Dettagli Recensione

 
Ospedali e case di cura a Ravenna
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Midollo ancorato occulto - dr. Vanni Veronesi

Vorrei condividere questa esperienza per incoraggiare chi anche solo in parte si potrebbe riconoscere in questa situazione, a non mollare...
Da più di 8 anni sono passata da un ospedale all'altro (abito a Milano) con dolori fortissimi alla testa, alle gambe e alla schiena, dove anche solo lavarsi il viso o allacciarsi le scarpe, ridere, tossire, girare la testa è stato  peggio di una pugnalata; dove alzarsi dal letto, fare le scale, camminare è stato peggio di qualsiasi scalata; tutto questo accompagnato, nei momenti topici, da svenimenti e nausea. In ultimo mi sono state riscontrate  più di 20 lesioni al cervello di natura ischemica. I medici che ho incontrato negli ospedali, ritenuti i migliori in Italia, mi hanno curato sempre con psicofarmaci, antidepressivi e cicli di terapia del dolore cronico, e talvolta morfina, poiché nessuno di questi medici riusciva a decifrare la mia situazione. Perlomeno nessuno aveva voglia di farlo, poiché  spesso mi veniva detto che tutto poteva essere solo ansia stress... o attacchi di panico.
Avevo una diagnosi per malformazioni di Chiari 1 (stessa diagnosi anche per mia sorella, la quale è stata sottoposta alla decompressione della fossa cranica) ma alcuni sintomi non erano  collocabili in quella diagnosi.  Dopo l'ennesimo accesso in PS, con somministrazione di morfina per calmierare il dolore, disperata, inizio a fare ricerche su internet ed arrivo al dottor Veronesi. Con una email, decido di mettermi in contatto con Lui, spiegandogli la mia situazione.
SOLO DOPO 4 ore Lui mi risponde, invitandomi a fare una risonanza prona, in quanto a parer suo potevano esserci  i presupposti per una diagnosi da midollo ancorato occulto.
In meno di 10 giorni prenoto la risonanza con Asl in Veneto e qualche giorno dopo prenoto la visita a Faenza.
Il responso del dottor Veronesi è  stato questo " midollo ancorato occulto".
Dopo una chiacchierata con Lui, in cui mi consigliava anche una visita cardiologica per le lesioni ischemiche, non ho esitato ad acconsentire all'intervento.
Morale: sono uscita da quella visita il 14/5/2019 vedendo una luce, contenta, con un abbraccio  da parte del Dottor Vanni in cui mi diceva "vedrai ce la faremo". Finalmente qualcuno aveva capito!!!!
Il 19 giugno intervento al cuore per chiudere il forame ovale pervio, che causava le lesioni ischemiche, ed il 9/09/2019 resezione del filum terminale a Faenza.
A distanza di un mese i dolori alle gambe e alla schiena non ci sono più,  mentre i mal di testa, seppur non spariti, sono diminuiti in termini di frequenza ed intensità.
Tra 2 mesi avrò  la visita di controllo per vedere come è andata e per capire se necessito anche dell'intervento di decompressione della fossa cranica posteriore.

Un mio sentito  grazie in primis al dottore Vanni Veronesi, un angelo che ha creduto nel mio stare male, alla sua Équipe e, infine, un sentito ringraziamento a tutto il personale del reparto, per l'umanità e la professionalità dimostrate nel periodo di degenza.

Litterio Giovanna
Malformazioni di Chiari 1
Midollo ancorato occulto

Patologia trattata
Midollo ancorato occulto in Malformazione di Chiari 1.

Commenti

 
 
Per Ordine 
 
 
 
 

Altri contenuti interessanti su QSalute