Radiologia - Golfieri Policlinico Bologna S. Orsola Malpighi

Radiologia - Golfieri Policlinico Bologna S. Orsola Malpighi

 
5.0 (2)
Scrivi Recensione
Reparto
Il reparto di Radiologia dell'Ospedale Policlinico S. Orsola - Malpighi di Bologna, situato in via Massarenti 9, ha come Direttore la Dott.ssa Rita Golfieri e fa parte del Dipartimento Malattie Apparato Digerente e Medicina Interna. Il reparto, oltre alle risonanze magnetiche, svolge esami di Radiologia tradizionale, uro - nefrologica ed andrologica e gastroenterologica, di Tomografia computerizzata, di Radiologia interventistica TC ed ecoguidata ed interventistica in sala angiografica. Equipe medica: Busato, Cappelli, Coppola, Corcioni, Galaverni, Gaudiano, Giampalma, Lucidi, Morabito, Mosconi, Renzulli, Valerio.

Recensioni dei pazienti

2 recensioni

Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0  (2)
Assistenza 
 
5.0  (2)
Pulizia 
 
5.0  (2)
Servizi 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Embolizzazione arterie uterine

Sono stata sottoposta ad embolizzazione il 5/10/2013 presso la radiologia di questo reparto. Sono stati tutti molto gentili, anche se il freddo polare della sala angiografica, a detta dell'infermiera, era solo una mia "sensazione". L'intervento è andato bene e la ripresa è stata abbastanza veloce.
Ho potuto constatare che sussiste una buona collaborazione tra i reparti di ginecologia e di radiologia.

Patologia trattata
Fibromi uterini.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

qualcosa è cambiato

E' passato poco più di un mese da quando sono stata sottoposta ad intervento di arteriografia pelvica, cateterismo superselettivo delle aa. uterine, embolizzazione distale bilateralmente permanente, con esattezza è stato il 18 giugno 2013.
Erano diversi anni che convivevo con la pesantezza del mio utero che, alla soglia di un volume di 13 cm., causa diversi fibromi multipli di 10 cm. complessivi, mi creava non pochi problemi.
Dopo una visita ginecologica con il Dott. de Iaco e discusso sulla soluzione, ho optato per l'embolizzione.
Trovo che, alla base di tutto, sia fondamentale la condivisione fra ginecologia e radiologia e l'intelligenza di entrambi i dirigenti dei reparti.
Non so chi mi abbia operato, se la Dott.ssa Golfieri o un'altra dottoressa (mi farebbe piacere saperlo), ma sono stati tutti gentilissimi: dalla infermiera che mi ha offerto una coperta appena entrata, perché in radiologia è un freddo polare, all'anestesista che mi ha rassicurato sul da farsi.
Ora è ancora presto, ma gli esiti di embolizzazione sono buoni, mi sento bene e soprattutto sento che qualcosa è cambiato e sta cambiando.


Patologia trattata
Embolizzazione arterie uterine.


Altri contenuti interessanti su QSalute