Oncologia della mammella San Camillo

Oncologia della mammella San Camillo

 
4.4 (6)
Scrivi Recensione
Reparto
Il reparto di Oncologia della mammella dell'Ospedale San Camillo di Roma, situato in piazza Carlo Forlanini 1 e facente parte dell'Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini, ha come Responsabile la Dott.ssa Cora Nanette STERNBERG (ad interim). Il reparto è un'Unità Operativa Semplice U.O.S. che si occupa del carcinoma mammario in tutte le fasi della malattia, eseguendo attività ambulatoriale esterna ed interna all'ospedale e di presa in carico di soggetti con neoplasia ad alto rischio di recidiva per una tempestiva diagnosi e cura. Attività di particolare rilevanza sono: la partecipazione a protocolli sperimentali terapeutici nazionali ed internazionali, la presa in carico di pazienti con neoplasia ad alto rischio di recidiva per una tempestiva diagnosi e cura; la presa in carico di nuclei familiari eleggibili all'analisi genetica per BRCA1 e BRCA2.

Recensioni dei pazienti

6 recensioni

 
(4)
 
(1)
 
(1)
2 stelle
 
(0)
1 stella
 
(0)
Voto medio 
 
4.4
 
4.5  (6)
 
4.2  (6)
 
5.0  (6)
 
4.0  (6)

Filtra per malattia, intervento, sintomo

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Competenza
Assistenza
Pulizia
Servizi
Commenti
Informazioni
Inviando il modulo si dichiara che quanto scritto corrisponde al vero e si assume responsabilita' legale in caso di commenti falsi. L'invio di commenti non veritieri positivi o negativi costituisce reato.
Voto medio 
 
4.0
Competenza 
 
4.0
Assistenza 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
3.0

Considerazioni

Da più di un anno la dott.ssa Parisi è andata in pensione, il reparto ne risente sicuramente. E' venuta a mancare la sensazione di essere accudite, il personale è molto professionale e competente ma nei nuovi dottori manca l'umanità e la tenerezza che la dr.ssa Parisi e la dr.ssa Capristo trasmettevano.

Patologia trattata
Carcinoma.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Dott.ssa Parisi ottima oncologa

Assistenza ottima, la dottoressa Parisi è una persona fantastica in tutto, con devozione e pazienza si fa carico di tutto..
Grazie allo staff.

Patologia trattata
Cancro al seno.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

Grazie dott.ssa Parisi

Gratitudine alla dottoressa Parisi Annamaria, persona altamente umana molto vicina ai malati oncologici. Peccato che lascerà questo suo incarico poichè andrà in pensione: speriamo che il reparto si possa avvalere di un medico oncologo alla sua altezza, con devozione al lavoro costante di tutti i giorni e, soprattutto, con la sua umiltà... Nella disgrazia della mia malattia sono stata fortunata ad essere seguita da lei, che per me per me è un grande medico...
G. Susanna

Patologia trattata
Cancro ulcerato della mammella.

Voto medio 
 
2.8
Competenza 
 
3.0
Assistenza 
 
1.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
2.0

Esperienza molto negativa

La mia esperienza negativa per quanto riguarda l'assistenza in day hospital dentro questo reparto, deriva dalla mancanza di sensibilità umana e dalla superficialità professionale della dottoressa che ha seguito la paziente (mia madre).
Che con il suo cinismo ed il suo lavarsi le mani della situazione aggravata di mia madre, sua paziente da molti anni, ha gettato tutta la mia famiglia in uno sconforto umano profondo.
Penso che chi sceglie di lavorare a contatto con persone malate di cancro, non possa e non debba assolutamente permettersi un tale atteggiamento..
Spero che questa testimonianza possa aiutare altri pazienti a soppesare meglio le loro decisioni.

Patologia trattata
carcinoma al seno.
Voto medio 
 
5.0
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
5.0

valutazione servizio oncologia medica

Ho trovato una struttura ottima sotto ogni aspetto. Bravi i medici, aggiornati e professionali; ottimo anche l'approccio col paziente.

Patologia trattata
carcinoma mammario.
Voto medio 
 
4.8
Competenza 
 
5.0
Assistenza 
 
5.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
4.0

Gratitudine dovuta

Ci si sente al sicuro, tanto che l'ansia non induce a dubitare o a consultare altri centri. E ci si sente "prese in carico" davvero e completamente, con sapienza ma anche con un po' di calore. La solidarietà è palpabile, è il clima dominante. E anche il rispetto per pazienti di ogni tipo, rispetto che connota anche l'atteggiamento delle infermiere: ne ho conosciute di splendide. Personalmente mi è capitato di godere soprattutto (ma non solo) della grande intelligenza umana e professionale della dottoressa Parisi: un vero esempio dei tesori che si annidano nella sanità pubblica.
Si avverte però che sarebbe necessario un potenziamento di personale e di mezzi: l'utenza tra l'altro è molto numerosa. Per esempio, un intervento sistematico di una dietologa, la possibilità di fare gruppi di sostegno, piccole pubblicazioni utili e altre iniziative per pubblicizzare, oltre che il reparto, tutti gli strumenti di "cura di sé" durante la vicenda della malattia sarebbero cose buone e giuste.
Non ho capito se l'intervento di biopsia faccia parte del reparto. Se sì, mi sento di dare un consiglio "energico": molta più attenzione all'eliminazione del dolore, non prendere alla leggera l'effetto traumatico (anche sul piano psicologico) che può scatenare, anche se può apparire sopportabile (al personale sanitario).

Patologia trattata
carcinoma mammario.


Altri contenuti interessanti su QSalute