Neonatologia G. Salesi

 
4.9 (8)
Scrivi Recensione
Il reparto di Neonatologia e Terapia intensiva neonatale dell'Ospedale Pediatrico G. Salesi di Ancona, situato in Via F. Corridoni 11, ha come Direttore responsabile il Prof. Virgilio Paolo Carnielli. Il reparto svolge attività neonatologica intensiva e semi-intensiva, gestisce la patologia neonatale, offre 20 culle per i neonati del Nido. Fanno parte dell'equipe i dirigenti medici Dott.ssa Bellagamba Maria Paola, Dott.ssa Biagetti Chiara, Dott.ssa Bordignon Linda, Dott.ssa Burattini Ilaria, Dott. Ciambra Giovanni Luca, Dott.ssa Compagnoni Luigina, Dott.ssa D'Ascenzo Rita, Dott.ssa Fares Maria Katia, Dott. Flumini Cristiano, Dott. Nobile Stefano, Dott.ssa Perrone Barbara, Dott.ssa Rondina Clementina, Dott.ssa Scutti Grazia, Dott.ssa Sgattoni Claudia, Dott.Ssa Staffolani Francesca.

Recensioni dei pazienti

8 recensioni

 
(7)
 
(1)
3 stelle
 
(0)
2 stelle
 
(0)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
4.9
 
5.0  (8)
 
4.8  (8)
 
4.9  (8)
 
4.8  (8)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Grazie davvero

Il 21 luglio 2015 sono nati con un cesareo d'urgenza i miei due gemelli, dopo una settimana di ricovero da parte mia. Sono nati a 32 settimane, con ovvie conseguenze.
In tutto siamo stati in terapia intensiva neonatale un mese e devo ringraziare davvero di cuore tutto il personale.... come in ogni posto di lavoro c'è chi fa il proprio lavoro con più amore, rispetto ad altri con più attenzione e con più umanità, ma onestamente ho trovato sempre molta disponibilità e devo dire che lavorare in degli spazi così ristretti non è assolutamente facile.
Oggi i nostri bambini stanno bene e hanno recuperato alla grande!
Mi sento di fare solo un appunto, no al personale ma alla struttura Salesi: quello di ricavare maggiore spazio per l'attesa dei genitori, perché quel corridoio con appena due sedie non è assolutamente sufficiente.
Ringrazio in modo particolare un infermiere che si chiama Enrico, perché è stato il primo a farmi prendere in braccio i miei figli e a farmeli cambiare dopo una settimana che erano nati... Quel gesto da parte sua mi ha dato tanta forza per andare avanti in questo lungo mese.
Grazie ancora a tutti.

Patologia trattata
Prematurità, difficoltà respiratorie.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Esperienza in TIN e Neonatologia

Mio figlio è nato di 36 settimane, con un parto cesareo d'urgenza in anestesia totale. Alla nascita ha avuto problemi di respirazione ed è stato subito portato in terapia intensiva neonatale, dove vi è rimasto per una settimana. Successivamente è stato trasferito in neonatologa perche' aveva difficoltà a termoregolarsi e faticava ad alimentarsi con il biberon. I medici ed il personale si sono occupati di lui con tanto amore e infinite premure. Sono stati tutti quanti estremamente disponibili, gentili e molto professionali. Oggi il mio piccolo ha tre mesi e sta bene. Ci tenevo a ringraziare di tutto cuore il personale della Tin e Patologia dell'ospedale Salesi. Siete meravigliosi!

Patologia trattata
Lieve prematurità, distress respiratorio, bronchiolite.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

TIN e patologia

Non finiremo mai di ringraziare i medici della TIN (Terapia Intensiva Neonatale) per aver oggi tra noi la nostra bimba; se non ci fosse stata la loro competenza, unita alla professionalità e all’umanità del personale infermieristico, avremmo dentro di noi un dolore insopportabile ed indelebile.
Fatta questa premessa, assolutamente “INDISPENSABILE”, riteniamo utile qualche nostra riflessione per migliorare un già eccellente, a livello nazionale, reparto di Neonatologia.
Una volta infatti usciti dalla emergenza, ovvero passati dalla TIN alla “Patologia”, conosciuta anche come “lettini”, ci è sembrato di entrare in tutt’altro ospedale.
L’eccellenza della Tin si tramuta, in patologia, in disorganizzazione.
Quelle che andremo ad elencare sono situazioni che possono essere notate da chi, purtroppo, è “passato” dalla TIN; per coloro che arrivano direttamente in Patologia il tutto è molto meno definito, un po’ perché, per loro fortuna, la situazione del bimbo non è grave e un po’ perché la permanenza in reparto non è così lunga (di nuovo “per fortuna” !) da evidenziare alcune lacune organizzative.
Premesso che sia il personale medico sia infermieristico è lo stesso della Tin, va subito notato che i medici di turno in Patologia cambiano ogni 2 giorni (in TIN settimanalmente) e la domenica il medico di riferimento è quello della TIN. E’ evidente che se ci sono emergenze (cosa che purtroppo succede spesso), i bimbi della Patologia passano in secondo piano; inoltre, è chiaro che ogni medico valuta la situazione in modo soggettivo; quante volte per un dottore sono sufficienti alcuni esami e per un altro ne servono invece altri; un sintomo per un medico è normale e per un altro necessita di controlli…
La nostra sensazione è che a differenza della TIN (lo sottolineiamo per l’ultima volta…), le consegne tra un medico e l’altro non vengano fatte, ma il medico “entrante” legge la cartella del bimbo per sapere la situazione; ciò è suffragato dal fatto che durante i colloqui settimanali, soprattutto se appena entrati in servizio, spesso non è in grado di rispondere a precise domande dei genitori.
L’orario di accesso in Patologia è dalle 8 alle 20: spesso siamo stati presenti dalle 9.00 alle 18.00, in alcuni giorni non abbiam saputo quantificare in minuti la presenza del medico in reparto..Per fortuna che gli infermieri sono sempre molto attenti.
I genitori vengono spesso ignorati: quante volte abbiam sentito il nome della nostra bimba e, pur essendo lì a pochi metri, non venivamo coinvolti!
La sensazione di essere “parcheggiati” è molto sentita; non è raro che siano i genitori a “proporre” alcune strade da seguire per il benessere del proprio figlio.
Assolutamente encomiabile il progetto “musicoterapia”, in questo caso il suggerimento è di aumentare giorni e orari soprattutto in Patologia visto che la presenza dei genitori è più massiccia rispetto alla Tin; un plauso quindi alla Fondazione Salesi che, tramite il supporto psicologico (altro assoluto punto di forza del reparto) cerca di alleviare i tanti giorni “no” di noi genitori.
Un particolare ringraziamento al personale infermieristico che, grazie anche alla medesima turnazione della TIN si è sempre dimostrato gentile, disponibile e soprattutto comprensivo nei confronti di noi genitori, che viviamo questa purtroppo indimenticabile esperienza; anche tra loro si percepisce un disagio quando il medico di reparto non è presente come dovrebbe.
Speriamo con queste nostre osservazioni di essere stati utili (se condivise) per un miglioramento futuro, e di aiuto a tutti i genitori che dovranno vivere l’esperienza “Neonatologia”.

Patologia trattata
Prematurità grave.

Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ringraziamento

Oggi 12 Maggio, festa della mamma, guardando il mio unico figlio di 21 anni nato al Salesi (peso 900 grammi), dico per l'ennesima volta: siete stati formidabili.
Grazie al reparto di terapia intensiva neonatale per avermi dato l'immensa gioia di avere questo figlio perfettamente meraviglioso.
Con affetto e stima vi ringrazio.

Patologia trattata
Prematurità grave.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

ringraziamento

VOLEVO COGLIERE L'OCCASIONE PER RINGRAZIARE LE DOTTORESSE CATALANI, FREDDARA, GREGORINI E COMPAGNONI, CHE HANNO RESO POSSIBILE QUESTO TRAGUARDO, 18 ANNI FA. SI, PROPRIO 18 ANNI FA NASCEVA CHIARA ALLA TRENTESIMA SETTIMANA DI GESTAZIONE, CON TUTTE LE CONSEGUENZE DEL CASO. I 4 MESI TRASCORSI QUI HANNO RESO POSSIBILE ARRIVARE A QUESTO TRAGUARDO. OGGI LA PICCOLA GRANDE DONNA E' UNA RAGAZZA ECCEZIONALE, INTELLIGENTE E BRAVISSIMA A SCUOLA! E' VERO QUELLO CHE SI DICE SULL'INTELLIGENZA DEI NATI PREMATURI. ANCORA GRAZIE, VI RICORDIAMO CON AFFETTO E GRATITUDINE. CHIARA VI BACIA E VI ABBRACCIA VIRTUALMENTE, MI DISPIACE NON POTER INSERIRE QUI UNA SUA FOTO NE SARESTE MOLTO FIERE. GRAZIE CON TUTTO IL CUORE, ANCHE PER NON DIMENTICARE CHE VI ABBIAMO RIVISTE NEL 2002, QUANDO E' NATA BENEDETTA E, GRAZIE ALLA DOTTORESSA GREGORINI CHE PASSAVA AL NIDO, SI E' ACCORTA CHE LA PICCOLA FACEVA FATICA A RESPIRARE ED E' STATA VOSTRA OSPITE PER 11 GIORNI. GRAZIE ANCHE PER LEI. SIETE SEMPRE NEI NOSTRI CUORI.
PASSACANTANDO CRISTINA , ANTONINI FRANCO, ANTONINI CHIARA, ANTONINI BENEDETTA.

Patologia trattata
grave prematurità (09/02/1994).
Voto medio 
 
4.3
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
4.0

ringraziamenti

ringrazio tutto lo staff medico anche a distanza di 7 anni, passati i quali non dimentico certo, bensì serbo sempre nel cuore, la casa.. neonatale, che mi ha ospitato alla nascita dei miei due bambini, che grazie a voi oggi sono due splendidi ragazzi.
ringraziamenti anche dalla mamma lucia.

Patologia trattata
prematurità gemellare con tutte le conseguenze.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Ringraziamenti

un anno fa ero li con voi e il mio bambino lorenzo! vi ringrazio tutti per la competenza e la sensibilità avuta nei nostri confronti! la sua prima candelina è arrivata! E sta benissimo anche il suo cuore!
grazieeeee

Patologia trattata
piastrinometria, ittero, infezione non definita.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

la mia storia di madre

personalmente posso solo ringraziare l'azienda ospedaliera Salesi, se non fosse stato per la loro fantastica equipe della terapia intensiva neonatale la mia seconda figlia probabilmente non ci sarebbe. ho avuto due gravidanze, entrambe le mie bambine sono nate fortemente premature, fortunatamente ero nel posto giusto e grazie alla tempestività e professionalità dei medici ora stanno bene e sono sane. non solo io come madre ho trovato molta solidarietà e comprensione da parte di tutti ma, considerando che venivo da un altro ospedale, posso dire che non c'è proprio paragone sotto tutti gli aspetti anche dal punto di vista umano. per farla breve penso che se tutte le persone lavorassero con quella passione, il mondo andrebbe meglio soprattutto quando a farne le spese sono i bambini. spero che la mia dichiarazione serva a tutte quelle madri che hanno gravidanze complicate e che si affidano a gente poco competente sperando che vada tutto bene, non si vive di speranza! affidatevi alle persone giuste e dove ci sono strutture adeguate. per concludere dico che forse i miracoli non esisteranno, ma quando guardo le mie bambine io un pò ci credo!! grazie ancora!!

Patologia trattata
distress respiratorio, ipertensione polmonare, ipotensione arteriosa sistemica, ossigenodipendenza a scalare (max100%), insufficenza respiratoria, ipocalcemia transitoria, piastrinopenia lieve transitoria, necessità di sedazione.


Altri contenuti interessanti su QSalute