Psichiatria Arcispedale S.Anna

 
3.3 (2)
2217  
Scrivi Recensione
Il reparto Psichiatrico di Diagnosi e Cura (SPDC) dell'Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara Arcispedale S.Anna, rimasto nella sede di Corso Giovecca 203, ha come Direttore responsabile il Prof. Luigi Grassi. Il reparto si presenta come struttura complessa, con servizi dedicati all'Azienda Ospedaliera e servizi dedicati all'Azienda USL, all'interno del Dipartimento di Salute Mentale, con una struttura di ricovero psichiatrico. L'Unità Operativa di Clinica Psichiatrica garantisce anche un Servizio ambulatoriale di Psichiatria Medica e Medicina Psicosomatica, un Servizio di Psichiatria di Consultazione ed un Servizio di Psico-Oncologia. La Sezione di Psichiatria è inserita nel Dipartimento di Discipline Medico-Chirurgiche della Comunicazione e del Comportamento della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Ferrara.


Recensioni dei pazienti

2 recensioni

Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
3.0  (2)
Assistenza 
 
3.0  (2)
Pulizia 
 
4.0  (2)
Servizi 
 
3.0  (2)
Voti (il più alto è il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
01 Febbraio, 2017
Piera Nebbia
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Serietà, Passione, Diligenza, Cura

Colgo l'occasione per ringraziare tutto lo staff medico ed infermieristico, oltre agli inservienti, per l'umanità e la professionalità poste nel lavoro in un ambiente così particolare e delicato. Grazie ancora per aver reso il soggiorno di mia figlia il più sereno possibile.

Patologia trattata
Schizofrenia bipolare.
Trovi utile questa opinione? 



04 Novembre, 2011
xamyr
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Esperienza negativa

La struttura del reparto è pessima e mal messa.
Nel caso a cui sono stato di fronte hanno fatto una diagnosi e proceduto per prove successive con psicofarmaci diversi (3 psicofarmaci in meno di un mese) che invece di migliorare la situazione del paziente l'hanno peggiorata fino a fare rimanere il paziente completamente immobilizzato a letto in uno stato di paralisi. Inoltre il paziente è entrato in reparto completamente indipendente sia nel vestirsi che nei bisogni quotidiani. Il paziente è uscito dal reparto completamente bloccato e incapace di fare le cose piu' semplici, come andare in bagno e/o lavarsi..
Cordiali Saluti

Patologia trattata
Sconosciuta.
Trovi utile questa opinione? 

Altri contenuti interessanti su QSalute