Pronto Soccorso Ospedale Acireale

Pronto Soccorso Ospedale Acireale

 
1.4 (10)
Scrivi Recensione
Il reparto di Pronto Soccorso dell'Ospedale Santa Marta e Santa Venera di Acireale in provincia di Catania, situato in Via Caronia, è sito al piano terra del presidio. Il reparto presta le prime cure urgenti, verifica la necessità del ricovero e provvede ad assicurare un posto letto nella divisione idonea. Nel caso che il ricovero non sia possibile per carenza di posti letto o per necessità di cure in altro istituto, l'Ospedale provvederà al trasferimento in altra sede direttamente. La struttura garantisce inoltre servizio di Osservazione Breve in astanteria e servizio di Neurofisiopatologia, effettuando esame elettroencefalografico a tutti gli assistiti senza limite di età nei seguenti orari: dal Lunedì al Venerdì dalle 8.00 alle 14.00; il Martedì ed il Mercoledì dalle 15.00 alle 18.00.

Recensioni dei pazienti

10 recensioni

5 stelle
 
(0)
4 stelle
 
(0)
3 stelle
 
(0)
 
(6)
 
(4)
Voto medio 
 
1.4
 
1.3  (10)
 
1.1  (10)
 
2.2  (10)
 
1.0  (10)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

UN VERO INCUBO

Io e mia moglie, dopo un incidente, abbiamo avuto la disavventura di essere trasportati in autoambulanza in questo ospedale. Mia moglie con frattura scomposta del polso sinistro, io con sublussazione spalla sinistra. Al pronto soccorso ho scoperto, dopo aver minacciato il responsabile di turno di farlo finire sui mass media (non vi dico la risposta ricevuta) che non avevano gestito l'infortunio, che fra l'altro fu classificato codice VERDE. Abbiamo udito una lite furibonda provenire dall'ingresso del pronto soccorso con intervento dei Carabinieri. Stranamente nessuno ha visto nulla. Dopo ore di attesa, in quelle condizioni, finalmente ci portano a fare le radiografie per confermare ciò che visivamente era evidente. Dopo ulteriore attesa interminabile siamo stati al cospetto di una dottoressa per ricevere la cartella clinica di dimissioni, perché abbiamo chiaramente detto che ci saremmo rivolti alle strutture mediche della nostra residenza.

Patologia trattata
FRATTURA SCOMPOSTA AL POLSO SINISTRO E SUB LUSSAZIONE DELLA SPALLA SX.
Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Distorsione caviglia

Arriviamo con il 118 dopo una rovinosa caduta dalle scale in ufficio ore 13.00. Ci viene assegnato un codice verde e veniamo posteggiati in un angolo in attesa a sentire senza un minimo di privacy tutti gli altri arrivi in p.s.. Dopo tre ore di attesa cominciamo a lamentarci e ci viene comunicato che non funziona la Radiologia e veniamo invitati chiaramente a dimetterci e andare in altro ospedale. Al mio netto rifiuto, trattandosi di possibile causa di servizio, vengo nuovamente posteggiato. Dopo qualche, ora dopo mia protesta, vengo ricevuto dal medico e senza quasi essere visitato mi manda in Radiologia (che raggiungo da solo...). Radiografie, poi nuovamente in attesa e consulto ortopedico; adesso in attesa ore 20.20, semplicemente per avere un referto di uscita...

Patologia trattata
Distorsione caviglia.
Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Pessimo trattamento

All'ingresso mi è stato attribuito un codice verde. Sono rimasta quasi 6 ore in attesa e alla fine sono andata via perchè, a causa della lunghissima attesa, mi è venuto un forte mal di testa e, non avendo dormito la passata notte, avvertivo un senso di forte sofferenza generale. Di tale stato, anche se fatto rilevare ai responsabili, nessuno è venuto almeno per accertarsi. Inoltre, durante l'attesa, nella sala d'aspetto sono venute alcune persone con patologie per le quali è stato attribuito un codice giallo che, secondo il mio modestissimo parere che giustamente è da verificare, in raffronto a quello che mi è stato attribuito, era eccessivo. Ciò ha quindi prolungato la mia attesa fintanto che mi sono sentita nello stato come suddetto ed ho preferito andare via e ho fatto tutte le visite e le radiografie in centri esterni ed a pagamento. Il che mi fa notevole rabbia viste le notevoli tasse che pago.

Patologia trattata
Forti dolori alla caviglia.

Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Insufficienza cardiaca

I medici si impegnano tutti, ma in una assoluta disorganizzazione. Trattengono i pazienti in attesa di ricovero ma non sono in grado di assisterli. Il personale paramedico è fortemente demotivato, cammina a rallentatore. Una vergogna assoluta, dove sono i dirigenti, come si può accettare tutto questo.

Patologia trattata
Insufficienza cardiaca.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

POVERI PAZIENTI

Se ci fosse la possibilità di mettere zero al posto dell'1 per la valutazione, sarebbero tutti degli zeri. Nel mondo civile non esiste che una persona anziana diabetica e con un'infezione in corso con febbre a 40,5, venga lasciata su una barella per tre giorni di seguito distesa senza alcuna terapia attivata, neanche quella per il diabete. Una vergogna, per fortuna noi familiari abbiamo deciso di firmare per portare via mio padre, che nel frattempo nella notte aveva avuto anche un'ischemia coronarica, e solo l'intervento di un familiare di un altro "paziente" che si è messo a gridare per attirare l'attenzione di qualche medico, ha evitato il peggio.
Infermieri della serie "adesso le mando il collega", "adesso cambia il turno", adesso trovo qualsiasi scusa per non fare nulla, esempio: permettere ad un malato di non farsi i bisogni addosso, per non avere neanche il buon cuore di portargli un pappagallo. Comunque ho capito solo una cosa: LA SOLUZIONE MIGLIORE PER UN POSTO COSI' PESSIMO E' LA CHIUSURA TOTALE.
Unica nota positiva "la mensa": il personale è gentilissimo e il cibo ottimo. Peccato che neanche i medici e gli infermieri sappiano dare informazioni ai familiari dei pazienti per usufruire di questo servizio sicuramente comodo.
Altra nota positiva i "volontari", gli unici che davvero aiutano le persone che per sfortuna si trovano li dentro.
SEMPRE PIU' IN BASSO, SEMPRE PIU' IN BASSO.

Patologia trattata
Persona anziana e diabetica entrata con 40,5 di febbre per esiti da infezione.
Voto medio 
 
1.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Zero umanità...

Mia cognata ha dovuto ricoverarsi per fortissimi dolori all'addome. Al di là delle 10 ore di attesa, ciò che mi ha più amareggiato è stata la totale mancanza di umanità di alcune infermiere del reparto.
Non mi è mai capitato soprattutto in un ospedale che, dopo aver gentilmente chiesto un sacchettino per poter vomitare, mi si presentasse davanti il bidone dei rifiuti.. alla faccia dell'igiene, complimenti a queste 2 infermiere! Che dire.. sarà questa la loro concezione di pulizia..

Patologia trattata
Colecistite.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Pronto soccorso, scivolata in casa

07/07/2016 ore 13.30 Mi presento ao pronto soccorso dell'Ospedale di Acireale con caviglia, gamba e piede sinistro, oltre che polso sinistro, gonfi e doloranti in maniera atroce dopo una scivolata in casa. Dopo cinque ore di sala attesa, sono arrivata al reparto radiografie, dove dopo un'altra ora di attesa finalmente sono stata accomodata per le lastre. Rientro al pronto soccorso per attendere il referto, alle 21.00 chiedo notizie delle mie radiografie. Sono stata "gentilmente" apostrofata che non era ancora arrivato il mio turno perchè non ero da pronto soccorso ed addirittura il dottore B. reumatologo mi ha apostrofato "che avrei dovuto ringraziare i colleghi che mi stavano servendo", ripetendomi ancora una volta che non ero da pronto soccorso e che avrei dovuto andare dal mio medico e di conseguenza avrei dovuto andare, a pagamento, dal radiologo. Dopo di lui la dottoressa R. mi ha addirittura apostrofato che avrei potuto anche andare, in quanto il mio piede non aveva niente e non potevano perdere tempo con me, non consegnandomi nessun referto.

Patologia trattata
Trauma domestico.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Benvenuti nel quarto mondo

Arrivo al triage ore 11.00 e ci assegnano un codice verde. In compagnia di altre 20 persone, dopo avere atteso 7 ore, abbiamo rinunciato e ce ne siamo andati da un privato.
Il reparto e' allo sbando, pazienti in attesa con ferite da suturare per ore, bambini con febbre alta in sala di aspetto sui genitori.

Patologia trattata
Magari, non ce l'hanno neanche fatta a visitare.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Negativo!

pessima organizzazione della struttura; nessuna carenza di organico giustifica il trattamento che viene riservato ai pazienti, costretti a lunghe ore di attesa (in occasione della mia recente esperienza, persone in codice verde attendevano da oltre sei ore nonostante l'arrivo di soli 3 codici gialli) ed ai quali non viene prestata alcuna assistenza: soluzioni fisiologiche finite non sostituite, sacche stracolme di urina non sostituite, nessuna vaschetta fornita in caso di vomito... e, soprattutto, completo DISINTERESSE per le esigenze del malato e dei parenti dello stesso.
Purtroppo un benvenuto PESSIMO per un ospedale che, nei reparti, ha, per fortuna, tutt'altra organizzazione.

Patologia trattata
Varie.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Assistenza zero

Per mia fortuna usufruisco poco dei Pronto Soccorso, ma l'esperienza di ieri mi ha scioccato. Spero queste parole arrivino ai Dirigenti e si adoperino a modificare qualcosa. L'infermiere di turno che ho trovato alle 19.30 (un emerito cafone privo di qualsiasi forma di educazione) ha lasciato una persona dalle 16.30 fino alle 21.30, dopo le mie sollecitazioni, con una ferita da punti senza averla minimamente medicata con del disinfettante. La gente è trattata senza considerazione e rispetto, e meno male che erano persone sofferenti! Come potete permettere tutto questo? Fare il medico o l'infermiere è una missione, se questa grandezza d'animo non la possedete cambiate mestiere, perchè aiutare gli altri è la cosa più bella del mondo a prescindere da qualsiasi cifra .Quando parlano male del Sud fanno bene, e il Pronto Soccorso di Acireale purtroppo ne è una dimostrazione.

Patologia trattata
LUSSAZIONE AD UNA SPALLA.


Altri contenuti interessanti su QSalute