Medicina interna D Policlinico Verona Borgo Roma

Medicina interna D Policlinico Verona Borgo Roma

 
5.0 (1)
Scrivi Recensione
Il reparto di Medicina Generale e Malattie Aterotrombotiche e Degenerative del Policlinico G.B. Rossi di Verona Borgo Roma, situato in P.le L.A. Scuro 10, ha come Direttore il Dott. Domenico Girelli. Il reparto, ubicato al 6° piano del lotto B, è Centro di Riferimento per: malattie del metabolismo scheletrico e minerale; diagnostica istomorfometrica e molecolare delle malattie dello scheletro- osteoncologia; malattie del metabolismo lipidico; ipertensione arteriosa. Afferiscono alla UOC i seguenti ambulatori: Andrologia, Densitometria ossea (MOC)/ Densitometria Pediatrica/ Morfometria Vertebrale (MXA), Dislipidemie, Endocrinologia, Malattie Aterotrombotiche e Degenerative, Medicina Interna, Osteoncologia, Pneumologia, Servizio Malattie e Metabolismo Minerale, Test allergologici e tubercolina (Matoux). Fanno parte dell'equipe i dirigenti medici Prof. Luca Dalle Carbonare (responsabile UOS Medicina dello Sport e dell'Esercizio Fisico), Dott. Francesco Bertoldo (UOS Fisiopatologia del Metabolismo Minerale), Dott.ssa Maria Vittoria Davì (UOS Endocrinologia), Dott.ssa Anna Fratta Pasini (UOS Prevenzione e terapia dell'aterosclerosi).

Recensioni dei pazienti

1 recensioni

Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0  (1)
Assistenza 
 
5.0  (1)
Pulizia 
 
5.0  (1)
Servizi 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

ringraziamento

Mi chiamo Alberto Ibero, e mia madre Ambrosi Adriana è stata ricoverata nel reparto Medicina D2 piano 6° n. di letto 36 dal giorno 28 febbraio fino a quando è morta il 20 marzo.
Con la presente volevo ringraziare tutto il personale sanitario del reparto e sottolinearne la grande capacità e la pazienza dimostrata con mia madre e con gli altri pazienti, visto che ho dovuto anche fare delle notti e quindi ho convissuto un periodo con loro, come per esempio chiamarla per nome quando doveva prendere le medicine o quando doveva sforzarsi di mangiare tutto “…sù Adriana mi raccomando…”
Con tante storie di malasanità che si sentono in giro, per una volta invece penso sia giusto fare presente un elogio verso chi con un comportamento umano e sensibile rende aiuto a persone in difficoltà.
Grazie
Ibero Alberto

Patologia trattata
Grave leucemia




Altri contenuti interessanti su QSalute