Oculistica Casa di Cura Città di Roma

Oculistica Casa di Cura Città di Roma

 
4.0 (6)
Scrivi Recensione
Il reparto di Oculistica della Casa di Cura Città di Roma, situata a Roma in Via Maidalchini Francesco 20, ha come Responsabile il Dott. Giovanni Grieco. Il reparto, ubicato al primo piano, eroga prestazioni di diagnosi e terapia delle malattie oculari con specifici campi di interesse relativi a: cataratta, glaucoma, patologie vitreoretiniche di interesse chirurgico, oftalmologia pediatrica, strabismo, cheratocono.

Recensioni dei pazienti

6 recensioni

 
(3)
 
(1)
 
(2)
2 stelle
 
(0)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
4.0
 
3.7  (6)
 
3.7  (6)
 
4.8  (6)
 
3.8  (6)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Cataratta: come cambia il mondo

Il Dott. Giovanni Grieco è semplicemente il massimo.

Patologia trattata
Cataratta bi oculare.



Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Intervento per glaucoma

Ho accompagnato mio fratello in questa struttura per un delicato intervento per un glaucoma, che non poteva essere trattato più con i farmaci. Devo dire che sono rimasto piacevolmente sorpreso dall'efficienza riscontrata e devo ringraziare il Prof. Grieco e tutto il suo team per la professionalità e l'assistenza che hanno avuto nei confronti di mio fratello, anche dopo l'intervento.
A breve dovrò operarmi alle cataratte e so già a chi rivolgermi.

Patologia trattata
Glaucoma.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
3.0

Pessima esperienza

Il dr. Grieco mi ha operata di cataratta a tutti e due gli occhi contemporaneamente. Che bello ho pensato, e mi ha pure promesso di togliermi gli occhiali. Invece poi tre volte in sala operatoria, per portare ancora gli occhiali multifocali e dover mettere a vita 4 o 5 volte al giorno un collirio.

Patologia trattata
Cataratta.

Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
2.0

Paziente

Vi racconto brevemente la mia esperienza al reparto oculistica
Ho conosciuto la Dott.ssa Alessandra Nuvoloni in un suo studio privato il 7.1.2016: dovevo fare le cataratte a tutti e due gli occhi.
Mi visita, mi fa una radiografia all'occhio sinistro, la cataratta è da fare.
In ospedale o privatamente? pago intanto 200€ (100 per la visita 100 per la lastra, sapevo quanto costava la visita, ma non il costo della lastra), poi mi fa lo sconto perché mandato da una sua paziente/cliente e pago 160€. Mi dà appuntamento da lì a sei giorni in ospedale per decidere se fare l'intervento in convenzione in ospedale, o privatamente presso la clinica Salvator Mundi con lei. Dopo vari preventivi e prezzi del cristallino, stavo valutando se spendere subito 1.600€, oppure aspettare 3 mesi e fare la stessa operazione a Città di Roma. Intanto la brava Nuvoloni mi fa ripagare 200€ di visita e lastra ripetuta a distanza di sei giorni. Io mi congedo da lei dandole conferma nel pomeriggio se optare per Città di Roma o per il Salvator Mundi, nel qual caso mi avrebbe scalato i 200€ della visita. Chiamo poi nel pomeriggio per dirle che, vista la non urgenza della cosa, potevo aspettare tre mesi per l'operazione in convenzione ed avrei risparmiato (i 200€ non mi sono stati restituiti!!). Ad aprile faccio l'intervento con lei della cataratta all'occhio sinistro, tutto ok. Ci prendiamo appuntamento per l'altro occhio da fare a giugno, sempre a Città di Roma, OPPURE.. al Salvator Mundi subito - e questa volta con lo sconto: 1.000€ anziché 1.600€.
Decido di aspettare giugno in convenzione, e qui la dottoressa mi dice di tornare (siamo al 1 aprile) il 4 di maggio, l'operazione era stata fissata per il 10 di giugno, per le visite.
Di cosa? penso io. Io torno disciplinatamente da lei il 4 maggio, mi ripete la visita all'occhio, con lastra, la solita, eccetera eccetera. Si accomodi in cassa, mi dice, per il cristallino. Io avevo già pagato il ticket da prescrizione 34€ e con sorpresa mi chiedono di pagare altre 242€ per lastra, visita, cristallino eccetera.
Mi arrabbio, pago e vado subito dal direttore sanitario a protestare, anche riguardo la dottoressa per il suo comportamento. Dopo mia vigorosa protesta e minacce di querela, mi rimborsano tutto il pagato della mattinata, anche il ticket, in quanto ho obiettato l'inutilità della visita tutta, visto che l'intervento programmato era da lì a 40 giorni. Chiudo poi con la dottoressa Nuvoloni, non ho voluto più sentirla, pretendo dal direttore sanitario che mi faccia operare da altro medico. Di fatto, mi opera il 10 giugno di cataratta all'occhio destro (l'altro) il primario dr. Grieco. Ok per l'intervento, torno per i controlli successivi da lui a luglio in ambulatorio e a questo punto credo di aver concluso.
Ora succede che lunedì scorso 5 settembre, la mattina vedo che l'occhio sinistro- quello operato di cataratta dalla dottoressa Alessandra Nuvoloni- mi si oscura e comincia ad annebbiarsi.. Mi preoccupo che sia la rottura della retina, (stessi sintomi avuto con l'altro occhio che prima della cataratta era stato trattato all'Oftalmico per rottura di retina due anni prima). Vado subito in ambulatorio alla Città di Roma e trovo il dottor Grieco, che mi aveva operato. Chi meglio di lui? Penso. Lui, cortese debbo dire, mi fa l'ecografia, mi dice che per lui la retina è attaccata, c'è una emorragia all'occhio, che potrebbe trattarsi o di un capillare o il vetriolo.. si dice così? che ha urtato la retina che potrebbe aver prodotto il sanguinamento. Mi prescrive una terapia (che poi ho scoperto inutile, detta da altro medico) e mi dice di richiamarlo la sera stessa o la mattina seguente. Gli dico al telefono che la situazione non migliora, mi invita a tornare il pomeriggio stesso (martedì): in ambulatorio lui non c'è, ma è presente un suo collaboratore, Dott. Marino. Questi mi ripete l'ecografia, secondo lui la retina è attaccata, per il sangue bisogna aspettare che si riassorba. Anche tre mesi, mi dice di proseguire la terapia del dr. Grieco, che ne avrebbe parlato con lui della situazione, che potevo tornare in ambulatorio da loro martedì o mercoledì della settimana successiva per vedere il da farsi.
Il mio da farsi si è concretizzato quando venerdì mattina, dopo tre giorni non vedendo un miglioramento della situazione, sono andato al pronto soccorso dell'Oftalmico. Conclusione, senza lastre ed ecografie, guardandomi al periscopio e con la lente come fanno tutti, mi hanno diagnosticato: rottura gigante con distacco retina nel settore S.T. - sono già in preospedalizzazione.
Come si fa a non accorgersi di una cosa così grave subito? Con due ecografie a distanza di un giorno!
In tre giorni la retina ha avuto questo grande distacco? Eppure i sintomi erano evidenti! L'avevo percepito io!
A voi le conclusioni!
Bravi a Città di Roma? Bravo il Dr. Grieco e la sua equipe?
P.s. quando sono andato di corsa lunedì da Grieco che mi ha fatto l'ecografia, mi ha detto "non ti faccio pagare il ticket solo l'ecografia". Vado in cassa e pago 100€ di eco e 40€ di visita..
I soldi rientrano in casa di cura, i risultati medici un po' meno...
Date i voti, io mi firmo solamente.

Pietro Attilia

Patologia trattata
Distacco e rottura retina.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Professionalità e gentilezza

Stamattina il mio papà 86 enne è stato operato alla cataratta dal dott. Latini, mix di professionalità e gentilezza, che non guasta!

Patologia trattata
Cataratta.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Gentilezza e competenza

I medici oculisti dell'ospedale Città di Roma, e precisamente il Dott. Giovanni Grieco, il Dott. Michele Marino e la Dott.ssa Lucia Di Genova, oltre ad essere degli ottimi professionisti, curano il paziente con gentilezza simpatia.

Patologia trattata
Cataratta.


Altri contenuti interessanti su QSalute