Laboratorio Analisi Ospedale Borgomanero

Laboratorio Analisi Ospedale Borgomanero

 
4.0 (2)
Scrivi Recensione
Il reparto di Laboratorio Analisi Chimico Cliniche e Batteriologiche dell'Ospedale SS. Trinità di Borgomanero in provincia di Novara, situato in Viale Zoppis 10, ha come Direttore responsabile il Dott. Giovanni Camisasca. Il reparto è una Struttura Complessa che fa parte del Dipartimento Area Diagnostica. Il ritiro del referto (esito) avviene direttamente al Centro Prelievi di viale Zoppis 6. E' possibile pagare il ticket presso il Centro Unico Prenotazioni (C.U.P.) dal lunedì al venerdì dalle ore 8.15 alle ore 15.30, oppure alla cassa automatica od allo Sportello Bancario in viale Zoppis, 10 (atrio ingresso Ospedale). Fanno parte dell'equipe medica dell'unità operativa i dirigenti medici dott. Adalberto Angelozzi, dott. Paolo Berni, dott.ssa Sara Francione. Dirigente biologo: dott.ssa Chiara Carrara.

Recensioni dei pazienti

2 recensioni

Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
3.0  (2)
Assistenza 
 
3.0  (2)
Pulizia 
 
5.0  (2)
Servizi 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Esami sangue bimbo di sei anni

Volevo ringraziare la dottoressa che questa mattina ha fatto gli esami del sangue al mio bimbo, mettendolo subito a suo agio. Molto delicata e gentile. È stato il primo prelievo che ha fatto e sono contenta di aver scelto Borgomanero come punto prelievo, pur essendo di Omegna.
Grazie da parte di Carlo.

Patologia trattata
Controllo piastrine.
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

sconcerto

DOPO ESSERE STATA GENTILMENTE INDICATA DAL PERSONALE SIA D'UFFICIO CHE FUORI DAL LABORATORIO, SONO STATA ACCOLTA CON LA MIA BAMBINA DI 6 ANNI. DOPO UN TIEPIDO APPROCCIO, UN'INTELLIGENTONA SI E' PERMESSA DI CHIEDERE A MIA FIGLIA QUANTI PIATTI DI PASTASCIUTTA MANGIA (VISTO CHE E' IN EVIDENTE SOVRAPPESO). MIA FIGLIA SUBISCE GIA' A SUFFICIENZA I COMMENTI POCO CARINI DEI COMPAGNI, NON NE AVEVA BISOGNO. GLI ESAMI SONO STATI PRESCRITTI DAL NOSTRO MEDICO (DOTT. BARBAGLIA DI PEDIATRIA A BORGO) APPUNTO PER IL SUO PROBLEMA. AVEVA PAURA, PAURISSIMA DICE LEI. APPURATO CHE IN DUE NON RIUSCIVANO A FARLE IL PRELIEVO, HANNO CHIAMATO UN MEDICO UOMO CHE HA PENSATO CHE URLARE IN FACCIA A MIA FIGLIA CHE MI AVREBBERO MANDATA VIA PERCHE' LORO NON AVEVANO IL TEMPO, DATA TUTTA LA GENTE IN ATTESA, AVREBBE RISOLTO IL LORO PROBLEMA. DOPO 10 MINUTI SCARSI DI "GUERRA" UNA DOTTORESSA UN PO' PIU' UMANA CI HA PROPOSTO DI ANDARE IN PEDIATRIA E COSI' ABBIAMO FATTO. TROVO ASSURDO CHE CI SIA GENTE COSI' PICCOLA D'ANIMO DA RIVOLGERE LE SUE FRUSTRAZIONI LAVORATIVE E/O PERSONALI SU UNA BAMBINA URLANDOLE IN VISO E BLOCCANDOLA CON LA FORZA. SE NON SONO IN GRADO DI GESTIRE UNA SITUAZIONE DELICATA, FACCIANO ALTRO, OPPURE LO FACCIANO FARE AI MEDICI DI PEDIATRIA CHE HO TROVATO DI UNA DISPONIBILITA' INCREDIBILE.
COME GENITORE E' STATO FRUSTRANTE, COME CITTADINO CHE PAGA LE TASSE SONO INDIGNATA.
FRANCESCA ALLIATA

Patologia trattata
esami di laboratorio ad una bambina di 6 anni


Altri contenuti interessanti su QSalute