Cardiologia Ospedale Ravenna

 
4.6 (13)
Scrivi Recensione
Il reparto di Cardiologia e UTIC dell'Ospedale di Ravenna, situato in viale Randi 5, ha come Direttore Responsabile il Dott. Andrea Rubboli. Il reparto, che consta anche di un ambulatorio e di un Day hospital di cardiologia, esegue le proprie prestazioni in regime di ricovero ordinario programmato o d'urgenza. Fanno parte dell'equipe medica dell'unità operativa i dottori Alessandra Reggi, Alessandro Dal Monte, Anna Chiara Nuzzo, Carlotta Moschini, Carolina Moretti, Corrado Tomasi, Elena Barbaresi, Federica Giannotti, Giuseppe Vecchi, Luca Fileti, Marco Balducelli, Maria Selina Argnani, Matteo Aquilina, Matteo Lisi, Sabine Vecchio, Serena Foffi, Simona Boarin, Stefano Coccolini, Stefano Lorenzetti.

Recensioni dei pazienti

13 recensioni

 
(11)
4 stelle
 
(0)
 
(2)
2 stelle
 
(0)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
4.6
 
5.0  (13)
 
4.3  (13)
 
4.8  (13)
 
4.2  (13)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Ricovero per infarto

Grazie alla determinazione e professionalità, nonché una spiccata umanità da parte della dottoressa Carolina Moretti, in tempi rapidissimi sono stato curato al meglio. Assistenza eccellente sia in terapia intensiva che in reparto.

Patologia trattata
Infarto.


Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

GRAZIE

Ringrazio tutto il personale che la notte tra il 28/29 giugno mi ha assistito, a partire dall'ambulanza, al pronto soccorso, all'U.T.I.C. e per finire alla cardiologia.
GRAZIE.

Patologia trattata
Sindrome coronarica acuta.
Voto medio 
 
3.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
2.0

Coronarografia

Il paziente è mio padre, ma scrivo io perchè lui è in ospedale (adesso a Faenza) e perchè l'oggetto del presente è un disservizio che è ricaduto su di me e mia madre questa mattina. Mio padre, ricoverato a Faenza, è stato portato a Ravenna per un esame alle coronarie. Non è la prima volta, e per quanto era successo le altre due volte, abbiamo ritenuto opportuno venire al reparto nel timore che, date le sue condizioni generali, potesse essere trattenuto a Ravenna con conseguenti problemi logistici per noi familiari. Avevamo insomma le nostre buone ragioni per venire, anche se dalle altre volte si era capito che meno gente gira per il reparto, meglio è (e questo ci può stare..). Arrivati, reparto chiuso, nessuno in giro. Suono al citofono: nessuno risponde. Parcheggio mia madre - di 80 anni e che cammina male - su una sedia e mi aggiro in cerca di informazioni. Passo da una porta aperta senza apparenti divieti; un'infermiera mi intercetta, le spiego che siamo lì per mio padre ecc. Con fare non proprio affabile mi rimanda in fondo al corridoio di ingresso dicendo che avrebbe avvisato lei quelli dell'Emodinamica e che dovevamo aspettare. QUATTRO ORE di attesa: nessuno in vista, ogni ora ho suonato il citofono: una volta mi ha risposto la stessa infermiera, una volta nessuno, la terza un'altra infermiera che "avrebbe chiesto" all'Emodinamica. All'orario di apertura entriamo: incrociamo subito la prima infermiera (che mi è parso di capire sia la caposala, ma potrei sbagliare) che mi riconosce e con fare spiccio ci manda nella saletta di attesa in fondo al reparto. Passa un'altra ora, ogni tanto mi faccio vedere in corsia con fare interrogativo: caposala e infermieri ti sfrecciano davanti senza neanche guardarti. Dopo 5 ore e mezzo non ce la faccio più e mi infilo in una porta: una dottoressa gentile mi invita ad entrare in Emodinamica e chiedere. Mi mandano da un'altra dottoressa ancora più gentile che costernata mi dice che mio padre è stato esaminato più di due ore prima e lei è andata 3- 4 volte nella saletta di attesa a cercarci. Ma noi non c'eravamo, ci avevano tenuto fuori....
Un disguido, certo. Ma - ripeto - è la terza volta che abbiamo a che fare con questo reparto e ogni volta è la stessa storia: per quanta perizia e competenza c'è (tantissima, un'eccellenza in zona) per quanto rarefatte sono empatia e assistenza ai famigliari dei ricoverati. Nessuno ti dice niente e quando chiedi sembra che infastidisci. Io ritengo che l'assistenza dei familiari sia una parte della terapia. A volte basterebbero due parole, una semplice indicazione, per sedare disagi e nervosismi in persone che sono emotivamente coinvolte dalle condizioni dei propri malati. Questa mia filippica non servirà a nulla, ma mi piace pensare che a qualcuno di buona volontà possa dare spunti per migliorare. Ringrazio le due dottoresse che mi hanno ascoltato. Buon Natale.
Roberto Taroni

Patologia trattata
Esame diagnostico: coronarografia.


Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

GRAZIE!

Il 13 luglio il mio cuore ha fatto i capricci, non avrei mai pensato visto l'età e come stavo nei giorni precedenti.
Grazie ad una infermiera del 118, che appena attaccato l'Ecg per un controllo più scrupoloso ha capito la gravità, ha contatto immediatamente il medico, ma non c'era tempo, il mio cuore si fermava e lei con amore mi aiutava a farlo ripartire finchè non rispondevo... Tutto questo mentre l'ambulanza correva, correva...
Arrivo all'ospedale dove mi stavano aspettando in UTIC il medico Dalmonte, grande professionista, e gli infermieri, che con tanta "calma", tranquillità, chiarezza, mi hanno spiegato cosa stava succedendo e cosa sarebbe successo, rendendo partecipe anche il mio compagno e i miei genitori.
Dopo avermi attaccata a vari monitor e terapia, la situazione non migliorava, anzi, ogni tanto andavo a vedere la famosa luce bianca... Nel giro di poco tempo il grande Dalmonte mi ha installato il pace-maker provvisorio con pochissimo dolore e trasmettendo moltissima tranquillità, mentre gli infermiere sempre pronti a dirmi parole rassicuranti e dolci.
Ricoverata in Utic fino al 16, quando mi hanno installato il pacemaker definitivo (dott. Corrado Tomasi), anche lì con professionalità hanno saputo risolvere la situazione alla grande, perchè il mio cuore ora batte alla grande.
Ci vuole tempo, la cosa è fresca.
Finisco la mia esperienza col ricovero in cardiologia: vi ho trovato dottori, infermieri e OSS gentili, disponibili, dolci. Grazie alla dott.ssa Barbaresi che mi ha dimesso con un grandissimo sorriso e rassicurazione spiegandomi bene il mio percorso a casa.
Concludo il poema rivolgendo a tutti UN ENORME GRAZIE.
UTIC CARDIOLOGIA RAVENNA: UMANITA' E GRANDISSIMA PROFESSIONALITA'.

Patologia trattata
Pace-maker.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Assistenza al malato di infarto

Sono stato operato alle coronarie dal dott. Aquilina e da un altro dottore di cui non ricordo il nome. Ottimo il risultato dell'intervento, a parte una piccola infezione curata al reparto infettivi.
Ora ho un problema riguardante la cura assegnatami, ma non riesco a mettermi in contatto con i medici che mi hanno operato.

Patologia trattata
Infarto.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Infarto

Ottimo reparto, vi ho riscontrato professionalità, gentilezza e bravura da parte di tutti, ma gli infermieri sono il top.

Patologia trattata
Stent medicato.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie!!!

Mi sono improvvisamente sentita malissimo a mezzanotte del 2 agosto in vacanza, ero sola... 118 eccezionale, super veloci e efficientissimi. Il mio primo infinito grazie va alle due preziosissime persone che mi hanno soccorso; poi ringrazio di cuore tutto il reparto di terapia intensiva cardiologica per la professionalità, la passione, la disponibilità, la gentilezza dimostrate durante il mio ricovero: sempre sorridenti e incoraggianti, mi hanno veramente aiutata in un momento di grande fragilità e di grande paura.
Anche in reparto sono stata accolta da sorrisi e sono stata trattata sempre con un garbo e una cortesia straordinari.
Quindi un grazie enorme è doveroso ed un applauso fragoroso a tutti Voi. Lo meritate davvero!!!

Patologia trattata
Sintomi infarto.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Efficienza, competenza, puntualità

Sono stata ricoverata dal 16 al 19 in Utic.
Ho potuto constatare che si tratta di un reparto ad elevata efficacia operativa, nonostante il personale infermieristico e medico sia sottoposto ad uno stress continuo dovuto a ricoveri per patologie cardiache importanti, gravi e d'urgenza.
Grande competenza e una grande attenzione alla relazione ed informazione ai familiari.
Certo non è semplice anche per loro vivere in continua prima linea ed emergenza! L'unico neo della nostra sanità è che il paziente viene preso in esame per sezione corporea, e se un problema non è di competenza si viene rinviati al medico di base, che spesso è più spaesato di noi!
Abbiamo bisogno di una sanità che si faccia carico dell'uomo nel suo complesso e non delle sue parti organiche e basta! Ma questo è un tema di politica sanitaria che non riguarda il personale.
Grazie per tutto ai medici del reparto.

Patologia trattata
Episodio pre-sincopatico da ipertensione acuta - accertamenti cardiaci.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

8 dicembre 2014

Sono stata curata fin dal primo momento dal 118 in un clima di attenzione, di cura assoluta, senza temporeggiamenti, esitazioni ed ho compreso la serieta' della mia situazione anche dalle esortazioni all'autista a voce pacata, ma precise: al mio arrivo (eravamo intorno alle 22.00) nessuna esitazione, tanta tantissima attenzione dal cardiologo di turno. Sono stata informata, ma non allarmata. Mi e' stato detto cosa sarebbe successo, ho registrato altre persone che si muovevano intorno a me con gesti rapidi, sicuri e in silenzio. Pochi attimi ed ero pronta per l'equipe in sala operatoria, rassicurata da un sorriso breve, da mani che mi tenevano stretta e da parole di incoraggiamento: non discorsi, ma parole che mi consideravano, RENATA...ero io, non Signora... non ero sola.
E così decorso felice e qualche giorno dopo, in corsia, ho incontrato due di quei giovani angeli che hanno avuto cura di me, e che riconoscendomi hanno detto semplicemente con slancio "sono contento di vederla stare bene...".
A loro va la mia commossa gratitudine, e a tutti coloro che si sono presi CURA di me, cardiologi, infermieri, operatori, la mia felicita' di questo momento.
Renata Senni

Patologia trattata
Infarto.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Soddisfatto

Lunedì notte porto mio figlio 15enne al pronto soccorso per un forte dolore all'altezza dello stomaco. Dopo una prima incomprensione con l'addetta all'accettazione (comunque molto gentile), viene passato da codice verde a giallo e quindi dopo 1 ora entriamo in PRONTO SOCCORSO. Il dr. Lorenzo inizialmente scambia la patologia di mio figlio per una gastrite ma poi, in seguito agli esami del sangue, individua una sofferenza cardiaca; quindi chiede il ricovero in cardiologia ma... il tempo passa. Nel frattempo viene trattato con flebo e lo stesso dr. Lorenzo esegue una ECG, escludendo danni gravi (lo ringrazio per la sua disponibilità). Il personale del pronto soccorso opera senza risparmio e in condizioni non certo da paese considerato all'avanguardia. Ma di questi tempi presumo che i tagli che colpiscono gli ospedali (colpiscono anche i burocrati???) non diano scampo...
Dopo 14 ore di insistenze, finalmente veniamo ricoverati in cardiologia (non c'era posto). L'impatto iniziale è negativo: personale scorbutico. Ma già con il turno notturno incontriamo un'infermiera molto gentile e simpatica. I giorni successivi abbiamo a che fare con altro personale degno di nota. Soprattutto la dr.ssa Ricci Lucchi, che ringrazio (in questi casi si dice di cuore). Grazie a tutti e personalmente, anche se per un figlio nessuno fa mai abbastanza, mi reputo soddisfatto.

Patologia trattata
Miocardite.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ottimo reparto

Vorrei ringraziare tutti, ma proprio tutti del reparto di Cardiologia di Ravenna ed impianti emodinamici per l'assistenza, la professionalità e l'armonia del reparto. Un grazie speciale alla dott.ssa Arniani.

Patologia trattata
Cardiopatia ischemica.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

BRAVI. Dott.ri Parollo, Nuzzo, Aquilina

Reparto molto efficiente con medici molto bravi e personale disponibile e qualificato.
Un ringraziamento particola al DOTT. PAROLLO ROBERTO, medico molto disponibile e di grande qualifica.
Mio padre è stato ricoverato con una patologia molto grave ed è assistito in maniera eccellente ed è attualmente seguito dopo la dimissione dal Dott. Parollo Roberto.
Un ringraziamento anche alla Dott.ssa Anna Chiara Nuzzo e al Dott. Aquilina Matteo per la loro professionalità e cortesia.
Famiglia Vincenzi

Patologia trattata
Coronaropatia.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Massima efficienza, dr. Margheri dr.ssa Vecchio

Mia madre di 72 anni, gia' sofferente di arteriopatia diabetica, è stata colta da malore mentre trascorreva le vacanze nei lidi ravennati. E'stata salvata grazie all'urgente ricovero presso l'efficientissima unita' di terapia intensiva diretta dal dott. Margheri, e dall'esecuzione dell'angioplastica riuscita alla perfezione.
Un sincero grande ringraziamento per l'altissima professionalita' e la pazienza dimostrata dal dott. Massimo Margheri e alla dott.ssa Sabine Vecchio.

Patologia trattata
Cardiopatia ischemica - Angioplastica coronarica.


Altri contenuti interessanti su QSalute