Pronto soccorso Ospedale Ravenna

 
3.0 (11)
4274  
Scrivi Recensione
Il reparto di Pronto soccorso dell'Ospedale di Ravenna, situato in viale Randi 5, ha come Responsabile la dottoressa Maria Pazzaglia. Il reparto esegue le proprie prestazioni in regime di ricovero in medicina d'urgenza e osservazione breve. Fanno parte dell'equipe medica del P.S. di Ravenna i dottori Angelini Lorenza, Balestra Giacomo, Baruzzi Natale Claudio, Begliardi Ghidini Claudio, Casalicchio Elena, Centolani Alda, Corsi Renata, De Tommaso Alessandro, Fontan Riccardo, Galvani Matteo, Ghetti Sabrina, Giuffrè Eliana, Lorenzini Stefania, Luongo Luciano, Mantovani Lorenzo, Martuzzi Cristina, Marzocchi Fulvia, Menichetti Maurizio, Montanari Valeria, Morelli Andrea, Naldi Stefano, Pazzaglia Maria, Peduto Antonio, Persico Valentina, Petrella Ivan, Pierpaoli Lucia, Pompignoli Elisa, Rosso Sebastiano Alberto, Saini Gaia, Sella Giovanni, Semino Alessandra, Strada Andrea, Tazzari Maria Grazia, Tola Francesco, Valenti Ivana, Valisi Carlo, Zannoni Ursula, Zavattieri Carmela, Zoli Paola.


Recensioni dei pazienti

11 recensioni

 
(3)
 
(1)
 
(2)
 
(4)
 
(1)
Voto medio 
 
3.0
 
3.2  (11)
 
2.6  (11)
 
3.6  (11)
 
2.6  (11)
Recensioni più utili
Voti (il più alto è il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
06 Novembre, 2016
Giovanni
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Spiazzato

Sono adesso in ospedale con mia madre, siamo qui dalle 18:00 del pomeriggio (scrivo alle 2:07 di notte), in fila siamo rimasti in 5 e da un'ora e mezza stiamo aspettando una refertazione di una radiografia. A parte ciò, che già di per sé mi pare inaccettabile, ho appena assistito a una scena che reputo dimostrare scarsissima professionalità, abbondanza di menefreghismo e pressappochismo: una madre in attesa con il figlio attaccato alla flebo è andata a chiedere se fosse normale che il sangue risalisse lungo il tubicino... infermieri e OSS indaffarati in chiacchiere le hanno detto che non succede nulla dal momento che la flebo è chiusa (per inciso è vero), ma nessuno si è distolto dalla sua inutile inattività per andarla a staccare (tempo necessario 1 minuto). Sono un sanitario anch'io, e mi risulta che nella nostra professione si debba essere al servizio dei pazienti, non del fannullismo di comitiva.

Patologia trattata
Complicanze respiratorie da reflusso gastroesofageo.
Trovi utile questa opinione? 



23 Agosto, 2016
claudio
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Disservizio

Sono un medico di Cervia, portato con ambulanza dopo un incidente stradale. Ho vissuto una notte da incubo per colpa di una totale mancanza di rispetto nei miei confronti da parte di un medico di guardia.

Patologia trattata
Trauma e frattura 3° metacarpo.
Trovi utile questa opinione? 
01 Settembre, 2015
Giuseppe
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Capisco i tagli alla sanità..

Sono di Bologna e questa estate ero in vacanza a Lido di Dante, ero già in cura per una dermatosi da contatto da una settimana senza risultati positivi, allora mi sono recato al Pronto Soccorso dell'Ospedale di Ravenna. Dopo aver aspettato circa 3 ore, mi ha visitato un medico generico (avrei sinceramente preferito un dermatologo) - risultato: la cura che mi ha dato ha aggravato la mia patologia.
P.S.: ho notato che prima di me lo stesso medico ha visitato un signore che aveva bisogno di un dentista.. in pratica visitava e li dimetteva tutti lui.. Capisco i tagli alla sanità, ma mi sembra un po' troppo...

Patologia trattata
Dermatosi da contatto.
Trovi utile questa opinione? 



09 Mag, 2014
Sartoni Mirna
Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

INDIGNATA COME PAZIENTE

Avendo avuto bisogno del PS per mio marito, che causava mal di testa molto intenso ed era proveniente dal PS di Cervia con una diagnosi di Cefalea Acuta con sospetto di ARTERITE, CODICE GIALLO ACUTO, l'attesa è qui stata di 3 ore, prima di essere guardato dal medico di turno. Dott. Naldi. Dopo le mie lamentele per la lungaggine dei tempi vedendo la sofferenza di mio marito, il medico mi ha risposto che se continuavo chiamava la polizia. Ho risposto che sarei stata ben felice così AVREI FATTO ACCOMPAGNARE MIO MARITO al PS di CESENA. Bene, detto questo, il dott. ha bombato mio marito di calmanti, fatto una TAC poi a casa.... Dopo 4 ore ritorna il dolore intensissimo, quindi chiamo la GUARDIA MEDICA. Lì HO TROVATO FORTUNA... UN MEDICO, DOTT. PELLONI GABRIELE, HA RISOLTO IL DOLORE E INDICATO L'ITER DA SEGUIRE. COME DEFINIRE QUEL MEDICO DEL PS?

Patologia trattata
CEFALEA ACUTA CON SOSPETTO DI ARTERITE.
Trovi utile questa opinione? 
11 Marzo, 2014
SONIA
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

QUANDO SANITA' FA RIMA CON UMANITA'

La settimana scorsa sono dovuta ricorrere al pronto soccorso per mio padre e, nonostante la negatività della situazione, sono stata contenta di fare la conoscenza di una dottoressa meravigliosa, di quelle che ormai sono come una goccia in mezzo al mare.

La dottoressa in questione si chiama Martuzzi Cristina, la disponibilità e la gentilezza con cui ha trattato tutti i pazienti presenti nel pronto soccorso mi hanno riempito il cuore.

Ultimamente con la malattia terminale di mio padre ho girato diversi ospedali, tanti reparti e avuto a che fare con parecchi medici ma l’umanità dimostrata dalla dottoressa e dal suo staff sono encomiabili.

Purtroppo ho passato buona parte della notte in reparto e ho potuto appurare che la dottoressa non si è fermata un attimo; tanto gentile da procurare provviste ad un ragazzo in barella, tanto gentile da spiegarmi filo per segno quello che avrei dovuto fare una volta a casa, tanto gentile da organizzare il trasporto in ambulanza per il mattino seguente, tanto gentile da dire “sono subito da lei!”.

Sono rimasta talmente colpita da questi atteggiamenti cortesi, che credevo ormai scomparsi, da volerle dedicare questo elogio pubblico.

Patologia trattata
IPERGLICEMIA.
Trovi utile questa opinione? 
27 Agosto, 2013
donata Calderoni
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Pronto soccorso molto valido

Ho avuto bisogno del pronto soccorso dell'ospedale civile di Ravenna ed ho trovato competenza professionale, cortesia e disponibilità.
Ringrazio quindi il dott. Galvani Matteo e tutto il personale infermieristico.

Patologia trattata
Colica renale.
Trovi utile questa opinione? 
11 Agosto, 2013
Adriano violanti
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Grande pronto soccorso

Ho trovato molta competenza e cortesia. Personalmente sono stato informato subito del mio stato di salute e dimesso dopo variati controlli.

Patologia trattata
Fibrillazione atriale.
Trovi utile questa opinione? 
08 Luglio, 2013
DAVIDE
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

PRONTO SOCCORSO CON ANALISI CLINICHE LENTISSIME

RECATOMI PER EMERGENZA AL PRONTO SOCCORSO DI RAVENNA CON LA MIA COMPAGNA, DOPO ESSERE DIROTTATI AL REPARTO DI OSTETRICIA AL 4° PIANO ED AVENDO PRELEVATO SANGUE DALLA COMPAGNA PER ANALISI URGENTI DI PRONTO SOCCORSO, HO APPURATO CHE LA PROVETTA NON SI è MOSSA DAL REPARTO PER CIRCA UNA'ORA E QUARANTA MINUTI!!!! DOPO AVER SEGNALATO PIù VOLTE AL PERSONALE INFERMIERISTICO, MI è STATO DETTO CHE MANCA IL PERSONALE PER RECAPITARE AL LABORATORIO INTERNO LA PROVETTA!!!!???? CHE SENSO HA QUINDI IL D.E.A. DI RAVENNA (STRUTTURA NUOVA DI BEN 8 PIANI) SE NON C'E PERSONALE???

Patologia trattata
OSTETRICA.
Trovi utile questa opinione? 
25 Mag, 2012
Mario Mariotti
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Girone dantesco

Il nuovo pronto soccorso a Ravenna è stato inaugurato da poco in pompa magna, un’occasione per politici, prelati e direttori generali di mettersi in mostra. Di soldi ne sono stati spesi parecchi, eppure, alla prima occasione di servirvene, sono rimasto alquanto perplesso dalle soluzioni adottate.
Accompagnavo mia madre per un problema cardiaco.
L’inizio è buono, l’accesso è agevole e il parcheggio retrostante facilita le cose. Si viene subito accolti dal personale infermieristico, ma poi iniziano le perplessità e un’esperienza non sempre agevole.
C’è una sala per i pazienti in barella, quasi sempre piena, quindi nuova, ma già sottodimensionata (!) e un ambulatorio di prima accoglienza in open-space, dove il personale deve armeggiare dei separé mobili per garantire un minimo di privacy ai pazienti. Ci viene assegnato un codice verde, quindi si preannunciano tempi di attesa non brevi. Per quasi un’ora attendo di fianco alla barella di mia madre, poi cedo e vado a sedermi in sala d’attesa, da cui però non si vedono più le barelle. Raccomando a mia madre di farmi chiamare quando arriverà il medico. Apprenderò poi che invece è prassi assistere i pazienti senza consultare gli accompagnatori, per cui nessuno mi chiama! Dopo circa mezz’ora mi riaffaccio nella saletta delle barelle, ma mia madre è già stata portata in visita. Chiedo al personale, ed anche più volte, di essere ammesso alla visita, poiché ho cose da dire al medico e mia madre oggi non è tanto lucida, per cui temo che possa non spiegarsi bene, ma invano. Mi rassegno quindi ad attendere. La sala d’attesa è spartana, inospitale, affollata e rumorosa, molto rumorosa. Vi si affacciano gli ambulatori per i problemi meno gravi, che ogni tanto chiamano in altoparlante il numero del prossimo paziente (non sarebbe bastato un tabellone luminoso?), poi c’è il chiacchiericcio della folla di sottofondo. L’attesa è snervante, mi sono portato un po’ di lavoro da fare, ma è impossibile concentrarsi.
Dopo circa un’ora e mezza vedo ricomparire mia madre accompagnata da un’infermiera. Dobbiamo però attendere ancora il risultato delle analisi del sangue, poi forse riuscirò a parlare col medico. Dopo quasi 4 ore che siamo lì il momento arriva. Accedo quindi ad una grande sala per le visite ai pazienti barellati. Anche qui è stata fatta una scelta di open-space con alcuni separé mobili, questo significa però, anche qui, poca privacy e molto rumore, un rumore di sottofondo sovrastato ogni tanto dalle urla di qualche “paziente” (è proprio il caso di dirlo), che si lamenta per non essere assistito adeguatamente dopo ore di attesa. Noi, tutto sommato, non ci possiamo lamentare troppo. In un angolo del salone c’è il medico, una dottoressa abbastanza gentile, nonostante la situazione di stress, seduta ad un tavolino in cui smista le carte dei vari pazienti. Qualcosa riesco a dirle, era certo meglio se glielo dicevo prima, ma tant’è. Il problema di mia madre non lo abbiamo risolto, ma abbiamo almeno spianato la strada per domani in cardiologia. Prendiamo le nostre carte e ce ne andiamo frastornati. E’ come uscire da un girone dantesco.

Patologia trattata
Aritmia cardiaca.
Trovi utile questa opinione? 
29 Giugno, 2011
giovanna
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

infortunio in vacanza

Mi sono fatta male mentre ero in vacanza a Ravenna per il 25° di matrimono - sono caduta dalla bicicletta. A partire dalle signore che sono venute a prendermi con l'ambulanza, poi il personale che mi ha medicata e l'infermiere alla reception che ci ha chiamato il taxi per il ritorno in albergo... sono stati tutti molto disponibili e gentili. addirittura il medico che mi ha "ricucita" ci ha consigliato un ristorante dove cenare.
Bravi, dovrebbero essere tutti come Voi.
Giovanna Magenes

Patologia trattata
ferita lacero contusa ginocchio dx
Trovi utile questa opinione? 
27 Giugno, 2011
Maria Grazia Farneti
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Soccorso per nulla pronto

Vorrei lasciare la testimonianza di persona estremamente delusa dal servizio di pronto soccorso dell'ospedale di Ravenna.
Domenica ho accompagnato mio padre, settantacinquenne diabetico e cardiopatico, per una visita ad una gamba vistosamente gonfia e e già diagnosticata infetta dal medico di base.
In accettazione gli è stato attribuito un codice giallo e dopo una attesa di oltre 4 ore nessuno lo aveva ancora visitato.

Patologia trattata
infezione alla gamba
Trovi utile questa opinione? 

Altri contenuti interessanti su QSalute