Reumatologia Complesso Integrato Columbus

 
4.0 (17)
3199  
Scrivi Recensione

Ospedali

Il reparto di Reumatologia dell'Ospedale Complesso Integrato Columbus C.I.C. di Roma, situato in Via G. Moscati 31, ha come Responsabile il Dott. Prof. Gianfranco Ferraccioli. Il reparto è così articolato: 28 letti di degenza ordinaria, 3+3 letti di Day-Hospital, 3 ambulatori per esterni, 2 ambulatori per infusioni di farmaci biologici ed anticorpi monoclonali, 1 ambulatorio per capillaroscopia, 1 ambulatorio per ecografia articolare e muscolo-scheletrica, 2 ambulatori per densitometria ossea (DEXA). L’Unità operativa si concentra su tre punti: diagnosi precoce delle malattie reumatiche infiammatorie artritiche e delle connettiviti; identificazione dei fattori di rischio per prognosi severa e controllo degli stessi fattori; utilizzo di terapie innovative e protocolli terapeutici mirati sulle singole patologie. Al suo interno vi sono inoltre quattro gruppi di ricerca: Artrite Reumatoide, Lupus Eritematoso e Connettiviti Vasculitiche, Sclerodermia e Malattie Fibrotiche, Spondiloartriti ed Osteoartrosi-Osteoartrite. Principali patologie e trattamenti: Vasculiti sistemiche e Connettiviti, Artriti infiammatorie acute e croniche, Sclerodermia e patologie autoimmuni fibrotiche del polmone, Spondiloartriti sieronegative, Osteoporosi, Osteoartrosi infiammatorie, Morbo di Paget, Morbo di Behcet, Morbo di Still dell’adulto e febbri periodiche su base immunologica, Nefriti immunologiche. Un campo di eccellenza è lo studio dell’Artrite Reumatoide in cui la Clinica è impegnata all’interno di un gruppo Europeo. Fanno parte dell'equipe dell'unità operativa i dirigenti medici Prof. Angelo Zoli, Dr.ssa Luisa Mirone, Dr. Marco Maria Lizzio, Dr.ssa Silvia Bosello, Dr. Stefano Alivernini, Dr.ssa Giusy Peluso, Dr.ssa Elisa Gremese, Dr.ssa Barbara Tolusso.


Recensione Utenti

Opinioni inserite: 17

Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
3.8  (17)
Assistenza 
 
3.6  (17)
Pulizia 
 
4.5  (17)
Servizi 
 
4.1  (17)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
  • Competenza
  • Assistenza
  • Pulizia
  • Servizi
Commenti
Ospedali
 sì
 no
Non sono mai stata trattata meglio.
Il reparto di reumatologia funziona in tutto e per tutto con gente competente e per nulla superficiale. Mi segue la dottoressa Elisa Gremese e ne sono felice. Non ho mai avuto problemi da quando mi segue lei. È sempre disponibile e ha molta cura dei pazienti. Non ho mai trovato un medico così competente quanto lei.
Non solo è un bravo medico, ma è anche una persona deliziosa.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da Elisabetta 01 Settembre, 2014

Ottimo

Non sono mai stata trattata meglio.
Il reparto di reumatologia funziona in tutto e per tutto con gente competente e per nulla superficiale. Mi segue la dottoressa Elisa Gremese e ne sono felice. Non ho mai avuto problemi da quando mi segue lei. È sempre disponibile e ha molta cura dei pazienti. Non ho mai trovato un medico così competente quanto lei.
Non solo è un bravo medico, ma è anche una persona deliziosa.

Patologia trattata
Lupus eritematoso sistemico.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Soffro di Artrite Reumatoide, scoperta da pochi mesi. Ho iniziato la cura rivolgendomi ad un medico specialista in puglia dove abito. Ho sentito in TV un servizio che parlava della malattia facendo riferimento al Gemelli di Roma come reparto di eccellenza. Per non escludere nulla, ho prenotato una Visita presso la struttura Columbus. Sono stato visitato dalla dott.ssa Mirone, e devo dire che mi son dovuto ricredere sulle strutture al SUD.. Una visita durata direi 10 minuti senza nessuna verifica fisica e PROBABILMENTE NON MI HA MAI GUARDATO IN FACCIA. Quando ho presentato la documentazione indicando che già avevo iniziato la cure tramite uno specialista, sembra l'ABBIA MORSA UN SERPENTE A SONAGLI. Non ha risposto neanche ad una delle mie domande assumendo superficialità. Si è limitata a chiedere se volevo continuare la cura da loro oppure no. Mi ha solo chiesto perché mi sono rivolto a loro, e quando le ho detto che avevo sentito parlar bene della loro struttura, non ha aperto bocca. Roba da alzarsi e mandarla al diavolo. Una ARROGANZA SENZA PRECEDENTI. Ho speso soldi e tempo inutilmente. Preciso che la prima visita E' SEMPRE FATTA DA QUESTA Dottoressa. IMMAGINATE CHE BELLA IMPRESSIONE A CHI VIVE IL PROBLEMA DELLA MALATTIA ALL'INIZIO. Per la mia esperienza, sconsiglio questo centro.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0
Opinione inserita da Michele 08 Agosto, 2014

Visita Reumatologica

Soffro di Artrite Reumatoide, scoperta da pochi mesi. Ho iniziato la cura rivolgendomi ad un medico specialista in puglia dove abito. Ho sentito in TV un servizio che parlava della malattia facendo riferimento al Gemelli di Roma come reparto di eccellenza. Per non escludere nulla, ho prenotato una Visita presso la struttura Columbus. Sono stato visitato dalla dott.ssa Mirone, e devo dire che mi son dovuto ricredere sulle strutture al SUD.. Una visita durata direi 10 minuti senza nessuna verifica fisica e PROBABILMENTE NON MI HA MAI GUARDATO IN FACCIA. Quando ho presentato la documentazione indicando che già avevo iniziato la cure tramite uno specialista, sembra l'ABBIA MORSA UN SERPENTE A SONAGLI. Non ha risposto neanche ad una delle mie domande assumendo superficialità. Si è limitata a chiedere se volevo continuare la cura da loro oppure no. Mi ha solo chiesto perché mi sono rivolto a loro, e quando le ho detto che avevo sentito parlar bene della loro struttura, non ha aperto bocca. Roba da alzarsi e mandarla al diavolo. Una ARROGANZA SENZA PRECEDENTI. Ho speso soldi e tempo inutilmente. Preciso che la prima visita E' SEMPRE FATTA DA QUESTA Dottoressa. IMMAGINATE CHE BELLA IMPRESSIONE A CHI VIVE IL PROBLEMA DELLA MALATTIA ALL'INIZIO. Per la mia esperienza, sconsiglio questo centro.

Patologia trattata
Artrite Reumatoide.
Consiglieresti questo reparto?
no
Trovi utile questa opinione? 
Sono Simone Cimini, mia moglie di 39 anni ha l'artrite psoriasica da 15 anni. Spinti dalle recensioni lette in rete prendiamo appuntamento con il prof. Zoli, ottimo compenso e forse ottima competenza (ma dalla visita a pagamento non l'ho piu visto!). Ci consiglia di fare un day hospital e dopo qualche giorno veniamo contattati. Bene.. abbiamo trovato l'ospedale giusto!
Dopo aver fatto tutte le analisi e visite del caso, iniziamo con il farmaco biologico simphoni, seguito da molte visite e mai con lo stesso dottore (laureandi o dottori "alle prime armi"), qualche mese di vita ridata a mia moglie e poi il farmaco sembra aver finito l'effetto; quindi mesi di agonia, sempre seguiti da visite varie al day hospital e lo staff del prof. Zoli- Ferraccioli decide per altro biologico. Quindi siamo arrivati a 2 biologici cambiati. Ok, c'è qualcosa che non va dice lo staff, una settimana di ricovero è l'ideale per riuscire a capire il problema.
E da qui nasce la mia arrabbiatura.
Proviamo il biologico cimzia, quasi tre mesi di cura fino ad oggi e nessun effetto, sicuramente non è il farmaco giusto, sicuramente è il corpo di mia moglie che non reagisce ma, soprattutto, è più di un mese che nessuno al Columbus (dal reparto reumatologia dott.ssa Miceli che ci ha seguito, al reparto day hospital dott. Alivernini che sembrava seguirci lui, o a qualsiasi altro dottore) si degna di rispondere ai telefoni fissi, cellulari, sms ed e-mail. Non chiedevamo miracoli, ma aiuti anche telefonici, per me il lavoro del dottore è anche molto di psicologia, perchè un malato ha il dottore come suo angelo custode e quando questo viene a mancare, la vita sembra essere solo un problema!
Quindi riepilogando: se riescono a trovare la cura giusta sono bravi loro e fortunati noi; ma al minimo problema sono irreperibili a qualsiasi numero di telefono fisso e non, non rispondono a e-mail e sms, non c'è nessuno che ti aiuta al telefono e, se non abiti nei pressi dell'ospedale, la cosa diventa un gravissimo problema!
Ci pentiamo di essere andati in questa "scuola di medicina" e di non essere andati altrove, quindi sconsiglio il Columbus e faccio un grande in bocca al lupo a chi attualmente è in cura li.
Grazie per il piccolo aiuto che siete riusciti a darci, grazie per l'impegno che credo ci avete messo, grazie alla dott.ssa Miceli, al dott. Alivernini, al prof. Zoli, ma per noi non siete all'altezza.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0
Opinione inserita da Simone 16 Luglio, 2014

Esperienza negativa

Sono Simone Cimini, mia moglie di 39 anni ha l'artrite psoriasica da 15 anni. Spinti dalle recensioni lette in rete prendiamo appuntamento con il prof. Zoli, ottimo compenso e forse ottima competenza (ma dalla visita a pagamento non l'ho piu visto!). Ci consiglia di fare un day hospital e dopo qualche giorno veniamo contattati. Bene.. abbiamo trovato l'ospedale giusto!
Dopo aver fatto tutte le analisi e visite del caso, iniziamo con il farmaco biologico simphoni, seguito da molte visite e mai con lo stesso dottore (laureandi o dottori "alle prime armi"), qualche mese di vita ridata a mia moglie e poi il farmaco sembra aver finito l'effetto; quindi mesi di agonia, sempre seguiti da visite varie al day hospital e lo staff del prof. Zoli- Ferraccioli decide per altro biologico. Quindi siamo arrivati a 2 biologici cambiati. Ok, c'è qualcosa che non va dice lo staff, una settimana di ricovero è l'ideale per riuscire a capire il problema.
E da qui nasce la mia arrabbiatura.
Proviamo il biologico cimzia, quasi tre mesi di cura fino ad oggi e nessun effetto, sicuramente non è il farmaco giusto, sicuramente è il corpo di mia moglie che non reagisce ma, soprattutto, è più di un mese che nessuno al Columbus (dal reparto reumatologia dott.ssa Miceli che ci ha seguito, al reparto day hospital dott. Alivernini che sembrava seguirci lui, o a qualsiasi altro dottore) si degna di rispondere ai telefoni fissi, cellulari, sms ed e-mail. Non chiedevamo miracoli, ma aiuti anche telefonici, per me il lavoro del dottore è anche molto di psicologia, perchè un malato ha il dottore come suo angelo custode e quando questo viene a mancare, la vita sembra essere solo un problema!
Quindi riepilogando: se riescono a trovare la cura giusta sono bravi loro e fortunati noi; ma al minimo problema sono irreperibili a qualsiasi numero di telefono fisso e non, non rispondono a e-mail e sms, non c'è nessuno che ti aiuta al telefono e, se non abiti nei pressi dell'ospedale, la cosa diventa un gravissimo problema!
Ci pentiamo di essere andati in questa "scuola di medicina" e di non essere andati altrove, quindi sconsiglio il Columbus e faccio un grande in bocca al lupo a chi attualmente è in cura li.
Grazie per il piccolo aiuto che siete riusciti a darci, grazie per l'impegno che credo ci avete messo, grazie alla dott.ssa Miceli, al dott. Alivernini, al prof. Zoli, ma per noi non siete all'altezza.

Patologia trattata
Artrite psoriasica.
Consiglieresti questo reparto?
no
Trovi utile questa opinione? 
Il reparto del Prof. Ferraccioli di reumatologia è il migliore in Europa.
Mi hanno guarito, nonostante avessi una artrite reumatoide.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da maria 09 Luglio, 2014

I migliori

Il reparto del Prof. Ferraccioli di reumatologia è il migliore in Europa.
Mi hanno guarito, nonostante avessi una artrite reumatoide.

Patologia trattata
Artrite reumatoide.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
MIA MADRE ANZIANA DI 89 ANNI E' STATA RICOVERATA IN QUESTO REPARTO DIRETTAMENTE DA PRONTO SOCCORSO DAL 25 APRILE AL 03 MAGGIO 2014 PER SCOMPENSO CARDIACO E CROLLO VALORI DI SODIO E POTASSIO.
VORREI RINGRAZIARE I MEDICI DEL REPARTO (DR. BISCETTI E DOTT.SSA BERARDI E TUTTI GLI ALTRI DI CUI NON RICORDO I NOMI) E TUTTO IL PERSONALE INFERMIERISTICO E DI ASSISTENZA PER LA DISPONIBILITA' ANCHE VERSO I FAMILIARI E LA PUNTUALE E PRECISA CURA E ASSISTENZA DURANTE LA DEGENZA. UN GRAZIE DI CUORE.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da MARIA Z. 05 Mag, 2014

OTTIME CONDIZIONI DI DEGENZA E CURE

MIA MADRE ANZIANA DI 89 ANNI E' STATA RICOVERATA IN QUESTO REPARTO DIRETTAMENTE DA PRONTO SOCCORSO DAL 25 APRILE AL 03 MAGGIO 2014 PER SCOMPENSO CARDIACO E CROLLO VALORI DI SODIO E POTASSIO.
VORREI RINGRAZIARE I MEDICI DEL REPARTO (DR. BISCETTI E DOTT.SSA BERARDI E TUTTI GLI ALTRI DI CUI NON RICORDO I NOMI) E TUTTO IL PERSONALE INFERMIERISTICO E DI ASSISTENZA PER LA DISPONIBILITA' ANCHE VERSO I FAMILIARI E LA PUNTUALE E PRECISA CURA E ASSISTENZA DURANTE LA DEGENZA. UN GRAZIE DI CUORE.

Patologia trattata
IPONATRIEMIA.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Sono affetta di dermatomiosite e sono in cura dal 2011 in questo reparto dalla dott.ssa Elisa Gremese. Mi trovo molto bene e sono molto organizzati.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da corina chihaia 14 Dicembre, 2013

Ottima assistenza e cura

Sono affetta di dermatomiosite e sono in cura dal 2011 in questo reparto dalla dott.ssa Elisa Gremese. Mi trovo molto bene e sono molto organizzati.

Patologia trattata
Dermatomiosite.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Concordo pienamente con quanto scritto dalla paziente in data 17.03.2013. Il reparto negli ultimi due anni è in decadenza, i disservizi/confusioni si evidenziano soprattutto nei periodi di assenza del primario. Si nota spesso che il paziente non è assistito tempestivamente alla chiamata, forse per mancanza d’infermieri??? Chissà!!!! La cosa fastidiosa è vedere i medici che conversano e scherzano tra di loro in continuazione nel corridoio o nella sala medicazione, senza prestare alcuna attenzione al paziente che aspetta pazientemente i loro comodi; non dico che il paziente debba essere servito subito, ma neanche farlo aspettare per ore.. Alcuni si credono proprietari del Reparto, a questi professionisti consiglierei la lettura “ il Giuramento di Ippocrate”.
I pazienti sono affidati ai praticanti, senza esperienza, per niente umili, non ascoltano perché sanno tutto loro! Questa prepotenza l’hanno notata anche altre pazienti, sembra di non essere capiti e curati a dovere.
Poiché sono affetta da più patologie, a maggior ragione dovrei essere monitorata in ogni particolare; invece spesso devo ricorrere ad altre strutture sanitarie private per accertamenti più approfonditi e questo comporta ingenti spese per la sottoscritta e per la sanità pubblica.
Non voglio essere maliziosa, ma questo punto mi viene il sospetto, posso anche sbagliarmi, che le dimissioni dei pazienti non siano decise solo secondo le valutazioni di “ordine medico”, ma anche in base ai criteri di economicità.
Inoltre prescrivono la visita psichiatrica!!! (mi chiedo se a un giudice o a un politico ricoverato prescriverebbero la visita psichiatrica??).
Forse alcuni di lor signori ignorano che ci sono pazienti e familiari che osservano e li giudicano.
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0
Opinione inserita da Manu 16 Luglio, 2013

Poca attenzione verso il paziente

Concordo pienamente con quanto scritto dalla paziente in data 17.03.2013. Il reparto negli ultimi due anni è in decadenza, i disservizi/confusioni si evidenziano soprattutto nei periodi di assenza del primario. Si nota spesso che il paziente non è assistito tempestivamente alla chiamata, forse per mancanza d’infermieri??? Chissà!!!! La cosa fastidiosa è vedere i medici che conversano e scherzano tra di loro in continuazione nel corridoio o nella sala medicazione, senza prestare alcuna attenzione al paziente che aspetta pazientemente i loro comodi; non dico che il paziente debba essere servito subito, ma neanche farlo aspettare per ore.. Alcuni si credono proprietari del Reparto, a questi professionisti consiglierei la lettura “ il Giuramento di Ippocrate”.
I pazienti sono affidati ai praticanti, senza esperienza, per niente umili, non ascoltano perché sanno tutto loro! Questa prepotenza l’hanno notata anche altre pazienti, sembra di non essere capiti e curati a dovere.
Poiché sono affetta da più patologie, a maggior ragione dovrei essere monitorata in ogni particolare; invece spesso devo ricorrere ad altre strutture sanitarie private per accertamenti più approfonditi e questo comporta ingenti spese per la sottoscritta e per la sanità pubblica.
Non voglio essere maliziosa, ma questo punto mi viene il sospetto, posso anche sbagliarmi, che le dimissioni dei pazienti non siano decise solo secondo le valutazioni di “ordine medico”, ma anche in base ai criteri di economicità.
Inoltre prescrivono la visita psichiatrica!!! (mi chiedo se a un giudice o a un politico ricoverato prescriverebbero la visita psichiatrica??).
Forse alcuni di lor signori ignorano che ci sono pazienti e familiari che osservano e li giudicano.

Patologia trattata
Malattia reumatica.
Consiglieresti questo reparto?
no
Trovi utile questa opinione? 
Evitate di pagare 200€ per una visita privata di 10 minuti di durata, in cui il Dottore guarda il monitor. Non è detto che così facendo vi "seguirà" nel reparto durante il ricovero.. come non è detto che incontrerete il Primario durante la Vs. degenza.
Non è detto che vi faranno tutte le analisi necessarie per valutare la vostra patologia.. dimenticando un ecocardiogramma fondamentale.
Cosa vi aspettate poi di esser visitati da uno specialista di un'altra disciplina se dovesse essere necessario?
Ma no, firma e via e poi di nuovo in giro a cercar un dottore che abbia voglia davvero di farlo..
Ah dimenticavo: gli specializzandi sono davvero in gamba, peccato che solo alcuni di loro si "salveranno".. almeno si spera.

Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0
Opinione inserita da DELIA 03 Luglio, 2013

VOGLIO UNA VERA SANITà

Evitate di pagare 200€ per una visita privata di 10 minuti di durata, in cui il Dottore guarda il monitor. Non è detto che così facendo vi "seguirà" nel reparto durante il ricovero.. come non è detto che incontrerete il Primario durante la Vs. degenza.
Non è detto che vi faranno tutte le analisi necessarie per valutare la vostra patologia.. dimenticando un ecocardiogramma fondamentale.
Cosa vi aspettate poi di esser visitati da uno specialista di un'altra disciplina se dovesse essere necessario?
Ma no, firma e via e poi di nuovo in giro a cercar un dottore che abbia voglia davvero di farlo..
Ah dimenticavo: gli specializzandi sono davvero in gamba, peccato che solo alcuni di loro si "salveranno".. almeno si spera.

Patologia trattata
CONNETTIVITE MISTA.
Consiglieresti questo reparto?
no
Trovi utile questa opinione? 
Sono in cura ormai dal 2004 presso il complesso integrato Columbus per un'artrite psoriasica che mi affligge da quando ero adolescente.
Dopo ricovero in D.H. e vari approcci farmaceutici, sono passata al "biologico" Enbrel. Per diversi anni sono stata dalla dott.ssa Peluso, una vera perla per competenza, disponibilità e umanità. Purtroppo da più di due anni sono stata "passata" agli specializzandi. A volte va bene e a volte no, ma soprattutto è un vero stress interfacciarsi ogni volta con un medico diverso, che non ci conosce e che si deve basare su referti di altri specializzandi. Ma l'aspetto peggiore è questo: da luglio 2010 il mio medico di base si rifiuta di rilasciarmi le ricette per prestazioni quali analisi, visite e somministrazione gammaglobuline. Lui applica la legge che determina la decadenza delle ricette bianche rilasciate in regime ospedaliero, tocca allo specialista rilasciare le ricette. Il problema è che le visite sono effettuate da specializzandi che non sono provvisti di ricettario. Ogni volta è una tragedia: io che chiedo le ricette e ogni volta devo spiegare le ragioni del mio medico, e ogni volta devo importunare il medico di turno, che non sempre c'è e che non sempre ha il ricettario. Finora sono riuscita a risolvere grazie alla gentilezza della dott.ssa Peluso, ma ogni volta è una battaglia. Mi sono rivolta alla direzione sanitaria della Columbus, che ha dato ragione al mio medico. Allora mi chiedo: se le direttive sono queste, perchè dobbiamo essere noi pazienti a richiedere ciò che per legge deve essere fatto di routine? Vi assicuro che per me questa situazione è fonte di stress e sto prendendo in considerazione l'idea di cambiare centro o di smettere di curarmi!
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0
Opinione inserita da sabrina 04 Giugno, 2013

Malattia e burocrazia

Sono in cura ormai dal 2004 presso il complesso integrato Columbus per un'artrite psoriasica che mi affligge da quando ero adolescente.
Dopo ricovero in D.H. e vari approcci farmaceutici, sono passata al "biologico" Enbrel. Per diversi anni sono stata dalla dott.ssa Peluso, una vera perla per competenza, disponibilità e umanità. Purtroppo da più di due anni sono stata "passata" agli specializzandi. A volte va bene e a volte no, ma soprattutto è un vero stress interfacciarsi ogni volta con un medico diverso, che non ci conosce e che si deve basare su referti di altri specializzandi. Ma l'aspetto peggiore è questo: da luglio 2010 il mio medico di base si rifiuta di rilasciarmi le ricette per prestazioni quali analisi, visite e somministrazione gammaglobuline. Lui applica la legge che determina la decadenza delle ricette bianche rilasciate in regime ospedaliero, tocca allo specialista rilasciare le ricette. Il problema è che le visite sono effettuate da specializzandi che non sono provvisti di ricettario. Ogni volta è una tragedia: io che chiedo le ricette e ogni volta devo spiegare le ragioni del mio medico, e ogni volta devo importunare il medico di turno, che non sempre c'è e che non sempre ha il ricettario. Finora sono riuscita a risolvere grazie alla gentilezza della dott.ssa Peluso, ma ogni volta è una battaglia. Mi sono rivolta alla direzione sanitaria della Columbus, che ha dato ragione al mio medico. Allora mi chiedo: se le direttive sono queste, perchè dobbiamo essere noi pazienti a richiedere ciò che per legge deve essere fatto di routine? Vi assicuro che per me questa situazione è fonte di stress e sto prendendo in considerazione l'idea di cambiare centro o di smettere di curarmi!

Patologia trattata
Spondiloartrite psoriasica.
Trovi utile questa opinione? 
Salve, sono affetta da sclerodermia e da quando l'ho scoperta il mio centro di cura è stato sempre la struttara Columbus di Roma. Ero in cura con la dottoressa Mirone, la quale è stata sempre presente e attenta all'evoluzione della malattia ed è stata in un momento difficile una grande forza positiva. A volte mi beccavo rimproveri da lei, ma giusti e per il mio bene; la lotta contro le malattie si affronta anche quando al tuo fianco hai medici competenti che ti capiscono con un semplice sguardo, o anche da piccoli atteggiamenti che però solo un medico che questo mestiere lo fa con amore ci può riuscire.... E per me la dott.ssa Mirone è stata e sarà per sempre un medico d'eccellenza.
Purtroppo dopo anni mi sono ritrovata in una sistuazione ribaltata, soprattutto da quando è cambiato primario, nel senso che questi dottori, ai quali viene data una grande responsabilità, hanno anche la presunzione di essere infallibili. La questione più grave è aver provato sulla mia pelle ingiustizia poichè, stando in cura con la dott.ssa Mirone, davo fastidio sia al day hospital che nei ricoveri. Fortunatamente la cosa è stata notata da molti pazienti che, per avere attenzioni, si sono dovuti rivolgere a medici reumatologi che in questa struttura "se la comandano alla grande" e lo dimostra il fatto che non sei considerata perchè non fai parte del loro gruppo; gruppo di dottoresse giovani che hanno due anni più o meno di esperienza e si sentono professori; ma la cosa assurda è la poca attenzione che danno ai pazienti che loro non hanno in cura e sono molto scortesi.
Sono stata costretta a cambiare centro e, sinceramente, questo nuovo ambiente è totalmente diverso, i medici e professori sono "TUTTI PER UNO E UNO PER TUTTI", quello che manca alla Columbus. Ho incontrato anche altri miei compagni di ricovero in questo nuovo centro e tutti hanno detto la stessa cosa: "HANNO FORMATO UN CLAN".
A 34- 35- 38 anni si dovrebbe avere un pò di umiltà e a queste dottoresse manca l'umiltà, la delicatezza, la comprensione.
Oggi ci sono tanti centri di reumatologia migliori del vostro.
Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0
Opinione inserita da anonimo 17 Marzo, 2013

Indignata

Salve, sono affetta da sclerodermia e da quando l'ho scoperta il mio centro di cura è stato sempre la struttara Columbus di Roma. Ero in cura con la dottoressa Mirone, la quale è stata sempre presente e attenta all'evoluzione della malattia ed è stata in un momento difficile una grande forza positiva. A volte mi beccavo rimproveri da lei, ma giusti e per il mio bene; la lotta contro le malattie si affronta anche quando al tuo fianco hai medici competenti che ti capiscono con un semplice sguardo, o anche da piccoli atteggiamenti che però solo un medico che questo mestiere lo fa con amore ci può riuscire.... E per me la dott.ssa Mirone è stata e sarà per sempre un medico d'eccellenza.
Purtroppo dopo anni mi sono ritrovata in una sistuazione ribaltata, soprattutto da quando è cambiato primario, nel senso che questi dottori, ai quali viene data una grande responsabilità, hanno anche la presunzione di essere infallibili. La questione più grave è aver provato sulla mia pelle ingiustizia poichè, stando in cura con la dott.ssa Mirone, davo fastidio sia al day hospital che nei ricoveri. Fortunatamente la cosa è stata notata da molti pazienti che, per avere attenzioni, si sono dovuti rivolgere a medici reumatologi che in questa struttura "se la comandano alla grande" e lo dimostra il fatto che non sei considerata perchè non fai parte del loro gruppo; gruppo di dottoresse giovani che hanno due anni più o meno di esperienza e si sentono professori; ma la cosa assurda è la poca attenzione che danno ai pazienti che loro non hanno in cura e sono molto scortesi.
Sono stata costretta a cambiare centro e, sinceramente, questo nuovo ambiente è totalmente diverso, i medici e professori sono "TUTTI PER UNO E UNO PER TUTTI", quello che manca alla Columbus. Ho incontrato anche altri miei compagni di ricovero in questo nuovo centro e tutti hanno detto la stessa cosa: "HANNO FORMATO UN CLAN".
A 34- 35- 38 anni si dovrebbe avere un pò di umiltà e a queste dottoresse manca l'umiltà, la delicatezza, la comprensione.
Oggi ci sono tanti centri di reumatologia migliori del vostro.

Patologia trattata
Sclerodermia (sclerosi sistemica).
Consiglieresti questo reparto?
no
Trovi utile questa opinione? 
Mi sono rivolta per una visita reumatologica al dott. Lizzio poichè avevo le mani gonfie e, con il freddo, diventano cianotiche. Mi ha prescritto una serie di analisi e, presane visione, mi ha dato una serie di farmaci. Il mio medico mi ha chiesto la diagnosi poichè erano farmaci importanti. Non l'avevo. Successivamente ho fatto la capi: sclerodermia sistemica.
Sono casualmente entrata in contatto con la dott.ssa Bosello: un angelo, rassicurante, competente, gentile, comprensiva, dolce...
Ma rimane il problema di tutti noi pazienti di questa patologia: dover effettuare l'infusione di ILoprost in day hospital per un giorno! Quando è provato che gli effetti di questo vasodilatatore sono efficaci se effettuati per 5 giorni ogni 5 settimane. Cosa dobbiamo fare? Siamo orfani DI MEDICINALI, DI RICERCA E DI ASSISTENZA.
Aiutateci..
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
3.0
Opinione inserita da lidia buconi 17 Settembre, 2012

Sclerodermia

Mi sono rivolta per una visita reumatologica al dott. Lizzio poichè avevo le mani gonfie e, con il freddo, diventano cianotiche. Mi ha prescritto una serie di analisi e, presane visione, mi ha dato una serie di farmaci. Il mio medico mi ha chiesto la diagnosi poichè erano farmaci importanti. Non l'avevo. Successivamente ho fatto la capi: sclerodermia sistemica.
Sono casualmente entrata in contatto con la dott.ssa Bosello: un angelo, rassicurante, competente, gentile, comprensiva, dolce...
Ma rimane il problema di tutti noi pazienti di questa patologia: dover effettuare l'infusione di ILoprost in day hospital per un giorno! Quando è provato che gli effetti di questo vasodilatatore sono efficaci se effettuati per 5 giorni ogni 5 settimane. Cosa dobbiamo fare? Siamo orfani DI MEDICINALI, DI RICERCA E DI ASSISTENZA.
Aiutateci..

Patologia trattata
Sclerodermia sistemica.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Mi sono rivolta al Gemelli per curare la sclerodermia e, dati i tempi lunghi, ho dovuto pagare una visita intramoenia con il dottor Angelo Zoli: 184 euro che potevano anche andarmi bene, se il dottore mi avesse detto che le stesse cure che facevo in un altro ospedale me le avrebbero fatte anche lì da loro. Invece purtroppo ho constatato che la terapia che prima facevo me l'hanno totalmente stravolta al Gemelli, per ritrovarmi in pieno agosto con un dito ulcerato, visto che nel reparto day hospital ti fanno una sola flebo al mese di iloprost che dura solo 6 ore (anche se non sono un dottore, per la mia patologia la terapia non e' standard ma va fatta su misura a seconda del paziente e il grado della malattia (se è aggressiva o meno aggressiva, se è attiva o non attiva e, soprattutto, monitorata costantemente). Per non parlare delle dottoresse fresche di laurea, ancora inesperte e che ti prescrivono farmaci nuovi; purtroppo non sei seguito da nessun dottore, cambiano tutti in continuazione e quando ti fanno le analisi del sangue si dimenticano sempre la tiroide e ti ribucano il braccio (come se non bastassero i buchi delle flebo e delle analisi del sangue...).
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0
Opinione inserita da clementina 27 Agosto, 2012

grande nome non è sinonimo di competenza

Mi sono rivolta al Gemelli per curare la sclerodermia e, dati i tempi lunghi, ho dovuto pagare una visita intramoenia con il dottor Angelo Zoli: 184 euro che potevano anche andarmi bene, se il dottore mi avesse detto che le stesse cure che facevo in un altro ospedale me le avrebbero fatte anche lì da loro. Invece purtroppo ho constatato che la terapia che prima facevo me l'hanno totalmente stravolta al Gemelli, per ritrovarmi in pieno agosto con un dito ulcerato, visto che nel reparto day hospital ti fanno una sola flebo al mese di iloprost che dura solo 6 ore (anche se non sono un dottore, per la mia patologia la terapia non e' standard ma va fatta su misura a seconda del paziente e il grado della malattia (se è aggressiva o meno aggressiva, se è attiva o non attiva e, soprattutto, monitorata costantemente). Per non parlare delle dottoresse fresche di laurea, ancora inesperte e che ti prescrivono farmaci nuovi; purtroppo non sei seguito da nessun dottore, cambiano tutti in continuazione e quando ti fanno le analisi del sangue si dimenticano sempre la tiroide e ti ribucano il braccio (come se non bastassero i buchi delle flebo e delle analisi del sangue...).

Patologia trattata
Sclerodermia.
Consiglieresti questo reparto?
no
Trovi utile questa opinione? 
Grazie di esistere.. grazie dott. Marcin Nowik sei stato il mio angelo custode e di mia mamma.. senza dimenticare tutto il resto dello staff. Grazie!!!
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da monica mondoaca 25 Aprile, 2012

grazie dott. Marcin Nowik

Grazie di esistere.. grazie dott. Marcin Nowik sei stato il mio angelo custode e di mia mamma.. senza dimenticare tutto il resto dello staff. Grazie!!!

Patologia trattata
artrite reumatoide.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
NON SO BENE COME ESPRIMERMI IN MERITO. IO SONO IN CURA PERIODICA PRESSO IL REPARTO IN REGIME AMBULATORIALE, MA SONO INDECISA SE DOVERMI RIVOLGERE ANCHE PRIVATAMENTE A QUALCUN'ALTRO. INFATTI, TRANNE LA PRIMA VOLTA CHE MI HA VISITATO LA DOTT.SSA LUISA MIRONE, HO SEMPRE TROVATO DELLE DOTTORESSE GIOVANI SPECIALIZZANDE, MOLTO GENTILI E PAZIENTI CHE, PERO', MI HANNO DATO DELLE CURE SERIE MOLTO FACILMENTE. LA PRIMA VOLTA HO DOVUTO INTERROMPERE LA CURA DOPO POCHI GIORNI PERCHE' STAVO MALISSIMO E, COME SOLUZIONE, MI E' STATO DETTO TELEFONICAMENTE DI PRENDERE TACHIPIRINA E DI ASPETTARE IL SUCCESSIVO APPUNTAMENTO AMBULATORIALE (CHE PERO' SAREBBE AVVENUTO DOPO 3 MESI). L'ALTRA, CON IL METHATREXATE, ANCORA LA DEVO INIZIARE PERCHE', A DIRE IL VERO, VORREI SENTIRE PRIMA UN ALTRO PARERE.
FORSE SBAGLIERO', MA CREDO CHE A FIANCO A DOTTORI DA POCO LAUREATI, CON POCA ESPERIENZA PRATICA, SENZA ANCORA LA SPECIALIZZAZIONE, DOVREBBERO PERLOMENO METTERE ANCHE MEDICI DI RUOLO, CHE DIANO AL PAZIENTE UN PO' PIU' DI FIDUCIA.
SEMBRA QUASI CHE SE UNA PERSONA NON SI POSSA PERMETTERE UNA VISITA PRIVATA CON PRIMARI O NOMI IMPORTANTI, NON MERITI ATTENZIONE E DEBBA ESSERE CURATA EN PASSENT.
POICHE' SI TRATTA DI FARMACI E CURE MOLTO SERIE, CHE POSSONO DANNEGGIARE IL FISICO IN ALTRI MODI E CHE SPESSO SI DEVONO ASSUMERE PER SEMPRE, FORSE SAREBBE BENE CHE A PRESCRIVERLI SIA QUALCUNO CON PIU' ESPERIENZA, SENZA MAGARI FAR PROVARE ALLE PERSONE, DI VOLTA IN VOLTA, UN MEDICINALE NUOVO A SECONDA DI CHI SI TROVA DIETRO LA SCRIVANIA QUEL GIORNO.
UN ALTRA COSA CHE NON TROVO CORRETTO E' CHE IL PAZIENTE, PRENOTANDO LA VISITA ANTICIPATAMENTE, NON POSSA SAPERE IL NOME DEL MEDICO CON CUI LA EFFETTUERA', CHI TROVERA' QUEL GIORNO DOVRA' "PRENDERSI", DOVENDO COSI' OGNI VOLTA RICOMINCIARE A RACCONTARE LA PROPRIA STORIA. NEL MIO CASO, AD ESEMPIO, DALLA DOTTORESSA CHE MI PRESCRISSE TUTTE LE ANALISI E GLI ACCERTAMENTI DA FARE PER DARMI UNA DIAGNOSI, NON SONO PIU' RIUSCITA A FARMI VEDERE E, CONSEGUENTEMENTE, NON HA MAI POTUTO CONTROLLARE GLI ESITI DELLE PROVE CHE MI AVEVA PRESCRITTE.
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0
Opinione inserita da FRANCESCA 10 Gennaio, 2012

Opinione sulla mia esperienza

NON SO BENE COME ESPRIMERMI IN MERITO. IO SONO IN CURA PERIODICA PRESSO IL REPARTO IN REGIME AMBULATORIALE, MA SONO INDECISA SE DOVERMI RIVOLGERE ANCHE PRIVATAMENTE A QUALCUN'ALTRO. INFATTI, TRANNE LA PRIMA VOLTA CHE MI HA VISITATO LA DOTT.SSA LUISA MIRONE, HO SEMPRE TROVATO DELLE DOTTORESSE GIOVANI SPECIALIZZANDE, MOLTO GENTILI E PAZIENTI CHE, PERO', MI HANNO DATO DELLE CURE SERIE MOLTO FACILMENTE. LA PRIMA VOLTA HO DOVUTO INTERROMPERE LA CURA DOPO POCHI GIORNI PERCHE' STAVO MALISSIMO E, COME SOLUZIONE, MI E' STATO DETTO TELEFONICAMENTE DI PRENDERE TACHIPIRINA E DI ASPETTARE IL SUCCESSIVO APPUNTAMENTO AMBULATORIALE (CHE PERO' SAREBBE AVVENUTO DOPO 3 MESI). L'ALTRA, CON IL METHATREXATE, ANCORA LA DEVO INIZIARE PERCHE', A DIRE IL VERO, VORREI SENTIRE PRIMA UN ALTRO PARERE.
FORSE SBAGLIERO', MA CREDO CHE A FIANCO A DOTTORI DA POCO LAUREATI, CON POCA ESPERIENZA PRATICA, SENZA ANCORA LA SPECIALIZZAZIONE, DOVREBBERO PERLOMENO METTERE ANCHE MEDICI DI RUOLO, CHE DIANO AL PAZIENTE UN PO' PIU' DI FIDUCIA.
SEMBRA QUASI CHE SE UNA PERSONA NON SI POSSA PERMETTERE UNA VISITA PRIVATA CON PRIMARI O NOMI IMPORTANTI, NON MERITI ATTENZIONE E DEBBA ESSERE CURATA EN PASSENT.
POICHE' SI TRATTA DI FARMACI E CURE MOLTO SERIE, CHE POSSONO DANNEGGIARE IL FISICO IN ALTRI MODI E CHE SPESSO SI DEVONO ASSUMERE PER SEMPRE, FORSE SAREBBE BENE CHE A PRESCRIVERLI SIA QUALCUNO CON PIU' ESPERIENZA, SENZA MAGARI FAR PROVARE ALLE PERSONE, DI VOLTA IN VOLTA, UN MEDICINALE NUOVO A SECONDA DI CHI SI TROVA DIETRO LA SCRIVANIA QUEL GIORNO.
UN ALTRA COSA CHE NON TROVO CORRETTO E' CHE IL PAZIENTE, PRENOTANDO LA VISITA ANTICIPATAMENTE, NON POSSA SAPERE IL NOME DEL MEDICO CON CUI LA EFFETTUERA', CHI TROVERA' QUEL GIORNO DOVRA' "PRENDERSI", DOVENDO COSI' OGNI VOLTA RICOMINCIARE A RACCONTARE LA PROPRIA STORIA. NEL MIO CASO, AD ESEMPIO, DALLA DOTTORESSA CHE MI PRESCRISSE TUTTE LE ANALISI E GLI ACCERTAMENTI DA FARE PER DARMI UNA DIAGNOSI, NON SONO PIU' RIUSCITA A FARMI VEDERE E, CONSEGUENTEMENTE, NON HA MAI POTUTO CONTROLLARE GLI ESITI DELLE PROVE CHE MI AVEVA PRESCRITTE.

Patologia trattata
ARTRITE.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Ho 35 anni e l'anno scorso avevo forti dolori dappertutto da non dormirci la notte e mi sono rivolta al Prof. Angelo Zoli presso la Columbus, che mi ha consegnato nelle mani di medici eccezionali tra cui la Dott.ssa Fedele ed il Dott. Marco Lizzio. La mia vita e' cambiata da quando ho iniziato la cura, posso avere una vita sociale e sono grata a questi medici che mi fanno sentire protetta e seguita... sono i miei due angeli! Barbara
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da Barbara 25 Settembre, 2011

Grazie dr. Zoli, dr. Lizzio, dr.ssa Fedele

Ho 35 anni e l'anno scorso avevo forti dolori dappertutto da non dormirci la notte e mi sono rivolta al Prof. Angelo Zoli presso la Columbus, che mi ha consegnato nelle mani di medici eccezionali tra cui la Dott.ssa Fedele ed il Dott. Marco Lizzio. La mia vita e' cambiata da quando ho iniziato la cura, posso avere una vita sociale e sono grata a questi medici che mi fanno sentire protetta e seguita... sono i miei due angeli! Barbara

Patologia trattata
Artrite reumatoide acuta corrosiva.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
NEL 2009, ALL'ETA' DI 33 ANNI, MI SONO RECATA DAL DR. MARCO LIZZIO DOPO ESSERE STATA CURATA PER TRE ANNI SENZA SUCCESSO NELLA MIA CITTA' (PESCARA). BENE, DOPO NEANCHE 15 GIORNI DALL'INIZIO DELLA SUA TERAPIA, NON HO AVUTO PIU' DOLORI E RIESCO A SALIRE TRANQUILLAMENTE LE SCALE.
RINGRAZIO QUINDI DI VERO CUORE IL DOTTOR LIZZIO.
CATERINA, PESCARA.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da CATERINA 01 Agosto, 2011

GRAZIE DOTT. LIZZIO

NEL 2009, ALL'ETA' DI 33 ANNI, MI SONO RECATA DAL DR. MARCO LIZZIO DOPO ESSERE STATA CURATA PER TRE ANNI SENZA SUCCESSO NELLA MIA CITTA' (PESCARA). BENE, DOPO NEANCHE 15 GIORNI DALL'INIZIO DELLA SUA TERAPIA, NON HO AVUTO PIU' DOLORI E RIESCO A SALIRE TRANQUILLAMENTE LE SCALE.
RINGRAZIO QUINDI DI VERO CUORE IL DOTTOR LIZZIO.
CATERINA, PESCARA.

Patologia trattata
SPONDILOARTRITE PSORIASICA.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione? 
Mi sono recato nel reparto di reumatologia solo per un consulto e, poco fiducioso visto lo stato avanzato della mia malattia, HO TROVATO INVECE UN MEDICO ECCEZIONALE, IL DOTT. MARCO LIZZIO: MEDICO COMPETENTEM EDUCATO, GENTILE E CHI PIU' NE HA PIU' NE METTA... SI è PRODIGATO IMMEDIATAMENTE CON UN DAY OSPITAL ED IO SONO TORNATO A TRIESTE CHE GIA' STAVO MEGLIO E FELICE. SARO' ANCOR PIU' FELICE DI RITORNARE A ROMA PER LE PROSSIME CURE.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da LUCIO 13 Giugno, 2011

Reumatologia al COLUMBUS, grazie Dr. Lizzio

Mi sono recato nel reparto di reumatologia solo per un consulto e, poco fiducioso visto lo stato avanzato della mia malattia, HO TROVATO INVECE UN MEDICO ECCEZIONALE, IL DOTT. MARCO LIZZIO: MEDICO COMPETENTEM EDUCATO, GENTILE E CHI PIU' NE HA PIU' NE METTA... SI è PRODIGATO IMMEDIATAMENTE CON UN DAY OSPITAL ED IO SONO TORNATO A TRIESTE CHE GIA' STAVO MEGLIO E FELICE. SARO' ANCOR PIU' FELICE DI RITORNARE A ROMA PER LE PROSSIME CURE.

Patologia trattata
ARTRITE REUMATOIDE AVANZATA.
Consiglieresti questo reparto?
Trovi utile questa opinione?