo mio marito ricoverato per una biopsia. Voglio però parlare solo della mia ultima notte in questo reparto. Alle mie continue richieste (iniziate alle 21.00) affinché qualche medico visitasse mio marito, per confermare quello che il mio cuore sentiva, nessuno mi ha ascoltata. Ero sola col mio dolore e solo alle sei della mattina, dopo aver da sola rilevato che la temperatura corporea di mio marito era di 32 gradi, ho capito che dovevo chiamare i miei figli.
Ci tenevo a ricordare ad alcuni medici (ed in particolare al Dott. Sassu) che la disarmante incapacità di relazionarsi con il malato e la totale assenza di empatia, possono causare più dolore di un tumore al IV stadio. Se si vuole veramente diventare un bravo medico, ci vuole umanità. Peccato che mio marito sia morto, in questo sarebbe stato un ottimo insegnante.
Per fortuna in mezzo a ciò, chiaramente brillano le eccezioni, le quali però dovrebbero costituire la regola.
Cecilia Pusceddu

Patologia trattata
Tumore polmonare.
Trovi utile questa opinione? 




Altri contenuti interessanti su QSalute