Medicina Ospedale Crema

 
2.8 (5)
Scrivi Recensione
Il reparto di Medicina Generale – MAU (Medicina di Accettazione e Urgenza) dell'Ospedale Maggiore di Crema in provincia di Cremona, situato in Largo Ugo Dossena 2, ha come Direttore il Dott. Ciro Canetta. Il reparto è ubicato al terzo piano della palazzina staccata dal monoblocco principale ed ha una disponibilità di 39 posti letto. Afferiscono al reparto il Day Hospital Oncologico ed il Centro Diabetologico, nonchè gli ambulatori di endocrinologia, epatologia, ipertensione, medicina interna, osteoporosi, reumatologia e malattie autoimmunitarie. Fanno parte dell'equipe i dirigenti medici Accordino Silvia, Arosio Gianpiero, Bertolazzi Stefania, Cacco Silvia, De Matthaeis Anna, Guerini Stelio (responsabile SS Low Care), Ingrassia Fabrizio, La Boria Elisa, Provini Stella, Seresini Monica, Severgnini Silvia Cecilia (responsabile SS Centro Diabetologico), Tacca Antonio, Taverni Silvana, Valsecchi Cesare.

Recensioni dei pazienti

5 recensioni

Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
3.0  (5)
Assistenza 
 
2.6  (5)
Pulizia 
 
3.0  (5)
Servizi 
 
2.6  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Competenza e comprensione

Tutti quelli che si sono occupati di trattare un mio parente affetto da demenza senile, hanno mostrato un grado di comprensione e competenza tali per cui l'evento avvenuto si è risolto nel migliore dei modi.

Patologia trattata
Traumi vari da caduta.



Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Insoddisfacente

1) ogni medico dá una versione diversa del precedente;
2) sbagliano oppure si dimenticano i farmaci;
3) pazienti invalidi lasciati a loro stessi;
4) se non riesci a mangiare da solo non ti aiuta nessuno.

Praticamente il reparto è mal gestito, e tranne qualche piccola eccezione, il personale non ha voglia di fare niente, soprattutto nei turni notturni.

Patologia trattata
Di pertinenza internistica.
Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Pessima esperienza di ricovero avvenuto d'urgenza

Non è stata garantita una consulenza con lo specialista (prescrizione telefonica per sostituzione farmaco salvavita); pulizia abitualmente saltuaria (stanza, servizi e biancheria letto); all'atto delle dimissioni è stata consegnata documentazione incompleta ed esame ecocardiografico appartenente ad altro paziente); carenza di scrupolosità nell'uso di farmaci indivisibili; carenze nel garantire costante sicurezza del paziente (presenza, durante il turno di notte, del personale(3) infermieristico addormentato e steso su divani posti all'ingresso del reparto); mancanza di umanità, educazione, attenzione scrupolosa del personale; inaccettabile la presenza di personale che per tutto il turno di lavoro fischia indisturbato, anche durante la misurazione della pressione arteriosa, mentre c'è chi soffre. Ma dov'era la coordinatrice del reparto?

Patologia trattata
N.D.

Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

eccellenza e professionalità

Mi spiace per chi ha lasciato il commento prima del mio, si vede che nel 2001 non c'era ancora il primario attuale; questo reparto è semplicemente impeccabile.

Patologia trattata
n.d.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Ambulatorio di endocrinologia

Nel 2001, indirizzata dal mio medico di base, in seguito ad analisi de sangue che evidenziavano valori tiroidei sballati, sono stata visitata dal dottor Zampini. La mia esperienza è stata negativa: avendo avuto, in quel periodo, un dimagrimento legato a stress, ed essendo già stata magra di costituzione, sono stata etichettata da questo medico come "paziente che necessita di inquadramento psicologico". In parole povere, il medico riteneva che io soffrissi di anoressia. Così, il mio problema tiroideo (ipotiroidismo) non è stato curato, in quanto il medico riteneva che il farmaco per la cura dell'ipotiroidismo mi avrebbe portata a dimagrire ulteriormente. Risultato? Io stavo sempre peggio, mi sentivo sempre più stanca e assonnata, avevo la pressione sempre bassa: tutti sintomi dell'ipotiroidismo. Per essere curata, ho dovuto rivolgermi ad un altro endocrinologo, presso un istituto di cura del milanese.

Patologia trattata
Ipotiroidismo


Altri contenuti interessanti su QSalute