Dettagli Recensione

 
Ospedale Policlinico di Verona Borgo Roma
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Otto anni fa..

Sono passati oramai otto anni dal mio contatto con il reparto di patologia neonatale incastonato all'interno del reparto di Pediatria dell'ospedale civile di Verona. La mia esperienza si riassume in pochi ricordi ma indimenticabili e indelebili:
- informazioni assenti, mendicate per tutto il tempo del ricovero (due mesi a cui seguì un trasferimento in altro ospedale) nonostante l'interessamento di mia cognata, pediatra ospedaliera, loro collega col torto di essere stata collega di altro ospedale;
- sensibilità assente in modo totale e assoluto;
- professionalità e deontologia inesistenti: mi fu data la diagnosi di mio figlio nel corridoio del reparto. Io appoggiata alla vetrata dei box contenente i nostri piccoli tesori, il responsabile e il suo assistente appoggiati sul muro opposto mentre in mezzo passavano inservienti, genitori, infermieri e quant'altro;
Concludo solo dicendo che io e mio marito al termine di un estenuante periodo vissuto nelle condizioni di cui sopra, decidemmo di trasferire altrove il bambino... Cosa non ci siamo sentiti dire dal primario di allora per questa scelta, a suo dire scellerata e insensata, dettata dalla nostra incapacità ad accettare che nostro figlio non sarebbe sopravvissuto e che avrebbe vissuto il resto della sua vita attaccato alle macchine; peccato che mentre eravamo in reparto nulla di tutto questo ci fosse stato detto... Aggiungo solo: mio figlio oggi ha 8 anni! ride, parla, gioca, ci abbraccia, va a scuola, cammina con le sue quattro ruote magiche e.. respira da solo!!!

Patologia trattata
patologia neonatale.

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1  
 
Per Ordine 
 
Inviato da Francesca
18 Ottobre, 2013
Cosa dire? Anche per me sono passati quasi 8 anni da quando è nata la mia piccola Giorgia. Il giorno delle dimissioni mi dicono che lei non può venire a casa con noi perchè le è stata diagnosticata una rara malformazione al cuore. Si chiama Sindrome di Garldan... mai successa in Italia. Mi domando: "Ma perchè proprio a lei?" Il mondo mi cade addosso.. decido di rimanere in ospedale anch'io, nonostante un altro bimbo di 21 mesi mi stia aspettando a casa... La bambina alla nascita pesa 3,89 kg. ed è bella come il sole. Bisogna operarla al cuore, la sua vita è in pericolo... La situazione per i medici è chiara, per me no. Mi sembra che non abbia nessuna sofferenza cardiaca, mangia, cresce.. Il primario mi dice che non posso portarla a casa perchè potrei trovarla morta in qualsiasi momento. Ma il cuore di mamma non si smentisce mai! Un giorno gli dico che voglio firmare i documenti per portare a casa il mio piccolo tesoro. Loro si arrabbiano e mi fanno mille storie. La porto a casa, facciamo altre numerose visite in altri due ospedali.. Giorgia è perfetta!! E' sana come un pesce! E loro me la volevano operare. Mi arriva perfino una raccomandata in cui mi dicono che sto mettendo la vita di mia figlia a rischio..
1 risultati - visualizzati 1 - 1  
 
 

Altri contenuti interessanti su QSalute