Nefrologia Policlinico Verona Borgo Roma

 
3.9 (2)
Scrivi Recensione
Reparto
Il reparto di Nefrologia medica e Dialisi del Policlinico G.B. Rossi di Verona Borgo Roma, situato in Via delle Menegone 10, ha come Direttore il Dott. Prof. Antonio Lupo. Il reparto, ubicato al Piano Rialzato Lotto 1, si occupa in regime ambulatoriale di pazienti con insufficienza renale cronica, e di pazienti ricoverati con insufficienza renale cronica ed acuta. La struttura garantisce il trattamento emodialitico presso il Servizio di Terapia Intensiva dell'Ospedale Policlinico con personale ed apparecchiature proprie. Fanno parte dell'equipe medica dell'unità operativa i dirigenti medici Dott. Nicola Tessitore (Responsabile) e Dott.ssa Valeria Bedogna.

Recensioni dei pazienti

2 recensioni

Voto medio 
 
3.9
Competenza 
 
4.0  (2)
Assistenza 
 
4.0  (2)
Pulizia 
 
4.5  (2)
Servizi 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

LE TV SONO SENZA AUDIO (EMODIALISI BORGO ROMA)

Nulla da dire sull'aspetto estetico del reparto, sulla disponibilità e gentilezza del personale infermieristico.
"INESISTENTE" invece la tanto esaltata dotazione di sistemi audio televisione che consente ore di intrattenimento durante le sedute di dialisi. Le TV non hanno l'audio. Possiamo solo guardare ma non ascoltare. Sarebbe bello che per Natale, la Dirigenza trovasse una soluzione al problema. Grazie di cuore. BUON NATALE A TUTTI. Paola.

Patologia trattata
Emodialisi.


Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
2.0

Nuova struttura in B.Roma

Il reparto è bello, moderno, curato e pulito.
Unico problema, e grave secondo me, è la mancanza di personale medico ed infermieristico, i pochi che ci sono danno il massimo ma non riescono a garantire una cura lineare nei pazienti, sia da parte di medici che infermieri, basta la malattia di una singola unita' per mandare in tilt il sistema.

Patologia trattata
Nefropatia cronica terminale


Altri contenuti interessanti su QSalute