Casa di Cura Don Gnocchi di Parma

 
4.1 (2)
Scrivi Recensione
Indirizzo
Piazzale dei Servi 3, 43121 Parma
La Casa di Cura privata Santa Maria ai Servi della Fondazione Don Carlo Gnocchi è situata a Parma in Piazzale dei Servi 3. Si tratta di un Centro di riabilitazione collocato all’interno del cinquecentesco convento dei Servi di Maria, trasformato – dopo la seconda guerra mondiale – in Centro di rieducazione per minori mutilati a cura dell’assistenza Post-Bellica. Assorbito dal ministero dell’Interno, nel ’49 venne affidato alla “Pro infanzia mutilata” di don Gnocchi. Dalla metà degli anni ’70 ha subìto un radicale mutamento accogliendo, dopo mutilatini e poliomielitici, pazienti di tutte le età, portatori di diverse disabilità, trasformandosi così in un moderno centro di riabilitazione neuromotoria e cardiologica. La struttura è così articolata: Centro di riabilitazione ospedaliera, costituito da un reparto di Cardiologia (16 posti letto; 4 in day hospital) e da un reparto di Neuromotoria (60 posti letto); Centro di riabilitazione (20 posti letto di degenza residenziale); Attività di riabilitazione ambulatoriale e domiciliare; Ambulatorio polispecialistico.

Recensioni dei pazienti

2 recensioni

Voto medio 
 
4.1
Competenza 
 
5.0  (2)
Assistenza 
 
4.0  (2)
Pulizia 
 
4.0  (2)
Servizi 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Competenza

Centro di riabilitazione cardiologica ottimo.
Ripresa post operatoria molto buona grazie ad un atteggiamento molto professionale da parte di tutto il personale.

Patologia trattata
Dopo tre bypass, 15 giorni di riabilitazione.



Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Riabilitazione frattura femore

Sì permette ad una OSS di mettere in continuo disagio dapprima i colleghi di lavoro e di seguito i pazienti, trattati come sacchi di patate o animali (lasciando anche alcune volte il malato sporco); non capisco perché si permetta a questa signora un simile comportamento.. La maggior parte dei colleghi è gentile, accorta, puntuale.

Patologia trattata
Frattura femore in paziente ultra ottantenne.
Punti di forza
FISIATRA e fisioterapisti attenti e disponibili.
Punti deboli
Arroganza, scarsa collaborazione con OSS, in particolare con una Signora addirittura minacciosa verso la paziente in difficoltà. Personale infermieristico collaborativo anche se con tempi di distribuzione terapia sfalsati. Ad esempio gastroprotettori distribuiti ai pazienti 20 minuti DOPO aver fatto colazione! Ma comunque attenti e gentili. Servizio mensa inadeguato, ma menù sempre sbagliati.


Altri contenuti interessanti su QSalute