Dettagli Recensione

 
Ospedale di Faenza
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Neurochirurgia staff Staffa

Prima di andare a comporre la vera e propria recensione farò una premessa doverosa ed importante, le mie considerazioni riguarderanno solo e solamente il Dott. Guido Staffa e la sua Equipe. La valutazione del reparto sarà fatta a parte nella pagina della Ortopedia di Faenza, dato che non esiste un reparto degenza dedicato alla Neurochirurgia (sono accorpati come va di moda ora per risparmiare), situazione che reputo per altro molto grave dato il livello altissimo di questo team.
Fatta la doverosa precisazione e senza menar ulteriormente il can per l'aia, per altro già abbastanza stremato, vado a fare una recensione il più dettagliata possibile visto che sono stato operato dal dottor Staffa due volte in due anni.
Siamo ai massimi livelli di competenza ed approccio umano e professionale. Parliamo di un chirurgo dalle abilità eccezionali ovviamente, ma oltre a questo ha una capacità diagnostica unica nel suo genere. Questo medico da soddisfazione anche nel solo modo in cui guarda una risonanza magnetica (vista la fatica nel farle oggi per noi pazienti) perché a differenza di altri (alcuni) medici la studia con molta attenzione. Ha un confronto con il paziente diretto e pragmatico, come dovrebbe sempre essere.
Andando più nello specifico, io mi sono rivolto a lui per un problema che mi tormentava fortemente da 15 anni e che nessuno aveva mai avuto il coraggio di affrontare chirurgicamente. La patologia in questione riguardava la zona del plesso brachiale, ma il quadro clinico oggettivo e diagnostico strumentale non riportava ad uno stretto toracico. Dopo un approccio conservativo (lo so, è una rottura se non dà risultati, ma va sempre tentato) ha optato per la soluzione chirurgica che ha risolto COMPLETAMENTE il problema. La cosa che ho più ho apprezzato, dopo il suo bisturi risolutivo, è stato il non promettermi il "miracolo" prima dell'intervento che invece si è manifestato.
Visto che sono un ragazzo molto fortunato, dopo un anno ho dovuto subire un intervento molto simile nella parte destra per via di una trauma (la prima operazione era a sinistra) del corpo sempre a livello del plesso brachiale.
In questo secondo intervento effettuato a Faenza (il primo a Cattolica dal Dott. Porcellini) ho avuto modo di conoscere il Dott. Sacco Carlo nelle visite pre intervento, e anche qui non posso che dare una lode alla professionalità e alla pazienza del medico in questione. Nel mentre delle pratiche burocratiche, che andrebbero snellite, il Dott. si è prima consultato telefonicamente con il Dott. Staffa e poi mi ha chiesto se mi poteva visitare. Professionalità 100%.
Durante la degenza ho avuto modo di conoscere anche la Dott.ssa Mencarani Camilla, che mi ha operato in combinata con il Dott. Staffa Guido. Anche qui non posso che lodare la professionalità della dottoressa che mi ha seguito ottimamente anche nel post operatorio durante la degenza nel (non suo purtroppo) reparto.
Mi sono trovato benissimo anche con l’anestesia e l’anestesista, sono andato giù liscio liscio e mi sono svegliato assolutamente senza ne nausea, agitazione o reazioni riconducibili alla somministrazione di farmaci miranti al coma farmacologicamente indotto. Molto brava e carina la Dott.ssa Renalli Erica.
Infine vorrei menzionare in maniera nettamente positiva alla dottoressa tirocinante Turrini Alessandra, che mi ha seguito durante le medicazioni, molta attenta e disponibile.
Mi soffermo un attimo sulla questione tirocinanti, qui il rapporto è (almeno lo era durante la mia degenza e post) di 1 tirocinanti a 4 dottori. Mi pare un'ottima scelta numerica; so per certo di importanti reparti a Bologna dove i tirocinanti superano di gran lunga i medici strutturati. Sia chiaro non sto parlando di studenti universitari, ma di ragazzi inesperti a cui vengono affidati compiti a cui non sono assolutamente preparati, anche qui è chiaro che il taglio dei costi è il modus operandi che segna questa triste direttrice. Speriamo non venga imposta anche a questo splendido ed efficiente Staff.

Concludo consigliando ai pazienti di rivolgersi ai medici , in particolare se si trova davanti a luminari come il Dott. Guido Staffa, nella maniera più efficiente possibile. Poche domande intelligenti (nel mio caso viene naturale) e solo le più inerenti al problema. Anche solo l’assunzione di un Farmaco che da un cero tipo di impatto sul problema può essere un suggerimento fondamentale per il medico, in particolare quando il caso è complesso. Il resto è perdita di tempo per voi e per loro.

Grazie, lunga vita e prosperità a tutti.

Patologia trattata
Disestesia complessa del plesso nervoso brachiale.

Commenti

 
 
Per Ordine 
 
 
 
 

Altri contenuti interessanti su QSalute