Dettagli Recensione

 
Ospedale di Cuneo
19 Giugno, 2017
Marco Lilliu
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Rinascere per la prima volta

E' iniziato tutto in una fredda giornata del mese di gennaio 2017.
Sono arrivato in DEA all'Ospedale di Cuneo senza sapere cosa mi stesse succedendo, sono stato immediatamente sottoposto a tutti i controlli, e alla fine mi è stato diagnosticato un tumore al midollo spinale.
Non è stato facile accettare tutto questo, a 35 anni si è così giovani... ma la vita è anche questo, essere pronti a tutto, a qualsiasi situazione e circostanza. La vita è esperienza, e come tale ci insegna che per quanto noi possiamo fare progetti, lei invece ha per noi un disegno diverso, che il più delle volte facciamo fatica a capire e ad accettare.
Nonostante tutto ciò che si sente in tv riguardo alla malasanità, io vorrei parlare della buona sanità, quella vera, quella che non ti abbandona e che ti dà forza, la stessa ottima sanità che ho trovato nel reparto di Neurochirurgia Santa Croce di Cuneo.
Oltre all'impeccabile lavoro che svolgono ogni giorno, c'è da aggiungere un particolare.. l'umanità, la sensibilità, il conforto che ho ricevuto dall'inizio alla fine del mio percorso, rimangono uno dei punti più positivi che mai avrei potuto immaginare. Non parlo solo di ottimi professionisti al mio servizio, ma parlo di quel calore umano che mi ha aiutato a superare al meglio questo ostacolo.
A febbraio 2017 sono stato sottoposto ad un intervento di laminectomia monitorato alla cervicale, per l'asportazione di un astrocitoma pilocitico.
Considerando l'intervento estremamente delicato, con la seria possibilità di rimanere a vita su una sedia a rotelle, a distanza di soli 3 mesi dall'operazione volevo ringraziare in maniera particolare il primario Dott. D'Agruma, il Dott. Favata ed il Dott. Ghio per avermi rassicurato e confortato in ogni momento del mio ricovero; grazie anche al Dott. Fasano, al Dott. Mannino, agli anestesisti, a tutta la Equipe, agli Infermieri, alle Oss, i quali hanno reso possibile che io oggi possa continuare a vivere, lavorare e proseguire la mia vita normalmente, come se nulla fosse successo, pronto come non mai a riprendere in mano la mia esistenza.
La cura, la professionalità, l'assistenza, le parole di cui sono stato protagonista, hanno reso questo mio percorso inaspettato, decisamente migliore di come era iniziato.
Un grazie di cuore per avermi donato una seconda possibilità.
Marco Lilliu

Patologia trattata
Tumore midollo spinale.
Trovi utile questa opinione? 

Commenti

 
 
 

Altri contenuti interessanti su QSalute