Dettagli Recensione

 
Ospedale San Camillo di Roma
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
3.0

Endocardia trattata come epilessia

Mio padre è arrivato con l'autoambulanza all'ospedale S.Camillo il giorno 25 dicembre 2008 per dei brividi molto forti con febbre e portando con se la cartella clinica dell'ultimo intervento che aveva fatto il 26 agosto 2008 per un'infezione da PM (espianto dalla parte destra e impianto in quella sinistra lasciando i cateteri vecchi del 1997). Arrivato al pronto soccorso e fatta la tac celebrale (risultata negativa) vi è stato un ricovero nel reparto neurologia di circa 5 giorni dove gli sono stati somministrati farmaci per attacchi epilettici. (Premetto che mio padre ha 68 anni e non ha mai avuto nessun tipo di questi attacchi). Dopo questi giorni di ricovero, lo hanno dimesso con il KEPPRA da prendere 2 volte al giorno. Fino a marzo abbiamo continuato così ma aveva ugualmente questi attacchi sempre più frequenti di brividi, febbri fino a 38/39, stanchezza, dolori articolari, sudorazione notturna, mal di testa. La mia dott.ssa di base insisteva nel dirci che, secondo lei non poteva essere epilessia ma un'infezione che, probabilmente, poteva venire dai cateteri del PM vecchio che avevano lasciato. In questo periodo riuscimmo a fare un DH per cercare di capire se la nostra dott.ssa avesse ragione. La prima visita fu proprio da un cardiologo il quale ci disse che per lui era tutto a posto e fece anche un ecocardiogramma. Siamo arrivati fino a fine maggio in condizioni pessime, con mio padre che non nè poteva più. Fino a che abbiamo fatto la vistita dell'infettivologo il quale ci ha immediatamente detto che quasi sicuramente erano i cateteri del vecchio PM. A nostre spese siamo andati da un cardiologo privatamente e ci ha confermato la diagnosi consigliandoci di fare il più presto possibile una ecotrasesofagea (che poi era forse la prima analisi che dovevano farci fare). Dopo averla fatta, è stata confermata una grossa vegetazione ai cateteri con conseguente endocardite (abbiamo perso 3 mesi di tempo forse importanti). Ora è ricoverato al Maroncelli per fare antibiotici che dovrebbero cercare di togliere questa infezione e successivamente operarlo per togliere tutto (cateteri vecchi, nuovi e PM). Ovviamente non ci sentiamo più tranquilli nel fare questa delicatissima operazione in questo Ospedale. Tutto questo cercherò di renderlo pubblico oltre che improntare una battaglia legale, per non far fare la stessa fine ad altre persone. Trovo che la presunzione di molti medici sia la cosa più pericolosa che possa far male ad un paziente.

Patologia trattata
Endocardite da infezione di cateteri Pace Maker trattata come Epilessia.

Commenti

 
 
Per Ordine 
 
 
 
 

Altri contenuti interessanti su QSalute