Medicina di urgenza Ospedale Foligno

Medicina di urgenza Ospedale Foligno

 
2.0 (1)
Scrivi Recensione
Il reparto di Medicina d'urgenza dell'Ospedale Nuovo San Giovanni Battista di Foligno in provincia di Perugia, situato in Via Massimo Arcamone, ha come Responsabile il Dott. Giuseppe Calabrò. Il reparto ricovera in particolare malati con grave compromissione respiratoria o cardiocircolatoria, occupandosi dell'assistenza al paziente nell’ambito dell’urgenza emergenza, della stabilizzazione e trattamento del paziente acuto e del trattamento in regime di ricovero del paziente critico in OBI e medicina di urgenza. Servizio di pronto soccorso h/24 con tre ambulatori, uno dedicato all’emergenza, contattabile al seguente numero telefonico: 0742/3397130.

Recensioni dei pazienti

1 recensioni

Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0  (1)
Assistenza 
 
1.0  (1)
Pulizia 
 
3.0  (1)
Servizi 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Nessuna assistenza medica

Purtroppo a soli 8 giorni dalla morte di mia moglie, malata terminale di cancro, mi trovo oltre al grande dolore, nella rabbia più profonda in quanto dal lunedì mattina dopo la visita in cui non hanno approfondito le cause del suo malessere, non siamo più riusciti ad avere assistenza medica fino al martedì alle 8.30, alla entrata dei dottori di oncologia, in quanto i malati oncologici non vengono nemmeno considerati dai dottori di medicina )nonostante le mie continue sollecitazioni nel vedere mia moglie di soli 37 anni morire in poche ore..). So che come ripetevano loro era segnata, ma si sono rifiutati di eseguire TAC per vedere a che punto era l'emorragia cerebrale e dal giorno avanti nessuno è andato a visitarla, nemmeno la mattina alle 6.30 quando io le ho dovuto far mettere l'ossigeno, era cianotica alle mani e alle ginocchia, con pressione 80/60 fatta misurare da me dagli infermieri; ed i farmaci per cercare di sorreggerle la pressione le sono stati somministrati alle ore 8.30, all'arrivo del medico di oncologia, quando ormai non aveva più pressione nè saturazione. Concludendo, io penso che l'assistenza debba essere data sempre, anche per allungare poche ore o giorni per tutti e soprattutto per chi, come mia moglie, ha 37 anni.

Patologia trattata
Tumore stomaco: complicanze.


Altri contenuti interessanti su QSalute