Ospedale Regina Margherita di Comiso

 
1.8 (1)
Scrivi Recensione

Giudizio dei pazienti

Voto ospedale
 
1.8 (1)
Voto reparti
 
3.8 (2)
Indirizzo
Contrada Mastrella, Comiso (RG)
Telefono
0932 740111
L'Ospedale Regina Margherita, situato in Contrada Mastrella a Comiso in provincia di Ragusa, fa parte dell'Azienda Sanitaria Provinciale- ASP della città, che aggrega anche i seguenti presidi ospedalieri: il Civile di Ragusa (a breve sostituito dal Nuovo Ospedale Giovanni Paolo II), il Maria Paternò Arezzo di Ragusa, il Guzzardi di Vittoria, il Maggiore di Modica ed il Busacca di Scicli. La struttura, attiva dal 1988, si distingue in particolare per l'attività nei reparti di Chirurgia generale, di Medicina generale, di Medicina Fisica Riabilitativa e di Lungodegenza, che occupa una piccola parte dei locali del reparto di Medicina. L'ospedale accoglie inoltre la struttura semplice di medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza (pronto soccorso), il servizio di anestesia, l'ambulatorio di chirurgia plastica, il servizio di otorinolaringoiatria, il servizio di urologia ed il servizio di dietologia, oltre che il Laboratorio Analisi e la Radiologia, dotati di moderni sistemi per la trasmissione dei dati e dei referti, in collegamento con l’ospedale di Vittoria. E' possibile contattare l'URP al numero 0932/740107 ed il CUP al numero 0932/658702 (numero unico provinciale).

Recensioni dei pazienti

1 recensioni

Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
2.0  (1)
Assistenza 
 
2.0  (1)
Pulizia 
 
2.0  (1)
Servizi 
 
1.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

MEDICINA- LUNGODEGENZA

Ricovero per broncopolmonite in un soggetto che soffriva di STENOSI VALVOLARE AORTICA.
A mia mamma non hanno voluto fare un'ECOCARDIO, nonostante la mia insistenza. E continuavano a propinare FLEBO, inserendo LIQUIDI in un corpo già in scompenso, che DOVEVA espellere i liquidi in eccesso e faticava già tanto con quelli presenti.. figuriamoci un ulteriore "carico" di 750 ml. o più al giorno.
Forse un tempo il reparto di MEDICINA riusciva a salvare anche la vita delle persone.. A marzo è morta mia mamma, entrata in ospedale con le sue gambe... un ricovero durato quasi un mese, un ricovero che, stavolta, è stato un vederla stare sempre peggio, fin dal terzo giorno.
Non mi è stata detta CHIARAMENTE la verità, poiché così magari avrei potuto spostare mamma in CARDIOLOGIA a Vittoria, o a Ragusa, e FORSE salvarle la vita...!

Patologia trattata
-
Patologia trattata
Broncopolmonite in un soggetto che soffriva di Stenosi valvolare aortica.
Punti di forza
Qualche infermiere disponibile e gentile e qualche medico giovane.
Punti deboli
Mancanza di strumenti sanitari e diagnostici NECESSARI per il monitoraggio di un paziente con gravi problemi. MANCA UN DEFIBRILLATORE. MANCA ECOCARDIODOPPLER. MANCA UNA SUFFICIENTE ASSISTENZA CARDIOLOGICA e spessissimo il personale medico con esperienza è assente... Ho riscontrato, nei giorni di LUNGODEGENZA, anche dati segnati dagli infermieri, completamente non veri (diuresi 400 ml. o addirittura 700 ml. un giorno in cui mamma ne aveva fatta forse MENO di 50 ml. - e difatti è deceduta nel pomeriggio).