Malattie Infettive Gaslini

 
3.5 (2)
Scrivi Recensione
Il reparto Malattie Infettive dell'Ospedale Pediatrico Gaslini di Genova, situato in Largo Gerolamo Gaslini 5, ha come Direttore F.F. il Dott. Elio Castagnola. Il reparto svolge consulenze infettivologiche in tutti i reparti dell'Istituto, soprattutto in quelli di Emato-Oncologia e Trapianto di midollo, di Nefrologia e Trapianto di rene, Chirurgici, di Terapia Intensiva e di Neonatologia, fornendo inoltre anche assistenza al Pronto Soccoprso in quanto impegnata nella valutazione e cura delle malattie infettive dei bambini immigrati. Il reparto si occupa di patologie infettive acute e croniche, di infezioni batteriche, micotiche o virali, di infezioni nel paziente chirurgico, nei neonati a rischio e nei pazienti in terapia intensiva, di epatiti acute e/o croniche da HBV, HCV, HAV, di infezione e malattia tubercolare, di patologie infettive ed infiammatorie del Sistema Nervoso Centrale, di infezioni a trasmissione verticale, di counselling infettivologico a donne con infezione in gravidanza. Fanno parte dell'equipe medica dell'unità operativa i dirigenti medici Dr.ssa Elisabetta Bondi, Dr. Emilio Cristina, Dr. Giuseppe Losurdo, Dr.ssa Anna Loy, Dr.ssa Cristina Moroni, Dr.ssa Angela Tacchella.

Recensioni dei pazienti

2 recensioni

Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
3.0  (2)
Assistenza 
 
3.0  (2)
Pulizia 
 
5.0  (2)
Servizi 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Un ospedale magnifico

Un reparto grandioso che mi ha salvato la vita, ove sono stata in cura per circa tre mesi.
Avevo solo 9 anni e ancora non capivo molto cosa mi succedeva!!!
Ho girato tantissimo per scoprire cosa mi faceva stare male. Soffrivo di continui dolori alla colonna vertebrale, un dolore insopportabile che non mi permetteva più di camminare, di ballare, di giocare con i miei amici, non mi permetteva nemmeno di andare a scuola. Ma dopo quasi un anno sono riuscita ad andare al Gaslini, ospedale fantastico, l'unico ospedale in cui mi ha aiutato veramente scoprendo cosa mi facesse stare così male. Dopo 3 mesi sono tornata a casa e ho continuato le cure che i medici mi avevano prescritto. Ora ho ripreso la mia vita, ho ripreso a sorridere, ho ripreso a giocare, ho ripreso a studiare e soprattutto ho ripreso a ballare (ora sono 13 anni che ballo!!). Da questa esperienza ho imparato moltissimo, ora studio al liceo pedagogico scienze umane, sono al 3° anno e in futuro cercherò di fare tutto per il prossimo e per gli altri: sicuramente studierò medicina!!!
GRAZIE!

Patologia trattata
Streptococco.
Infezione alla schiena.


Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
1.0

Maggiore rispetto

Sono stata trasferita da Medicina III, il reparto del prof. Barabino, a Malattie Infettive per un virus che poi non è più risultato. Mi hanno diagnosticato una epatite autoimmune che mi è stata curata con cortisone e azatioprina. Sono precipitata in un tunnel di disperazione in quanto il mio corpo è stato devastato da marcate strie rubre che dopo essere state segnalate, mi era stato detto che sarebbero scomparse. Sono stata per mesi a letto per lesioni alle vertebre dovute al farmaco di dosi troppo elevate e alla mancanza di una terapia di supporto (calcio). Una vertebra si è lesionata a causa di un'infermiera che si è mossa poco cautamente. Dulcis in fundo, mi è venuta una cataratta. Vi sembra poco? Se uno va a curarsi e malaguratamente peggiora la propria condizione in un'età in cui si dovrebbe avere maggiore attenzione per tutti gli effetti collaterali di farmaci che possono provocare danni irreversibili. Attendo adesso che ho quasi 18 anni, un'operazione per poter almeno alleviare quello che ho impresso nel mio corpo.

Patologia trattata
Epatite autoimmune tipo II.


Altri contenuti interessanti su QSalute