Oncologia 1 Istituto Tumori Regina Elena

 
3.7 (11)
Scrivi Recensione
Reparto
Il reparto di Oncologia Medica 1 dell'Istituto Nazionale Tumori Regina Elena di Roma (IRE), situato in Via Elio Chianesi 53, ha come Responsabile il Dott. Prof. Francesco Cognetti (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.). Il reparto svolge attività di trattamento e ricerca nei tumori solidi, in particolare tumori gastrointestinali, polmonari, mammari, ginecologici e melanomi. Si utilizzano sia modulatori dell'attività biologica e farmaci con bersagli biologici specifici sulle diverse neoplasie, che farmaci ad attività antiblastica tradizionali, si adottano di preferenza regimi che abbiano un'efficacia ottimale pur permettendo una qualità di vita accettabile, come i regimi infusionali. Altri campi di interesse includono il trattamento di malattie che richiedono ampia esperienza in oncologia medica, quali il carcinoma del testicolo od altri tumori a cellule germinali extragonadici ed i sarcomi dei tessuti molli. Dirigenti medici: Carlini Paolo, Colella Elvira, Ferretti Gianluigi, Savarese Antonella, Massimo Zeuli, Malaguti Paola, Pellegrini Domenica, Cecere Fabiana Letizia.

Recensioni dei pazienti

11 recensioni

 
(5)
 
(1)
 
(2)
 
(3)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
3.7
 
3.6  (11)
 
3.3  (11)
 
4.4  (11)
 
3.5  (11)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
2.0
Assistenza 
 
2.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
3.0

Osteosarcoma

Non consiglio il Regina Elena per la cura dell'osteosarcoma.
Li ho trovati poco affidabili.

Patologia trattata
Osteosarcoma.


Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Adenocarcinoma polmonare

Ad agosto 2016 sono stata operata al polmone destro dal Prof. Facciolo. E' andato tutto benissimo, un po' lunga la degenza, ma solo per un mio problema.
Quell'11 agosto, giorno in cui sono stata operata, è stata una giornata Interminabile
In reparto, medici e infermieri eccellenti. Massima disponibilità, nulla da dire.

Dopo l'intervento, da protocollo ho fatto radioterapia e chemioterapia (5 anni fa c'era il Dott. Michele Milella), trovando un'equipe medica eccellente ed un DH fatto da persone umane e disponibili.
Quando ho avuto bisogno di qualcosa sono stati tutti disponibili
Per fortuna in 5 anni i controlli sono stati di routine perchè la malattia era ferma, ma proprio da ottobre 2020 abbiamo scoperto per caso che la malattia aveva ripreso a muoversi.
Tac guidata
Biopsia liquida ogni mese
Sempre negativa alla mutazione del gene EGFR.
Crescita di 1 mm. al mese
E ancora una volta il mio caso va in riunione, per decidere cosa fare e che terapia intraprendere.
Spero di arrivarci in tempo...
PS: un elogio anche a medici e infermieri del reparto Terapia del dolore, dove sono stata e dove ancora oggi, se mi occorre, trovo massima disponibilità da parte di tutti.
Un reparto eccellente fatto di medici che si prendono a cuore la sofferenza dei malati.
Grazie di cuore a tutti.

Patologia trattata
Adenocarcinoma polmonare.
Voto medio 
 
2.3
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
1.0

Esperienza negativa

Mia moglie Della Bella Liviana, essendo stata operata per un nodulo al seno nel 2016, ha iniziato una cura chemioterapica che ancor oggi è in corso. In ottobre 2018 si è dovuta sottomettere ad una radioterapia molto incisiva sul cervello (Cyber Knife), in quanto ad agosto, presa da uno shock epilettico/jacksoniano e sottoponendosi presso il pronto soccorso di Palestrina a Tac, venivano riscontrati edemi cerebrali probabilmente secondari al male che la colpiva già dal 2016. Tralasciando su una serie di ritardi, errori, scollegamenti e noncuranze riscontrati, voglio evidenziare quest'ultimo stato in cui ci si trova...: si era comunicato che il controllo tramite risonanza magnetica, per verificare l'esito della cura radioterapica Cyber Knife, sarebbe potuto avvenire non prima di due mesi dall'intervento. Oggi sono trascorsi 4 mesi e nessuno si preoccupa di chiamare per verificare l'esito di un intervento che alla comunità sarà costato non poco.... In estrema sintesi, lamentiamo il disinteresse degli addetti ai lavori, con i quali comunicare ed avere riposte è cosa impossibile. Considerazioni negativissime sia su Oncologia B e sia su Oncologia A, dove a rimetterci è solo il già sfortunato paziente.

Patologia trattata
Tumore mammario ed edemi cerebrali secondari.


Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Chemioterapia e ricovero

Un ringraziamento a tutto il personale del day hospital, tutte carine, gentili, professionali.
Un ringraziamento particolare va alle dottoresse dr.ssa Colella, dr.ssa Nisticò, dr.ssa Pellegrini e al dottor Carlini. Persone con un cuore d'oro.

Patologia trattata
Tumore al pancreas, metastasi epatiche e alla milza.
Voto medio 
 
2.5
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
2.0

Cancro al pancreas

Mio padre è stato in cura per un anno presso l'IFO, seguito per tutto il primo periodo da un medico che non lo ha quasi mai guardato in faccia e che alla fine del protocollo è sparito nel nulla senza neanche informarsi sugli sviluppi della malattia. Il medico in questione non rispondeva neanche ai messaggi e sul suo profilo What's Up destinato ai pazienti ha addirittura scritto: 'Non me le rompete...'.
Con pazienti fragili come quelli oncologici un atteggiamento del genere è inconcepibile. Mio padre è morto, per fortuna a casa sua, aiutato dall'assistenza domiciliare - un altro pianeta per umanità e cortesia, oltretutto anche gratuito. All'IFO non metterò più piede e, per quella che è stata la nostra esperienza personale, ringrazio soltanto alcune infermiere gentili e il dott. Zeuli.

Patologia trattata
Carcinoma pancreatico con metastasi.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
3.0
Servizi 
 
1.0

Insoddisfatta

Dopo avere saputo della mia patologia (tumore alla vulva), non è stato sufficiente dovere ammortizzare il duro colpo, ma ho dovuto anche salvaguardarmi dal chirurgo che, dopo varie insistenze da parte mia per parlare con qualcuno che mi spiegasse qualcosa, il tipo di intervento, le cure da fare (e magari mi sarebbe anche piaciuto vedere la faccia di chi mi avrebbe operata - non credo di avere fatto una richiesta assurda, era tutto nel mio diritto sapere), invece di essere gentile e delicato nel darmi spiegazioni, era scocciato, arrogante e per niente sensibile nel dirmi alcuni dettagli... E dire che hanno a che fare con delle persone, non con dei numeri...
Fortunatamente per me, la mia testa in quel momento ha anche ragionato è così me ne sono andata da questa struttura. Scendete da quel piedistallo, in certi contesti tutti abbiamo bisogno di essere considerati essere umani e non un numero a caso.. Detto questo, mi rivolgo alle donne soprattutto e dico di non fermarsi davanti al primo camice bianco e di pretendere delle spiegazioni, sono dovute, non ci fanno un favore...
Per quanto mi riguarda, sconsiglio questo reparto.

Patologia trattata
Tumore alla vulva.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
3.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Day hospital, tremenda attesa

Ho mia madre in cura per un tumore ed è in terapia presso il day hospital oncologico dove, lasciatemelo dire, è veramente assurdo come tutti -e dico tutti- i pazienti debbano attendere almeno due ore per essere ricevuti dall'oncologo di turno per avere l'ok (dopo avere esaminato le analisi effettuate) della terapia già stabilita precedentemente.
Io capisco chi deve essere visitato la prima volta, oppure deve portare esami particolari tipo TAC o RM, ma chi deve effettuare solo la chemioterapia potrebbe far controllare gli esami ad un oncologo in servizio presso la stanza della terapia ed essere attaccato alle flebo piu' velocemente. Io penso a mia madre che ha 75 anni, ma anche a persone piu' giovani sottoposte a queste cure che hanno difficoltà ad affrontare giornate intere sedute su di una sedia dura e scomoda con tutti i sintomi inerenti alla loro condizione e le cure cui sono sottoposte.
Chiedo, pertanto, che vengano prese in considerazione il rispetto per le persone e le difficoltà che queste patologie producono a questi pazienti.
Grazie per l'attenzione,
Sabrina Pecchioli

Patologia trattata
Carcinoma al retto e polmoni.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie a tutti

Sono la sorella di una paziente affetta da gravi patologie cardiache, sottoposta ad intervento di asportazione carcinoma al seno il 26/7/2014 e ritornata a casa ieri viva ed in forma. Grazie a tutti. L'Istituto Regina Elena di Roma deve essere un vanto per gli italiani, specie in questo grave momento di crisi.
La professionalità (dalla prima all'ultima figura professionale), la cortesia, l'assistenza di tutto il personale dell'Istituto, hanno reso la situazione più tollerante, meno drammatica.
Grazie a tutti, anche allo Sportello Cortesia, che merita in pieno la sua denominazione.

Patologia trattata
Carcinoma seno.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

la sanità in italia

Buona giornata a tutti, la mia è una semplice testimonianza sul reparto oncologico day hospital del Regina Elena. La struttura è valida, il personale è cortese e professionale, i locali sono pulitissimi. Oggi inizio il mio primo ciclo di chemioterapia e sono sicura che tutto andrà bene.

Patologia trattata
Chemioterapia dopo intervento al colon.
Voto medio 
 
2.0
Competenza 
 
1.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
4.0
Servizi 
 
2.0

IFO: esperienza negativa reparto oncologia medica

Ho avuto un'esperienza a dir poco traumatica durante il ricovero presso il reparto di oncologia medica A dell'ospedale Regina Elena IFO sito in via Chianesi a Roma. Gli infermieri sono aggressivi ed arroganti e a causa loro ho subìto serie problematiche di salute che avrei facilmente potuto evitare. I medici inoltre non sono competenti. Praticamente sono entrato li con un problema e ne sono uscito con mille. Sconsiglio la struttura, fatta di disorganizzazione e senza un briciolo di umanità!

Patologia trattata
Carcinoma.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

La macchina che cammina..

Ho scoperto da poco di avere un carcinoma alla mammella... fa paura... ma quando vado all'I.R.E. mi sento ben assistita, vedo competenza, gentilezza e umanità e tutti hanno una parola gentile e un sorriso per me!

Patologia trattata
Carcinoma alla mammella sx.