Neuroradiologia Ospedale Palermo

 
5.0 (5)
1706  
Scrivi Recensione
Il reparto di Neuroradiologia diagnostica e interventistica dell'Ospedale Civico di Palermo, situato in piazza Nicola Leotta 4, ha come Direttore la Dott.ssa Maria Pia Pappalardo. Il reparto si distingue per aver applicato una nuova tecnica per trattare l'aneurisma cerebrale, che prevede l'introduzione nella sacca aneurismatica di un materiale embolizzante denominato "Onyx", che permette di trattare l'aneurisma preservando i rami arteriosi vicini (tecnica applicata dal dr. Craparo). Principali attività dell'unità operativa: Diagnostica neuroradiologica delle principali affezioni del Sistema Nervoso Centrale e Periferico nell’adulto e in età pediatrica; RM fetale; Angiografia diagnostica e trattamento di affezioni dell’encefalo e del midollo quali aneurismi, angiomi, fistole e stenosi vasali con tecniche endovascolari; Consulenza neuroradiologica diagnostica ed interventistica. Fanno parte dell'equipe i dirigenti medici dott. Paolo Arculeo, dott. Giuseppe Craparo, dott.ssa Cristina Gallo, dott. Antonino Lo Bello.


Recensioni dei pazienti

5 recensioni

Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0  (5)
Assistenza 
 
5.0  (5)
Pulizia 
 
5.0  (5)
Servizi 
 
5.0  (5)
Voti (il più alto è il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
27 Mag, 2016
Enza costanzo
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Aneurisma cerebrale

Grazie al dottore Capraro, che mi ha salvato la vita.

Patologia trattata
Embolizzazione.
Trovi utile questa opinione? 



29 Febbraio, 2016
Ketty Trapani
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Semplicemente grazie Dottor Craparo

Ha salvato la vita a mia sorella e restituito a me e alla mia famiglia la serenità. Grazie dott. Giuseppe Craparo.

Patologia trattata
Aneurisma cerebrale.
Trovi utile questa opinione? 
06 Novembre, 2015
Ancona Nuccia
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Vita salvata

Nel mese di settembre mia madre iniziò ad avere un problema agli occhi e di lì a poco le fu diagnosticata una diplopia, senza una motivazione precisa. Dopo aver consultato diversi professionisti, abbiamo iniziato le prime indagini, Tac, Risonanza, Risonanza vascolare, due consulti neurologici, ma il tutto senza una vera e propria diagnosi. Il giorno 29 ottobre un nostro amico ci parlò del dott. Craparo e il 2 novembre già eravamo a visita. Mia madre rimase colpita dalla sua giovane età, ma in pochi attimi la sua tenacia e la sua professionalità riuscirono subito ad attirare la nostra attenzione, nonché la nostra fiducia. Il medico si è reso conto subito della gravità della situazione - aneurisma cerebrale semi/rotto, ce ne ha informato alla sua maniera apparentemente schiva, ma ricca di una sensibilità e di una solarità che hanno fatto sì che si creasse quella empatia che solo un medico di un certo calibro sa darti.
Giorno 5 novembre: mia madre é stata operata, un intervento molto complicato ma con un'ottima riuscita, anzi, direi strepitosa. Oggi mia madre deve la sua vita a questo medico per la sua tempestività e per la sua tecnica. Giunti a questo punto io insieme ai miei familiari possiamo dire non di aver conosciuto "un bravo medico", ma di aver conosciuto un medico speciale.
Grazie Dott. Craparo
N. Ancona

Patologia trattata
Aneurisma cerebrale.
Trovi utile questa opinione? 



30 Dicembre, 2014
Giorgio
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Eroi nell'ombra

Francesca salva grazie all’insistenza dell’infermiera Margherita Parisi e alla bravura del Dott. Giuseppe Craparo e di tutto lo staff del reparto Neuroradiologia diagnostica e interventistica dell'Ospedale Civico di Palermo, che ha come Direttore la Dott.ssa Maria Pia Pappalardo. Il reparto si distingue per aver applicato una nuova tecnica per trattare l'aneurisma cerebrale, che prevede l'introduzione nella sacca aneurismatica di un materiale embolizzante denominato "Onyx", che permette di trattare l'aneurisma preservando i rami arteriosi vicini (tecnica applicata dal dr. Craparo). Principali attività dell'unità operativa: Diagnostica neuroradiologica delle principali affezioni del Sistema Nervoso Centrale e Periferico nell’adulto e in età pediatrica; RM fetale; Angiografia diagnostica e trattamento di affezioni dell’encefalo e del midollo quali aneurismi, angiomi, fistole e stenosi vasali con tecniche endovascolari; Consulenza neuroradiologica diagnostica ed interventistica. Fanno parte dell'equipe i dirigenti medici dott. Paolo Arculeo, dott. Giuseppe Craparo, dott.ssa Cristina Gallo, dott. Antonino Lo Bello.
A seguito di un malore di Francesca, e stato chiesto l’intervento del 118, di cui si sono presentate due unità, una di San Cipirello e l’altra di Piana degli Albanesi in quanto fornita di strumenti di rianimazione, più il medico di guardia in servizio a San Giuseppe Jato. Che dopo un accurato controllo e sedazione, in quanto Francesca accusava forti dolori alla testa ed aveva la pressione alta, non hanno ritenuto opportuno il trasporto in ospedale, e ci assicurano distare tranquilli in quanto era sedata.
Diverse ore più tardi, alla presenza della cugina Margherita (infermiera) in visita per l’accaduto, Francesca vomita per l’ennesima volta, il che fa scattare l’allarme e ci consiglia il trasporto immediato in ospedale.
Al pronto soccorso dell’ospedale Civico di Palermo, in diverse ore, fanno una serie di esami oltre all’elettrocardiogramma, ma non trovando nulla di rilevante non ritengono opportuno il ricovero,
Francesca accusa sempre forte dolore al capo, e Margherita insiste al pronto soccorso per fare la Tac, poco dopo acconsentono dicendo in senso ironico che: una Tac non si nega a nessuno.
Dalla Tac si rivela un aneurisma di un centimetro con emorragia cerebrale che aveva invaso tutto il sottocranio superiore, alchè viene ricoverata d’urgenza al reparto di Neurochirurgia, ove le effettuano una radiografia sul posto letto nella camera di degenza, all’entrata del radiologo, Francesca lo chiama per nome e lo saluta, il radiologo, mio cugino Giorgio Caldarella, prestando attenzione la riconosce.
Proprio la sua lucidità, ha ingannato i medici del 118 la guardia medica di S. G. Jato e i medici del pronto soccorso del Civico di Palermo.
Non esporremo denuncia, in quanto sbagliare è umano, perseverare no, pertanto consigliamo ai sopra citati che è meglio un trasporto, e/o una Tac, presunta inutile, che un morto sulla coscienza.
Ringraziamo per il miracolo della chirurgia moderna, il reparto e lo staff, in prestito dal reparto Oncologia, della Neurochirurgia e della Neuroradiologia del Civico di Palermo, in particolare il Bravissimo Eroe nell’ombra, Dott. Giuseppe Craparo, che mi anticipava il modo di agire durante l’intervento e sugli eventuali pro e contro, intervenendo dall’inguine fino al cervello senza intervento chirurgico al capo, con il paziente vigile durante l’intervento (senza anestesia), e la perseverante guerriera Margherita infermiera Parisi.
Francesca, mia moglie, dal 28/12/2014 giorno del fatto, si presume in uscita il 04/01/2015.
Giorgio Raccuglia

Patologia trattata
Embolia da 1 cm. con emorragia cerebrale.
Trovi utile questa opinione? 
15 Giugno, 2014
maria gulizzi
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie dottor Crapraro

A marzo ho avuto un incidente, quindi mi portano all'ospedale Villa Sofia e dalle Tac si accorgono che ho una MAV. Da lì il primario Fiumara mi dice di partire per Milano perchè a Palermo non c'era chi potesse risolvere il mio problema. Allora mi metto in contatto con il Niguarda e il dott. Boccardi mi dice che può operarmi, non embolizzare, aggiungendo che se volevo potevo anche farlo a Palermo, al civico, indicandomi il dott. Crapraro dell'interventistica e lo staff della neurochirurgia (primario Francaviglia). Io mi fido, vado, faccio la visita con Crapraro e in sostanza il 27 maggio mi fa lui il primo intervento di embolizzazione. Il 28, giorno seguente, mi opera il dott. Francaviglia.
Grazie dottor Crapraro.

Patologia trattata
Embolizzazione MAV.
Trovi utile questa opinione? 

Altri contenuti interessanti su QSalute