Urologia Policlinico Verona Borgo Roma

 
4.6 (23)

Recensioni dei pazienti

23 recensioni

 
(17)
 
(4)
3 stelle
 
(0)
 
(2)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
4.6
 
4.6  (23)
 
4.7  (23)
 
4.5  (23)
 
4.4  (23)
Torna alla scheda

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
23 risultati - visualizzati 1 - 23  
 
Per Ordine 
 
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Operazione per tumore prostatico 11 anni fa

Il Prof. Artibani è il miglior urologo che abbia mai conosciuto: serio, professionale, molto empatico con il paziente.
Non fa del paziente un numero, ma lo tratta con molta umanità.
La sua professione la svolge con molta umanità.
Mio padre è stato operato 11 anni fa a Verona ed ha risolto il problema affidandosi nelle sue mani.

Patologia trattata
Tumore della prostata.


Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

RINGRAZIAMENTO AL PROF. ARTIBANI

RINGRAZIAMENTO AL PROF. WALTER ARTIBANI:

Mi sento in dovere di esprimere una lode ed un ringraziamento al Prof. Artibani, un luminare dell'Urologia a livello mondiale. Sono stata colpito dalla sua eccellente competenza e straordinaria umanità. In ben due ospedali sono stato dimesso considerato inoperabile e quindi destinato ad attendere il momento della fine. Il 21 luglio 2016 il Proff. Artibani mi ha operato mostrando enorme capacita' professionale, ridandomi alla mia famiglia e a me speranza. Dopo due mesi ero in forma e a Udine sia il reparto di Oncologia (al momento dopo l'accurata pulizia, ben 35 linfonodi asportati, non e' stato ritenuto di dover sottopormi a chemio), che il reparto di nefrologia e il reparto di malattie trasfusionali e Trombotiche, hanno elogiato il prof. Artibani per la sua perizia e capacità nel condurre un intervento cosi' complesso e rischioso. Intervento di: embolizzazione selettiva arteria renale destra (20-07-16) e nefrectomia radicale renale destra; linfoadenectomia interaortocavale sottoilare e retrocavale; cavotomia con asportazione di trombo cavale neoplastico e legatura vena cava.
RINGRAZIO ancora e sentitamente il Prof. Artibani per avermi operato ridandomi ancora speranza
Ramazzotti Giordano

Patologia trattata
Neoplasia renale destra complicata da diffusa trombosi neoplastica a carico della vena cava inferiore e trombosi venosa profonda arto inferiore sinistro, vene iliache comuni e vene renali.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Un ringraziamento al Prof. Walter Artibani

Mi sento in dovere di esprimere una lode ed un ringraziamento al Prof. Artibani, un luminare dell'Urologia a livello mondiale. Sono stata colpita dalla sua eccellente competenza e straordinaria umanita'. Non tutti sanno accogliere il paziente con il sorriso ed hanno la capacità di ascoltarlo e di rassicurarlo; ebbene: ho riscontrato nel Professore anche queste virtù. Sono stata ricoverata nel suo reparto di Urologia dell'ospedale di Borgo Trento a Verona nel mese di gennaio 2016 per un carcinoma invasivo nella vescica. Il Prof. Artibani ha optato per una cistectomia radicale con ricostruzione di una nuova vescica ileale VIP ed ha asportato utero, ovaie e vari linfonodi per precauzione. Fortunatamente il carcinoma non aveva intaccato i linfonodi, per cui non ho dovuto ricorrere alla chemio-terapia. Sono passati quasi tre mesi dall'intervento e le mie condizioni di salute sono ottime e la neo-vescica sta funzionando bene.
Esprimo inoltre la mia gratitudine anche al dott. Baldassarre e a tutto lo staff medico del Professore e al personale infermieristico per le capacità professionali e le attenzioni premurose non solo nei miei confronti, ma anche verso tutti gli altri pazienti.
Io e la mia famiglia saremo sempre riconoscenti al Prof. Artibani per avermi dato la possibilità di vivere e di veder crescere mia figlia.

Patologia trattata
Carcinoma invasivo vescicale.


Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

ECCELLENZA

Sono stato visitato dal Prof. Artibani, persona competente, rassicurante e estremamente umana. Successivamente mi sono sottoposto ad intervento alla prostata in robotica e dimesso dopo quattro giorni.
Volevo esprimere un sentito ringraziamento al Professore e a tutta la sua équipe, al personale infermieristico, sempre sorridente e capace di spendere una parola di rassicurazione nei confronti di pazienti, come il sottoscritto, molto noiosi.
Un reparto di eccellenza, GRAZIE DI CUORE A TUTTI!

Patologia trattata
K PROSTATICO.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Visita urologica Prof. Artibani

Visita Prof. Artibani:
sapevo che era uno dei migliori del mondo, ho riscontrato in Lui doti di competenza e umanità difficilmente riscontrabili.

Patologia trattata
Vescicale.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
3.0

L'eccellenza

Sono stato ricoverato nel reparto per 15 giorni subendo una operazione molto complessa. Per l'esito positivo ringrazio di cuore il Prof. Artibani e tutto il suo staff medico non solo per le capacità professionali, ma anche per l'umanità espressa in tante circostanze. Voglio estendere anche un sincero plauso a tutto il personale infermieristico per la dedizione, la celerità nei servizi e.. cosa molto importante per il paziente, per l'assistenza accompagnata sempre da un sorriso. Un reparto d'eccellenza!!! Un grazie a tutti!!!

Patologia trattata
Urologica.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Esito chirurgico neoplasia della prostata

OTTIMO REPARTO:
GRANDE COMPETENZA PROFESSIONALE,
TEAM MEDICO COMPETENTE E UMANO,
TEAM INFERMIERISTICO ECCEZIONALE.
SQUADRA VINCENTE!

Patologia trattata
NEOPLASIA DELLA PROSTATA.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Asportazione tumorale multipla

Asportazione di più tumori all'unico rene superstite.
Mi sono rivolto al Professore Artibani Walter dopo essere stato messo a conoscenza dagli urologi del 2^ Policlinico di Napoli che era necessaria la nefrectomia (asportazione rene) all'unico rene superstite, quindi dialisi 2 immediata....
L'intervento, molto delicato e trattato con Maestria dal Professore Artibani, mi ha donato il rene che era da buttare per i "dottori" di Napoli. È quasi un anno che vivo tranquillamente grazie a Lei, ECCELLENZA MEDICA!!!

Patologia trattata
Asportazione carcinoma a cellule chiare rene.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

ESPRIMO GRATITUDINE

Con un po' di ritardo voglio esprimere la mia gratitudine al professore Artibani, eccellenza chirurgica mondiale, nonchè a tutto lo staff medico e paramedico per aver asportato più parti tumorali all'unico rene superstite per recidiva. Grazie professore, mi ha ridato la vita!

Patologia trattata
Asportazione masse tumorali a cellule chiare dal rene.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie prof. Artibani! Eccellenza internazionale

In data 3 gennaio 2014 sono stato operato dal Professore per l'asportazione di un tumore di 7 cm. Non era la prima volta che venivo operato per un tumore ai reni, bensì la terza (negli anni novanta avevo già subìto una nefrectomia e riduzione dell'altro rene superstite).
Ad ottobre 2013 ho scoperto una massa di 7 cm. sul moncone di rene residuo e a questo punto ho rischiato davvero che mi togliessero tutto (come in altri ospedali mi avevano prospettato) e un futuro da dializzato, se non fosse stato per l'intervento del professor Artibani, che mi ha guarito dal tumore lasciandomi inalterata la funzionalità renale!
Grazie di cuore professor Artibani, anche da parte di tutta la mia famiglia, le saremo per sempre riconoscenti perché solo Lei poteva riuscire in questo grande miracolo!
Grazie anche a tutto il suo staff e al reparto di urologia dove sono stato ricoverato per ben un mese.

Patologia trattata
Tumore renale - enucleoresezione su rene precedentemente operato 2 volte.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Un inchino all'eccellenza!

Desidero esprimere la mia gratitudine a tutto il reparto di urologia Universitaria del Policlinico G.B. Rossi di Verona Borgo Roma, per l'intervento alla prostata (TURP) eseguito con successo ancora a novembre 2013. Un sentito ringraziamento al primario Prof. Walter Artibani, al Dr. Filippo Migliorini, al Dr. Antonio D'Amico e a tutto il personale infermieristico. Un altro particolare riconoscimento va al Dr. Nicolò De Luyk per i suoi brillanti risolutori interventi professionali, che tanto hanno contribuito a tranquillizzarmi.

Patologia trattata
Resezione prostata (TURP).
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Rimozione masse renali bilaterali

Sono stato operato il 13 novembre 2013 per rimozione di neo-formazioni bilaterali, la più problematica si presentava nel rene destro. Era al centro del rene ed io ero molto preoccupato per l'intervento, avendo subìto lo scorso anno anche la sostituzione del tratto ascendente dell'aorta e la riparazione della valvola aortica. Il professor Artibani mi ha rassicurato e già durante la prima visita ha dimostrato preparazione, determinazione, sicurezza; professionalità riconfermate anche in fase operatoria. Con unico intervento sono state risolte tutte le problematiche ed evitata l'asportazione del rene. Grazie di cuore al professor Artibani, al dottor Curti, a tutta l'equipe medica, al personale infermieristico.
Struttura d'eccellenza, seguitissimi i pazienti anche nel post-operatorio, medici in visita due volte al giorno, sempre disponibili e presenti con forte carica umanitaria.
Lorenzo Zaccarelli

Patologia trattata
Neo-formazione renale bilaterale.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie al prof. Artibani e a tutto lo staff medico

Il giorno 22-04-2013 sono stato operato dal prof. Walter Artibani per enucleoresezione renale sinistra. L'intervento è andato benissimo, lo stesso professore mi ha confermato che il rene è salvo. Ringrazio di cuore il prof. Artibani, tutto lo staff medico, in particolare il dott. R. Baldassarre. Un ringraziamento va all'anestesista e agli infermieri per la professionalità e competenza, nonchè a tutto il personale ausiliario.
Un caro saluto a tutti.
Carmine Piscitelli - S.Agata de Goti

Patologia trattata
TUMORE RENALE - ENUCLEORESEZIONE (voluminosa formazione espansiva in sede perirenale sx con diametri assiali di 12x11 cm. a densità marcatamente disomogenea per la presenza di numerose aree lipomatosiche nel contesto a tralci solidi e noduli amorfologia solida apparentemente circondati da un cercine iperdenso).
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Guarito dal cancro grazie al prof. Artibani

Al prof. Artibani tutti noi che siamo stati suoi pazienti dovremmo fare un monumento!
E' un grandissimo medico e scienziato. Mi ha guarito da un enorme cancro al rene!
Gliene sarò sempre grato.
Ho saputo dopo che è molto stimato anche all'estero.
Noi italiani dovremmo essere fieri di gente così.

Patologia trattata
Tumore del rene.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Il grande urologo

Mi avevano detto altri urologi di altri ospedali del nord Italia che, se avessi avuto bisogno di una cura, ebbene il migliore si trovava a Verona e si chiama Prof. Walter Artibani.
Circa 10 mesi fa mi viene diagnosticata una neoplasia prostatica.
Vado a Verona e mi visita il professor Artibani, il quale mi ha trasmesso subito fiducia in una guarigione completa.
Sono stato operato dallo stesso professore con metodica videorobotica.
Ebbene, dopo circa 5 giorni dall'intervento ho ripreso le funzioni minzionali in maniera perfetta.
Attualmente sono un uomo rinato in tutti i sensi.
Ringrazio il professore e coloro che me lo hanno consigliato.
Consiglio lo stesso grande chirurgo a chi dovesse averne bisogno. E' semplicemente il migliore.
Ancora grazie.

Patologia trattata
Neoplasia della prostata.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Valutazione reparto urologia

Il reparto di urologia Universitaria del Policlinico G.B. Rossi di Verona Borgo Roma è strutturato in modo impeccabile dal Prof. Artibani. La competenza, la professionalità e, in modo particolare, l'umanità dei medici e ed il personale ausiliario, meritano apprezzamento. Io sono stato operato a fine 2012 per un carcinoma uroteliale e non posso che ricordare tutto il personale, il Professore e i suoi collaboratori come i miei angeli custodi.
Un caro e riconoscente abbraccio a tutti loro.
Angelo Bello
Cosenza

Patologia trattata
Carcinoma uroteliale (tumore della vescica).
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
4.0

Curato e contento

Sono stato dimesso da due giorni e desidero ringraziare tutta l'equipe medica del prof. Artibani, in particolare il dr. Cavalleri che mi ha operato.
Sono stato inoltre fortunato che in questo ormai vetusto ospedale ci sia un corpo medico/infermieristico di prim'ordine, che mi ha fatto dimenticare le mancanze strutturali.
Non posso ricordare tutti i nomi, ma persone come Marica, Maria, Simonetta, Romina, Matilde, Paola Maria, Chiara, Clara, Mattia e tanti altri di cui non ricordo il nome che, oltre la loro professionalità, mi hanno dispensato la loro umanità e, perchè no, il valore del sorriso. Il tutto in sintonia con la buona medicina.
Un caro e riconoscente saluto a tutti loro da
Roberto (Mantova)

Patologia trattata
K prostata (prostatectomia radicale).
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Da paziente

Dal punto di vista medico chirurgico il livello professionale e' molto elevato. Senz'altro si potrebbe ottenere di più' sul piano della gestione dell'assistenza, della parte alberghiera (biancheria letti, camici per i pazienti, teli ecc. ecc.) se questa divisione così' prestigiosa disponesse di mezzi adeguati. LA REVISIONE DELLA SPESA SANITARIA E NON SOLO, ANDREBBE FATTA SU ALTRI CAPITOLI DI SPESA, ANCHE NELLA SANITA', E NON SULLA PELLE DI Chi è già "sfigato" per essersi ammalato. Nel periodo della mia permanenza in questa Divisione ho avuto modo di constatare che un'altissima percentuale di pazienti proveniva da regioni diverse dal Veneto, anzi, devo dire che la provenienza era prevalente dalle regioni del sud /Italia. Cio' dimostra che questo gruppo di lavoro, nel suo campo, viene apprezzato ed è in grado di fornire speranze e anche certezze a chi per sfortuna e' costretto ad affrontare il viaggio della speranza.
B R A V I, C O M P L I M E N T I

Un paziente riconoscente.

Patologia trattata
Asportazione totale a cielo aperto della prostata.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ringrazio il prof. Walter Artibani e reparto

Sono stato operato il 5 luglio 2012 dal professore Walter Artibani; l'operazione è perfettamente riuscita, non ho avvertito dolori, dopo un giorno mi hanno tolto il drenaggio e dopo quattro giorni il catetere e dimesso. Ora, a poco più di due mesi dall'operazione, ho ripreso la normale vita che conducevo prima dell'intervento e vado regolarmente in bici da corsa e mountain bike.
Ringrazio il Professore Walter Artibani, sono stato fortunato ad essere stato visitato ed operato da Lui; ritengo che in campo urologico non vi sia professore migliore.
Un ringraziamento ai dottori del reparto ed agli infermieri per la professionalità, competenza, cortesia e pazienza.

Patologia trattata
Prostatectomia radicale robot assistita.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Cisti renale

volevo evidenziare l'alta professionalità del prof. Zattoni e il suo staff medico. Sono rimasto molto contento dell'assistenza degli infermieri che manifestano nel prendersi cura della persona ammalata.

Patologia trattata
Cisti renale e pielolitotomia chirurgica laparoscopica.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Sotto le aspettative

Mio padre ha subìto una cistectomia radicale per un tumore alla vescica. Sono sicura che il professor Artibani abbia operato nel miglior dei modi e siamo soddisfatti del suo intervento, ma non si può dire di tutto il resto. Cominciando dal centralino dell'ospedale al servizio e la cortesia del personale offerti, infermieri e medici compresi, un mazzo di ortiche nelle mutande è meno fastidioso. Ovviamente non faccio di un'erba un fascio, alcuni sono stati eccellenti, ma una media troppo bassa per poter dare un voto soddisfacente. C'erano momenti che sembrava di essere al mercato rionale tanta la confusione del personale nei corridoi, proprio senza riguardo per i degenti. Capisco gli orari di visita, ma capirei anche il rispetto del silenzio soprattutto in certi orari.
Inoltre siamo ancora in attesa dell'esame istologico nonostante siano passati più di 65 giorni. Assurdo!!!! Mi spiace ma molte cose sarebbero da migliorare.

Patologia trattata
Cistectomia radicale.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Sfortuna o Incompetenza

Cistectomia radicale nel 12/2010 con confezionamento di neovescica VIP per carcinoma alla vescica eseguita dal dott. Baldassarre.
Anno 08/2013, recidiva all’uretere perché il moncone non era stato accorciato nonostante l’esame istologico sfavorevole; nuovo intervento eseguito dal dott. Cavalleri, accorciato l’uretere e riattaccato alla vescica VIP.
Anno 09/2014, metastasi linfonodali, inizio chemioterapia, i medici di Verona informati ci hanno liquidato dicendo di affidarci all’oncologo e ora sono scomparsi e non rispondono nemmeno al telefono.
Sicuramente c'è di meglio in Italia.

Patologia trattata
Carcinoma vescicale.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Esperienza negativa

Sono esattamente ben sette anni che seguo le gesta mediche del Prof. Zattoni tramite Internet. Le prime risalgono ai tempi di Udine, poi Verona, alla fine Padova. C’è proprio tutto su di lui, o per meglio dire, quasi tutto se si considera (perdonatemi!!) che manca il numero delle volte in cui fa pipì quotidianamente. E ciò per restare sempre in ambito urologico!!
Non metto in dubbio la verità di ciò che si evince dalle varie pagine relativamente al valore ed alla professionalità del professore Filiberto Zattoni, attuale primario del reparto di Urologia di Padova, del suo team veronese, dell’organizzazione e dell’efficienza del reparto di Urologia dell’Ospedale “G.B.Rossi” di Verona. Purtroppo la mia amara esperienza avvenuta nel non lontano 2006 mi porta a rendere noto il fatto che anche nelle mani di medici di tale spessore avvengono episodi alquanto spiacevoli, come quello capitato a me. Vicenda che ha dell’inverosimile; pur tuttavia, posso ben dire che ciò che sto per raccontare è conforme alla realtà.
Risiedendo nel sud dell’Italia ed avendo in tutti questi anni sentito parlare bene dell’Urologia della scuola di Padova da tanti utenti amici, ho preferito rivolgermi a medici specializzati in tale sede per risolvere un problema alquanto serio, che richiedeva una competenza medica di alto livello professionale. Trattavasi di un calcolo a stampo che riempiva tutta la cavità pielica del rene sinistro, ma non ostruiva il deflusso dell’urina.
Rivolgendomi al dott. Oliva Gaetano, primario dell’Ospedale G. di Saliceto di Piacenza, che riceve vicino Milazzo nel messinese, mi viene segnalata la presenza di un chirurgo urologo di altissimo livello che prestava la sua opera in quel dì Udine: il Prof. Filiberto Zattoni, specializzato per queste patologie.
Nel settembre 2005 l’incontro in tale città con questo luminare. Durante la visita, mi vengono prospettati tre interventi risolutivi: una PCNL, un bombardamento ed una URS. Non si fa alcun cenno ad altra tecnica alternativa possibile per tale patologia. Mi si dà appuntamento al G.B. Rossi di Verona (il prof. era in procinto di trasferimento), da dove sarei stata chiamata per poter effettuare gli interventi programmati. Nel contempo mi si ordina di dimagrire a tutto spiano poiché la mia era una situazione di obesità (quasi 100 kg.!!) tale che non consentiva al nefrolitotritore di poter arrivare al calcolo (testuali parole del medico), calcolo che aveva 20 anni di vita a detta dello stesso professore Zattoni.
Una chicca per cominciare: incredibile ma vero, dall’urino- coltura eseguita al laboratorio di analisi della stessa struttura del G.B. Rossi di Verona, si evince la presenza di un Proteus Mirabilis. E’ strano che, nelle urino-colture eseguite successivamente ed in “vari” laboratori della mia città, sia risultato sempre come germe l’E. Coli.
Gli interventi:
Primo ricovero nel gennaio 2006:

1) Pcnl in data 16, eseguita per mani del Prof. Zattoni e dott. Ruggera (specialista in formazione del V° anno). Dalla descrizione si evince che non si riescono a raggiungere alcuni frammenti all’interno del calice medio.

2) Eswl in data 19, eseguito per mani del dott. Beltrami, dirigente medico di I° livello. Duplice descrizione in cartella clinica, una diversa dall’altra, dell’intervento che lascia fortemente sbigottiti. Non e’ presente nella stessa cartella il foglio per l’inquadramento per tale ESWL. Come fu eseguito il puntamento del calcolo?
ESITO: inevincibile!!!

3) Eswl in data 23 eseguito per mani del dott. Ruggera, specialista in formazione. La paziente viene lasciata sola in sala operatoria con uno specializzando del V° anno che ha eseguito da solo l’intervento. Da solo svolge le funzioni di urologo ed esegue il puntamento del calcolo. Per mezzo di che cosa? Non esiste il foglio del protocollo dal quale poter evincere la descrizione dell’intervento stesso.
E’ presente in cartella clinica solo il foglio progressivo n° 06/06 dal quale si evince:
ORARIO INIZIO: 14,00/ ORARIO FINE: ????????
Esito: apparente frantumazione del calcolo.

4) URS in data 27 seguito per mani del Prof. Filiberto Zattoni: quarto trattamento del primo ricovero. La descrizione dell’intervento avvenuta di pugno del professore stesso è stata sconfessata da un accertamento eseguito nella stessa serata dall’Istituto di Radiologia del Policlinico G.B. Rossi ed annesso in cartella clinica.
Altro accertamento smentisce l’esito del trattamento: quello eseguito nella mia città su indicazione dei Sanitari del Policlinico di Verona e registrato nella seconda cartella clinica.
Si fa presente che, prima di sottopormi agli eswl, non mi si dà la possibilità di essere messa al corrente, tramite i consensi informati non sottoposti debitamente a visione e a firma, degli effetti nefasti di tale tecnica. Ed inoltre non mi viene comunicato che tali interventi hanno delle percentuali di riuscita; pertanto non sono risolutori per come mi fu fatto credere in “quel” dì di Udine.
Inoltre, prima degli interventi, non viene controllato il peso (90 kg. dopo quattro mesi – stato di obesità grave) a cui si presta attenzione solamente in data 27 gennaio 2006, dopo ben quattro ingressi in sala operatoria, allorquando la paziente viene sottoposta a trasfusioni per l’eccessiva perdita di sangue durante l’avvenuta percutanea.

Successivo ricovero: il secondo, nell’aprile del 2006.

Tre interventi nella stessa mattinata del 24. Viene eseguita un’altra urs ed una laser-trissia per mani, si presume, del Prof. Zattoni. In cartella clinica non esistono le descrizioni degli interventi. Pur essendo stato richiesto in un unico foglio il consenso per i due trattamenti, nella stessa mattinata e consecutivamente, durante la stessa anestesia, viene eseguito un terzo intervento: un eswl per mani di due specialisti in formazione, dott. Giglio Francesca e dott. Cielo Alessandro, che vengono lasciati anche loro soli in sala operatoria senza “tutor”. Mancano in cartella clinica sia il foglio del protocollo, sia il foglio per l’inquadramento per eswl ed anche l’orario di inizio e di fine. Gli orari di inizio e fine sono fondamentali per conoscere la durata delle singole sedute.
ESITO: apparente frantumazione del calcolo.

Terzo ricovero in day surgery nel maggio 2006.

Finalmente un consenso informato per un ESWL, il primo consenso su quattro ESWL eseguiti. Tale consenso informato non e’ per nulla esaustivo poichè non esplicita chiaramente gli effetti nefasti dell’ESWL, e, nel caso specifico, cosa sia l’ematoma peri-renale causato alla paziente con i continui bombardamenti. Gli ESWL, difatti, causano la perdita della struttura del rene in maniera proporzionale alla quantità delle onde d’urto utilizzate, alla loro potenza ed alla durata delle singole sedute. E cio’ non e’ stato riferito alla paziente nè verbalmente, nè per iscritto!!!

L’inesistenza e l’inefficienza dei consensi relativi agli ESWL del 19 e 23 gennaio, del 24 aprile e del 03 maggio, hanno fatto si che la paziente, fiduciosa, si sottoponesse ai trattamenti ignara di quanto la aspettasse. La paziente non fu informata del fatto che ….“le percentuali di bonifica completa decrescono in media dall’80% per i calcoli della pelvi renale, al 70% per quelli dei calici superiori, fino a circa il 50-60% per quelli dei calici inferiori. ”….
Cosa ben piu’ grave:
nel foglio del protocollo l’orario segnalato è
Inizio 08,33 Fine 10,03
pertanto la durata sarebbe di 90 (novanta) minuti.
Nel foglio n° progressivo 15/56 si evince
Inizio 09/40 Fine 10/30
Pertanto la durata sarebbe di 50 (cinquanta) minuti.
Due orari diversi afferenti allo stesso intervento di ESWL.
In tale sede fu praticato Fentanest 1 cc. sempre per mano dello specialista in formazione dott. Ruggera, senza “tutor” in sala operatoria. Lo specialista, pertanto, funge anche da anestesista. Il puntamento del calcolo durante il trattamento fu eseguito tramite
radiografia diretta, come si evince dal foglio dell’inquadramento dell’ESWL. Nel foglio del protocollo si evince la voce “radioscopia 0.0minuti”.?!?!
Esito: apparente frantumazione del calcolo.
??????? Ma di quale calcolo si tratta????????

Vengo dimessa con l’aspettativa di un prossimo controllo.
Tempo cinque mesi, avverto forti dolori, forti bruciori e forti fitte. Rivolgendomi a chi di competenza, effettuando ecografie e scintigrafie renali sia statiche che sequenziali opportune, mi ritrovo con:
Parenchima sx ridotto del 22%. Il rene assume dimensioni ridotte ed aspetto globoso e presenta ridotta concentrazione intra-corticale del tracciante con disomogenea distribuzione nel parenchima.. irregolari i contorni dell’organo. Il tracciato nefrografico presenta ridotta ampiezza ed andamento appiattito.
GFR totale : 66 ml/min.
Distribuzione della funzione: Rene dx 69% - Rene sx 31%
Calcoli residui sparpagliati nella parte del rene restante di cui uno di 12 cm (dati risalenti al 2010).
Infezione a vita da E.coli data la presenza dei calcoli non doverosamente asportati.
Sono stata invitata dal Prof. Zattoni ad un settimo ingresso in sala operatoria. Ovviamente ho rifiutato.
SI METTE IN RISALTO IL FATTO CHE NELLE CONDIZIONI IN CUI MI TROVO, A CAUSA DI TUTTI GLI INTERVENTI SUBITI, NON SARA’ POSSIBILE EFFETTUARE PIU’ L’INTERVENTO A CIELO APERTO, QUELLO RIPARATORE.
PERTANTO, CON UN RENE IN TALI CONDIZIONI, E’ INTUIBILE QUALE SARA’ LA MIA SORTE FUTURA.
Ricorro alle vie legali, sia civili che penali, supportata da relazioni di un medico legale e di un nefrologo.
Nel corso del giudizio civile viene espletata una C.T.U. a mani del Prof. Marco Carini, Primario del reparto di Urologia di Firenze, il quale -a suo dire- non ravvisa alcun profilo di responsabilità in capo a Zattoni & c.
A tutt’oggi, sub iudice, non riferisco piu’ di tanto.
Aggiornerò’ a tempo debito la mia vicenda, continuando a narrare la mia vicissitudine non solo urologica, ma anche giudiziaria, annoverando nei miei racconti per via telematica anche i nomi dei protagonisti che vado incontrando durante il mio iter giudiziario.

Patologia trattata
CALCOLO A STAMPO: PCNL, URS ed ESWL.
23 risultati - visualizzati 1 - 23  
 
 


Altri contenuti interessanti su QSalute