Ginecologia Ospedale Rho

 
4.2 (5)
Scrivi Recensione
Il reparto di Ostetricia e Ginecologia dell'Ospedale "Di Circolo" Monumento ai caduti per la patria di Rho in provincia di Milano, situato in Corso Europa 250, ha come Direttore il Dott. Frigerio Ambrogio. Il reparto è ubicato al secondo piano dell'Ala Nord ed è in convenzione con la Scuola di specializzazione di ostetricia e ginecologia dell’Università di Milano. L'unità operativa si occupa dell'assistenza alla donna in gravidanza ed eroga prestazioni di chirurgia ginecologica. Presso la U.O. si effettua la partoanalgesia.

Recensioni dei pazienti

5 recensioni

Voto medio 
 
4.2
Competenza 
 
4.4  (5)
Assistenza 
 
4.2  (5)
Pulizia 
 
4.2  (5)
Servizi 
 
3.8  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
3.0

Ottima ostetricia e ginecologia

Un grandissimo GRAZIE all’ostetrica Emilia che con infinita pazienza e dolcezza mi ha aiutata a far nascere la mia principessa.
Grazie anche al dottor Carlo Restelli, che è stato dolcissimo, agli anestesisti (parto analgesia) e a tutto il personale in sala parto. Complimenti!!!
Avrò sempre un ricordo meraviglioso.

Patologia trattata
Parto naturale.
Voto medio 
 
4.5
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

Un angelo di ostetrica

Scrivo questa recensione perché molto colpita da quell'angelo di ostetrica di nome Paola, che ha fatto nascere la mia primogenita con una competenza e allo stesso tempo dolcezza da invidia, nonostante le mie condizioni non proprio favorevoli.

Patologia trattata
Parto naturale.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Esperienza indimenticabile

La mia piccola Martina è nata all'ospedale di Rho il 5 dicembre 2017. Dopo due cesarei alla Mangiagalli con esperienze negative, a Rho mi sono trovata benissimo! Il primo cesareo è stato programmato, il secondo anche, ma la sera prima dell'intervento ho iniziato ad avere le contrazioni e arrivata in ospedale (Mangiagalli) mi hanno lasciata travagliare 10 ore perché ad agosto non c'erano medici disponibili a farmi un Tc. Quando il 23 agosto alle 7:30 è arrivata il ginecologo che mi ha operata, la precedente cicatrice si stava aprendo e mi hanno consigliato di non avere più figli. Io ho seguito il mio desiderio di una terza gravidanza 5 anni dopo, e mi sono fatta seguire dalla dottoressa Maifredi, che è stata sempre attentissima e paziente, oltre che professionalmente capacissima e che ha fatto nascere la mia piccolina.
Oltre a lei ho avuto un'ostetrica meravigliosa, Valentina, che mi ha seguita per i nove mesi di gravidanza, durante il cesareo, nei giorni di degenza e anche dopo. L'anestesista è stato di una pazienza e umanità incredibili, come tutto il personale medico ed infermieristico. Io infatti ero molto molto agitata, ma ho avuto conforto da chiunque ho incontrato all'interno dell'ospedale. Anche il personale del nido è stato speciale: premurose, attente e sempre disponibili.
Insomma, esperienza eccezionale che ricorderò sempre col sorriso oltre che per la professionalità, per la grande umanità di tutti quanti.
Un grande ringraziamento a tutti il reparto da parte mia e della mia piccola Martina.

Patologia trattata
Parto cesareo.

Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
2.0
Servizi 
 
3.0

Parto e post parto

Io ho partorito a Rho il 18 aprile e ne parlo solo oggi perché solo ora riesco a parlarne. La mia esperienza a Rho è stata TERRIBILE. Sono stata ricoverata il 17 Aprile a 40+3, alle ore 15.00 mi hanno indotta. Il travaglio non è partito subito ma dopo un po' di ore, era irregolare e non mi dilatavo. Verso sera per me iniziano le contrazioni, lancinanti, un dolore mai provato, ma essendo ancora irregolari per loro, e con dilatazione solo 3 cm., si soffre e si aspetta... Verso le 23.00 rompo le acque, i dolori mi piegano. Alle 5.00 del mattino del 18 chiedo l'epidurale, che mi viene fatta e riesco a riprendere fiato per un paio d'ore, ma il bambino non la tollera, ha un crollo del battito e inizia a soffrire... Dopo altre ore, ossitocina in vena, per due volte mi dilato a 7 cm. verso le 11.00, ma mi dicono di non spingere e di aspettare la dilatazione massima che raggiungo alle 11.30. Iniziano le spinte, che non portano a nulla: la testa del bambino non è ruotata bene per uscire e avendo rotto le acque ore prima sono asciuttissima. Ma io alle 14.45 non riesco più a spingere (a vuoto), quindi altra iniezione di ossitocina e manovra, ma niente... Episiotomia. Niente.. Applicazione di ventosa, niente. Applicazione di ventosa + Manovra (un male straziante) e il bambino nasce alle 15.03. E da lì inizia il mio inferno... Alessandro a due minuti di vita viene intubato e rianimato e trasferito in Mangiagalli per essere ricoverato con quadro di encefalopatia ipossico-ischemica moderata. Io dopo poco sono andata a vederlo prima che venisse portato via e volevo morire: mille fili che collegavano il mio bimbo ad una macchina!! Vado in camera (stanza sporca e tenuta male) e alle 3.00 di notte vado in bagno, sporco senza nè carta nè sapone mani.. Va bè, non riesco a fare pipì.. Primo globo vescicale messo e tolto catetere, la mattina stesso problema, 2 globi vescicali e mi mettono fisso il catetere per 24 ore e da qui sarò trasferita e ricoverata in Mangiagalli anch'io (ovviamente non si è vista nessuna ostetrica che mi ha seguita nel parto a chiedermi come stessi e come stava il mio bimbo). Per un mese e ho avuto ogni 7 giorni tentativi di rimozione del catetere senza risultati. "Vescica da stress" post parto... In totale ho avuto 6 cateterismi per più di un mese. Ancora oggi ho problemi e ho dovuto pagare un sacco di visite con l'urologo ed urinocultura.
Il personale che mi ha seguita non mi ha per niente soddisfatta, su 20 persone che mi hanno seguita se ne salvano 3 (Carpani e due donne di cui non ricordo il nome), le altre non avevano modi, in particolare la Maifredi, che per quanto mi riguarda per fare quel lavoro dovrebbe essere vicino alle donne, rispettarle e aiutarle; invece tutto il contrario!
Le infermiere che girano fuori dalla sala parto tutte gentilissime e disponibili. Il mio bambino che alla nascita si presentava bradicardico, con respirazione assente, atomico, areattivo, areflessico eccetera, passa da una terapia all'altra. Non sto qui ad elencare come io e il mio compagno abbiamo sofferto per un mese!
Ovviamente ho sentito parlare anche bene altre mamme di Rho. Io racconto solo la mia esperienza! Ho fatto domanda per risarcimento malasanità da parto per me e il mio bimbo, che ad oggi sta meglio ma non ancora bene!
Saluti a tutte le mamme..

Patologia trattata
Parto Naturale.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

PRIMO PARTO: ESPERIENZA DA RIPETERE

Primo parto a 38 anni con più dubbi e paure che certezze. Però in Ostetricia- Ginecologia dell'Ospedale di Rho sono stata seguita con umanità e competenza dalle ostetriche della sala parto, con l'attenta ed esperta supervisione del primario, dott. Frigerio (non più Guarnerio). In più ho optato per la parto-analgesia, eseguita con successo da anestesisti cordiali, affettuosi e professionali. L'aspetto "alberghiero" del reparto lascia abbastanza a desiderare. Del resto, per tre notti, non ha avuto troppa importanza. Al prossimo parto, allora (se ci sarà, spero..)!!

Patologia trattata
Partoanalgesia.


Altri contenuti interessanti su QSalute