Oncologia Ospedale M. Ascoli

 
3.8 (6)
Scrivi Recensione
Reparto
Il reparto di Oncologia Medica dell'Ospedale Oncologico Maurizio Ascoli di Palermo, situato in piazza Nicola Leotta 4, ha come Direttore il Dott. Livio Blasi. Il reparto svolge attività in regime di ricovero ordinario ed in day-hospital per: trattamenti chemioterapici convenzionali, con farmaci biologici o nuovi farmaci; trattamenti integrati di chemioterapici e radioterapia; terapie di supporto e delle complicanze della chemioterapia; esami strumentali a scopo diagnostico e procedure diagnostico- terapeutiche minicruente in collaborazione con altre strutture dell'azienda; monitoraggio dei risultati dei trattamenti antiblastici o degli effetti collaterali. Fanno parte dell'equipe dell'unità operativa i dirigenti medici dott. Carmela Arcuri dott. Massimiliano Alù, dott. Caterina Calabria, dott. Maria Pia Cusimano, dott. Armando Giresi, dott. Agata Laudani, dott. Vita Leonardi, dott. Aurelio Antonino Martello dott. Lino Mesi, dott. Valentina Palmisano, dott. Alessio Pepe, dott. Loreta Pindaro, dott. Giacomo Rondello dott. Giuseppina Savio, dott. Manuela Tamburo De Bella, dott. Antonella Usset.

Recensioni dei pazienti

6 recensioni

 
(2)
 
(2)
 
(1)
 
(1)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
3.8
 
4.3  (6)
 
4.0  (6)
 
3.5  (6)
 
3.2  (6)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Pessima esperienza

Un reparto in decadenza, senza servizi e disorganizzato.
Medici in buona parte competenti.
DAY HOSPITAL: roulette russa per essere affidata al tuo medico, che una volta c'è e l'altra no (a parte qualche dottore come la dott.ssa Usset, sempre presente); attese interminabili su sedie scomodissime perché non ci sono orari. È anche capitato che la farmacia finisse il medicinale e quindi terapia rimandata a data da destinarsi. Bravi e umani gli infermieri.
Servizi e strumenti indecenti, sedie a rotelle rotte, poltrone per chemio scomode e poche.
REPARTO DEGENZE: si può solo stendere un velo pietoso. Camere piccolissime e prive di servizi (di rispetto delle normative neanche a parlarne), sedie a rotelle da rottamare, tre infermieri per tutti gli ammalati. Bagni senza accessori per disabili pur essendo una reparto con altissima presenza di persona con mobilità ridotta.
Personale medico: ci sono dottori davvero bravi, presenti, umani, disponibili e attivi, come la dott.ssa Usset e la dott.ssa Palmisano, altri che invece non mi hanno convinto per niente (poi se ritengono che non ci sia più niente da fare, assistenza zero).
Infermieri per la maggior parte bravi, anzi, bravissimi viste le condizioni in cui lavorano (Tony salva il reparto!), altri che di lavoro neanche a parlarne, si sono verificati anche caso di flebo fuori dalle vene più di una volta. I parenti del degente sono fondamentali, senza di loro i pazienti sono senza assistenza costante.
Per riuscire a parlare con alcuni medici devi farti il segno della Croce.
Da rinnovare.

Patologia trattata
Neoplasie polmonari.



Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Fino ad oggi, dal 2010, tutto OK

Dal gennaio 2010 , sotto la direzione del dott. Agostara, e fino ad oggi dopo il pensionamento del suddetto dottore, mi sono trovato bene e ottimamente assistito. Il dott. Rondello con il quale ho avuto un contatto più diretto ha dimostrato molta competenza nel suo ruolo. Non di meno sono stati altri medici che, in assenza del dott. Rondellon hanno avuo cura del sottoscritto, quali la dott.ssa Savio, il dott. Pepe, la dott.ssa Leonardi.
Ripeto, fino ad oggi ho avuto buoni risultati, sicuramente anche con l'aiuto del Primario Celeste che ha saputo guidare i suoi discepoli terreni.
Se qualcosa non ha funzionato non è colpa del personale medico nè paramedico, quest'ultimi tutti encomiabili nel loro lavoro, che a mio avviso risulta usurante, quando due o tre infermieri si debbono occupare di 50 o forse più pazienti giornalieri con ognuno attaccato a quattro o cinque sacche di chemio.
Ripeto, la colpa di qualche cosa che a volte non sembra funzionare, non è loro, ma dei politici.

Patologia trattata
Chemio per K colon (operato) e metastasi fegato.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

dott.ssa Vita Leonardi

La dott.ssa Vita Leonardi è stata da subito disponibile e mi ha rassicurata moltissimo anche dal punto di vista psicologico.
durante il mio ciclo di chemioterapia mi ha assistito costantemente.
la sua professionalità è evidente cosi come il livello di preparazione veramente elevato.
grazie per ciò che ha fatto e che farà per me.

Patologia trattata
k mammella.



Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

grazie di cuore

per due mesi mia sorella è stata ricoverata presso la "Medicina oncologica"
A tutto il personale, sia medico che paramedico, vogliamo rivolgere un grazie di cuore per la disponibilità, il garbo e la pazienza con cui ci hanno trattato.
Mia sorella non è più con noi, ma serbiamo un ottimo ricordo di tutti. Grazie

Patologia trattata
Carcinosi peritoneale.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

trattamento chemioterapico- dott.ssa Scianna

anche se la struttura ospedaliera non è delle migliori, l'equipe medica che vi opera è altamente specializzata e... umanamente disponibile.
Un grazie di cuore alla mia Dott.ssa Caterina Scianna.

Patologia trattata
k mammario con metastasi ossee.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

assistenza post chemio

Mia mamma ha 74 anni e nella sua situazione necessita di un assistenza durante i cicli di chemio che la struttura non riesce a garantire. Non basta dare un foglio A4 pieno di farmaci da somministrare nell'eventualità del presentarsi di un effetto collaterale. Sarebbe opportuno un referente medico da potere contattare telefonicamente non solo nelle ore antimeridiane (spesso non risponde nessuno)ma anche nel pomeriggio per chiedere consigli. Il paziente oncologico come mia madre sarà inguaribile ma non è incurabile.

Patologia trattata
Ca colon metastasi fegato.


Altri contenuti interessanti su QSalute