Ospedale di Este

 
4.6 (9)
Scrivi Recensione

Giudizio dei pazienti

Voto ospedale
 
4.6 (9)
Voto reparti
 
4.6 (58)
Indirizzo
Via San Fermo 10, Este (PD)
L'Ospedale di Este, situato in Via San Fermo 10 ad Este in provincia di Padova, fa parte della Ulss n.17 di Este, che aggrega anche i presidi ospedalieri di Monselice, Conselve e Montagnana. Si tratta di una struttura attualmente destinata alla diagnosi e cura dei malati acuti, con pluralità di funzioni specialistiche tendenzialmente di elezione, in attesa della prevista realizzazione del nuovo Polo Ospedaliero Unico, che sorge su un’area di circa 250.000 mq. a sud ovest della località Cà Oddo di Monselice e ad est della località Schiavonia d’Este.


Recensioni dei pazienti

9 recensioni

 
(8)
4 stelle
 
(0)
3 stelle
 
(0)
 
(1)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
4.6
 
4.6  (9)
 
4.6  (9)
 
4.7  (9)
 
4.7  (9)
Recensioni più utili
Voti (il più alto è il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
11 Febbraio, 2014
Elisa
Voto medio 
 
1.8
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Gravidanza ULSS17

Ho conosciuto il dottore presso l'ULSS 17, essendomi ivi recata per un problema avuto durante l'inizio della gravidanza. L'impressione è stata pessima, sembrava che visitarmi fosse un grosso fastidio per lui, essendo alla 10+6, ma in realtà con il mio ciclo lungo, sono sicuramente più indietro di 2-3 giorni e, con il mio utero retroverso, ha pensato bene che bastasse una eco esterna per vedere se c'erano problemi di sorta, venendo poi a dirmi che il mio piccolino era bradicardico. Premetto che avevo fatto una eco 4-5 giorni prima interna e il piccolino aveva 176 bpm e si muoveva come un ossesso. Avendolo informato di ciò, lui imperterrito ha continuato sulla sua linea spedendomi al consultorio gravidanza a rischio. Tante parole e alla fine poca sostanza. Tramite conoscenze la mattina stessa, a due ore di distanza, mi ha vista un'altra dottoressa dell'Ulss 20 a San Bonifacio... gentilissima, come l'ostetrica che ci ha seguite, mi ha fatto un eco interna e il piccolino saltava alla grande e il battito era forte e chiaro. Non andrò certo a partorire presso un ospedale dove si creano paure alle future mamme, e dove si ha un pressapochismo, solo perchè una donna è all'inizio della sua gravidanza e non viene privatamente al San Fermo dove visita si ha diritto ed essere seguite in maniera eccellente! Sono disgustata anche dall'ostetrica che ha seguito la visita, che non ha detto una parola! Non credo che se un piccolo fagiolino ha un problema così grave, dopo appena due ore possa stare bene, credo invece nella poca professionalità e nella poca voglia di fare il proprio lavoro e nella strumentazione vecchia presente nella struttura!

Patologia trattata
Gravidanza.
Trovi utile questa opinione? 



07 Ottobre, 2013
Marco
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ricovero in pronto soccorso

Volevo veramente complimentarmi con tutti gli operatori del pronto soccorso, dai medici agli infermieri alle unità mobili di pronto intervento.
Recentemente ho dovuto fare ricoverare con urgenza un familiare e, dalla velocità dei soccorsi al comportamento dei medici ed infermieri, è stato uno dei ricoveri "migliori" che abbiamo affrontato.
Soprattutto l'animo propositivo e competente delle persone che ci lavorano, hanno fatto decisamente una ottima impressione.
Grazie!

Patologia trattata
Labirintite.
Trovi utile questa opinione? 
19 Giugno, 2013
Mauro D'Andrea
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
5.0

Urologia - Eccellenza sanitaria

Troppo spesso leggiamo e si parla di malasanità e poco di buona sanità, quindi è giusto e doveroso parlarne quando si riscontrano delle eccellenze. Parlo del Reparto di Urologia dell’Ospedale di Este diretto dal dr. Antonino Calabrò.
Sono stato recentemente dimesso a seguito di un intervento di prostatectomia radicale e sono stato operato personalmente dal Primario. Non mi soffermo sulle Sue indubbie capacità medico - professionali ma voglio evidenziarne le alte doti umane manifestate sin dal primo incontro che, col Suo modo di fare, riesce a trasmettere tranquillità e serenità al paziente come se dovesse fare “una breve vacanza imprevista”.
Non posso inoltre non elogiare tutto il personale medico e paramedico per la professionalità, disponibilità e gentilezza manifestate in ogni dove, sempre mettendo al primo piano la persona e non l’ammalato e cercando sempre di tenere alto il morale di questi. Tra tutti, senza voler far torto a nessuno, una menzione speciale per gli infermieri Loredana, Luca e Valentina, ma dicendo a tutti bravi, bravi, bravi.
Sempre grato e riconoscente
Mauro D’Andrea

Patologia trattata
K prostata (prostatectomia radicale).
Trovi utile questa opinione? 



05 Aprile, 2013
Busetto Giovanni
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Urologia: grazie di cuore Prof. Calabrò

Ho subìto un intervento di prostatectomia radicale il 23/11/12 e ora che mi sono completamente ristabilito sento il dovere di ringraziare il prof. Calabrò e tutta la sua equipe per l’ottimo lavoro svolto e, allo stesso tempo, testimoniare che il tanto vituperato servizio pubblico alle volte funziona e che, quando ciò avviene, può anche avere l’impronta dell’eccellenza, com’è il reparto di urologia dell’Ospedale d’Este, così mirabilmente diretto dal prof. Calabrò: uomo dalle doti umane e professionale davvero eccezionali.
Sin dal primo approccio con il prof. Calabrò la sensazione è stata positiva e rassicurante. Ho percepito immediatamente la differenza di chi svolge la professione per un mero riconoscimento economico e chi come Lui ama profondamente la sua professione.
Ringrazio inoltre i dottori Zin Massimiliano, Piccoletti David, Comuzzi Elvino, Santacatterina Ugo, anche loro molto presenti nella mia permanenza nel reparto.
Un ringraziamento va inoltre al corpo infermieristico per la disponibilità e, in particolar modo, a Stefano, Luca, Rosita e Francesca.

Patologia trattata
Adenocarcinoma della prostata.
Trovi utile questa opinione? 
04 Aprile, 2013
samantha
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Reparto Ortopedia

Mi chiamo Samantha e il 25 marzo ho subito un intervento per spondilolistesi. Desidero ringraziare lo straordinario Dott. Luigi Balla, grande medico e Grande uomo, per la calma e la competenza dimostrate nel mio caso!!! Mi ha saputo tranquillizzare fin dalla prima visita! Grazie anche per il decorso post operatorio, in cui è stato sempre presente e molto umano; è una eccellente Persona!
Grazie anche a tutto il gruppo infermieristico e para-infermieristico! Bravissimi!!!!

Patologia trattata
Spondilolistesi.
Punti di forza
Il bravissimo Dott. Luigi Balla e tutto il reparto ortopedia.
Punti deboli
Nessuno.
Trovi utile questa opinione? 
25 Settembre, 2012
caterina
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Risolto il mio problema: grazie Dottor Calabrò

Mi chiamo Caterina a febbraio 2010 ho subìto il terzo intervento in laparoscopia per endometriosi con isterectomia subtotale e annessiectomia destra.
Ad aprile 2010 eseguo una ecografia pelvica che risulta essere normale e l'urologo che all'epoca mi seguiva diagnostica una sintomatologia di vescica instabile, probabilmente esito dei pluri-interventi. Mi viene prescritta l'assunzione di Toviaz 8 mg. al giorno. Questo farmaco mi crea problemi alla vista e confusione mentale. Continuo i controlli e la cura, fino a novembre 2011 quando eseguo una uroflussometria, dalla quale si evince che in terapia con l'anticolinergico ho un'aumentata sensibilità della vescica.
Nel Gennaio 2011, dopo una ecografia renale e vescicale, mi viene prescritto ancora il Toviaz per altri quattro mesi. Nel Febbraio 2011 mi si manifesta in maniera asintomatica una macroematuria con conseguente ricovero, durante il quale viene eseguita citologia e istologia su una piccola area arrossata, che si dimostrerà essere senza atipie. Sospendo la terapia toviaz. Nel Giugno 2011 studio effettuo uno studio urodinamico che documenta una non iperattività della vescica.
Sintomi di frequenza e urgenza urinaria aumentata persistono negli anni, ma cerco di conviverci fino ad Aprile 2012, quando il problema si riacutizza con violenza. Eseguo ecografia renale e urino cultura che risultano negative. I farmaci anticolinergici non ottengono nessun risultato.
A Giugno 2012 eseguo una visita con il Dott. Calabrò, Primario del reparto urologico dell'ospedale di Este, il quale mi dice che a suo avviso stiamo curando solo i sintomi di qualcosa che ancora non è stato ben definito alla radice. Per questo motivo mi organizza un ricovero in day hospital per rifare una cistoscopia, ma prima vuole eseguire una tac in quanto mai eseguita su di me.
Da questo esame viene a galla il mio vero problema che non era una vescica iperattiva, bensì una calcificazione puntiforme posta nella giunzione vescica-uretrale di destra. Detto in parole semplici: un banale calcolo renale.
In data 29 giugno 2012 vengo ricoverata presso l'ospedale di Este e l'equipe del dottor Calabrò mi asporta il calcolo, che si rivelerà avere una dimensione di 1 cm. Dopo un breve periodo di post degenza il problema di anni è semplicemente scomparso!!
Ricorderò sempre con gratitudine il generoso interessamento, la disponibilità e l'umanità del Dr. Calabrò in un momento così difficile per me.
Per questo motivo mi sento di esprimere un sincero ringraziamento con i sensi di profonda gratitudine e stima per l'attenzione, la preparazione e l'efficacia del lavoro del Dottor Calabrò e del suo staff medico, che hanno consentito la mia guarigione.
Caterina

Patologia trattata
Calcoli renali.
Trovi utile questa opinione? 
19 Giugno, 2011
roberto
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Urologia: grazie Dr. Calabrò e staff

15 anni fa cominciò la mia storia Urologica, ho conosciuto il dottor Calabrò Nino in altro Ospedale dove fui da lui operato, e la sua passione per la professione medica, i suoi consigli e la sua grande umanità mi hanno permesso di vivere.
Da molti anni primario del reparto Urologico di Este, dove con puntigliosità ed altissima qualità del suo lavoro mi ha sempre seguito e curato, e dove ogni anno vado in Este ad eseguire controlli ed analisi sulla mia patologia.
Dottori ineguagliabili e personale infermieristico introvabile, fanno di questo centro un'eccellenza della sanità italiana.
Grazie a Nino Calabrò e a tutto il suo personale di esistere.

Patologia trattata
Tumore uretere
Punti di forza
Qualità della professione medica del reparto di urologia
Punti deboli
nessuno
Trovi utile questa opinione? 
07 Giugno, 2011
lorenzo biason
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

trattamento presso reparto Urologia ospedale este

è il secondo intervento, l'ultimo nel gennaio di quest'anno, che ho subìto nella stessa struttura affidandomi totalmente al Dott. Calabrò. in tutti e due i casi non posso altro che congratularmi con il primario e tutti i suoi collaboratori, sia personale medico che infermieristico e addetti alle varie mansioni, per l'assistenza totale prestata. nel corso della degenza è stato fatto tutto il possibile per tranquillizzarmi e farmi dimenticare che mi trovavo in ospedale. non ho avuto bisogno di chiamare il personale in quanto sono stato sempre prevenuto.
ho avuto l'impressione di essere in una famiglia che si adoperava, tutta, per mettere a proprio agio e infondere tranquillita' al paziente.
provvedero', senz'altro, a pubblicizzare la mia esperienza.
con tanti ringraziamenti e buon proseguimento.

Patologia trattata
intervento resezione endoscopica di prostata
Punti di forza
personale medico e infermieristico
Punti deboli
nessuno
Trovi utile questa opinione? 
15 Aprile, 2011
Bisetto Trevisin Giuseppe
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

pit-stop in Urologia

è stato il primo ricovero ospedaliero in vita mia (ho 55 anni)- praticamente un pit-stop di 2 notti. Non ho termini di paragone, tuttavia desidero ugualmente esprimere il mio più sincero apprezzamento per l'efficienza, la precisione, la disponibilità, la cura, l'organizzazione, la discrezione, la cortesia e la delicatezza, (quest'ultima tutta femminile nel trattare la parte più imbarazzante del corpo maschile) che ha caratterizzato la prestazione alla quale mi sono sottoposto. Tutte le persone avevano sempre un gran daffare, complimenti al primario dott. Calabrò: in sala operatoria c'era un clima cordiale, ma concentrato (mi sembrava di essere nei telefilm televisivi, che peraltro non seguo). Il mangiare, da ospedale ovviamente, ma ben fatto, arrivava talmente caldo che a volte era faticoso... togliere il coperchio; ho mangiato molto volentieri le mele-pere cotte: mia moglie non le fa perchè dice che "fanno tanto da ospedale". Un paziente che veniva dalla Calabria mi ha detto: da noi il cibo parte per 4 persone, ma arriva in reparto per.. 2. Note dolenti? Mi sono dimenticato di chiedere il certificato da consegnare al datore di lavoro (e di conseguenza non mi è stato dato), così ho scoperto (vedi gazzettino di PD del 13/04/11) che c'è una "battaglia" in corso con i medici di "famiglia". La seconda nota riguarda l'informativa privacy: ne ho letta una più "didattica" e fatta meglio scaricandola da internet. Una battuta conclusiva sulla cosa più fastidiosa: la suoneria (a manetta) dei cellulari dei pazienti della stanza; cari familiari dopo le 20 evitate di telefonare, la giornata in ospedale comincia molto presto, praticamente alle 5.00. Este poi è una gran bella cittadina, non rinunciate alla zona pedonale perchè è bellissima.

Patologia trattata
raschiamento prostata
Punti di forza

Trovi utile questa opinione? 

Altri contenuti interessanti su QSalute