Casa Sollievo della Sofferenza San Giovanni Rotondo

 
3.8 (17)
2695  
Scrivi Recensione

Strutture

Indirizzo
Viale Cappuccini, San Giovanni Rotondo (FG)
Telefono
0882/410111
L'Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza IRCCS è un Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico situato in Viale Cappuccini a San Giovanni Rotondo in provincia di Foggia. Conosciuto in tutto il mondo come “l’Ospedale di Padre Pio”, Casa Sollievo della Sofferenza è un “ospedale religioso classificato” ad elevata specializzazione, considerato uno dei più grandi Policlinici d’Italia ed un importante punto di riferimento assistenziale e di ricerca scientifica per tutto il Centro-Sud. Casa Sollievo, nata ed inaugurata da Padre Pio il 5 maggio 1956 come Clinica privata di 250 posti letto, oggi è Ospedale Generale Regionale riconosciuto come I.R.C.C.S., occupandosi infatti anche di ricerca clinica, in particolare nel settore della genetica e delle malattie eredo-familiari. Attualmente l’Ospedale dispone di circa 1000 posti letto suddivisi tra 26 reparti di degenza medici e chirurgici, 50 specialità cliniche con un “catalogo” di circa 4300 prestazioni diagnostiche e terapeutiche, alcune delle quali si possono eseguire in Italia in pochissimi altri centri di eccellenza altamente specializzati. Reparti e Servizi: Anatomia Patologica, Anestesia e Rianimazione I, Anestesia e Rianimazione II, Cardiochirurgia, Cardiologia e UTIC, Chirurgia I Addominale, Chirurgia II Toraco-Polmonare, Chirurgia Senologica, Chirurgia Vascolare, Chirurgia Vascolare MAS (Mininvasiva e di Alta Specializzazione), Dermatologia, Dietologia e Nutrizione Clinica, Ematologia e Trapianto di Midollo Osseo, Endocrinologia, Endoscopia Digestiva, Fisica Sanitaria, Fisiopatologia Respiratoria, Gastroenterologia, Genetica Medica, Geriatria, Immunoematologia e Trasfusionale, Laboratorio Analisi, Medicina Fisica e Riabilitativa, Medicina Generale, Medicina Nucleare, Microbiologia, Nefrologia e Dialisi, Neonatologia, Neurochirurgia, Neurologia, Neuropsichiatria Infantile, Oculistica, Odontostomatologia, Oncologia, Oncoematologia Pediatrica, Ortopedia e Traumatologia, Ostetricia e Ginecologia, Otorinolaringoiatria, Pediatria, Pronto Soccorso, Psicologia Clinica, Radiologia Interventistica, Radiologia Muscoloscheletrica, Radiologia, Radioterapia, Urologia.


Recensione Utenti

Opinioni inserite: 17

Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
4.0  (17)
Assistenza 
 
3.8  (17)
Pulizia 
 
3.8  (17)
Servizi 
 
3.7  (17)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
  • Competenza
  • Assistenza
  • Pulizia
  • Servizi
Commenti
Strutture
Questa estate sono stata in ferie in Puglia e purtroppo mio figlio di 7 anni ha avuto un infezione cutanea con febbre molto alta. Già alla accettazione mi hanno fatto aspettare con il bambino a febbre a 39,8 (che dopo tre giorni di tachipirina non passava) e in più avere una eruzione cutanea molto evidente. Quando siamo stati accolti nessuno ha visitato il mio bambino, ci hanno mandato in pediatria dove finalmente lo visitano con dottoresse molto gentili. Però loro ci hanno poi spediti dal dermatologo.. e qui la nota molto dolente: erano le 7.00 di sera e si capiva che non eravamo graditi.. Comunque il dermatologo ha fatto alzare la maglia a mio figlio, lo guarda da lontano e gli prescrivere un paio di creme con antibiotico. La diagnosi era dermatite atopica.
Siamo tornati in pronto per le dimissioni e anche il dottore di turno è rimasto sorpreso per le dimissioni. Morale della favola: mio figlio dopo altri tre giorni è stato ricoverato a Foggia.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0
Opinione inserita da Antonio 12 Ottobre, 2014

Non soddisfacente

Questa estate sono stata in ferie in Puglia e purtroppo mio figlio di 7 anni ha avuto un infezione cutanea con febbre molto alta. Già alla accettazione mi hanno fatto aspettare con il bambino a febbre a 39,8 (che dopo tre giorni di tachipirina non passava) e in più avere una eruzione cutanea molto evidente. Quando siamo stati accolti nessuno ha visitato il mio bambino, ci hanno mandato in pediatria dove finalmente lo visitano con dottoresse molto gentili. Però loro ci hanno poi spediti dal dermatologo.. e qui la nota molto dolente: erano le 7.00 di sera e si capiva che non eravamo graditi.. Comunque il dermatologo ha fatto alzare la maglia a mio figlio, lo guarda da lontano e gli prescrivere un paio di creme con antibiotico. La diagnosi era dermatite atopica.
Siamo tornati in pronto per le dimissioni e anche il dottore di turno è rimasto sorpreso per le dimissioni. Morale della favola: mio figlio dopo altri tre giorni è stato ricoverato a Foggia.

Patologia trattata
Eruzione varicelliforme di Kaposi.
Trovi utile questa opinione? 
Giorno 3/10/14: temporaneamente a S.Giovanni Rotondo per visitare i luoghi di S. Pio, ho accusato un disturbo all'orecchio destro e, considerato che il disturbo persisteva, decidevo di presentarmi al pronto soccorso. Dopo la registrazione e assegnatomi il codice bianco, dopo un po' di attesa la dottoressa addetta mi visitava e prescriveva una consulenza di visita Otorino. Dopo aver faticato un po' per raggiungere il 6° piano, giunto il mio turno mi veniva detto che nella richiesta del P.S. c'era un errore, cioe' il medico invece di visita otorino aveva scritto visita oculistica, pertanto mi invitavano a tornare al P.S. per la rettifica. Gia' erano passate circa 2 ore. Ho chiesto per favore di sottopormi a visita per evitare altre 2 ore di fila, tanto dovevo comunque tornare al P.S., o di fare una citofonata per chiarire l'equivoco. Tutto inutile, dovevo prima tornar al P.S... Allora ho rinunciato e sono andato via. Conclusioni: personale distratto e privo di sensibilità.
Nunzio Castrovinci.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0
Opinione inserita da nunzio castrovinci 08 Ottobre, 2014

Personale distratto e poco sensibile

Giorno 3/10/14: temporaneamente a S.Giovanni Rotondo per visitare i luoghi di S. Pio, ho accusato un disturbo all'orecchio destro e, considerato che il disturbo persisteva, decidevo di presentarmi al pronto soccorso. Dopo la registrazione e assegnatomi il codice bianco, dopo un po' di attesa la dottoressa addetta mi visitava e prescriveva una consulenza di visita Otorino. Dopo aver faticato un po' per raggiungere il 6° piano, giunto il mio turno mi veniva detto che nella richiesta del P.S. c'era un errore, cioe' il medico invece di visita otorino aveva scritto visita oculistica, pertanto mi invitavano a tornare al P.S. per la rettifica. Gia' erano passate circa 2 ore. Ho chiesto per favore di sottopormi a visita per evitare altre 2 ore di fila, tanto dovevo comunque tornare al P.S., o di fare una citofonata per chiarire l'equivoco. Tutto inutile, dovevo prima tornar al P.S... Allora ho rinunciato e sono andato via. Conclusioni: personale distratto e privo di sensibilità.
Nunzio Castrovinci.

Patologia trattata
Dolore all'orecchio.
Trovi utile questa opinione? 
Che dire, la mia storia é troppo lunga e ricca di "segni" per essere narrata in questo spazio, ma una cosa posso dire con assoluta certezza, l'equipe medica a supporto del primario di oncologia, prof. Evaristo Maiello, mi ha rimessa in piedi. In breve, mi sono operata per un carcinoma al seno il 13 marzo 2013. Tolto il male, pensavo di essere guarita e invece mi aspettava ben altra sofferenza. Una scintigrafia ossea fatta esaminare dal primario, il quale ha immediatamente evidenziato e compreso la gravitá della mia situazione, faceva presumere metastasi. Immediato ricovero in oncologia donne e la scoperta più agghiacciante che confermava il sospetto medico (numerose metastasi ossee alla colonna vertebrale e al femore destro), i dolori erano atroci e non riuscivo più a stare in piedi, la colonna cedeva. Sono uscita dall'ospedale dopo 8 giorni sulla sedia a rotelle ma con la terapia giusta (radioterapia, zometa e tamox) e udite udite, dopo il primo mese di cura, a luglio, ero a mare a nuotare. Tante le preghiere sì rivolte al suo fondatore, il grande santo del Gargano, padre Pio, da parte di tanta gente, ma di sicuro la competenza, la professionalitá, l'esperienza di medici che sanno guardare e leggere le carte senza perdere mai di vista l'obiettivo principale, quello di migliorare da subito la vita del paziente, fanno la differenza. Ringrazio il dott Maiello, il dott. Piano, il dott. Di Maggio, a cui non manca mai un dolce e tenero sorriso, la dott.ssa D'Addetta. Un percorso lungo e doloroso ma che mi ha riportato la voglia e la gioia di vivere ma soprattutto a camminare. Ora, a distanza di un anno, altre sfide si stanno affacciando, ma sono pronta a lottare nonostante mille ansie e paure. Volevo ringraziare anche tutti gli ANGELI della radioterapia dell'ospedale, in particolare Angelo B., Angelo G., Rosanna, Renata, la dottoressa Raguso che mi hanno coccolato come non mai durante le sedute di radio, anche per problemi sentimentali. E poi tutti gli oncologi del poliambulatorio: la dott.ssa Morritti, la dott.ssa Di Micco e il dott. Nanni. GRAZIE E AUGURO TANTA VITA E SALUTE A TUTTI!
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da Anna Castigliego 27 Mag, 2014

Mi hanno rimessa in piedi: grazie a tutti

Che dire, la mia storia é troppo lunga e ricca di "segni" per essere narrata in questo spazio, ma una cosa posso dire con assoluta certezza, l'equipe medica a supporto del primario di oncologia, prof. Evaristo Maiello, mi ha rimessa in piedi. In breve, mi sono operata per un carcinoma al seno il 13 marzo 2013. Tolto il male, pensavo di essere guarita e invece mi aspettava ben altra sofferenza. Una scintigrafia ossea fatta esaminare dal primario, il quale ha immediatamente evidenziato e compreso la gravitá della mia situazione, faceva presumere metastasi. Immediato ricovero in oncologia donne e la scoperta più agghiacciante che confermava il sospetto medico (numerose metastasi ossee alla colonna vertebrale e al femore destro), i dolori erano atroci e non riuscivo più a stare in piedi, la colonna cedeva. Sono uscita dall'ospedale dopo 8 giorni sulla sedia a rotelle ma con la terapia giusta (radioterapia, zometa e tamox) e udite udite, dopo il primo mese di cura, a luglio, ero a mare a nuotare. Tante le preghiere sì rivolte al suo fondatore, il grande santo del Gargano, padre Pio, da parte di tanta gente, ma di sicuro la competenza, la professionalitá, l'esperienza di medici che sanno guardare e leggere le carte senza perdere mai di vista l'obiettivo principale, quello di migliorare da subito la vita del paziente, fanno la differenza. Ringrazio il dott Maiello, il dott. Piano, il dott. Di Maggio, a cui non manca mai un dolce e tenero sorriso, la dott.ssa D'Addetta. Un percorso lungo e doloroso ma che mi ha riportato la voglia e la gioia di vivere ma soprattutto a camminare. Ora, a distanza di un anno, altre sfide si stanno affacciando, ma sono pronta a lottare nonostante mille ansie e paure. Volevo ringraziare anche tutti gli ANGELI della radioterapia dell'ospedale, in particolare Angelo B., Angelo G., Rosanna, Renata, la dottoressa Raguso che mi hanno coccolato come non mai durante le sedute di radio, anche per problemi sentimentali. E poi tutti gli oncologi del poliambulatorio: la dott.ssa Morritti, la dott.ssa Di Micco e il dott. Nanni. GRAZIE E AUGURO TANTA VITA E SALUTE A TUTTI!

Patologia trattata
Carcinoma al seno con numerose metastasi ossee alla colonna vertebrale.
Punti di forza
Estrema serietà, competenza, professionalità, meticolosità ma anche tanta carica di umanità fatta di sorrisi, abbracci e coccole da parte di tutto il personale medico, infermieristico e sanitario e la mitica suor Lucia, alla quale voglio un mondo di bene.
Trovi utile questa opinione? 
L'Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza ha una carenza gravissima: esso è un ospedale a misura di solo persone magre. Infatti in esso mancano attrezzature diagnostiche per obesi. Ad esempio una persona obesa non può effettuare la TAC (o la risonanza magnetica) perché la macchina per effettuare la Tac che l'ospedale ha in dotazione è destinata ai soli pazienti normopeso, poiché le persone obese non ci entrano, o meglio, la lettiga non tiene il peso (se non erro tiene max 130 kg.). Il personale medico, infermieristico etc. è professionale e disponibile, ma purtroppo operano in un ambiente con strumentazioni "solo per magri". Dunque il diritto alla salute per le persone obese- super obese, in tale ospedale non è garantito appieno. Si è anni luce lontani da quei grandi e magnifici ospedali americani (ma Padre Pio secondo avrebbe voluto o vuole ancora un ospedale che superi anche quelli americani...). Altro dato: l'ospedale non ha in dotazione nemmeno un'ambulanza bariatrica (ambulanza per il soccorso e trasporto di persone obese), e questa è un'altra cosa grave, specie per un ospedale religioso e di enormi dimensioni. Mi auguro che si ponga fine a tale "indifferenza" verso i probabili pazienti obesi e l'ospedale si attrezzi anche per costoro.
N.B. Sottolineo che tale ospedale è situato a San Giovanni Rotondo, in Puglia - terza regione italiana per presenza di obesi.
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0
Opinione inserita da Jam 22 Aprile, 2014

UN OSPEDALE NON ATTREZZATO PER OBESI

L'Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza ha una carenza gravissima: esso è un ospedale a misura di solo persone magre. Infatti in esso mancano attrezzature diagnostiche per obesi. Ad esempio una persona obesa non può effettuare la TAC (o la risonanza magnetica) perché la macchina per effettuare la Tac che l'ospedale ha in dotazione è destinata ai soli pazienti normopeso, poiché le persone obese non ci entrano, o meglio, la lettiga non tiene il peso (se non erro tiene max 130 kg.). Il personale medico, infermieristico etc. è professionale e disponibile, ma purtroppo operano in un ambiente con strumentazioni "solo per magri". Dunque il diritto alla salute per le persone obese- super obese, in tale ospedale non è garantito appieno. Si è anni luce lontani da quei grandi e magnifici ospedali americani (ma Padre Pio secondo avrebbe voluto o vuole ancora un ospedale che superi anche quelli americani...). Altro dato: l'ospedale non ha in dotazione nemmeno un'ambulanza bariatrica (ambulanza per il soccorso e trasporto di persone obese), e questa è un'altra cosa grave, specie per un ospedale religioso e di enormi dimensioni. Mi auguro che si ponga fine a tale "indifferenza" verso i probabili pazienti obesi e l'ospedale si attrezzi anche per costoro.
N.B. Sottolineo che tale ospedale è situato a San Giovanni Rotondo, in Puglia - terza regione italiana per presenza di obesi.

Patologia trattata
Obesità.
Punti di forza
Il personale medico e infermieristico è efficiente e professionale.
Punti deboli
Carenza assoluta di strumentazioni per obesi e assenza di almeno un'ambulanza per il soccorso e/o trasposto di persone obese.
Trovi utile questa opinione? 
Vorrei esprimere un mio parere su una struttura che per me rappresenta il massimo della professionalità per quanto riguarda la cura dei malati oncologici. Sto parlando dell'ospedale "Casa Sollievo della Sofferenza" di San Giovanni Rotondo che ho avuto modo di conoscerlo in quanto mia suocera è stata colpita di adenocarcinoma polmonare. In questo ospedale abbiamo trovato dei medici eccezionali, in particolare il Dott. Piano che, con la sua enorme disponibilità ci ha dimostrato fin da subito la sua competenza e professionalità. Il Primario poi, il Dott. Maiello, è una persona di squisita gentilezza e serietà che ci ha subito trasmesso tranquillità dicendoci che loro obiettivo è garantire al malato la migliore qualità della vita. Tutto questo ci ha dato la forza per continuare a lottare e sperare! Noi ringraziamo tutti i medici, infermieri, ausiliari, per la loro grande umanità non solo verso i malati, ma anche verso i loro familiari, e perché svolgono il proprio lavoro con passione e professionalità!
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da Paolo 25 Gennaio, 2014

Oncologia donne: reparto della professionalità

Vorrei esprimere un mio parere su una struttura che per me rappresenta il massimo della professionalità per quanto riguarda la cura dei malati oncologici. Sto parlando dell'ospedale "Casa Sollievo della Sofferenza" di San Giovanni Rotondo che ho avuto modo di conoscerlo in quanto mia suocera è stata colpita di adenocarcinoma polmonare. In questo ospedale abbiamo trovato dei medici eccezionali, in particolare il Dott. Piano che, con la sua enorme disponibilità ci ha dimostrato fin da subito la sua competenza e professionalità. Il Primario poi, il Dott. Maiello, è una persona di squisita gentilezza e serietà che ci ha subito trasmesso tranquillità dicendoci che loro obiettivo è garantire al malato la migliore qualità della vita. Tutto questo ci ha dato la forza per continuare a lottare e sperare! Noi ringraziamo tutti i medici, infermieri, ausiliari, per la loro grande umanità non solo verso i malati, ma anche verso i loro familiari, e perché svolgono il proprio lavoro con passione e professionalità!

Patologia trattata
Adenocarcinoma polmonare.
Trovi utile questa opinione? 
Ho il morbo di Cushing. Dopo essere stata operata due volte dal grande neurochirurgo prof. Maira Giulio e stata sotto le cure del prof. Boscherini Brunetto, endocrinologo pediatrico, ho dovuto cambiare endocrinologo per la mia età. Sono stata visita dal dott. Schillitani Alfredo, che ha subito preso a cura il mio stato di salute provando in ogni modo a trovare una cura che potesse terminare questa agonia. Come paziente, sono stata molto fortunata, nessuno mia ha mai abbandonata, hanno sempre cercato di trovare le cure migliore per me. In quest'ospedale il medico si è preso cura di me tenendo conto anche dei referti di altri medici di altri ospedali. Questa è la cosa speciale di loro, non si vantano, anzi, collaborano per il bene del paziente e non per il loro nome. Grandi medici, li consiglio a tutti.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da bridget 01 Gennaio, 2014

Curata per il morbo di Cushing

Ho il morbo di Cushing. Dopo essere stata operata due volte dal grande neurochirurgo prof. Maira Giulio e stata sotto le cure del prof. Boscherini Brunetto, endocrinologo pediatrico, ho dovuto cambiare endocrinologo per la mia età. Sono stata visita dal dott. Schillitani Alfredo, che ha subito preso a cura il mio stato di salute provando in ogni modo a trovare una cura che potesse terminare questa agonia. Come paziente, sono stata molto fortunata, nessuno mia ha mai abbandonata, hanno sempre cercato di trovare le cure migliore per me. In quest'ospedale il medico si è preso cura di me tenendo conto anche dei referti di altri medici di altri ospedali. Questa è la cosa speciale di loro, non si vantano, anzi, collaborano per il bene del paziente e non per il loro nome. Grandi medici, li consiglio a tutti.

Patologia trattata
Morbo di Cushing.
Trovi utile questa opinione? 
Il reparto di Oncologia donne dell'Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza è uno dei migliori che io abbia potuto trovare per quanto riguarda la professionalità, la competenza e la disponibilità dei medici. Mi sono rivolta in questa struttura per curare mia madre, colpita da tumore al colon con metastasi polmonare, per la nomea di cui gode questo centro in ambito regionale e inter-regionale. Abbiamo raggiungo l'ospedale "Casa Sollievo della Sofferenza" avendo un primo incontro con il Primario Dott. Maiello, persona eccezionalmente umana e disponibile, che mi ha fornito valide motivazioni per continuare a lottare contro la malattia. Ora mia madre fa la chemio ogni 2 settimane e, nonostante gli enormi sacrifici di trasporto da Lecce a S.Giovanni Rotondo, continuiamo a farlo perchè abbiamo trovato dei medici eccezionali, in particolare il Dott. Piano, che con la sua gentilezza, disponibilità e soprattutto competenza e professionalità, segue mia madre non come un numero di posto letto, ma come persona umana. Io e la mia famiglia ringraziamo il Primario Dott. Maiello, il Dott. Piano e tutto il personale medico e paramedico per quanto hanno già fatto e faranno nella quotidiana lotta contro la malattia.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da CRISTINA 16 Dicembre, 2013

ONCOLOGIA DONNE REPARTO DELLA SPERANZA

Il reparto di Oncologia donne dell'Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza è uno dei migliori che io abbia potuto trovare per quanto riguarda la professionalità, la competenza e la disponibilità dei medici. Mi sono rivolta in questa struttura per curare mia madre, colpita da tumore al colon con metastasi polmonare, per la nomea di cui gode questo centro in ambito regionale e inter-regionale. Abbiamo raggiungo l'ospedale "Casa Sollievo della Sofferenza" avendo un primo incontro con il Primario Dott. Maiello, persona eccezionalmente umana e disponibile, che mi ha fornito valide motivazioni per continuare a lottare contro la malattia. Ora mia madre fa la chemio ogni 2 settimane e, nonostante gli enormi sacrifici di trasporto da Lecce a S.Giovanni Rotondo, continuiamo a farlo perchè abbiamo trovato dei medici eccezionali, in particolare il Dott. Piano, che con la sua gentilezza, disponibilità e soprattutto competenza e professionalità, segue mia madre non come un numero di posto letto, ma come persona umana. Io e la mia famiglia ringraziamo il Primario Dott. Maiello, il Dott. Piano e tutto il personale medico e paramedico per quanto hanno già fatto e faranno nella quotidiana lotta contro la malattia.

Patologia trattata
TUMORE AL COLON CON METASTASI POLMONARE.
Trovi utile questa opinione? 
Sono stato ricoverato per alcuni giorni al reparto oncologia; l'esame di una Tac fatta ambulatorialmente rilevava alcune presunte metastasi. Per me è stato un trauma psicologicamente. Ma appena giunto, il personale medico e infermieristico ha cercato innanzitutto di calmarmi e mi ha dato coraggio. Hanno affrettato prima possibile gli esami diagnostici (tac con contrasto, scintigrafia e rnm) e gli stessi medici del reparto seguivano ogni esame confrontandosi con i medici che avrebbero refertato gli esami. Dopo alcuni giorni sono stato tranquillizzato che non trattavasi di lesioni metastatiche. In quei giorni, dentro l'ospedale, ho riscoperto la mia fede ed ho apprezzato ancor di più il senso dell'opera di Padre Pio. Un luogo dove scienza e fede vanno di pari passo. Un luogo dove innanzitutto si cura la sofferenza delle persone. Un luogo dove ad ognuno viene dato "la speranza". Ringrazio il Prof. Maiello, primario del reparto, il Prof. Piano e tutta l'equipe del reparto, la cui umanità resta impressa nel mio cuore e nella mia anima.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da enzo 13 Dicembre, 2013

Sempre nel segno della fede e della scienza

Sono stato ricoverato per alcuni giorni al reparto oncologia; l'esame di una Tac fatta ambulatorialmente rilevava alcune presunte metastasi. Per me è stato un trauma psicologicamente. Ma appena giunto, il personale medico e infermieristico ha cercato innanzitutto di calmarmi e mi ha dato coraggio. Hanno affrettato prima possibile gli esami diagnostici (tac con contrasto, scintigrafia e rnm) e gli stessi medici del reparto seguivano ogni esame confrontandosi con i medici che avrebbero refertato gli esami. Dopo alcuni giorni sono stato tranquillizzato che non trattavasi di lesioni metastatiche. In quei giorni, dentro l'ospedale, ho riscoperto la mia fede ed ho apprezzato ancor di più il senso dell'opera di Padre Pio. Un luogo dove scienza e fede vanno di pari passo. Un luogo dove innanzitutto si cura la sofferenza delle persone. Un luogo dove ad ognuno viene dato "la speranza". Ringrazio il Prof. Maiello, primario del reparto, il Prof. Piano e tutta l'equipe del reparto, la cui umanità resta impressa nel mio cuore e nella mia anima.

Patologia trattata
Presunte metastasi ossee.
Trovi utile questa opinione? 
PREMESSO CHE NOI VENIAMO DALLA CALABRIA, QUINDI è MOLTO DIFFICILE TROVARE DI PEGGIO, CI SIAMO RIVOLTI AL PRIMARIO DI GASTROENTEROLOGIA PER UNA VISITA A PAGAMENTO INTRAMEDICA, IL QUALE CI SUGGERIVA UN RICOVERO PER FARE DEGLI ACCERTAMENTI. PIANIFICATO IL RICOVERO, CI PRESENTIAMO IN REPARTO ALLE 8.00, DOVE VENIAMO ACCOLTI SICURAMENTE SENZA SORRISI E GENTILEZZA, MA CON UN "NON CI SONO POSTI" DOVETE ASPETTARE... RICORDO CHE NOI SIAMO DISTANTI 400 KM., QUINDI BEN 4 ORE D'AUTO.. COMUNQUE, PER FARLA BREVE FINALMENTE SI LIBERA UN POSTO ALLE 15.30, ABBANDONIAMO L'ANDRONE E MIA MADRE VIENE RICOVERATA. IL GIORNO NON ESEGUONO NEANCHE UNA VISITA. L'INDOMANI ESAMI DI ROUTINE E POI IL GIORNO STESSO CI DICONO CHE è IN DIMISSIONE.
MORALE? ONESTAMENTE MI ASPETTAVO DI PIU' SOTTO TUTTI I PUNTI DI VISTA, SICURAMENTE DA QUELLO FROFESSIONALE.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0
Opinione inserita da GIOVANNI RUINI 06 Luglio, 2013

UNO DEI MIGLIORI....

PREMESSO CHE NOI VENIAMO DALLA CALABRIA, QUINDI è MOLTO DIFFICILE TROVARE DI PEGGIO, CI SIAMO RIVOLTI AL PRIMARIO DI GASTROENTEROLOGIA PER UNA VISITA A PAGAMENTO INTRAMEDICA, IL QUALE CI SUGGERIVA UN RICOVERO PER FARE DEGLI ACCERTAMENTI. PIANIFICATO IL RICOVERO, CI PRESENTIAMO IN REPARTO ALLE 8.00, DOVE VENIAMO ACCOLTI SICURAMENTE SENZA SORRISI E GENTILEZZA, MA CON UN "NON CI SONO POSTI" DOVETE ASPETTARE... RICORDO CHE NOI SIAMO DISTANTI 400 KM., QUINDI BEN 4 ORE D'AUTO.. COMUNQUE, PER FARLA BREVE FINALMENTE SI LIBERA UN POSTO ALLE 15.30, ABBANDONIAMO L'ANDRONE E MIA MADRE VIENE RICOVERATA. IL GIORNO NON ESEGUONO NEANCHE UNA VISITA. L'INDOMANI ESAMI DI ROUTINE E POI IL GIORNO STESSO CI DICONO CHE è IN DIMISSIONE.
MORALE? ONESTAMENTE MI ASPETTAVO DI PIU' SOTTO TUTTI I PUNTI DI VISTA, SICURAMENTE DA QUELLO FROFESSIONALE.

Patologia trattata
CIRROSI EPATICA.
Punti deboli
VECCHIA STRUTTURA SIA NEI REPARTI CHE NELL'ORGANIZZAZIONE; MEDICI SCORTESI.
Trovi utile questa opinione? 
A febbraio 2013 è nato il mio Francesco. Sono stata seguita dal Dott. D'Errico Raffaele, che mi ha sopportata, supportata e confortata, non facendomi sentire un numero di letto ma una persona. Il reparto è formato da persone competenti. Antipatici sono solo alcuni vigilantes, che ovviamente sono esterni all'ospedale, ma gestiscono la sicurezza e l'ingresso dei parenti all'ora delle visite.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da Stefania 03 Luglio, 2013

Ottimo Reparto di Ginecologia

A febbraio 2013 è nato il mio Francesco. Sono stata seguita dal Dott. D'Errico Raffaele, che mi ha sopportata, supportata e confortata, non facendomi sentire un numero di letto ma una persona. Il reparto è formato da persone competenti. Antipatici sono solo alcuni vigilantes, che ovviamente sono esterni all'ospedale, ma gestiscono la sicurezza e l'ingresso dei parenti all'ora delle visite.

Patologia trattata
Parto naturale.
Punti di forza
Professionalità dei medici e paramedici;
Assistenza spirituale;
Strumentazione e terapie all'avanguardia.
Punti deboli
Forse il servizio tv, non sempre funzionante.
Trovi utile questa opinione? 
La domanda che mi sento ripetere ormai da un anno è "Ma cosa ha di più San Giovanni Rotondo rispetto agli altri ospedali? I protocolli sono gli stessi in tutto il mondo".
A questa domanda incomincia il mio racconto di un'esperienza unica, irripetibile... bè, chi mi legge potrebbe pensare che forse sarebbe il caso che ricoverassero me in qualche reparto per analizzare il mio cervello.
Come si fa infatti a dire che la malattia è un'esperienza unica, irripetibile.
Ebbene sì, vivendo il nostro Calvario a San Giovanni Rotondo presso il reparto di Oncologia Donne di Casa Sollievo della Sofferenza, sto arrivando a pensare che anche la malattia è un dono, perchè come disse un giorno la suora, se alla parola soffrire togli la S rimane offrire, e a San Giovanni Rotondo c'è un continuo offrire reciproco.
I pazienti offrono la propria sofferenza a Gesù e i medici donano la loro professionalità e le loro amorevoli cure ai pazienti.
Quando poi inizio a raccontare le modalità di somministrazione delle terapie che durano tre giorni (nel nostro caso), mi sento rispondere "ma come negli altri ospedali la stessa terapia dura al massimo due-tre ore".

Ma come non avevano sentenziato prima che i protocolli sono gli stessi in tutto il mondo?

Allora ci si rende conto cosa c'è di diverso a San Giovanni Rotondo.

Il reparto di Oncologia donne è qualcosa di speciale e se riesci a fare tesoro della ricchezza interiore di ogni persona che incontri .... vivi un'esperienza unica.

E' vero ... tante amiche che ho conosciuto lì non ce l'hanno fatta... ultima in ordine di tempo la cara Francesca; però non potrò mai dimenticare la forza che Lei infondeva a noi attraverso i suo grandi occhioni.
Ricordo ancora il nostro ultimo incontro nel corridoio... lei era sulla sedia a rotelle e abbiamo avuto un intenso scambio di parole e sguardi ...
Li porto nel cuore e mi stanno aiutando ad affrontare la dura malattia che ha colpito la mia mamma, in una famiglia come la mia già colpita dalla grave perdita di mio padre e mio fratello.
Ecco cosa ha di diverso San Giovanni Rotondo... è una grande famiglia
Quando mamma finirà la chemio e ripartiremo, lascerò qui un pezzetto del mio cuore e conto i giorni che passano al nostro rientro.
Incontrare nei corridoi il coloratissimo Dottor Piano, la super Dottoressa Cilenti, la dolce Dottoressa D'Addetta, il simpatico Dottor Di Maggio, la cordiale Dottoressa Ronga, l'imponente e rassicurante Primario Prof. Maiello, la dinamica Suor Lucia, il famoso Pio Pio, la bella Carmela, la spettacolare Angela, Luciano,Michele, Antonio, Angelo, Loredana, Floriana, Nunzia e tutti gli altri infermieri ... questa sì che è una bella famiglia !!!!
Ovviamente la professionalità e le cure sono da vera eccellenza in campo medico.
L'accoglienza che tutto il personale riserva al paziente rappresenta una marcia in più che dà forza al paziente stesso per affrontare le pesanti terapie.
Tutto qui... questo è il reparto di Oncologia Donne di Casa Sollievo della Sofferenza, visto da chi vive lì due weekend al mese della propria vita.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da lucia buonafede 27 Marzo, 2013

Cosa ha di più Casa Sollievo della Sofferenza

La domanda che mi sento ripetere ormai da un anno è "Ma cosa ha di più San Giovanni Rotondo rispetto agli altri ospedali? I protocolli sono gli stessi in tutto il mondo".
A questa domanda incomincia il mio racconto di un'esperienza unica, irripetibile... bè, chi mi legge potrebbe pensare che forse sarebbe il caso che ricoverassero me in qualche reparto per analizzare il mio cervello.
Come si fa infatti a dire che la malattia è un'esperienza unica, irripetibile.
Ebbene sì, vivendo il nostro Calvario a San Giovanni Rotondo presso il reparto di Oncologia Donne di Casa Sollievo della Sofferenza, sto arrivando a pensare che anche la malattia è un dono, perchè come disse un giorno la suora, se alla parola soffrire togli la S rimane offrire, e a San Giovanni Rotondo c'è un continuo offrire reciproco.
I pazienti offrono la propria sofferenza a Gesù e i medici donano la loro professionalità e le loro amorevoli cure ai pazienti.
Quando poi inizio a raccontare le modalità di somministrazione delle terapie che durano tre giorni (nel nostro caso), mi sento rispondere "ma come negli altri ospedali la stessa terapia dura al massimo due-tre ore".

Ma come non avevano sentenziato prima che i protocolli sono gli stessi in tutto il mondo?

Allora ci si rende conto cosa c'è di diverso a San Giovanni Rotondo.

Il reparto di Oncologia donne è qualcosa di speciale e se riesci a fare tesoro della ricchezza interiore di ogni persona che incontri .... vivi un'esperienza unica.

E' vero ... tante amiche che ho conosciuto lì non ce l'hanno fatta... ultima in ordine di tempo la cara Francesca; però non potrò mai dimenticare la forza che Lei infondeva a noi attraverso i suo grandi occhioni.
Ricordo ancora il nostro ultimo incontro nel corridoio... lei era sulla sedia a rotelle e abbiamo avuto un intenso scambio di parole e sguardi ...
Li porto nel cuore e mi stanno aiutando ad affrontare la dura malattia che ha colpito la mia mamma, in una famiglia come la mia già colpita dalla grave perdita di mio padre e mio fratello.
Ecco cosa ha di diverso San Giovanni Rotondo... è una grande famiglia
Quando mamma finirà la chemio e ripartiremo, lascerò qui un pezzetto del mio cuore e conto i giorni che passano al nostro rientro.
Incontrare nei corridoi il coloratissimo Dottor Piano, la super Dottoressa Cilenti, la dolce Dottoressa D'Addetta, il simpatico Dottor Di Maggio, la cordiale Dottoressa Ronga, l'imponente e rassicurante Primario Prof. Maiello, la dinamica Suor Lucia, il famoso Pio Pio, la bella Carmela, la spettacolare Angela, Luciano,Michele, Antonio, Angelo, Loredana, Floriana, Nunzia e tutti gli altri infermieri ... questa sì che è una bella famiglia !!!!
Ovviamente la professionalità e le cure sono da vera eccellenza in campo medico.
L'accoglienza che tutto il personale riserva al paziente rappresenta una marcia in più che dà forza al paziente stesso per affrontare le pesanti terapie.
Tutto qui... questo è il reparto di Oncologia Donne di Casa Sollievo della Sofferenza, visto da chi vive lì due weekend al mese della propria vita.

Patologia trattata
Carcinoma del colon con metastasi.
Punti di forza
Professionalità dell'equipe medica e paramedica;
Assistenza spirituale;
Strumentazione e terapie all'avanguardia.
Punti deboli
Ci vorrebbero Stanzette un pò più grandi... perchè, sentendola come casa nostra, ci portiamo dietro una casa!!
Almeno due sedie per ogni paziente.
Trovi utile questa opinione? 
E' un ospedale fantastico, con personale sempre disponibile per qualsiasi problema. Nello specifico ci tengo a sottolineare che nel reparto ONCOLOGIA DONNE, dove ormai siamo di famiglia perchè mamma è in cura da ottobre, ci siamo sempre trovati più che bene; poi i medici sono persone molto educate, gentili e molto dettagliate nello spiegare ciò che riguarda la malattia presa in cura.. Per finire, concluderei con il personale infermieristico, ottimo, gentile e molto educato..
PS: la dott.ssa Cilenti è la mia preferita :) nulla togliendo al resto dell'equipe, tra cui dott. Piano, dott. Di Maggio, dott.ssa D'addetta, dott.ssa Ronga, tutti medici molto specializzati nel loro campo e sempre disponibili per qualsiasi chiarimento.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da daniela lanzalonga 27 Marzo, 2013

ONCOLOGIA DONNE

E' un ospedale fantastico, con personale sempre disponibile per qualsiasi problema. Nello specifico ci tengo a sottolineare che nel reparto ONCOLOGIA DONNE, dove ormai siamo di famiglia perchè mamma è in cura da ottobre, ci siamo sempre trovati più che bene; poi i medici sono persone molto educate, gentili e molto dettagliate nello spiegare ciò che riguarda la malattia presa in cura.. Per finire, concluderei con il personale infermieristico, ottimo, gentile e molto educato..
PS: la dott.ssa Cilenti è la mia preferita :) nulla togliendo al resto dell'equipe, tra cui dott. Piano, dott. Di Maggio, dott.ssa D'addetta, dott.ssa Ronga, tutti medici molto specializzati nel loro campo e sempre disponibili per qualsiasi chiarimento.

Patologia trattata
Carcinoma polmonare a piccole cellule.
Punti di forza
L'equipe del reparto Oncologia donne, che è fantastica, disponibile, umile, gentile, educata e sempre a completa disposizione per qualsiasi problema che riguardi il paziente.
Punti deboli
Forse il servizio tv, anche se possiamo ritenerci fortunati, visto che nella zona vecchia dell'ospedale non c'e il televisore.
Trovi utile questa opinione? 
Sono stata ricoverata in questo reparto il 23 luglio 2012 e sono stata dimessa il 26 luglio 2012 per curare la mia tiroide, o meglio, l'ipertiroidismo subclinico e adenoma di 4 cm.
Sono ricorsa alla terapia con iodio131 a Casa del Sollievo su consiglio del mio endocrinologo, che non riteneva opportuna un'operazione data la mia giovane età (21 anni) e per non farmi assumere un dosaggio ormonale a vita. Giungo in questa reparto con paura e ansia, ma appena mi fanno il prelievo mi accorgo subito delle persone speciali che avevo di fronte... Subito dopo ho conosciuto il dott. Varraso, che si è rivelato una persona professionale, competente e disponibile. Stare 4 giorni in una stanza e non poter avere contatti con gli altri non è cosa facile, ma tutta l'equipe infermieristica e medica ha fatto si che pesasse il meno possibile.
Saprò solo tra pochi mesi se questa terapia ha risolto il mio problema definitivamente, ma questo non ha niente a che fare con la grande famiglia che ho trovato in questo reparto.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0
Opinione inserita da terry 26 Luglio, 2012

Reparto medicina nucleare

Sono stata ricoverata in questo reparto il 23 luglio 2012 e sono stata dimessa il 26 luglio 2012 per curare la mia tiroide, o meglio, l'ipertiroidismo subclinico e adenoma di 4 cm.
Sono ricorsa alla terapia con iodio131 a Casa del Sollievo su consiglio del mio endocrinologo, che non riteneva opportuna un'operazione data la mia giovane età (21 anni) e per non farmi assumere un dosaggio ormonale a vita. Giungo in questa reparto con paura e ansia, ma appena mi fanno il prelievo mi accorgo subito delle persone speciali che avevo di fronte... Subito dopo ho conosciuto il dott. Varraso, che si è rivelato una persona professionale, competente e disponibile. Stare 4 giorni in una stanza e non poter avere contatti con gli altri non è cosa facile, ma tutta l'equipe infermieristica e medica ha fatto si che pesasse il meno possibile.
Saprò solo tra pochi mesi se questa terapia ha risolto il mio problema definitivamente, ma questo non ha niente a che fare con la grande famiglia che ho trovato in questo reparto.

Patologia trattata
Adenoma e ipertiroidismo con iodioterapia.
Punti di forza
Umiltà, professionalità, umanità e competenza di tutta l'equipe medica e infermieristica.
Punti deboli
Servizi tv.
Trovi utile questa opinione? 
E' stata breve, ma una vera avventura fortunatamente finita nel migliore dei modi.
A febbraio mia mamma inizia a perdere la sensibilità delle mani, delle gambe, pesantezza totale del tronco. Visita neurologica, risonanza magnetica: ernia C3-C4 in mielopatia= sofferenza midollare. Verdetto: se non si opera, finisce su una bella sedia a rotelle in men che non si dica.
I primi di Marzo consulto dal Prof. D'Angelo: stesso verdetto. Intervento, previo ok del Poliambulatorio.
In data 29/03 ci rechiamo al Poliambulatorio, dove le viene comunicate la data dell'intervento prima di tutto, per il 09/04 e dove le vengono effettuati tutti gli esami del caso per l'intervento e, in ultimo, un colloquio con l'anestesista, la Dott.ssa Z.S. che, dopo aver visionato le lastre al torace, nota la patologia di cui ha sofferto mia mamma 50 anni fa, una pleurite PREGRESSA ed inizia con delle affrettate sentenze: "io non mi prenderei MAI la responsabilità di operarla, lei non ce la farebbe MAI da sola a respirare, è pericolosissimo... dica al Prof. D'Angelo che qui a San Giovanni Rotondo esiste un anestesista che fa delle cure analgesiche" (mia mamma non ha mai avuto un dolore!) "ma è proprio necessario questo intervento???... lei non ce la farà... ma scherziamo... IO LE DAREI RISCHIO 5/5, ma le inserisco in cartella clinica 3 su 5 per darle una CHANCE..."
Mia mamma era già in panico totale ed io allora le dico: "a questo punto lei me la deve bocciare, non siamo mica ad OK il prezzo è giusto!! Una chance??? Ma scherziamo! Me la bocci, così io vado da qualche altra parte! Mi sta dicendo che mia mamma chissà se supererà l'intervento e LEI le da una chance??? Ma sta scherzando???" E lei: "no no, le dò l'ok, ma tanto la mandano indietro." E ci licenzia frettolosamente.
Mia mamma terrorizzata, il prof. D'Angelo non riuscivamo a contattarlo... P A N I C O.
Durante la strada del ritorno, San Giovanni Rotondo- Gioia del Colle, ci richiamano dal Poliambulatorio per un altro problema: questa volta l'EMOCROMO, che non era pronto (!), alterato e sempre la Dott.ssa Z.S. consigliava urgente ecodoppler per probabile TROMBOSI in atto, o problema di coagulazione del sangue. Nuovamente il terrore. Mia mamma non voleva piu' operarsi. Era disposta ad andare altrove, ma non lì. Oramai era panico allo stato puro.
Dal 29/04 al 09/04 del ricovero, esami e sopra esami, tutto OK. Decidiamo comunque di andare al ricovero, nonostante l'oramai nota paura mia mamma, ricordandoci principlamente il nostro obiettivo: l'intervento necessario eseguito solo dal Prof. D'Angelo. Ovviamente il 09/04 era Pasquetta ed in reparto c'era solo il Dott. B., che visita mia mamma, le chiede dell'herpes labiale già in crosta che ha mia mamma e prosegue con firma per l'intervento ed con l'elencazione dei rischi che comporta questo intervento. Nuovamente PANICO che aggiungiamo a quello già in atto. Arriva il turno dell'anestesista, che conferma, senza neanche visitarla, il RISCHIO 3-4/5 della dottoressa Z.S.. Tra pianti e disperazioni, le chiediamo perlomeno di parlare con mia mamma per quello che era possibile, considerato l'intervento prenotato per il giorno dopo! In effetti, l'ha tranquillizzata in qualche modo ed il giorno dopo, nonostante il terrore per gli ultimi eventi, entra finalmente in sala operatoria. Già in pre-anenstesia e le migliaia di preghiere con cui entra in sala operatoria, dopo circa 20 minuti ce la riportano, indovinate per cosa? Per l'HERPES LABIALE, che era già stato visto il giorno prima, all'atto della visita.....!!!
Dimissioni immediate per nuovo ricovero 01/05 ed intervento il 02/05. Esami di tutti i generi eseguiti nuovamente, visite specialistiche e tempo per tranquillizzare nuovamente mia mamma. E finalmente il 1 maggio si ricovera ed è tutta un'altra storia. Il bravissimo Dott. Paiano la visita, le spiega PROFESSIONALMENTE i pro ed i contro, un nuovo anestesista la mette a proprio agio, la visita e le conferisce un richio 2 su 5! Mia mamma è molto tranquilla e finalmente il giorno dopo si opera. Indovinate? T U T T O OK. Senza neanche una complicazione respiratoria. E sapete perchè? Lei, nonostante la pleurite pregressa, non ha alcuna PATOLOGIA.
LODE LODE LODE LODE LODE LODE al Prof. D'Angelo che con i suoi timidi sorrisi e le sue poche parole, ti dona tranquillità e sicurezze infinite. Complimenti a lui ed al suo staff che lavora con rara passione.
Invece uno ZERO SPACCATO a tutta questa gente che semina TERRORISMO PSICOLOGICO. Non è giusto. Non lo è per niente. Già non è il massimo per nessuno andar sotto i ferri, ma andarci con TERRORE immotivato è tutta un'altra storia.
Morale della favola: dinanzi a certe situazioni MAI dimenticare l'OBIETTIVO. Il nostro era ben chiaro quando pensavano a chi avrebbe dovuto farcelo raggiungere: il prof. D'Angelo. Grazie di vero cuore, Professore.
Lei è un vero ANGELO di nome e di fatto!
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da jxmarzan 28 Mag, 2012

Reparto Neurochirurgia

E' stata breve, ma una vera avventura fortunatamente finita nel migliore dei modi.
A febbraio mia mamma inizia a perdere la sensibilità delle mani, delle gambe, pesantezza totale del tronco. Visita neurologica, risonanza magnetica: ernia C3-C4 in mielopatia= sofferenza midollare. Verdetto: se non si opera, finisce su una bella sedia a rotelle in men che non si dica.
I primi di Marzo consulto dal Prof. D'Angelo: stesso verdetto. Intervento, previo ok del Poliambulatorio.
In data 29/03 ci rechiamo al Poliambulatorio, dove le viene comunicate la data dell'intervento prima di tutto, per il 09/04 e dove le vengono effettuati tutti gli esami del caso per l'intervento e, in ultimo, un colloquio con l'anestesista, la Dott.ssa Z.S. che, dopo aver visionato le lastre al torace, nota la patologia di cui ha sofferto mia mamma 50 anni fa, una pleurite PREGRESSA ed inizia con delle affrettate sentenze: "io non mi prenderei MAI la responsabilità di operarla, lei non ce la farebbe MAI da sola a respirare, è pericolosissimo... dica al Prof. D'Angelo che qui a San Giovanni Rotondo esiste un anestesista che fa delle cure analgesiche" (mia mamma non ha mai avuto un dolore!) "ma è proprio necessario questo intervento???... lei non ce la farà... ma scherziamo... IO LE DAREI RISCHIO 5/5, ma le inserisco in cartella clinica 3 su 5 per darle una CHANCE..."
Mia mamma era già in panico totale ed io allora le dico: "a questo punto lei me la deve bocciare, non siamo mica ad OK il prezzo è giusto!! Una chance??? Ma scherziamo! Me la bocci, così io vado da qualche altra parte! Mi sta dicendo che mia mamma chissà se supererà l'intervento e LEI le da una chance??? Ma sta scherzando???" E lei: "no no, le dò l'ok, ma tanto la mandano indietro." E ci licenzia frettolosamente.
Mia mamma terrorizzata, il prof. D'Angelo non riuscivamo a contattarlo... P A N I C O.
Durante la strada del ritorno, San Giovanni Rotondo- Gioia del Colle, ci richiamano dal Poliambulatorio per un altro problema: questa volta l'EMOCROMO, che non era pronto (!), alterato e sempre la Dott.ssa Z.S. consigliava urgente ecodoppler per probabile TROMBOSI in atto, o problema di coagulazione del sangue. Nuovamente il terrore. Mia mamma non voleva piu' operarsi. Era disposta ad andare altrove, ma non lì. Oramai era panico allo stato puro.
Dal 29/04 al 09/04 del ricovero, esami e sopra esami, tutto OK. Decidiamo comunque di andare al ricovero, nonostante l'oramai nota paura mia mamma, ricordandoci principlamente il nostro obiettivo: l'intervento necessario eseguito solo dal Prof. D'Angelo. Ovviamente il 09/04 era Pasquetta ed in reparto c'era solo il Dott. B., che visita mia mamma, le chiede dell'herpes labiale già in crosta che ha mia mamma e prosegue con firma per l'intervento ed con l'elencazione dei rischi che comporta questo intervento. Nuovamente PANICO che aggiungiamo a quello già in atto. Arriva il turno dell'anestesista, che conferma, senza neanche visitarla, il RISCHIO 3-4/5 della dottoressa Z.S.. Tra pianti e disperazioni, le chiediamo perlomeno di parlare con mia mamma per quello che era possibile, considerato l'intervento prenotato per il giorno dopo! In effetti, l'ha tranquillizzata in qualche modo ed il giorno dopo, nonostante il terrore per gli ultimi eventi, entra finalmente in sala operatoria. Già in pre-anenstesia e le migliaia di preghiere con cui entra in sala operatoria, dopo circa 20 minuti ce la riportano, indovinate per cosa? Per l'HERPES LABIALE, che era già stato visto il giorno prima, all'atto della visita.....!!!
Dimissioni immediate per nuovo ricovero 01/05 ed intervento il 02/05. Esami di tutti i generi eseguiti nuovamente, visite specialistiche e tempo per tranquillizzare nuovamente mia mamma. E finalmente il 1 maggio si ricovera ed è tutta un'altra storia. Il bravissimo Dott. Paiano la visita, le spiega PROFESSIONALMENTE i pro ed i contro, un nuovo anestesista la mette a proprio agio, la visita e le conferisce un richio 2 su 5! Mia mamma è molto tranquilla e finalmente il giorno dopo si opera. Indovinate? T U T T O OK. Senza neanche una complicazione respiratoria. E sapete perchè? Lei, nonostante la pleurite pregressa, non ha alcuna PATOLOGIA.
LODE LODE LODE LODE LODE LODE al Prof. D'Angelo che con i suoi timidi sorrisi e le sue poche parole, ti dona tranquillità e sicurezze infinite. Complimenti a lui ed al suo staff che lavora con rara passione.
Invece uno ZERO SPACCATO a tutta questa gente che semina TERRORISMO PSICOLOGICO. Non è giusto. Non lo è per niente. Già non è il massimo per nessuno andar sotto i ferri, ma andarci con TERRORE immotivato è tutta un'altra storia.
Morale della favola: dinanzi a certe situazioni MAI dimenticare l'OBIETTIVO. Il nostro era ben chiaro quando pensavano a chi avrebbe dovuto farcelo raggiungere: il prof. D'Angelo. Grazie di vero cuore, Professore.
Lei è un vero ANGELO di nome e di fatto!

Patologia trattata
Intervento di ernia C3-C4 in mielopatia con posizionamento di cage.
Punti di forza
Dottori come il prof. D'Angelo!
Punti deboli
Il Poliambulatorio!
Trovi utile questa opinione? 
Un mio amatissimo famigliare viene ricoverato nel reparto in oggetto. Ci chiedono assistenza 24 ore su 24 perchè essendo un ammalato non in grado di suonare il campanello, occorre che noi lo facciamo per lui. Ci propongono una lista di badanti a 8 euro l'ora... se facciamo due conti, considerando che siamo stati 5 mesi nel reparto... non sarebbe bastato uno stipendio.
Innamorati del nostro famigliare, a fronte di mille sacrifici, garantiamo personalmente assistenza staffettandoci per 5 mesi, senza interruzione, pur non essendo di San Giovanni Rotondo. Dal giorno dopo che siamo là, capiamo che il programma riabilitativo è su di noi e non sul famigliare. Ci chiedono di diventare infermieri, fisioterapisti... Però nessuno ascolta se abbiamo da dire qualcosa. Noi dobbiamo essere là giorno e notte, ma durante la visita medica siamo pregati di lasciare il reparto... e già qua...l'ammalato non può suonare il campanello e non può parlare. Chi comunica come sta? Chi dice che spesso e volentieri sono saltate le cure (anche antibiotiche) per mancanza di farmaci in tutto l'ospedale? Chi dice che è in corso una diarrea da più di due settimane che nessuno sembra curare? Provo a farlo io per scoprire che la comunicazione è alquanto scarsa e poco è scritto nelle cartelle cliniche. Il mio parente è stato ridotto alla denutrizione, con uno stato di profonda disidratazione, e con una piaga di terzo stadio che ha peggiorato il suo stato di vita.
Non è stata tolta la tracheo per incomunicabilità tra reparti, a detta dei medici stessi.
Per molti medici il nostro famigliare è in coma vegetativo. Non si sono mai accorti che risponde si e no con la testa, che sorride, che soffre.
Abbiamo avuto a disposizione sedie a rotelle rotte, materiale ospedaliero scarso. Fisioterapia del respiro assente. Una nota positiva va ad alcuni infermieri che si sono affezionati e hanno assistito con amore e professionalità. Troppo poco però per dimenticare.
La filosofia del reparto è che loro sono 'obbligati' a tenere ammalati che nessun altro reparto vorrebbe.
Non sapremo mai cosa avremmo potuto vivere altrove. Sappiamo solo che rimarremo sempre col dubbio che in questo reparto si è perso tanto tempo prezioso. Ora raccogliamo i cocci, ma non smettiamo di credere che il nostro ammalato meriti il meglio finchè Dio vorrà. Un ultimo cenno va alla suora del reparto che al mattino distribuisce la comunione. Non si è mai avvicinata a noi e all'ammalato che, certo, la comunione non poteva prenderla, ma che magari poteva ricevere una carezza. Sappiamo che Padre Pio non è in tutto questo. Padre Pio era in quel letto e ha voluto chiedere il nostro aiuto. Cordiali saluti.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0
Opinione inserita da rita 08 Agosto, 2011

Medicina Fisica Riabilitativa: esperienza negativa

Un mio amatissimo famigliare viene ricoverato nel reparto in oggetto. Ci chiedono assistenza 24 ore su 24 perchè essendo un ammalato non in grado di suonare il campanello, occorre che noi lo facciamo per lui. Ci propongono una lista di badanti a 8 euro l'ora... se facciamo due conti, considerando che siamo stati 5 mesi nel reparto... non sarebbe bastato uno stipendio.
Innamorati del nostro famigliare, a fronte di mille sacrifici, garantiamo personalmente assistenza staffettandoci per 5 mesi, senza interruzione, pur non essendo di San Giovanni Rotondo. Dal giorno dopo che siamo là, capiamo che il programma riabilitativo è su di noi e non sul famigliare. Ci chiedono di diventare infermieri, fisioterapisti... Però nessuno ascolta se abbiamo da dire qualcosa. Noi dobbiamo essere là giorno e notte, ma durante la visita medica siamo pregati di lasciare il reparto... e già qua...l'ammalato non può suonare il campanello e non può parlare. Chi comunica come sta? Chi dice che spesso e volentieri sono saltate le cure (anche antibiotiche) per mancanza di farmaci in tutto l'ospedale? Chi dice che è in corso una diarrea da più di due settimane che nessuno sembra curare? Provo a farlo io per scoprire che la comunicazione è alquanto scarsa e poco è scritto nelle cartelle cliniche. Il mio parente è stato ridotto alla denutrizione, con uno stato di profonda disidratazione, e con una piaga di terzo stadio che ha peggiorato il suo stato di vita.
Non è stata tolta la tracheo per incomunicabilità tra reparti, a detta dei medici stessi.
Per molti medici il nostro famigliare è in coma vegetativo. Non si sono mai accorti che risponde si e no con la testa, che sorride, che soffre.
Abbiamo avuto a disposizione sedie a rotelle rotte, materiale ospedaliero scarso. Fisioterapia del respiro assente. Una nota positiva va ad alcuni infermieri che si sono affezionati e hanno assistito con amore e professionalità. Troppo poco però per dimenticare.
La filosofia del reparto è che loro sono 'obbligati' a tenere ammalati che nessun altro reparto vorrebbe.
Non sapremo mai cosa avremmo potuto vivere altrove. Sappiamo solo che rimarremo sempre col dubbio che in questo reparto si è perso tanto tempo prezioso. Ora raccogliamo i cocci, ma non smettiamo di credere che il nostro ammalato meriti il meglio finchè Dio vorrà. Un ultimo cenno va alla suora del reparto che al mattino distribuisce la comunione. Non si è mai avvicinata a noi e all'ammalato che, certo, la comunione non poteva prenderla, ma che magari poteva ricevere una carezza. Sappiamo che Padre Pio non è in tutto questo. Padre Pio era in quel letto e ha voluto chiedere il nostro aiuto. Cordiali saluti.

Patologia trattata
riabilitazione da stato comatoso (danno cerebrale).
Punti di forza
nessuno
Punti deboli
la presunzione nel ritenersi un reparto di eccellenza nell'ospedale di Padre Pio.
Trovi utile questa opinione? 
Si sa che in Medicina 1+1 non fa sempre 2. A Casa Sollievo la totalità dei medici ritiene la medicina una scienza esatta; la diagnostica medica la si fa ai fini di intervento. Ma secondo me non si risolve una qualsiasi patologia solo con operazioni: ci sono anche le terapie farmacologiche.
Per questo motivo "non mi fido" e l'esperienza in questa struttura non mi ha soddisfatto.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
2.0
Opinione inserita da nicola 24 Aprile, 2011

non mi fido

Si sa che in Medicina 1+1 non fa sempre 2. A Casa Sollievo la totalità dei medici ritiene la medicina una scienza esatta; la diagnostica medica la si fa ai fini di intervento. Ma secondo me non si risolve una qualsiasi patologia solo con operazioni: ci sono anche le terapie farmacologiche.
Per questo motivo "non mi fido" e l'esperienza in questa struttura non mi ha soddisfatto.

Patologia trattata
presunta MEN2
Trovi utile questa opinione? 
Sono stato ricoverato più volte nell'Unità Complessa di Endocrinologia del Prof. Salvatore De Cosmo, ricevendo sempre il massimo della disponibilità da parte dei medici e degli infermieri.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0
Opinione inserita da marty placentino 19 Febbraio, 2011

Ottima L'Endocrinologia di Casa Sollievo

Sono stato ricoverato più volte nell'Unità Complessa di Endocrinologia del Prof. Salvatore De Cosmo, ricevendo sempre il massimo della disponibilità da parte dei medici e degli infermieri.

Patologia trattata
Malattie endocrine e del ricambio, diabete e piede diabetico
Punti di forza
competenza dei medici e l'assistenza infermieristica
Punti deboli
servizi tv nelle camere di degenza
Trovi utile questa opinione?