Medicina d'Urgenza San Camillo

 
3.2 (10)
Scrivi Recensione
Il reparto di Medicina d'Urgenza - Pronto soccorso - Osservazione breve dell'Ospedale San Camillo di Roma, situato in piazza Carlo Forlanini 1 e facente parte dell'Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini, ha come Direttore il Dott. Emanuele GUGLIELMELLI. Il reparto si occupa dell'inquadramento clinico diagnostico e stabilizzazione del paziente critico, nonchè del paziente che necessità di breve osservazione (OBI) per la definizione del percorso assistenziale. Tra le attività di particolare rilevanza, la cardioversione elettrica della tachiaritmia sopraventricolare e la ventilazione non invasiva. Fa parte dell'equipe medica la Dott.ssa Del Vecchio Lucia Rita (responsabile UOS Medicina d'Urgenza).

Recensioni dei pazienti

10 recensioni

 
(3)
 
(2)
 
(1)
 
(3)
 
(1)
Voto medio 
 
3.2
 
3.7  (10)
 
3.1  (10)
 
3.0  (10)
 
3.0  (10)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Cure per un'anziana

Sono la figlia di una signora anziana che è stata prima al pronto soccorso del San Camillo e poi successivamente trasferita presso Medicina d'urgenza. Volevo ringraziare tutti perché mia madre è arrivata da voi quasi morta e invece l'avete salvata.
Il mio ringraziamento va anche per l'umanità, la competenza ed il mettersi dalla parte di chi ha un paziente ricoverato. Mia madre, nonostante l'età avanzata, è stata trattata e curata come se avesse vent'anni.
Grazie, grazie.

Patologia trattata
Insufficienza renale e grave disidratazione.


Voto medio 
 
3.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
3.0

Personale veramente bravo, grazie!!!

Sono stato ricoverato al Pronto Soccorso della struttura ospedaliera da 27 gennaio al 30 gennaio. Desidero ringraziare il personale medico, infermieristico ed ausiliario per l'alta professionalità con cui operano, in una situazione a dire emergenziale è riduttivo, con degenti con patologie varie, barelle una accanto all'altra, e in alcuni casi per alzarsi si doveva chiamare l'infermiere per creare lo spazio utile per farlo.

Patologia trattata
Lombosciatalgia.
Voto medio 
 
1.3
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
2.0

Pronto soccorso per non essere pronto!

Entri alle 20:15 perché accusi dolore a fianco destro sotto costole (precedente intervento a appendicite in peritonite a inizio mese). Subito prelievo del sangue, dopo di che puoi anche finire al Creatore, perché dopo 4 ore e mezza ti chiamano per gli esiti degli esami del sangue, poi dopo due ore per una ecografia!.. E chissà se tra un anno avrò l'esito dell'ecografia, visto che ancora sto aspettando! Premetto poi che un altro signore, caduto dalla bici e con possibile trauma cranico, stava dalle 9.00 del mattino ed è andato via alle 23.00 passate!
una nota a favore della infermiera all'accoglienza, subito disponibile.

Patologia trattata
Probabile calcolo alla cistifellea e probabile gastrite ipotizzata previa ecografia.


Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Elogio al Pronto Soccorso

Caro Dott. Guglielmelli, il 21.06.2018 sono dovuto ricorrere al pronto soccorso dell’ospedale S. Camillo di Roma per un problema cardiaco che, senza un intervento tempestivo, si sarebbe potuto rivelare grave.
Le scrivo per esprimere pubblicamente la mia più sincera riconoscenza a tutto il personale: medici, infermieri e studenti, uomini e donne, che vi lavorano con una competenza e una umanità straordinarie. Il clima del pronto soccorso è sempre convulso, per motivi evidenti: è un’emergenza continua. Sono stato visitato “subito” e accolto rapidamente nella struttura per le cure adatte a risolvere il mio caso. Pur nella concitazione del va e vieni e dei nuovi arrivi, tutti sono stati sempre pronti e ed efficienti, con me e con tutti; anzi con qualcosa in più della semplice efficienza, pure necessaria: un tratto umano di gentilezza e di condivisione che aiuta i pazienti a sopportare meglio il dolore.
Tutto il reparto è condotto da persone giovani, sorridenti. Non so se è una mia percezione deformata dal “pregiudizio” positivo, ma mi sembravano tutti anche belli, che non guasta.
Conoscevo quel reparto anche per altre “visite” in occasione di parenti ricoverati; ebbene, la mia visita “personale” conferma le impressioni avute altre volte.
Sono entrato alle ore 18,12; sono stato dimesso, dopo la soluzione positiva del mio caso, alle ore 21,29; con una cartella clinica ricca di analisi, e un appuntamento di controllo presso l’ambulatorio dell’ospedale tra 20 giorni. E tutto gratuitamente.
Pubblico questo mio commento perché quel reparto e il suo Direttore meritate un ringraziamento da parte di un cittadino che si è sentito accolto in un ospedale pubblico da persone che svolgono il loro dovere con l’intelligenza e la generosità che il nostro paese merita.
Grazie di cuore.

Patologia trattata
Fibrillazione atriale parossistica.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Letto 3

Medici e staff infermieristico bravissimi.
Il mio calvario è iniziato dopo una meningite, dove ho rischiato la vita.
Allo Spallanzani mi hanno salvato.
A Villa Sandra infermieri e fisioterapisti sono stati bravissimi (non posso dire altrettanto dei medici, che andavano a tentativi).
Poi esco di mia volontà (per fortuna) e mi reco al pronto soccorso del San Camillo con successivo ricovero presso la Medicina d'urgenza. Mi hanno subito fatto un drenaggio toracico per un versamento al polmone sinistro e tolti 3 litri di liquido.
Dopo 10 giorni circa esco e ora sono a casa.

Patologia trattata
Meningite.
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
2.0

Delusa e indignata al pronto soccorso codice verde

8 ore per fare una Tac al cranio! Poteva essere una ischemia, o un ictus, una cosa cerebrale vascolare profonda.. ci sarebbero volute altre 4 ore dopo la TAC per fare una visita neurologica. Io ho aspettato due ore ancora questo neurologo, che non si è visto, così ho firmato per uscire. La dottoressa scostante e non cordiale, non disposta a dare alcuna informazione né ai parenti né ai pazienti. Grande scortesia, è stata una vera delusione.

Patologia trattata
Vertigini, disordine mentale e motorio, crampi alle mani.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Ricovero Pronto soccorso

Ho accompagnato mia moglie al pronto soccorso per sospetta ischemia. Dopo averla accettata in triage, sono passate 4 ore per le prime visite. Durante queste ore sono rimasto nella sala d'attesa dei familiari ed ho riscontrato che più che una sala d'attesa per familiari, è una succursale per vagabondi senza dimora, dal momento che usufruiscono dei servizi igenici, stazionano sulle sedie per mangiare, dormire e sporcare... nell'attesa che i loro telefoni cellulari si ricarichino elettricamente utilizzando una presa di corrente. Tornando alla diagnosi di mia moglie, è stato consigliato il ricovero. Consultandoci, abbiamo accettato il ricovero proposto dal medico. Ci aspettavamo però un ricovero, in una stanza con un letto... invece mia moglie ha passato la notte in barella in un corridoio del pronto soccorso, senza servizi igenici, ancora vestita e con le scarpe. L'indomani ritorno a trovarla e riscontro che tutto i corridoi del P.S. sono pieni di barelle. Qualcuno racconta anche d'essere già al 5° giorno di degenza in quella situazione. Questo è veramente uno scempio di sanità, eppure il contributo sanitario nazionale, l'Irpef, e le relative addizionali ci vengono trattenute, ma i servizi sono veramente scadenti. Il personale si è abituato a questa situazione ed in questo disagio cerca di svolgere il suo lavoro. Non è concepibile che dopo un infortunio con necessità di ricovero, ci si ritrovi in un corridoio con scarsi servizi igenici (nei quali non è nemmeno possibile chiudersi dentro a chiave), privi di finestre per ossigenare l'aria, con degenti che hanno necessità di flebo e ossigeno, perciò con i relativi supporti in mezzo a quello che resta di un corridoio; oltretutto il servizio pasti non è assicurato (ho portato io da casa un pasto a mia moglie); le luci dei corridoi, chiaramente, non vengono mai spente (trattandosi di un seminterrato) e anche il riposo diventa difficile oltre al disturbo sonoro di chi si lamenta, chi degenera in urli, il personale che chiama ad alta voce per le visite.... Questa situazione sembrerebbe comune a parecchie strutture mediche in Italia. Possibile che il Governo, il Ministro della Salute non si attivino affinchè anche il P.S. abbia giuste ed adeguate strutture per i ricoveri? Se parliamo dei Diritti del Malato questi sono palesemente lesi. Farò perciò un esposto presso il Tribunale dei diritti del malato, sperando comunque che non ci siano altre nottate passate in questo reparto di P.S. privo di strutture per degenti.

Patologia trattata
Iposensibilità lato destro del volto; senso di vertigini; riduzione dell'udito orecchio destro.
Visita generale, Tac, visita neurologica - in attesa Ecodoppler, visita otorino.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
1.0

Non è ammissibile!

Non è ammissibile che in una città europea esista un simile pronto soccorso. E' vergognoso, punto.
A parte il mio caso personale - che qui poco rileva - ciò che più conta è vedere gente anziana in gravi condizioni abbandonata a sè stessa per ore e giorni.
Ho visto una signora che era lì da 72 ore, non parlava e non si muoveva più. Per far muovere gli addetti, qualcuno inventava trucchi assurdi.
In ogni caso: vergogna! Sul sito dell'ospedale appare la mail del direttore del pronto soccorso: dal momento che l'organizzazione è pessima, sebbene la competenza sia ottima, mi pare giusto scrivergli delle nostre insoddisfazioni.

Patologia trattata
Aritmia.
Voto medio 
 
1.5
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
1.0
Servizi 
 
2.0

pronto soccorso san camillo

Giovedì, dopo un incidente giocando a calcio, la notte all'una arrivo al pronto soccorso col ginocchio gonfio e dolorante; in triage faccio l'accettazione, chi è di turno mi dice che con l'ortopedico di solito si fa veloce, mi mandano in sala d'aspetto codice verde e ho solo una persona in attesa prima di me. Il tempo passa, il dolore è sempre più forte; passano 3 ore e mezza e nessuno chiama il mio nome; sono le 4:30 di mattina e sono sempre solo io in attesa di essere visitato. Non riesco a camminare, provo dolore stando seduto sulla sedia in corridoio; passa un'infermiera del reparto e le chiedo una barella, o una sedia a rotelle per stare piu' comodo... Mi porta in una sala d'attesa grande circa 30 mq. con una quindicina di pazienti in barella gia' in visita e mi fa mettere su una poltrona. A quel punto chiedo che in quella sala non avrei sentito se mi chiamavano e lei mi rassicura che sarebbero venuti a chiamarmi lì; c'era il monitor che indicava i pazienti in attesa, io lo guardavo ma cominciavo a a perdere frazioni di tempo, mi addormentavo a tratti; le 5:30 e ancora niente; alle 6:40 riapro gli occhi e il mio numero non c'era piu' in attesa sul monitor! Chiedo all'infermiera (un'altra) che era in quella sala e, controllando sul PC, mi dice che mi hanno chiamato alle 5:50 e non ho risposto alla chiamata! Ma come potevo rispondere se non sentivo in quella sala che mi ci hanno messo loro!
Preso da una crisi di nervi sono dovuto tornare in triage e rifare l'accettazione e rifare la fila! non hanno voluto sentire ragioni!

Si fanno le 8:30 e, finalmente, dopo 7 ore e 30 la prima visita e quindi mi mandano a fare la lastra; torno dall'ortopedico e mi dicono che ho una frattura alla spina tibiale mediale e forse ci potrebbero essere lesioni ai legamenti, 30 giorni di gesso poi visita dall'ortopedico e risonanza magnetica.
L'ortopedico mi dice che al posto del gesso posso mettere un tutore, piu' leggero e comodo, ma la USL non lo passa, mi indica una sanitaria vicino all'ospedale e o trovo qualcuno che viene in DEA, prende il modello di tutore, lo compra e me lo riporta, oppure rifiuto il gesso, vado alla sanitaria, lo compro e me lo mettono.
Non ho nessuno in quel momento da mandare a comprare il tutore, mi fanno firmare il rifiuto del gesso, dato che abbiamo optato per il tutore, e mi dimettono, cioè: mi fanno uscire dall'ospedale con una frattura solo col mio ombrello!
Compro il tutore e alla sanitaria non me lo mettono perche' sul referto non c'e' scritto come vada posizionato!
Siamo a venerdì, lo metto da solo e quando arriva domenica il ginocchio e' un pallone, pure il piede gonfio.. Così la mia compagna mi carica in auto e mi porta al Santo Spirito, ove appaiono contrariati per aver cambiato ospedale e quindi devo rifare tutto da capo.. Le lastre fanno male mi dicono, chiedo di rifare il tutto e sapete, dopo aver rifatto due volte le lastre, cosa è risultato?? Non ho nessuna frattura!!! Probabile lesione del legamento crociato anteriore!

Patologia trattata
Distorsione al ginocchio.
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

ringraziamenti al dottor Pititto

Oggi ho ritirato la cartella clinica del decesso di mia madre.
Volevo comunque lodare e ringraziare il Dottor Pititto Andrea per essere stato competente e soprattutto gentilissimo ed umano.
Il 17 Dicembre 2010 mia mamma e' stata ricoverata e nella notte tra il 17 ed il 18 e' deceduta purtroppo. Il medico di turno alla Medicina d'urgenza- Pronto Soccorso del San Camillo era il Dottor Pititto. Io nel momento del decesso ero sconvolta e non in grado di ascoltarlo, ma alcuni giorni dopo mi ha dato diponibilita' in maniera educatissima, ascoltandomi e spiegandomi di mia mamma.
Grazie ancora

Patologia trattata
neoplasia polmonare


Altri contenuti interessanti su QSalute