Medicina Ospedale Frascati

 
3.1 (5)
Scrivi Recensione
Il reparto di Medicina generale dell'Ospedale San Sebastiano di Frascati in provincia di Roma, situato in Via Tuscolana 2, ha come Direttore F.F. la Dott.ssa Sabrina Cerci. Il reparto si occupa di pazienti affetti da patologie di interesse internistico, è situato al primo e al secondo piano del 2° padiglione del P.O. ed è suddiviso in sezione di degenza uomini (al 1° piano) e sezione di degenza donne (al 2° piano). Fanno parte dell'equipe dell'unità operativa i dirigenti medici Dott. Paolo Balestra (sostituto Direttore UOC), Dott.ssa Patrizia Di Mauro (responsabile UOS Diabetologia), Dott.ssa Laura Durola, Dott. Roberto Pellicciari, Dott.ssa Lucia Spilabotti, Dott.ssa Rosa Montanaro, Dott.ssa Alessandra Galossi, Dott. Paolo Falasca, Dott. Giancarlo Farese, Dott.ssa Elisabetta Vernillo.

Recensioni dei pazienti

5 recensioni

Voto medio 
 
3.1
Competenza 
 
3.8  (5)
Assistenza 
 
3.0  (5)
Pulizia 
 
3.0  (5)
Servizi 
 
2.4  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Calcoli renali

Voglio fare i complimenti a tutto l'ospedale, dal pronto soccorso ai vari reparti, in particolare al secondo piano, Medicina e Chirurgia generale. Bravi tutti.
Mio figlio è stato a un passo dalla sala operatoria e voi siete riusciti a evitarlo.
Complimenti a tutti voi.

Patologia trattata
Calcoli renali.



Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Pochissima umanità

Richiesta assistenza h 24 ai famigliari di degenti con patologie complesse. Mio padre è stato ricoverato per emoglobina bassissima qualche giorno fa, questione che ha fatto degenerare inaspettatamente la sua situazione di demenza moderata, che in questo momento, vista la delicata situazione clinica, non può essere controllata. La direttrice si è lamentata davanti a me e mio padre perché non può tenere un paziente così in reparto. Ho chiesto se si potesse spostare in psichiatria, mi ha detto di no e liquidato commentando che un paziente così andrebbe contenuto. Ma è colpa mia, o di mio padre? Inoltre alcuni infermieri professionisti e specializzandi hanno espresso commenti derisori nei confronti dei comportamenti di mio padre, con me presente. Complimenti!!

Patologia trattata
Fortissima anemia.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Maleducazione, menefreghismo

Per quanto concerne i medici: altezzosi, presuntuosi. Preparazione: nella media. Il personale, anche se non tutto, è convinto di lavorare al mercato: voci alte nei corridoi, luci accese nelle stanze in fase di terapia notturna senza tener conto di chi riposa, litigi furiosi per le turnazioni a qualsiasi orario (nel caso di specie, mattina ore 07.00: tutti svegli).
Struttura dove il personale medico e paramedico non è a disposizione dei malati e familiari, sono i malati e i familiari che si devono tenere disponibili.

Patologia trattata
Infezione.

Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Reparto privo di umanità

I pazienti non autosufficienti dovrebbero essere assistiti 24/h dai propri familiari e/o badanti, ma questo non ce l'hanno permesso, non si può lasciare sola per "ore" una persona che non mangia, non beve e non prende le medicine normalmente. Ciò accadeva per le visite (dalle 2 alle 3 ore di attesa) per le terapie e per il vitto ed è una vergogna, perché bisognerebbe uscire solamente per le visite e la terapia della "stanza", e NON dell'intero reparto!!
Mia madre è stata dimessa in uno stato immunocompromesso e con una ferita alla gamba, che ovviamente si era procurata quando rimaneva da sola; ferita che è andata in setticemia. Poi 3 sole volte la settimana dalle 13.00 alle 13.30 per parlare con i medici è veramente pietoso!

Patologia trattata
Sepsi.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Sindrome algodistrofica di Sudek (CPRS)

Desidero ringraziare la dott.ssa Sabrina Cerci per la sua competenza, per la sua professionalità e per la sua umanità. E' stato solo grazie al suo impegno, vorrei definire caparbio, che ho potuto avere nell'ospedale di Frascati la cura specifica per l'algodistrofia di Sudek senza essere costretta a recarmi fuori regione. Voglio anche ringraziare l'infermiera Eleonora per la sua disponibilità e per la capacità di gestire un day hospital che necessiterebbe di ben altri spazi, attrezzature e personale.

Patologia trattata
Algodistrofia di Sudek arto inferiore.


Altri contenuti interessanti su QSalute