Dettagli Recensione

 
Ospedali e case di cura a Cuneo
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
1.0

Riabilitazione

Sono io stessa ricoverata al Robilante da 3 settimane per esiti di frattura del femore causa incidente stradale. Sono stata operata al Santa Croce con inserimento di chiodo retrogrado, ed hanno fatto un lavoro splendido).
Ho 40 anni e per fortuna ho forza e risorse sufficienti per superare questa degenza.. perchè chi non le ha sicuramente troverebbe tutto molto più lungo e difficile. Sono stata spedita qui dal Santa Croce senza troppi complimenti e senza possibilità di scelta, nonostante le miei rimostranze in seguito alla lettura dei commenti precedenti al mio..
Sono stata liquidata con un "no ma i commenti si riferiscono alla gestione precedente, ora è tutto diverso, cambiato, si sta benissimo, sono bravissimi bla bla bla. Al mio arrivo l'accoglienza è stata pressoche impeccabile; ho trovato una Oss e una infermiera molto capaci, professionali, competenti: un caso che fossero entrambe lì? (scoprirò solo dopo che queste sono un gradino sopra lo standard). Comunque mi hanno messa a mio agio, spiegato alcune regole basilari e informata su quali medici mi avrebbero presa in carico.. Medici che si presentano il mattino dopo, non mi visitano, mi prescrivono la terapia.. Dei due, solo uno lo rivedo costantemente perchè passa spesso di camera in camera a chiedere come stiamo; è un medico umano, competente, professionale e anche simpatico.. Invece l'altro mai più visto..
La dottoressa alla quale mi è stato detto di fare riferimento per la mia frattura, MAI VISTA. La prima cosa che ho capito di dover imparare qui, e velocemente, è stato il recuperare totalmente la mia autonomia.. sali e scendi dal letto, sistemati per i pasti, vai in bagno, fatti una doccia, muoviti nella struttura. Questo perchè i primi 3 giorni che ancora non ero in grado, sono stati un inferno, sempre ad aspettare e sperare che arrivasse qualcuno al suono del campanello in tempo reale.. E questo ovviamente non succede quasi mai.. chi non è autosufficiente nei movimenti deve sempre aspettare mezzore per essere coricato dopo pranzo per la pennichella, o alzato al mattino per colazione, o portato in bagno.. Una notte, l'ultima prima della mia ritrovata autonomia, ho dovuto fare pipi nei bicchieri di carta che fortunatamente avevo sul comodino, perché al suono del campanello per la richiesta della padella non è arrivato nessuno per ben un'ora. VERGOGNOSO.
Il personale è per la maggior parte straniero e parla italiano così così.. e soprattutto cambia ogni giorno. Non c'è un team fisso per ogni piano, reparto, blocco che ruota su turni in modo che sappiano bene le ns. esigenze, problematiche, bisogni.. No, tutti i giorni e notti una faccia diversa e questo è molto destabilizzante per le persone anziane lungodegenti che sono la maggioranza. La mia compagna di stanza ha 92 anni, è qui da dicembre e ogni tanto sento ancora lei dire "questa non l'ho mai vista!!".
Confermo ciò che è stato già scritto in commenti precedenti riguardo ai pasti: scadenti, inadeguati, sbilanciati e di pessima qualità. Troppe poche calorie per il sostentamento degli ultra ottantenni, figurarsi per me che sono una giovane donna in forze. Sono sempre stanca, assonnata, svogliata, priva di forze ed energie.
Confermo anche qunto già scritto riguardo la somministrazione dei farmaci: gli infermieri non segnano quelli somministrati al bisogno, quindi se chiedo l'antidolorifico prima del cambio turno e uno subito dopo, ne ottengo 2 molto facilmente.. SCANDALOSO!! Confermo altresì quanto detto sulla pulizia: lascia alquanto a desiderare.
Di tutto questo da me scritto e veritiero per la mia personale esperienza, incolpo però non i singoli individui, che ritengo tutte splendide persone che fanno il loro lavoro con passione, ma i mezzi strumenti e soprattutto le direttive che hanno. Tengo a precisare che le strutture sono sì fatte di singole persone, ma anche di dirigenza.. e per quanto le singole persone mettano passione, impegno e deferenza, se non hanno il tempo, gli strumenti, la giusta retribuzione, nulla mai sarà da 5 stelle. Allora dico io.. è vero che a volte si aspettano ore per essere messi a letto dopo cena, ma una sola OSS per tutto il piano che deve pulire, svestire e coricare 20 persone.. poverina, fa ciò che può.. Qui il problema secondo me parte dall'alto. Sono le persone al vertice che devono mettersi una mano sulla coscienza.
UN DISCORSO A PARTE VA FATTO PER I FISIOTERAPISTI, CHE SONO TUTTI MOLTO PROFESSIONALI, COMPETENTI, CAPACI, UMANI E PREZIOSI. Posso solo dire grazie alla mia se ho raggiunto eccezionali risultati. Purtroppo è vero che le ore di fisio per paziente sono irrisorie.. io sono qui solo ed esclusivamente per quello, per ritornare a camminare sono qui apposta e 2 ore di fisioterapia al giorno sono ridicole.. ma torna il discorso appena fatto sulla dirigenza di questo posto: se i fisioterapisti fossero in numero superiore, o meglio pagati rispetto alle ore che fanno (non so, non ho mai diretto un centro di riabilitazione) forse riuscirebbero a garantire più ore di fisioterapia ad ogni paziente!!!

Patologia trattata
Frattura del femore.

Commenti

 
 
Per Ordine 
 
 
 
 

Altri contenuti interessanti su QSalute