Rianimazione Ospedale Manduria

Rianimazione Ospedale Manduria

 
4.1 (4)
Scrivi Recensione
Il reparto di Anestesia e Rianimazione dell'Ospedale Marianna Giannuzzi di Manduria in provincia di Taranto, situato in Via Mandònion, ha come Direttore il Dott. Rocco Giuseppe Biondi. Il reparto, dotato di 7 posti letto per il ricovero ordinario, eroga prestazioni di supporto anestesiologiocio alle UU.OO del presidio e prestazioni rianimatorie per pazienti critici. Fanno parte dell'equipe dell'unità operativa i dirigenti medici Dott. Pasquale Marangiolo, Dott.ssa Candida Falconi, Dott.ssa Elena Ricchiuti, Dott.ssa Federica Rubano, Dott.ssa Tamara Quaranta, Dott. Gianluca Calzetta, Dott.ssa Irene Trinchera, Dott. Mauro Spennati.

Recensioni dei pazienti

4 recensioni

Voto medio 
 
4.1
Competenza 
 
4.3  (4)
Assistenza 
 
4.0  (4)
Pulizia 
 
4.3  (4)
Servizi 
 
4.0  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ringraziamenti

E' stato determinante per la nostra famiglia aver potuto usufruire del reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Manduria, senza il quale sicuramente il nostro parente non ce l'avrebbe fatta. Medici ed infermieri scrupolosi ed efficienti. GRAZIE! Vista l'efficienza, l'umanita' e la disponibilita' dell'equipe, ci auguriamo che il reparto continui ad essere operativo per salvare altre vite.
Famiglia D'Oria

Patologia trattata
Grave crisi respiratoria e polmonite (coma farmacologico).



Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ringraziamenti in ritardo

Ringrazio anche se in ritardo, un ritardo che conferma che non ci si dimentica chi ti ridà la Vita (forse con l'aiuto che viene da lassù)n. Non dimenticherò mai il Dott. Cacciapaglia e la sua equipe della RIANIMAZIONE, oltre al Dott. Fracasso, dott. Lentini e la Dottoressa Natale e tutti del Reparto CHIRURGIA. L'umanità e la professionalità quando lavorano insieme sono un'arma in più per combattere qualsiasi malattia.
Un Saluto

Patologia trattata
Trasferito dall'ospedale di Martina Franca dopo un intervento al COLON -poi rioperato sempre all'ospedale di Martina per complicanze- arrivo a Manduria per insufficienza respiratoria nel Reparto di Rianimazione, dove vengo seguito e recuperato, non tanto per la diagnosi di trasferimento, ma per le infezioni in corso.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Crisi respiratoria e coma farmacologico

Mia nonna è stata ricoverata presso il reparto di Rianimazione dell’ospedale di Manduria qualche giorno fa: ha avuto una crisi respiratoria e successivamente è entrata in coma farmacologico per un giorno. Mia nonna ha avuto la sfortuna di trascorrere i suoi ultimi giorni di vita terrena in un Reparto privo di ogni senso di umanità, privo di rispetto e abituato ormai alle troppe morti che in Reparto avvengono. Io non metto in discussione il fatto che mia nonna sia volata in cielo, ma ciò che mi fa rabbia è il modo e soprattutto l’accanimento terapeutico che questo personale ha dimostrato nei confronti della paziente, volendo sottoporla ad un intervento tanto INUTILE per alimentarla (Gastrostomia endoscopica percutanea) al punto tale che mia nonna è deceduta nella notte senza che sia stata sottoposta all’intervento per netta opposizione dei figli (i medici dicevano che i figli non erano i tutori della madre e che la paziente, che non era più in grado di intendere e di volere, aveva dato il suo consenso).
Si era solo interessati a due aspetti:
-La dimissione in tempi velocissimi;
-Sottoporla a questo intervento di Gastrostomia endoscopica percutanea.
Per sottoporla a questo intervento si era persino detto che le aspettative di vita di mia nonna erano buone, sebbene il giorno prima era stato detto l’esatto opposto.
Si era molto attenti alle norme igieniche, tanto che dovevamo entrare tutti coperti e successivamente al momento del decesso al posto di trasferire la nonna altrove, hanno fatto entrare una BARA in rianimazione sebbene ci fossero altri pazienti.
Io non so se tutti gli ospedali siano così, ma se mi viene chiesta un’opinione su questo ospedale, non posso che dire che non ho un buon ricordo. RIPOSA IN PACE NONNA.
Margherita.

Patologia trattata
CRISI RESPIRATORIA.

Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Grazie dott. Cacciapaglia

Quando si parla del Sud si spercano molto spesso luoghi comuni ormai conosciuti, quasi sempre negativi, specie per quanto riguarda la sanità.
Mia madre, 88enne, è stata ricoverata presso la struttura ospedaliera manduriese dall'11 al 23 giugno scorso, quando è deceduta per le conseguenze di un carcinoma alle vie biliari, inoperabile.
Nonostante ciò, la dedizione, la professonalità e l'umana empatia che tutti mi medici hanno profuso nei confronti di mia madre, mi ha confortato e commosso al di sopra delle mie aspettative, consentendomi di accettare l'inevitabile epilogo della sua vita con la rassegnazione e la certezza che era stato fatto tutto l'umanamente possibile per salvare la vita di questa madre.
Non ringrazierò mai abbastanza il dottor Massafra, che ha tentato un difficile intervento su una donna così provata, e il dottor Fracasso, che ha voluto spiegarci con grande umanità la situazione disperata della paziente, ma soprattutto sarò sempre grato al dottor Cacciapaglia, che ha accompagnato mia madre alla fine come un "angelo della vita", evitandole lo strazio di sofferenze inutili, tanto che il passaggio finale è avvenuto con una serenità che ha lasciato un sorriso sul volto della mamma, che mi resterà come ultimo consolatorio ricordo di lei.
A questi medici, infermieri e a tutto il personale sanitario, va tutto il mio riconoscimento per aver trattato mia madre come fosse la loro.
Grazie.
Vito Iaia

Patologia trattata
Carcinoma alle vie biliari.


Altri contenuti interessanti su QSalute