Angiologia San Camillo

 
3.5 (2)
Scrivi Recensione
Reparto
Il reparto di Angiologia dell'Ospedale San Camillo di Roma, situato in piazza Carlo Forlanini 1 e facente parte dell'Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini, ha come Direttore ad interim il Dott. Franco Conti. Il reparto è una UOSD che annovera come incarico di alta specializzazione lo Studio e trattamento delle trombofilie familiari ed acquisite. Particolarmente intensa l'attività presso il Day Hospital angiologico. Fanno parte dell'equipe i dirigenti medici Dott.ssa Di Martino Maria Gabriella, Dott. Pio Maurizio Nicosia (Microcircolazione e microangiopatie), Dott. Di Marzio Bruno.

Recensioni dei pazienti

2 recensioni

Voto medio 
 
3.5
Competenza 
 
3.0  (2)
Assistenza 
 
3.0  (2)
Pulizia 
 
5.0  (2)
Servizi 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
1.0

Pessima esperienza

Mio padre soffriva di ulcere cutanee da circa 6 mesi.
Dopo essere stati dirottati al reparto di angiologia del San Camillo, abbiamo incontrato il dottor Ceccarelli, che prende sotto cura papà.
Prima visita: spiego al dottore tutto il travaglio vissuto fino ad allora, ma è come se le mie parole le stessi buttando all'aria.. Avevamo, in precedenza, vagato per altri centri senza riuscire a tirare fuori il ragno dal buco spendendo inutilmente soldi. Il dottore non si è degnato nemmeno di leggere un solo foglio che, per scrupolo, portavo con me ad ogni visita per raccontare la vicenda di mio padre.
Dopo una visita veloce ci liquida dicendo:" i bendaggi (di cui mio padre aveva bisogno avendo ulcere) fateli voi a casa perché non ho tempo da perdere avendo altre visite da fare, altrimenti a che ora finisco il turno?".
Seconda visita: visita poco approfondita anche questa volta, siamo stati liquidati allo stesso modo però questa volta ci ha detto:" se vuole lo posso visitare privatamente suo padre però, ahimè, la visita ha un certo costo che non so se potete sostenere".
A quel punto ho capito che non avremmo mai risolto il problema di mio padre e decido di recarmi all'IDI.
Non mi pento di essere andato via da qui e di aver portato mio padre altrove.
All'IDI ho incontrato dottori che hanno preso a cuore la situazione di papà e si sono rimboccati le maniche facendo tutti gli esami del caso affinché si estirpasse il problema alla radice e alla fine così è stato!! Li ringrazio di cuore, ma non posso fare la stessa cosa con i dottori del reparto di angiologia del San Camillo. Non faccio di tutta l'erba un fascio, ma forse ho incontrato io il dottore in un momento sbagliato.

Patologia trattata
Ulcere cutanee.


Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Day hospital angiologico- dr.ssa Paiella

Da qualche mese mio padre è seguito presso questo centro per migliorare l'insufficiente circolazione sanguigna al suo piede sinistro. L'equipe intera si è occupata di mio padre con capacità, professionalità e umanità, facendogli superare questi mesi terribili in cui lo scarso apporto di sangue al piede comprometteva sia la qualità della vita (dolori ottenebranti), sia la sorpavvivenza dell'arto. Mio padre è stato curato con attenzione e competenza. Tutto il personale medico e paramedico è sempre stato gentile, disponibile e puntuale nell'intraprendere le giuste cure per la patologia (terapia, medicazioni, arginare le infezioni, terapia del dolore, esami del sangue, radiografie al piede). Ringrazio di cuore tutti gli operatori impiegati presso il Day Hospital angiologico del San Camillo; un particolare ringraziamento riconoscente all'instancabile dottoressa Paiella, che si divide in quattro per non lasciare indietro nessuno, vero fiore all'occhiello di questo efficientissimo reparto. Grazie.

Patologia trattata
Ischemia critica arto inferiore e lesione al piede colpito.


Altri contenuti interessanti su QSalute