Casa di Riposo Bonzani di Varano Melegari

Casa di Riposo Bonzani di Varano Melegari

 
1.5 (1)
Scrivi Recensione
Indirizzo
Via Provinciale 79, Varano Melegari (PR)
Telefono
0525 58123
La Casa di Riposo Bonzani è situata a Varano Melegari, in località Serravalle, circondata dai boschi che incorniciano il greto del fiume Ceno. Da sempre uno dei riferimenti nel panorama assistenziale delle Valli del Taro e del Ceno, la struttura è stata ampliata e ristrutturata e può attualmente accogliere 61 ospiti. Gli ampi spazi della residenza consentono, in particolare, una corretta gestione degli utenti con patologia di Alzheimer ed in particolare un adeguato controllo del wondering. Le stanze sono di varia tipologia, in prevalenza singole e doppie, dotate di arredi nuovi e funzionali, provviste di sistema di chiamata sulle 24 ore. Di particolare rilievo è l’area esterna alla struttura, ampia ed ombreggiata e situata in un parco con alberi secolari, nel quale sono stati costruiti percorsi protetti per la deambulazione degli utenti.

Recensioni dei pazienti

1 recensioni

Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0  (1)
Assistenza 
 
1.0  (1)
Pulizia 
 
3.0  (1)
Servizi 
 
1.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Ricovero madre

Dopo 12 giorni ricoverata in questa struttura, dopo lunga malattia trascorsa a casa con la sua famiglia, mia madre è morta. Ho richiesto il diario assistenziale e clinico ed ho scoperto che da giorni la mamma non stava bene e nessuno si era preso la briga di chiamare il medico, neppure una ambulanza. Anche il medico della struttura non si è mai degnato una sola volta di farle visita. Solo dopo morta per constatarne il decesso... Aveva la febbre a 39 e la saturazione a 88!!!
Ci sono solo 2 operatrici notturne su 61 pazienti su piani diversi. Organizzazione pessima.
Grandi i sorrisi prima di firmare il contratto, ma poi… il mutismo.
Ancora oggi, a distanza di 4 mesi dalla sua morte, noi della famiglia non sappiamo cosa sia successo perché nessuno è stato chiaro. LEI ERA MIA MADRE, ve l’avevo consegnata come fa una madre con il suo bambino quando lo porta al nido, alla fine me l’avete riconsegnata in un sacco nero.
FIRMATO: Isabella Sgobazzi, la figlia.