Ginecologia Ospedale Monopoli

Ginecologia Ospedale Monopoli

 
3.9 (3)
Scrivi Recensione
Il reparto di Ostetrica e Ginecologia dell'Ospedale San Giacomo di Monopoli in provincia di Bari, situato in Largo Veneziani 21, ha come Direttore il Dott. Nicola Macario (facente funzioni). Il reparto si occupa della assistenza alla donna in gravidanza ed eroga prestazioni di chirurgia ginecologica. E' possibile contattare l'unità operativa chiamando il numero telefonico 080/4149220.

Recensioni dei pazienti

3 recensioni

Voto medio 
 
3.9
Competenza 
 
3.7  (3)
Assistenza 
 
4.0  (3)
Pulizia 
 
4.3  (3)
Servizi 
 
3.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Grazie

Il 19 agosto 2017 è nato mio figlio; non dovevo partorire a Monopoli ma il destino (fortunatamente) mi ha portata lì... Sento di dover ringraziare profondamente le ginecologhe dr.ssa Sassanelli e dr.ssa Veloce e tutta l'equipe, dalle ostetriche alle infermiere... tutte. Grazie Laura e Agnese. Grazie davvero per l'accoglienza e la sensibilità che mi avete dimostrato da subito. Il mio travaglio e poi il mio parto non sono stati facili, perciò grazie di cuore se mio figlio ora è qui con me.
Vi abbraccio, Rosa

Patologia trattata
Gravidanza a termine.



Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
2.0

Pazienti di serie B..

La mia brutta esperienza in questo reparto fu dovuta ad un aborto spontaneo a sole 6 settimane di gravidanza. Colta all'improvviso da perdite ematiche e dolori, contatto la mia ginecologa che risulta irreperibile! Così presa dal panico mi reco al PS di Monopoli, il più vicino a me, che vivo a Fasano. Accolta, mi fanno visitare da un ginecologo, che mi conferma l'aborto in corso, ma mi rimanda giù al PS per un prelievo per le beta hcg. Allora rimango dalle 19.00 circa fino alle 22.00 seduta fuori dal PS in attesa di questo esito che mi confermasse l'aborto.
Finché stanca, triste e impaurita chiedo notizie e mi rimandano in reparto, dove vengo accolta da una dottoressa che mi viene incontro con aria seccata. Mi visita e mi urla mentre mi parla, dicendomi.. perché è venuta qui signora? Non ha un ginecologo che la segue? Lei sa di avere un mioma? Lei e la sua ginecologa siete dei folli ad intraprendere una gravidanza con questo mioma! (Specifico: mioma che conoscevo da anni, sottosieroso, asintomatico, piccolo, non di certo la causa del mio aborto).
Poi continua dicendo che sono piena di varici sulle gambe, che comunque sto abortendo in modo "eccellente"...mah?! Mi fa ricoverare, per il raschiamento, il giorno seguente.
Il giorno dopo vengo visitata da un altro medico più gentile per carità, ma che insiste dicendo di vedere una sactosalpinge! (Specifico: che non c'è mai stata) e naturalmente mi fanno solo aumentare preoccupazioni! Dopo poco si consulta con qualcuno e cambia idea, insomma non la vede più! Il mio incubo sta per finire, mi dice che mi farà il raschiamento, dicendomelo come se mi stesse facendo una cortesia in quanto si erano fatte le 15.00 o più del pomeriggio e il suo turno era finito! Va bene, almeno alla fine ho avuto le cure dovute, tornando in stanza mi riposo, al risveglio una gentile infermiera mi dice che sta cominciando il turno e che al bisogno non avrei dovuto esitare a chiamarla; ma io stavo bene fisicamente e ho dormito fino al mattino.
Il giorno dopo sento in giro per il reparto il momento delle visite di controllo, stanza per stanza, da me non entra nessuno, per visitarmi o domandarmi o dimettermi... così paziento un po' ma, fattesi le 12.00 circa, esco io a cercare un medico. Chiedo ad una dottoressa che con tono sarcastico mi dice: "lei che ci fa ancora qui, sarebbe dovuta tornare a casa ieri sera!" , ed io rispondo che di certo l'avrei preferito, ma nessuno si era occupato di me e che quindi non di certo ero rimasta in ospedale per mia preferenza! Comunque mi visita e mi dimette. Finalmente me ne torno a casa! Sarò stata trattata così perché paziente di nessuno lì?! Questo dimostra che il rispetto per il paziente, quale persona che sta vivendo un disagio profondo mentale e fisico, non esiste! Oggi sto vivendo la mia terza gravidanza, sono quasi al termine, l'ho trascorsa serenamente, con il mio mioma, che continua ad essere lì senza problemi, e la sactosalpinge nessuno l'ha più vista! Sono seguita in modo eccellente all'ospedale Di Venere di Bari, dal bravissimo Carlo Campobasso.

Patologia trattata
Raschiamento per aborto spontaneo.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

"Ho incontrato la Madonna"

Oggi 30 luglio 2014, ore 11,00 circa, sono stata sottoposta a visita ginecologica.
Durante la raccolta delle informazioni ho riferito che per un periodo ho assunto come terapia ormonale per la menopausa, il Naemis che non è un anticoncezionale. La ginecologa, prontuario alla mano, mi dice: se il Naemis non è un contraccettivo io sono la "Madonna"; ebbene, poichè il Naemis non è un anticoncezionale, vedi scheda tecnica e risposta di un noto ginecologo, oggi ho avuto "l'onore" di conoscere la "Madonna", Maria, madre di Gesù Cristo, che è stata una grande donna da imitare, l'umiltà era una delle peculiarità. La "madonna" da me incontrata di umile aveva poco e niente, intanto poco professionale nei confronti della collega, smentendo quello che mi era stato detto del medicinale suddetto. All'accoglienza mi ha poi "suggerito" che avrei fatto prima ad andare privatamente, tanto ero in codice bianco e avrei pagato il ticket. Non ultima l'aria di sufficienza con la quale mi ha trattata.
Mi chiedo, i ginecologi fanno il giuramento di Ippocrate? Se sì, la ginecologa in questione deve rivedere i punti due e tre:
di perseguire la difesa della vita, la tutela della salute fisica e psichica dell'uomo e il sollievo della sofferenza, cui ispirerò con responsabilità e costante impegno scientifico, culturale e sociale, ogni mio atto professionale;
di curare ogni paziente con eguale scrupolo e impegno, prescindendo da etnia, religione, nazionalità, condizione sociale e ideologia politica e promuovendo l'eliminazione di ogni forma di discriminazione in campo sanitario.

Infine volevo ricordare che l'assistenza sanitaria è un mio DIRITTO e che nulla mi è stato regalato questa mattina.

NAEMIS*24CPR 1,5+3,75MG
NOME COMMERCIALE NAEMIS*24CPR 1,5+3,75MG

AZIENDA Theramex S.p.A.
CLASSE A
RICETTA RNR - medicinale soggetto a ricetta medica da rinnovare di volta in volta
ATC G03FB49
Preparati sequenziali estro-progestinici - vari
PRINCIPIO ATTIVO estradiolo + nomegestrolo
GRUPPO TERAP. Estrogeni + progestinici
TIPOLOGIA Preparati sequenziali estro-progestinici - vari
VALIDITA' 18 mesi
TEMP. CONS. non superiore a +25°

INDICAZIONI TERAPEUTICHE

terapia ormonale sostitutiva (TOS) per il trattamento dei sintomi da carenza di estrogeni nelle donne in post menopausa. L'esperienza nel trattamento di donne di età > 65 anni è limitata. Anticoncezionale:
Naemis anticoncezionale?
Salve mi è stato prescritto il seguente farmaco "Naemis" come anticoncezionale; tuttavia, leggendo il foglietto dell'istruzioni vi è scritto che non è un anticoncezionale oltre al fatto che è indirizzato a donne in menopausa. Dovrei tornare dal mio medico o è l'anticoncezionale giusto?
Medico specialista in: Ginecologia e ostetricia

Risponde dal
2005
Naemis è una terapia ormonale sostitutiva, non è un contraccettivo.

Prof. Simone Ferrero

Naemis è una terapia ormonale sostitutiva, non è un contraccettivo.

Patologia trattata
Vaginite.



Altri contenuti interessanti su QSalute