Ospedale di Aversa

 
3.7 (17)

Recensioni dei pazienti

6 recensioni con 2 stelle

17 recensioni

 
(9)
 
(2)
3 stelle
 
(0)
 
(6)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
3.7
 
4.1  (17)
 
3.5  (17)
 
3.6  (17)
 
3.6  (17)
Torna alla scheda

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
6 risultati - visualizzati 1 - 6  
 
Per Ordine 
 
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Ortopedia

Reparto di traumatologia e ortopedia, intervento programmato di protesi d'anca. Ho 32 anni, quindi mi aspetto che le cose vengono fatte perbene e con cura perché l'apparecchio non dura per sempre, quindi con l'età sarà da rifare l'operazione. Operazione che è andata bene, sotto le mani del primario del reparto - per questo alla competenza ho dato 4!
Assistenza, pulizia e servizi non si sa invece cosa siano, non si distinguono infermieri da oss, nessuno sa fare o non vogliono fare (ho assistito ad entrambe le cose); dopo 7 giorni sono stato dimesso e per me è stato come uscire da un incubo... Se non avessi avuto i miei genitori vicini, nemmeno l'assistenza base avrei avuto, visto e considerato che sono stato allattato tutto il tempo! Ora mi ritrovo a casa dopo 21 giorni dall'intervento ancora con i punti attaccati, ho già consumato un ciclo di antibiotico e stasera ne inizio un altro... In ospedale al giro visita guardavano attraverso la medicazione e dicevano "tutto ok".. Per questo non consiglio la struttura e spiace che il lavoro del primario venga penalizzato amaramente dagli operatori di reparto.

Patologia trattata
Protesi totale anca.


Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
2.0

Ottime competenze, ma servizi mediocri

Mio padre è stato ricoverato di lunedì per un impianto di pacemaker. Il cardiologo ci ha detto che il mercoledì sarebbe stato dimesso; prima inesattezza: la caposala ci ha comunicato che prima del giovedì non sarebbe andato via. Mattina del giovedì il medico di turno, dall'eco, riscontra un versamento minimo, ma lo mette comunque in dimissione, salvo controllo dopo una settimana. Il medico che gli dà il cambio non è d'accordo e non lo dimette. Il pomeriggio di giovedì monta il chirurgo che lo ha operato e dice che per lui si poteva dimettere perché il versamento, confrontando un'eco di una settimana prima, era già lì, da situazione pregressa e cronicizzata (e allora perché non lo ha dimesso lui???), pertanto sarebbe stato dimesso il venerdì. Il venerdì è festivo e io gli chiedo più volte se lo avrebbero dimesso, e lui mi conferma. Venerdì mattina mi chiama mio padre per dirmi che non lo dimettono; il medico di turno è solo e non ha tempo materiale per le dimissioni! Letto impegnato e pasti a carico del servizio sanitario senza alcuna necessità quindi.. Per non parlare della confusione che questo ha ingenerato in mio padre e nelle difficoltá organizzative per la sua famiglia. Inoltre un reparto molto rigido, ma a modo loro... Visite dalle 13.00 alle 14.00 e dalle 18.00 alle 19.00, una persona alla volta per paziente; però il giorno dell'intervento in cui mio padre, ma anche il suo compagno di stanza che aveva avuto lo stesso intervento, erano immobilizzati a letto, io e la figlia dell'altro paziente abbiamo dovuto imboccarli per farli mangiare perché nessun addetto, pagato per questo, è venuto a farlo! Di notte poi gli hanno messo il pannolone per non avere la rottura di scatole di essere chiamati per accompagnarlo in bagno, dal momento che non aveva nè flebo nè cateteri per cui avrebbe potuto tranquillamente andare in bagno!!! Pulizia quasi inesistente in camera e giardini esterni pieni di cartacce, barattoli, bicchieri usati... Non capisco perché la gente accetti tutto questo senza mai lamentarsi! Sono già grati per il fatto di essere curati...? Ma la gentilezza, la pulizia e il dovere del personale ospedaliero per loro sono un optional, non un diritto di un malato come un qualsiasi cittadino di Bolzano, Torino o Firenze?

Patologia trattata
Aritmia cardiaca.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Ortopedia

Mia madre operata alla tibia e al perone, si è svegliata la mattina dopo in un lago di sangue. Non le è stato messo il drenaggio. La doccetta di gesso è restata sporca, la medicazione non cambiata, le lenzuola idem. Nessun tipo di sostegno infermieristico. Sono i familiari che devono provvedere al lavare i parenti, a portare pale a metterle e a toglierle (anche se immobilizzati a letto, che quindi mani esperte forse tratterebbero meglio).
Il reparto di ortopedia non ha bagni per disabili, nè carrozine, nè altri supporti ortopedici di nessun tipo come semplici sostegni con manopole sui letti per permettere al paziente di sollevarsi in autonomia un po' dal letto (ho almeno non ho visto nulla di tutto questo), né ghiaccio, nè - cosa più grave- sanno cosa sia il rispetto per il malato.
È uno degli ospedali più sporchi che io abbia mai visto, operai che usano l'ascensore degenti per portare a piano terra i calcinacci, pazienti che fumano nei corridoi e nessuno li richiama. Una babele.
Mi rendo conto che la platea qui sia difficile, ma è anche vero che qui sembra che se non urli nessuno ti ascolta. Non credo dovrebbe essere così...
Spero soltanto che l'intervento sia andato bene (troppo presto per dirlo).

Patologia trattata
Frattura tibia e perone.


Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Pronto Soccorso pediatrico

Siamo stati ieri sera (24/02/214) al P.S. pediatrico dell'Ospedale di Aversa, ci hanno detto che c'era da aspettare. Nella sala d'attesa c'era un solo bimbo febbricitante, in attesa da oltre un'ora perchè secondo l'infermiera a cui ho chiesto spiegazioni, la pediatra di turno era in sala parto per un cesareo! Aria di sufficienza, risatine queste le ulteriori giustificazioni per la nostra attesa. Mi chiedo perché esistano operatori del settore che non sono, prima, Uomini (e includo anche il sesso femminile) e che operino senza tatto, onestà, chiarezza, empatia, sorriso.. che sanno bene che tu sei li perchè ti affidi a loro e della categoria che rappresentano, e che invece di esser grati e responsabili per questo, se ne "approfittino"!!!

Patologia trattata
Pediatrica.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
2.0

Infarto scambiato per dolori intercostali

COME SI PUO' DIMETTERE UNA PERSONA CON UN INFARTO IN ATTO E LIQUIDARLA CON DOLORI INTERCOSTALI??!! SE NON FOSSE STATO PER LA TEMPESTIVITA' DELLA MIA MAMMA DI FARLO ASSISTERE ALL'OSPEDALE DI CASERTA, MIO PADRE SAREBBE MORTO!

Patologia trattata
INFARTO (SCAMBIATO PER ALTRO).
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

La mia esperienza

Sono stata a visita dal Dott. F. per lo stomaco PRESSO l'Ospedale.
Avevo un reflusso gastrico in corso, pesavo all'epoca neanche 48 chili, e per questo problema sono stato curato dal Dott. F. in maniera approssimativa, infatti lui sostenne che era un problema psicologico e mi dirotto' dal Dott. C., uno psichiatra che mi diede antidepressivi. Ma il problema si aggravo', arrivai a pesare 39 chili (sono stata dirottata anche presso un centro di Milano anoressico). Invece per La solerzia del Policlinico di NAPOLI, OVE SONO STATA OPERATA ALLA VALVOLA ALLO STOMACO dal Dott. Rossetti, mi sono salvata.
CERTO, HO DENUNCIATO il tutto alla magistratura, ancora oggi ho delle crisi nervose per i medicinali presi, e la magistratura ha dato ragione al Dott. F., oltre ai danni fisici anche la beffa delle spese legali. OLTRE alla varie spese affrontate con l'aiuto di mio padre..

Patologia trattata
visita gastroenterologica per reflusso gastrico.
6 risultati - visualizzati 1 - 6  
 
 


Altri contenuti interessanti su QSalute