Pronto Soccorso Ospedale Sassari

 
2.7 (7)
Scrivi Recensione
Il reparto di Pronto Soccorso e Medicina d'Urgenza dell'Ospedale Civile SS. Annunziata di Sassari, situato in Via Enrico De Nicola, ha come Direttore responsabile il Dott. Mario Costante Oppes. Il reparto, inserito all'interno del Dipartimento Emergenza ed Accettazione DEA, è l'Unità Operativa Complessa deputata alla gestione dell’emergenza sanitaria che arriva all’ospedale dal territorio, rappresentando la prima struttura all’interno dell’ospedale dedicata all’attività di diagnosi e cura per gli eventi acuti 24 ore su 24. Inoltre è assicurata la funzione di Osservazione Breve Intensiva (OBI) al fine di garantire l'appropriatezza dei percorsi assistenziali complessi.

Recensioni dei pazienti

7 recensioni

 
(2)
4 stelle
 
(0)
 
(1)
 
(2)
 
(2)
Voto medio 
 
2.7
 
2.2  (7)
 
2.9  (7)
 
3.3  (7)
 
2.3  (7)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
2.0

Tempo inutile

Lunga attesa: dalle 11:46 alle 17:44.
Rimandata alle attenzioni del curante in tempi brevi.
A domicilio, privatamente ho poi eseguito:
sangue occulto nelle feci
colonscopia in elezione
Eco addome in elezione
valutazione ematologica.

Patologia trattata
Feci scure.


Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Sospetta ernia del disco

Si vedono subito, appena metti piede nel pronto soccorso di Sassari, la disorganizzazione e inefficienza del reparto. Pazienti in barella sofferenti parcheggiati nel corridoio esausti dopo decine di ore di attesa (io e mia moglie abbiamo aspettato 13 ore, dalle 3.00 del pomeriggio alle 4.00 di notte con una richiesta urgente del medico di famiglia di una risonanza magnetica per una sospetta e dolorosissima ernia del disco, mandati via in maniera sgarbata senza risonanza e proponendo una cura antidolorifica senza neanche approfondire le cause); infermieri che litigano con pazienti che aspettano da ore; turisti sconcertati che manifestano il loro disappunto per la disorganizzazione e che dopo ore di attesa decidono di portare via i loro malati promettendo di denunciare la cosa - ed infermieri che non li trattengono, anzi, quasi sperano che vadano via. Decine di persone che vengono chiamate al microfono ma che ormai hanno abbandonato il pronto soccorso da ore. Ovviamente gli infermieri fanno quello che possono, ma si legge nel viso il senso di frustrazione. Qualcuno può pensare “forse sei capitato nel giorno sbagliato”, ma la verità è che è da anni che le cose vanno avanti così. Ho accompagnato nel tempo amici, parenti. È sempre la stessa storia. Non si può certo dire di essere orgogliosi di un simile reparto.

Patologia trattata
Sospetta ernia del disco.
Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Ore di attesa interminabili

Ore di attesa interminabili (una volta 6 ore per un codice giallo), anziani lasciati sulle barelle in corridoio per ore, disorientati, confusi, senza la possibilità di avere vicino un familiare. La valutazione al triage lascia il tempo che trova, è da lì che secondo me parte tutto il malfunzionamento. Ho visto arrivare un signore con una lesione oculare e lo hanno lasciato in attesa tre ore per poi dirgli di andare in oculistica. E' evidente che questo crei attese lunghissime. Altro che parametri rispettati. Non entro nel merito del giudizio verso il personale, perchè ho incontrato alcune persone squisite e altre un po' meno, ma diciamo che se il servizio funzionasse questo passerebbe in secondo piano. Altro che parametri di attesa della UE...

Patologia trattata
Varie.


Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

SENZA PAROLE

Ora tarda, per una feroce lombosciatalgia dovuta ad una ernia del disco che non mi permette di muovere un muscolo senza causarmi dolori lancinanti, verso le quattro del mattino di qualche giorno fa, decidiamo con la mia compagna di chiamare una ambulanza per andare in pronto soccorso a Sassari. Dopo avermi caricato sul cucchiaio e dopo non poche difficoltà nel trasportarmi dal secondo piano della mia abitazione alla lettiga (peso circa 110 kg.) arrivo in PS sicuro di essere aiutato e ricoverato all'istante. Con mio sconcerto mi trovo davanti una infermiera che quasi mi insulta dicendomi che in PS non ci facevo niente e che al massimo mi avrebbero fatto una iniezione di antidolorifico per poi rimandarmi a casa. Ripeto, io ero completamente immobile e paralizzato... Comunque vengo lasciato dalle cinque del mattino fino alle undici in preda alle urla e ai dolori lancinanti, nonostante per puro caso ci fosse il PS vuoto, fino a che una dottoressa si è degnata di visitarmi poiché richiamata dalle mie urla; mi visita ribadendo il concetto che dopo il mix di farmaci in vena, sarei dovuto tornare a casa. Il dolore era insostenibile, non avevo alcun effetto positivo nè con Toradol nè con la morfina. Comunque dopo la ennesima colica, la dottoressa nota che le mie gambe sono diventate bianche e fredde e decide di ricoverarmi in OBI. Lì nuovamente bomboniere di farmaci e flebo su flebo. Vengo inviato a fare una RX e una risonanza magnetica, dove trovo una dottoressa comprensiva e professionale. Vengo rinviato in Obi, quindi consulenza con il neurochirurgo, che mi dice che nonostante la mia ernia di grandi dimensioni completamente espulsa e migrata, loro non possono fare nulla se non cercare di fare una terapia antalgica. Una volta ricevuti tutti i referti, decidiamo di inviarli ad un neurochirurgo di un'altra struttura fuori Sassari, che dopo avere visionato la mia cartella mi esorta a recarmi immediatamente da lui perché devo essere operato in urgenza, poiché l'ernia sta provocando una necrosi nella radice nervosa.
Io rimango basito.

Patologia trattata
Lombosciatalgia da ernia discale espulsa e migrata in l4- l5.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

GRAZIE!

Sono giunta al pronto soccorso di Sassari la sera del 22/08/2016 con forti dolori addominali e vomito.
Sono stata presa in carico dalla dottoressa Silvia Crisponi e dalla sua infermiera, che ringrazio per la scrupolosità, la professionalità e la competenza.
Sono stata piacevolmente sorpresa. Grazie ancora.

Patologia trattata
Colica renale.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Mio DIO che pronto soccorso ...

UN GIORNO ho portato mio marito malato di tumore all'ultimo stadio, con sospetto blocco renale. Dopo una inutile attesa di un malato con sofferenza 100... ci fanno entrare in ambulatorio. Mentre eravamo lì in attesa di essere visitati, arriva una infermiera o dottoressa, e spinge mio marito fuori dalla stanza medica per far entrare una che zoppicava leggermente... senza parole!! (mio marito era anche lui un medico, sarà stato un trattamento speciale.. chi lo sa??). Di questi episodi ne ho tanti, tipo che i barellieri non sanno prendere un malato con metastasi ossea, o infermiere acide e scortesi eccetera.

Patologia trattata
Sospetto blocco renale in paziente terminale.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ottimo!

Sono stata trattata benissimo! Si è rivelato essere un eccellente pronto soccorso in ogni aspetto.

Patologia trattata
Appendicite acuta.