Oncologia Ospedale Gallarate

 
3.8 (7)
Scrivi Recensione
Reparto
Il reparto di Oncologia dell'Ospedale S. Antonio Abate di Gallarate in provincia di Varese, situato in Via Pastori 4, ha come Dirigente Responsabile il Dott. Salvatore Artale. Il reparto, ospitato presso la Medicina interna, svolge attività in regime di degenza, attività di Day Hospital Oncologico- Ematologico ed attività ambulatoriale presso i seguenti ambulatori: Ambulatorio di Medicina interna, Ambulatorio di Ematologia, Ambulatorio di Oncologia, Ambulatorio di Immunoreumatologia. Garantisce inoltre un servizio di Ematologia e autotrapianti con cellule staminali periferiche. Fanno parte dell'equipe i dirigenti medici Dott.ssa Barbarini Lucia Maria Rita, Dott.ssa Barzaghi Sabrina, Dott.ssa Bovio Antonella, Dott.ssa Butti Chiara, Dott.ssa Castiglioni Elena, Dott. Colombo Andrea, Dott. Lepori Stefano, Dott.ssa Zanlorenzi Laura.

Recensioni dei pazienti

7 recensioni

 
(4)
4 stelle
 
(0)
 
(1)
 
(2)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
3.8
 
3.6  (7)
 
3.6  (7)
 
4.6  (7)
 
3.4  (7)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Oncologia Gallarate

Sono in cura a Gallarate al Day Hospital da due anni. Mi sono trovata subito bene, perché il personale è molto attento, preparato, gentile e professionale e le dottoresse che conosco, guidate dalla dottoressa Butti Chiara - che considero la migliore in assoluto tra tutti gli oncologi conosciuti in 18 anni di trattamenti - sono molto preparate e assolutamente disponibili e cordiali.

Patologia trattata
Tumore metastatico della mammella.


Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

REPARTO DI ONCOLOGIA

Mio marito è stato in cura presso il day-hospital oncologico da dicembre 2018 fino ad aprile 2019, trovandosi molto bene con infermieri molto premurosi e gentili.
La situazione cambia però quando "non hanno dato peso" a vari malesseri da lui riferiti. La sua situazione si stava aggravando ed hanno aspettato più di due settimane per fare una Tac di controllo, quando la situazione era già compromessa... è stato ricoverato in reparto per un mese e per i primi dieci giorni è stato fatto poco e nulla. Sono stata io a rivolgermi presso un'altra struttura come una disperata perché vedevo mio marito spegnersi giorno dopo giorno... Il giorno seguente è stato visitato dal primario di gastroenterologia, dicendo che una soluzione ci poteva essere. Hanno tentato un primo intervento a Gallarate, non riuscito. È stato poi messo in contatto con l'Humanitas di Rozzano, ma l'attesa è stata circa di tre settimane. Intervento riuscito durato 20 minuti totali. Per 20 minuti di intervento in endoscopia è stato ricoverato 1 mese perdendo 10 kg. e vomitando ogni singolo giorno. E' stato lontano da me e dalla sua bambina di 4 anni per 20 minuti di intervento. Non metto in dubbio le terapie oncologiche che gli sono state applicate, i protocolli erano quelli. Metto in dubbio che per un mese ci siamo sentiti SOLI, lasciati in balia di noi stessi in un reparto difficile; un malato oncologico non vuole false speranze o la cura miracolosa, un paziente oncologico chiede solo un sorriso, una parola di conforto, un po' di UMANITA'. Abbiamo cambiato centro di riferimento. Mio marito è morto a 46 anni il 12 di agosto in un ambiente SERENO e con la mia mano stretta alla sua. Probabilmente sarebbe comunque andata così, ma ci avete RUBATO un mese di cure, un mese dove abbiamo passato l'inferno, dove è stato lontano dalla sua bambina. Siamo stati più sereni in Hospice sapendo come sarebbe finita che nel reparto di oncologia di Gallarate, quando ancora qualche speranza c'era.... Non faccio nomi né di medici né di infermieri, ma una dottoressa in particolare è proprio mancata di professionalità. Mi auguro che le cose possano migliorare e che non accada a nessuno quello che è successo a noi.

Patologia trattata
Cancro delle vie biliari.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Diritti del paziente terminale

Discorso molto semplice e lineare da capire:
- Ci viene IMPOSTO di portare il paziente in una casa di cura per malattie terminali, CAMELOT GALLARATE, casa di cura NON presente nelle liste di convenzione della REGIONE LOMBARDIA.
- Al rifiuto di questa procedura ed alla necessità di metterci d'accordo, tutti i medici si alterano dicendo che non è possibile fare diversamente
- Contatto l'ASL per chiedere informazioni, mi confermano che la procedura di cure palliative è ad esclusiva scelta del paziente e/o dei parenti più prossimi.
- Richiedo Hospice domestico per malattia terminale
- Occorrono 24h per la presa in carico di un paziente, il dr. Colombo non è al corrente che la procedura di cure palliative domestiche prevede dopo l'accettazione un incontro con il medico palliativo.
- Il giorno dopo il nostro incontro aveva già preparato le dimissioni per il paziente dicendo che SIAMO STATI NOI A NON SCEGLIERE L'HOSPICE IN STRUTTURA.
LA DOMANDA SORGE SPONTANEA: L'AZIENDA OSPEDALIERA S. ANTONIO ABATE DI GALLARATE, HA DEGLI INTERESSI A DIREZIONARE TUTTI I MALATI TERMINALI AL CAMELOT?

Patologia trattata
Cancro colon.


Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Eccezionali

Il reparto di oncologia ed il day hospital sono due reparti seguiti da medici e infermieri preparati, seguono il paziente attentamente e se ne prendono cura in maniera adorabile. Gli infermieri del day hospital sono fantastici, in particolare la capo sala, l'infermiere Luigi, Giusy e tutti quelli che ne fanno parte, oncologi compresi. Diamo fiducia a questo reparto, perché fanno il possibile per portare un sorriso a chi sta molto male. Grazie per le attenzioni che date alla mia mamma Diaferia Carmela.

Patologia trattata
Leiomiosarcoma.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Un'equipe favolosa

Ho avuto occasione di entrare in contatto con il day hospital di oncologia in seguito alla malattia di mio marito.
Ho incontrato personale medico tutto al femminile umanamente fantastico, sempre molto disponibile e competente.
Per il personale infermieristico non ci sono parole... sono semplicemente delle splendide persone, ti accudiscono come se fossi uno di famiglia. Hanno seguito mio marito sino alla fine ed hanno dato supporto anche a me!!
Grazie per tutto quello che avete fatto.

Patologia trattata
Tumore prostatico ed osseo con metastasi diffuse.
Voto medio 
 
3.0
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

INFERMIERI ASSOLUTAMENTE INCOMPETENTI

Sono una paziente sottoposta a chemioterapia da effettuarsi settimanalmente - un giorno a settimana - più farmaco a rilascio graduale tramite "pompetta" da portare sempre addosso.
Nessuno ha spiegato niente sul funzionamento e, dopo una settimana dalle dimissioni, alla successiva seduta si sono accorti che la "pompetta" è rimasta chiusa e la settimana di farmaco è andata persa!!!!!
INFERMIERI ASSOLUTAMENTE INCOMPETENTI!!!!

Patologia trattata
CARCINOMA.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

parente del paziente

Il mio giudizio è riferito al reparto day hospital, presso il quale ho incontrato personale medico tutto al femminile umanamente fantastico, sempre molto disponibili e competenti.
Per il personale infermieristico non ci sono parlole.... sono semplicemente delle splendide persone, ti accudiscono come se fossi uno di famiglia.
Grazie per tutto quello che fate.

Patologia trattata
tumore prostatico con metastasi diffuse.


Altri contenuti interessanti su QSalute