Dettagli Recensione

 
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie dottor Capozza

Devo ringraziare pubblicamente il dottor Capozza e tutta la sua equipe per averci aiutato a risolvere il problema di mio figlio, che fu invece sottovalutato da un altro suo collega.
Alla nascita ci fu diagnosticata una pielectasia sinistra con dilatazione dell'uretere prossimale. Dopo 5 giorni, fu ricoverato presso l’ospedale dove era nato con febbre alta per infezione alle vie urinarie. Dimessi dall’ospedale, lo portammo al Bambino Gesù a San Paolo e lo visitò il dottor Zaccara, che nel suo piano di cura scrisse testuali parole: “ si suggerisce atteggiamento completamente conservativo e senza necessità di accertamenti diversi dall’ecografia. Esame urine semplice sopra a 38 di febbre. Profilassi antibiotica può essere omessa a patto che eventuali infezioni vengano riconosciute”. Tutto questo avveniva ad agosto. A settembre il bambino è inappetente e ha la febbre. La mia pediatra sospetta una nuova infezione. Così chiamiamo il dottor Zaccara e ci prescrive un Augmentin. Passata una decina di giorni ecco di nuovo la febbre e lo stesso dottore ci dice che sarà qualcos’altro e che non dobbiamo fare niente. La mia pediatra ci fa fare l’urinocultura, che è positiva. A quel punto di nuovo antibiotico. Perplessi e preoccupati chiamiamo di nuovo Zaccara, che dice che può succedere con la patologia di mio figlio. A ottobre altra infezione, febbre altissima, decidiamo di portarlo al pronto soccorso del Bambino Gesù, dove viene ricoverato in regime d’urgenza (il bambino aveva solo 4 mesi) presso il reparto di chirurgia Urologica. Dopo 3 giorni viene dimesso e messo in regime di profilassi e ci viene prenotata una cistografia. Il giorno delle dimissioni conosciamo il dottor Capozza, che ci spiega in modo semplice e chiaro cosa ha mio figlio e ci dice sin da subito che il bambino potrebbe dover essere operato. Ma la sua competenza, gentilezza e disponibilità ci tranquillizzavano. Dopo vari esami ci conferma che dovrà essere operato, ma bisognerà aspettare almeno i sei mesi. La diagnosi fu: Reflusso Vescico Ureterale bilaterale di 3° grado destro e di 4° a sinistra. A gennaio 2017 viene operato dallo stesso dottor Capozza. Tutto fila liscio e ad oggi non abbiamo più avuto infezioni o altre complicanze. Grazie. Grazie, se non lo avessimo incontrato mio figlio avrebbe potuto avere danni renali.

Patologia trattata
Reflusso vescico uretrale bilaterale.

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1  
 
Per Ordine 
 
Inviato da Lucia
15 Agosto, 2019
Ringraziamento anche da parte nostra al dott. Capozza.
Anche il nostro bambino durante il primo anno di vita ha avuto la stessa patologia, "Reflusso Vescico Ureterale" bilaterale che gli provocava febbre altissima a causa delle infezioni alle vie urinarie. Fortunatamente, grazie all'intervento del dott. Capozza, che lo ha operato all'ospedale Bambino Gesù di Roma, abbiamo risolto. Saremo sempre grati al dottore che ha migliorato la crescita di nostro figlio.
1 risultati - visualizzati 1 - 1  
 
 

Altri contenuti interessanti su QSalute